Click here to load reader

Atti della Giornata di Studio - EN/2013_01_28_La nuova... · PDF filepubblicazione delle revisioni delle UNI/TS 11300-1 e 2:2008. Sempre in ambito nazionale, il CTI sta anticipando

  • View
    213

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Atti della Giornata di Studio - EN/2013_01_28_La nuova... · PDF filepubblicazione delle...

Atti della Giornata di Studio

LA NUOVA NORMATIVA TECNICA EUROPEA SULLE

PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI

Aggiornamento sul programma di lavoro del CEN

Principali novit

Ricadute sulla revisione del quadro legislativo nazionale

Luned 28 Gennaio 2013

UNI - Via Sannio, 2 - Milano

PRESENTAZIONE

Lattivit tecnica relativa alla EPBD (Direttiva sulle Prestazioni

Energetiche degli Edifici) sta riprendendo a pieno ritmo e le

potenziali ricadute di interesse nazionale, sia per lIndustria che

per le amministrazioni pubbliche sono innumerevoli. Nellanno in

corso, infatti, ci sar un particolare intreccio tra la Direttiva 31/10

(EPBD), laggiornamento della normativa tecnica CEN e

laggiornamento della normativa nazionale, sia regolamentare che

tecnica.

In sintesi i fronti di interesse sono i seguenti:

Il CEN TC 371 ha iniziato da mesi un programma di lavoro che

ora coinvolger tutti i TC CEN che hanno prodotto norme EN di

utilit per lapplicazione della EPBD. Lintenzione di

aggiornare tutto il pacchetto di norme esistenti con il preciso

scopo di rendere univoche le modalit di calcolo e di

incanalare le varie scelte nazionali in ambiti pi definiti di

quelli attuali. In questo quadro, ha particolare interesse la

revisione della EN 15603 che, unitamente ad altre norme

tecniche, getter le basi e introdurr le principali innovazioni

per lintero pacchetto. La bozza della revisione disponibile

sul sito del CTI e la versione finale del progetto verr messo in

inchiesta pubblica a breve.

A livello nazionale si sta concludendo la revisione del decreto

legislativo 192/05 che aggiorner lintero quadro di riferimento

nazionale e attuer il pieno recepimento della Direttiva 31/10.

Accanto a questo importante aggiornamento prevista la

pubblicazione delle revisioni delle UNI/TS 11300-1 e 2:2008.

Sempre in ambito nazionale, il CTI sta anticipando i tempi

mettendo a punto una serie di importanti strumenti tecnici di

riferimento. Lesempio pi concreto la nuova

Raccomandazione 14 Determinazione della prestazione

energetica per la classificazione delledificio, la cui inchiesta

CTI terminata ed in fase di pubblicazione.

Le caratteristiche delle diverse tecnologie (soprattutto quelle per

la climatizzazione e la produzione di energia rinnovabile) e le

varie scelte formali (per esempio: la necessit di includere nei

bilanci energetici il raffrescamento estivo o meno), che dovranno

essere discusse e definite, andranno a favore o meno delle diverse

soluzioni gi oggi disponibili sul mercato. Quanto considerato

dalla revisione sar poi da valutare con attenzione

nellaggiornamento della legislazione nazionale, al fine di ottenere

il migliore e necessario allineamento di questultima con il quadro

europeo.

Se vero che quanto sopra si riferisce soprattutto al nuovo e alle

ristrutturazioni rilevanti, ricordiamo che tutto il complesso delle

azioni in corso di stretto interesse anche per il settore non

residenziale e sar la base per muovere i primi passi sullesistente.

Su questi temi il CTI ha voluto stimolare lindustria nazionale,

leader per innumerevoli tecnologie di interesse delledificio, e le

organizzazioni e amministrazioni interessate a sviluppare

iniziative specifiche per la difesa degli interessi nazionali.

ORGANIZZATO DA

Comitato Termotecnico Italiano

Energia e Ambiente

Via Scarlatti 29 - 20124 Milano

Tel. +39 (0)2.266.265.1 - Fax. +39 (0)2.266.265.50

[email protected] - www.cti2000.it

mailto:[email protected]://www.cti2000.it/

Obiettivi della giornata

- Quadro sullo sviluppo della normativa CEN diInteresse della normativa EPBD

- Quadro sullo sviluppo della normativa nazionaledi recepimento della EPBD

- Recenti sviluppi della normativa di competenzapp pCTI

Mondo

Ente Federato UNIfondato nel 1933

Associazione senza scopo di lucro (circa 500 soci)

attivit di ricerca, collaborazione con Ministeri, Regioni, ecc.

SC 1 - Trasmissione del calore e fluidodinamica

SC 2 - Fonti convenzionali di energia e processi di conversione

SC 3 - Generatori di calore e impianti in pressioneItalia

Struttura CTI

Normazione della produzione e utilizzazione di energia termica in generale, incluse le relative implicazioni ambientali e di sicurezza

4

SC 4 - Turbomacchine e macchine volumetriche

SC 5 - Condizionamento dell'aria e refrigerazione

SC 6 - Riscaldamento e ventilazione

SC 7 - Impianti termoelettrici e tecnologie di sicurezza

SC 8 - Misure e strumentazione

SC 9 - Fonti rinnovabili di energia

SC 10 Termoenergetica ambientale

Un sito web (www.cti2000.it) come strumento di lavoro

Giornata di Studio LA NUOVA NORMATIVA TECNICA EUROPEA

SULLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI

La revisione delle norme tecniche CEN di interesse della Direttiva EPBD:

I principali aspetti del programma di lavoro europeo

Laurent Socal (Coordinamento CEN TC 371)

29/01/2013Il programma di lavoro per la revisione delle norme EN a supporto della direttiva EPBD1

Le norme e le leggiLe norme e le leggiLa verifica di un requisito di legge (EPBD) richiede

La definizione di un parametro da verificare La definizione di un metodo di calcolo del parametro da verificare (CEN)La definizione del valore di legge da rispettare (MS)gg p ( )La disponibilit dei dati per effettuare quel calcoloLa disponibilit di tecnici in grado di effettuare quel calcoloLa disponibilit di strumenti di calcolo (software)

conseguenze Senza un metodo di calcolo di un determinato parametro, qualsiasi prescrizione di legge vagaPrima di imporre dei limiti di legge occorre verificare quali siano valori definiti e p gg qpraticamente calcolabiliModificare le norme pu alterare le prescrizioni di leggeLe norme tecniche devono essere a prova di softwareSe si vuole un quadro comune, i metodi devono essere gli stessi in tutta Europa

29/01/2013Il programma di lavoro per la revisione delle norme EN a supporto della direttiva EPBD2

Cosa vuole fare lEPBDCosa vuole fare lEPBDVuole che lefficienza energetica diventi parte del mercato: il consumo energetico per fornire determinati servizi standardizzati deve essere reso noto in modo da poter far parte della formazione del prezzo in caso di cessione onerosa delledificio

Servizi da considerare: Riscaldamento Acqua calda sanitaria Ventilazione

Occorre un metodo di calcolo condiviso della prestazione energetica

standard che comprenda Climatizzazione estiva Illuminazione Trasporto persone

29/01/2013Il programma di lavoro per la revisione delle norme EN a supporto della direttiva EPBD3

standard che comprenda almeno tutti i servizi citati

dalla direttiva EPBD

IL PRIMO MANDATO AL CENIL PRIMO MANDATO AL CENAl momento dellemissione della prima Direttiva EPBD: Esisteva gi una Norma europea solo per ledificio (EN 832-13790) Poche nazioni avevano gi metodi di calcolo per gli impianti di

riscaldamento: D F Iriscaldamento: D, F, I, Italia 10344 + 10348 + 10349 + 10347 + 10389

Decisione iniziale della CEE: Temporaneo: ogni paese pu avere un suo metodo di calcolo

Nella direttiva EPBD si dice solo di cosa deve tenere conto A lungo termine: finanziamento tramite mandato dellattivit CEN per

produrre un pacchetto di norme che copra tutte le necessit di calcolo per l li i d ll di tti EPBDlapplicazione della direttiva EPBD

Mandato 343 nel 2004 --> pacchetto EPBD attuale

29/01/2013Il programma di lavoro per la revisione delle norme EN a supporto della direttiva EPBD4

Il risultato del primo mandatoIl risultato del primo mandatoLe norme europee del primo pacchetto EPBD

sono state prodotte in parallelo e tutte approvate e pubblicate nel 2007-2008Il CEN-TR 15615 (Umbrella document) le elenca e le presenta

Alcune sono solo revisioni di norme preesistenti (involucro edilizio, es. EN 13790)Sono prolisse, vi si mescola contenuto tecnico ed informativo e lasciano molto spazio allintroduzione di parametri nazionali ed alternative fra metodi di calcolo diversiHanno livelli qualitativi, di completezza e variet non omogenei(sviluppate in parallelo da ben 4 TC sulla base di competenze molto diverse)Spesso non definiscono direttamente un metodo di calcolo ma solo criteri che deve soddisfare il metodo di calcolo utilizzatoSpesso non sono state collaudate e non si tenuto conto del contorno

Non ne possibile lapplicazione senza numerose precisazioni e varianti nazionali

Le UNI-TS 11300 sono lapplicazione italiana di questo primo pacchetto di norme, una delle pi vicine in Europa, almeno per la parte involucro ed

impianti di riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria

29/01/2013Il programma di lavoro per la revisione delle norme EN a supporto della direttiva EPBD5

Il secondo mandato (M480)Il secondo mandato (M480)Constatato la persistente divergenza delle norme europee,

il mancato utilizzo diretto delle nuove norme ENanche sulla base delle indicazioni del progetto CENSE,

volendo un quadro comune di valutazione della prestazione energetica in Europa

La Commissione ha emesso un secondo mandato al CEN (M480)

per la revisione delle norme necessarie per applicare la Dire

Search related