Bibliografia Anders

  • View
    17

  • Download
    3

Embed Size (px)

DESCRIPTION

gunther anders

Text of Bibliografia Anders

  • 1

    MATERIALI PER UNA BIBLIOGRAFIA

    ITALIANA DI GNTHER ANDERS

    (1962-2013)

    a cura di Devis Colombo

    Indice

    1. INTRODUZIONE

    2. LETTERATURA PRIMARIA

    3. LETTERATURA SECONDARIA

    3.1 Studi su Gnther Anders

    3.2 Articoli su Gnther Anders

    3.3 Recensioni su opere di Gnther Anders

    3.4 Interviste su Gnther Anders

    3.5 Riferimenti significativi a Gnther Anders

    4. MATERIALE AUDIOVISIVO

  • 2

    1. INTRODUZIONE

    Gnther Anders, pseudonimo di Gnther Stern (Breslavia 1909 Vienna 1992), fu uno dei pi significativi filosofi non accademici del Novecento, ma anche scrittore, critico letterario, poeta e

    pubblicista. Dopo aver conseguito la laurea con Edmund Husserl (1924) divenne allievo di Martin

    Heidegger (1925) e primo marito di Hannah Arendt (1929), con la quale svilupp un fecondo

    confronto intellettuale. Nel 1932 sostitu il nome di famiglia Stern con lo pseudonimo meno ebraico

    di Anders. Affianc la sua ricerca filosofica a un intenso impegno politico diventando co-iniziatore del movimento internazionale antinucleare e giurato del Tribunale contro i crimini americani nella guerra in Vietnam fondato da Bertrand Russell. Il nucleo principale del pensiero di Anders, compiutamente esposto nellopera in due volumi Luomo antiquato (1958, 1980), costituito dalla cosiddetta filosofia della discrepanza: luomo e con esso la sua immaginazione, i suoi sentimenti, il suo senso di responsabilit non pi capace di stare al passo con la velocit di perfezionamento degli apparati tecnici da lui stesso creati, i quali assumono

    costantemente una maggiore autonomia. Cosicch luomo, di fronte alla vorticosa ascesa della tecnica, non soltanto si vergogna dellantiquatezza della natura umana ma proprio per porre fine a tale sentimento dinferiorit desidera poter divenire parte di quella perfetta macchina totale nella quale si trova inglobato, la cui continua espansione minaccia la sua libert e la sua esistenza.

    Per contrastare questa tendenza allabdicazione ontologica messa in atto dalluomo contemporaneo, lumanista Anders sviluppa la sua filosofia doccasione: unibrida modalit speculativa, a met tra la filosofia e la letteratura, che sorge dallosservazione di fatti vicini alla quotidianit il lavoro, la bomba atomica, lo sbarco sulla luna, la televisione per sfociare in una metafisica provocatoria, profonda, stimolante e polemica che lo rendono uno dei pensatori pi originali e radicali del XX

    secolo.

    Anders stato insignito di numerosi riconoscimenti: 1936, Premio Novella dellemigrazione delle Edizioni Querido di Amsterdam per il racconto Der Hungermarsch [La marcia della fame]; 1961,

    Premio letterario Della Resistenza-Citt di Omegna per lopera Essere o non essere. Diario di Hiroshima e Nagasaki; 1967, Premio letterario dellAssociazione dei Critici Tedeschi per lopera Die Schrift an der Wand [La scritta sul muro]; 1978, Premio letterario dellAccademia bavarese delle Belle Arti; 1979, Premio statale austriaco per la pubblicistica culturale; 1980, Premio della Citt di

    Vienna per la pubblicistica; 1983, Premio Theodor W. Adorno della Citt di Francoforte; 1985,

    Premio Andreas Gryphius (rifiutato); 1992, Laurea ad honorem dellUniversit di Vienna (rifiutata); 1992, Premio Sigmund Freud per la prosa scientifica.

    La bibliografia che qui presentiamo, e che per naturali motivi euristici non pu considerarsi esaustiva,

    vuole tuttavia presentarsi come un primo strumento per orientare il lettore italiano a conoscere e

    approfondire la filosofia di Gnther Anders.

    2. LETTERATURA PRIMARIA

    La coscienza al bando. Il carteggio del pilota di Hiroshima Claude Eatherly e di Gnther Anders

    (1961), con unintroduzione di Robert Jungk e la prefazione di Bertrand Russell alledizione inglese, Einaudi, Torino 1962. Successivamente ristampato per Linea dOmbra, Milano 1992.

    Essere o non essere. Diario di Hiroshima e Nagasaki [titolo originale: Der Mann auf der Brcke.

    Tagebuch aus Hiroshima und Nagasaki, C.H. Beck, Monaco 1959], tr. it. di Renato Solmi, con una

    prefazione di Norberto Bobbio, Einaudi, Torino 1961. Questo volume contiene anche Una lettera, la

  • 3

    prima missiva scritta da Gnther Anders a Claude Eatherly e la relativa risposta di questultimo, e il testo Tesi sullera atomica [originariamente comparso su Das Argument-Berliner Hefte fr Politik und Kultur, 17/1960] ripubblicato successivamente anche per le Edizioni del Centro di ricerca per

    la pace, Viterbo 1991.

    Luomo antiquato. I. Considerazioni sullanima nellepoca della seconda rivoluzione industriale (1956), tr. it. di Laura Dallapiccola, Milano, Il saggiatore 1963. Nel 2003 il primo volume stato

    ripubblicato, con unintroduzione di Costantino Preve, presso Bollati Boringhieri, unitamente al secondo volume.

    Siamo tutti figli di Eichmann?, discorso tenuto nel 1961 in occasione del conferimento del Premio

    letterario Della Resistenza-Citt di Omegna, comparso in: Mondo Nuovo, 06.01.1963 e in: Linea dOmbra, 22/1987 col titolo Per una critica del lavoro.

    Uomini senza mondo. Incontro con Gnther Anders [trad. it. di Stefano Velotti di Brecht konnte mich

    nicht riechen. Interview mit Fritz J. Raddatz, Die Zeit, 22.03.1985], Linea dOmbra, 17/1986, pp. 9-17.

    Tesi su Cernobyl [discorso di saluto di Gnther Anders tenuto il 29.05.1986 al sesto congresso

    internazionale di Medici contro la guerra atomica, originariamente pubblicato in: Psychosozial

    Heft, 29/1986, p. 8], Linea dOmbra, tr. it. di Stefano Velotti, IV, 15-16, ottobre 1986.

    George Grosz (1961), Comunit, 188/1986, tr. it. a cura di Pier Paolo Portinaro.

    Il mio ebraismo, tr. it. di Ea Mori, Linea dOmbra, V, 19/1987, pp. 6-13, successivamente in: Alberto Cavaglion (a cura di), Gli aratori del vulcano. Razzismo e antisemitismo, 1933-1993, Linea

    dOmbra Edizioni, Milano 1994, pp. 93-115; e in: AA. VV., Il volto dellaltro. Intellettuali ebrei e cultura europea del Novecento, a cura di Mario Pezzella, Quodlibet, Roma 2011.

    Nichilismo ed Esistenza (1946), presentazione di Roberto Esposito, tr. it. di Enzo Grillo, in:

    MicroMega, 2/1988, pp. 185-209.

    Kafka pro e contro. I documenti del processo (1951), tr. it. a cura di Paola Gnani, Corbo, Ferrara

    1989. Successivamente ripubblicato con la curatela e la postfazione di Barnaba Maj presso le edizioni

    Quodlibet, Macerata 2006.

    Discorso sulle tre guerre mondiali (1964). Hiroshima dappertutto (1982), introduzione e tr. it. di

    Ea Mori, Linea dombra, Milano 1990.

    Gnther Anders, Hannah Arendt, Le elegie duinesi di Rilke (1930), tr. it. di Sante Maletta, Aut aut,

    239-240/1990, pp. 127-144.

    Opinioni di un eretico (1979) [titolo originale: Wenn ich verzweifelt bin, was geht mich an], Mathias

    Greffrath intervista Gnther Anders, introduzione e curatela di Stefano Velotti, tr. it. di Ranieri

    Callori, Theoria, Roma-Napoli 1991.

    Uomo senza mondo. Scritti sullarte e sulla letteratura (1984), introduzione e curatela di Stefano Velotti, tr. it. di Andrs Aranyossy e Pier Paolo Portinaro, Spazio Libri, Ferrara 1991. Fatta eccezione

    per Kafka pro und Kontra. Die Prozessunterlagen gi precedentemente tradotto dalle edizioni Corbo, collana Rithimorum 1, Ferrara 1989, col titolo Kakfa pro e contro. I documenti del processo

    , questo volume contiene i testi originariamente pubblicati in Mensch ohne Welt. Schriften zur Kunst und Literatur, C.H. Beck, Monaco 1984. Si tratta di: Luomo devastato. Dellessere senza mondo e senza lingua in Berliner Alexanderplatz di Dblin (1965), Lultimo romanzo. Istruzioni per il libro di Dblin Migrazione babilonese o la superbia precede la caduta (1935), Bertolt Brecht. Colloqui

  • 4

    e Discorsi (1962), La Vita di Galileo di Bertolt Brecht (1966), Le Storie del Signor Keuner di

    Bertolt Brecht (1979), Sul fotomontaggio. Discorso per linaugurazione dellesposizione di Heartfield a New York (1938), La Morte di Virgilio e la diagnosi della sua malattia (1945/46),

    Georg Grosz, Prefazione allEcce Homo di George Grosz (1966).

    Luomo antiquato. II. Sulla distruzione della vita nellepoca della terza rivoluzione industriale (1980), tr. it. di Maria Adelaide Mori, Bollati Boringhieri, Torino 1992.

    Dovete avere speranza, ma sar la paura a salvarvi, Michael Shornstheiner intervista Gnther

    Anders, LUnit, 20.09.1992.

    Patologia della libert, introduzione di Konrad Paul Liessmann, postfazione di Rosarita Russo,

    Palomar, Bari 1993. Il volume contiene i saggi: La natura dellesistenza. Uninterpretazione della posteriori (1930), tr. it. a cura di Francesco Fistetti, e Patologia della libert. Saggio sulla non-

    identificazione (1936-37), tr. it. a cura di Antonella Stricchiola.

    Noi figli di Eichmann (1964), tr. it. di Antonio G. Saluzzi, Giuntina, Firenze 1995.

    Visita allAde [tr. it. parziale di Besuch im Ade. Auschwitz und Breslavia 1966 (1979) a cura di Vanda Perretta], MicroMega 2/95, pp. 115-125.

    Heidegger esteta dellinazione [titolo originale On the Pseudo-Concreteness of Heideggers Philosophy, 1948], MicroMega, 2/1996, tr. it. di N. Curcio, pp. 185-225. Successivamente

    ripubblicato in: AA. VV., Su Heidegger. Cinque voci ebraiche, introduzione di Franco Volpi,

    Donzelli, Roma 1998, pp. 23-62.

    Stato di necessit e legittima difesa. Violenza s o no: una critica del pacifismo (1987), tr. it. di

    Antonio G. Saluzzi, presentazione di Goffredo Fofi, Casa Cultura della Pace, San Domenico di

    Fiesole 1997.

    Sulla fenomenologia dellascolto, tr. it. di Micaela Latini, con unintroduzione di Elio Matassi, in: La regressione dellascolto. Forma e ma