Cinerama 2.3

  • View
    214

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Un genere di donna Da L'altra Heimat a Vergine giurata passando per Una nuova amica Le recensioni pubblicate sulla rivista FilmTv di tutti i film usciti a marzo 2015

Text of Cinerama 2.3

  • CINERAMA 2.3

    DA LALTRA HEIMAT A VERGINE GIURATA PASSANDO PER UNA NUOVA AMICA. LE RECENSIONI PUBBLICATE SULLA RIVISTA FILMTV

    DI TUTTI I FILM USCITI A MARZO 2015.

    UN GENERE DI DONNA

  • Forse questi occhi non vi dicono nulla. O forse, se non vi siete persi

    neanche un numero di Scanners, potreste anche riconoscerli. Sappiate

    comunque che lei sta arrivando. il personaggio di un film, certo. Che

    presto potrebbe finire sotto i vostri occhi.

    Lost Highway numero 5IL CINEMA DI CHRISTOPHER NOLAN

    Torna la nostra pubblicazione monografica qua-drimestrale, la prima del 2015! Tutto dedicato a Christopher Nolan, uno dei registi contemporanei pi discussi, amati, odiati e analizzati. Pro e contro, spiegazioni, congetture, analisi, impressioni, curio-sit e recensioni esclusive. Una pubblicazione im-perdibile per conoscere a fondo Christopher Nolan e la sua idea di cinema.

    Da questo numero solo in digitale, per tutti, per qualsiasi piattaforma e dispositivo.

    Compralo ora, cliccando qui!

  • LALtrA HeimAt - CronACA di un sogno di Edgar Reitz BekAs di Karzan Kader BLACk or wHite di Mike BinderBLACkHAt di Michael Mann CenerentoLA di Kenneth Branagh CHi senzA CoLpA di Michal R. Roskam CLoro di Lamberto Sanfelice tHe divergent series: insurgent di Robert Schwentke LA FAmigLiA BLier di Eric Lartigau Fino A qui tutto Bene di Roan Johnson FoCus - niente Come semBrA di Glenn Ficarra, John Requa FoxCAtCHer - unA storiA AmeriCAnA di Bennett Miller FrenCH ConneCtion di Cdric Jimenez Ho uCCiso nApoLeone di Giorgia Farina Home - A CAsA di Tim Johnson io sono mAteusz di Maciej Pieprzyca LAtin Lover di Cristina Comencini Lettere di uno sConosCiuto di Zhang Yimou mA CHe BeLLA sorpresA di Alessandro Genovesi n-CApACe di Eleonora Danco nessuno si sALvA dA soLo di Sergio Castellitto

    CINERAMA 2.3INDICE ALFABETICO DELLE RECENSIONI DEI FILM USCITI A MARZO 2015CLICCA SUL TITOLO PER APRIRE LA RECENSIONE

  • unA noBiLe rivoLuzione di Simone Cangelosi unA nuovA AmiCA di Franois Ozon onde roAd di Massimo Ivan FalsettaLA primA voLtA (di miA FigLiA) di Riccardo Rossi tHe seArCH di Michel Hazanavicius senzA LuCio di Mario Sesti smokings di Michele Fornasero LA soLitA CommediA - inFerno di Francesco Mandelli, Fabrizio Biggio, Martino Ferro suite FrAnCese di Saul Dibb superFAst & superFurious di Jason Friedberg, Aaron Seltzer LA terrA dei sAnti di Fernando Muraca LuLtimo Lupo di Jean-Jacques Annaud vergine giurAtA di Laura Bispuri

    CINERAMA 2.3INDICE ALFABETICO DELLE RECENSIONI DEI FILM USCITI A MARZO 2015CLICCA SUL TITOLO PER APRIRE LA RECENSIONE

  • A un anno e mezzo dalla presentazione alla Mostra di Venezia, esce nelle sale italiane Laltra Heimat - Cronaca di un sogno, ultimo tassello della monumentale saga di Edgar Reitz (per dire: quattro film dal 1984 a oggi, pi una raccolta di fram-menti; 33 episodi; 59 ore di durata complessiva). Nel nuovo capitolo, dopo aver raccontato lungo buona parte del Novecento le vicende della famiglia Simon di Schabbach, immaginario paese della Renania, Reitz riavvolge la freccia del tempo e risale fino a met XIX secolo. Laltra Heimat infatti ambientato tra il 1842 e il 1844, nella Prussia occidentale, tra contadini e artigiani in lotta contro la carestia e costretti ad abbandonare la loro patria (heimat) per emigrare in Brasile. Prota-gonista del film Jakob, figlio ventenne di un maniscalco e di una contadina, che al lavoro nei campi preferisce lo studio e sogna unaltra vita nel nuovo continente. Jakob vorrebbe partire e incontrare le popolazioni indigene dellaltro mondo, ma

    LALtrA HeimAt REGIA DI EDGAR REItz

    C

    di Roberto Manassero

    C

  • come un grande eroe romanzesco vede la vita sfuggirgli di mano, senza mai ri-uscire a lasciare la terra natale. Reitz gira con un bianco e nero bellissimo, caldo e pastoso, sottolinea in senso pittorico il fascino di una terra spietata e con il suo ennesimo, fluviale capolavoro insegue in un passato ancestrale, quasi mitologico, quellaltrove immaginario di cui loccidente ha ancora oggi bisogno per sopravvi-vere a se stesso.

    LaLtra Heimat - CronaCa di un sogno REGIA DI EDGAR REItz

    GERmAnIA, FRAncIA 2013 DRAmmAtIco DURAtA:220con mAxImIlIAn SchEIDt, JAn SchnEIDER, mARItA BREUER, WERnER hERzoG, RDIGER KRIESE

    GUARDA IL TRAILERsu Youtube

    COMMENTAsu Filmtv.it

    PROGRAMMAZIONEal cinema dal 31 marzo

    C

  • LAmerica una citt di luci oltre la montagna per Zana e Dana, dieci e sei anni, orfani, poveri e senza casa, in un villaggio del Kurdistan iracheno nei primi anni 90, mentre avanzano le armate di Saddam Hussein. Lhanno intravista spiando da un buco nel soffitto di un cinema, e cos hanno conosciuto Superman, leroe invincibile e immortale che tutto pu, perfino riportare in vita i morti e uccidere tutti i cattivi. Lidea raggranellare 14 mila dinari a forza di lustrar scarpe, oppure raggiungerla a dorso di un mulo chiamato Michael Jackson, o ancora aggrapparsi a un camion in corsa o accucciarsi dentro un sacco nel bagagliaio di unauto. Bekas, opera se-conda e dispirazione autobiografica di Karzan Kader (kurdo emigrato in Svezia da bambino), cerca di guardare il mondo con occhi infantili: lo vede ovviamente semplice e definito, illuminato di luce dorata e pi esotico che realistico. Lequilibrio rischioso tra fiaba e impegno ogni tanto si perde, scivola tra battute davvero troppo

    BEKASREGIA DI KARzAn KADER

    C

    di Alice Cucchetti

    C

  • didascaliche (Zana, sei troppo giovane per lamore!) e derive eccessivamente stucchevoli, si incastra in una struttura ripetitiva, mentre i ragazzini (logorroico tornado di disastri il piccolo, silenzioso e malinconico il pi grande) scampano mi-racolosamente a una disavventura dopo laltra, con lincoscienza e limprobabile fortuna dei supereroi. Si chiude come una favola della buonanotte, e il dubbio che sotto ci sia ben poco di pi.

    BEKAS REGIA DI KARzAn KADER

    SvEzIA, FInlAnDIA, IRAq 2012 DRAmmAtIco DURAtA: 92con zAmAnD tAhA, SARwAR FAzIl, DIyA mARIwAn, SUlImAn KARIm mohAmAD, RAhIm hUSSEn

    GUARDA IL TRAILERsu YouTube

    COMMENTAsu FilmTv.it

    PROGRAMMAZIONEal cinema dal 19 marzo

    C

  • Era atteso al varco Mark Binder, autore dellacclamato Reign Over Me con Adam Sandler, anche sceneggiatore e produttore (insieme al protagonista Kevin Cost-ner) di questo Black or White. Dramma con buoni sentimenti ambientato nella Los Angeles degli screzi (se non proprio conflitti) razziali. Lavvocato benestante Costner ha una nipotina che la figlia, morta in un incidente, ebbe giovanissima da un ragazzo afroamericano dal travagliato passato e dal difficile presente. Una volta diventato vedovo cerca di averne laffido assoluto, ma la caparbia nonna pa-terna della bambina, Octavia Spencer, non ci sta, e la contesa assume connotati politico-razziali. Del tipo: il nonno bianco e ricco contro la nonna povera e nera. Schematismi qua e l, un finale non del tutto scontato, ma anche, va detto, un rispetto quasi religioso del politicamente corretto a uso e consumo di Hollywood, per cui sono comunque tutti pi o meno bravi & buoni, anche se si tenta di dare

    BLACK OR WHITEREGIA DI MIKE BINDER

    C

    di Mauro Gervasini

    C

  • unimmagine pi critica al personaggio di Costner, schiavo dellalcol. Binder sce-glie di essere neutrale rispetto alla materia, ed un errore perch cos il film non si impenna mai, perdendo gradualmente interesse man mano che si approfon-disce la querelle giudiziaria tra i nonni. Che sono molto bravi: Costner azzecca un buon ruolo dopo troppe prove insipide, e Spencer gli tiene testa con grinta.

    C

    BLACK OR WHITEREGIA DI MIKE BINDER

    USA 2014 DRAMMATICO DURATA: 121CON KEVIN COSTNER, OCTAVIA SPENCER, ANTHONY MACKIE, JILLIAN ESTELL

    GUARDA IL TRAILERsu YouTube

    COMMENTAsu FilmTv.it

    PROGRAMMAZIONEal cinema dal 4 marzo

  • Blackhat, in gergo hacker cattivo. Quelli capaci di insinuarsi nei sistemi operativi per manomettere, fare danni, spiare, rubare... Per cose cos Nick Hathaway (Chris Hemsworth) in galera. Ma a Hong Kong qualcuno di veramente bravo produce un virus informatico che danneggia il sistema di raffreddamento di una centrale nucleare. E a Chicago, probabilmente lo stesso blackhat crea una speculazione online facendo lievitare i prezzi della soia sul mercato internazionale. Decine di milioni di dollari che si spostano da qui a l. Una task force mista, statunitensi e cinesi, d la caccia al colpevole, ma Nick il solo che pu risolvere la questione. Quindi lo liberano, e lui, con gli altri, si mette in caccia. Ovviamente la vicenda pi complessa di cos. A sei anni da Nemico pubblico - Public Enemies, Michael Mann torna al grande schermo scrivendo, producendo e dirigendo un thriller in-formatico che pare mescolare Strade violente e Miami Vice. Ma nel suo mondo

    BLACKHATREGIA DI MICHAEL MANN

    C

    di Mauro Gervasini

    C

  • difficile trovare riferimenti, si riparte sempre da zero, pur rispettando limpianto umanistico di fondo e una certa idea di cinema dautore in cui si spara che tiene lontani sia gli intellettuali (perch si spara) sia gli amanti dei film dazione (perch qui siamo a livelli che forse solo Bergman). Il risultato noto: clamoroso flop in patria e un futuro pregiudicato. I migliori registi americani viventi, secondo me, sono due. Uno, Michael Cimino, gi inattivo da anni e deve pure subire lonta di vedersi rimontare I cancelli del cielo (!!!) dal primo che passa. Laltro, Michael Mann, rischia di fare la stessa fine. Ma Blackhat qui, in tutta la sua magnifi-cenza. In un universo virtuale pervaso da fantasmi (ad esempio quello dell11 settembre), paura e amore sono concreti, allora gli uomini e le donne di Mann li affrontano vivendo cartesianamen