Convenzioni Ambientali Globali 041208

  • View
    877

  • Download
    1

Embed Size (px)

DESCRIPTION

analysis of the climate, biodiversity, and desertification convention

Text of Convenzioni Ambientali Globali 041208

  • 1. Movimenti planetari, c.m., radiazioni, maree Composizione chimica dellatmosfera Reazioni fotochimiche Ozono stratosferico Ciclo geologico e biologico del carbonio Altri cicli biogeochimici Clima Oceano e mari, interfaccia mare-atmosfera (El Nio, ecc.) Ciclo dellacqua Siccit e desertificazione Struttura geodinamica, fenomeni estremi Diversit biologica Homo sapiens (e specie domesticate, commensali e parassitiche)

2. Dichiarazione di Rio sullAmbiente e lo SviluppoDefinisce in 27 punti diritti e responsabilit delle nazioninei riguardi dello sviluppo sostenibile. Agenda 21Una sorta di blueprint: In applicazione della Dichiarazionedi Rio, pone lo sviluppo sostenibile come una prospettivada perseguire per tutti i popoli e ne descrive in dettaglio idiversi obiettivi. Dichiarazione dei Principi sulle Foreste (convenzionemancata)Sancisce il diritto degli stati ad utilizzare le forestesecondo le proprie necessit senza ledere i principi diconservazione e sviluppo delle stesse. 3. Protocollo di Montreal sullozono (1987 - 1989) Altri strumenti sullinquinamento atmosfericotransfrontaliero (1979) Processo FAO sulle risorse genetiche (1995) Convenzioni sulla protezione delle specie, deglihabitat e della natura Convenzioni sul mare (1958) Convenzione UNEP di Barcellona (1976 -1978 -1995) UNEP UNESCO WHO Convenzioni per il controllo NCB ecc. 4. At the start of the millennium, the UN set a clear, measurableobjective for biodiversity conservation. The target agreed on bythe parties to the CBD in 2002 set 2010 as the year by which asignificant reduction in the rate of biodiversity loss should beachieved globally. Unfortunately, this target appears unlikely tobe met. The Kyoto Protocol of the FCCC is an international and legallybinding agreement to reduce greenhouse gas emissionsworldwide, entered into force on 16 February 2005, but isencountering difficulties in its implementation. The CCD strategy aims at rallying a global coalition andexpresses a call for delivering benefits for people and ecosystemsthrough the protection of land and soil to adapt to climatechange, reduce the causes of conflicts and alleviate the impact ofnatural disasters. Its implementation is affected by insufficientfunding and difficulties in cooperation and local governance. 5. Concentrazione monotematica sui protocolli (Kyoto, Cartagena) Eccesso verso il tentativo di normativa (assenza di enforcement) Scarsa incentivazione delle azioni volontarie Disaccordo sulla propriet intellettuale Scarso coordinamento nonostante limpianto similare Scarsa attenzione alla CBD rispetto alla FCCC Mancato raggiungimento degli obiettivi Separatezza tra conservazione ed uso sostenibile Consenso internazionale, problemi di finanziamento Burocrazia onusiana Difficolt delladvocacy 6. The ecosystem approach is a strategy for the integrated management of land, water and living resources that promotes conservation andsustainable use in an equitable way. It is based on the application of appropriatescientific methodologies focused on levels ofbiological (and human) organization which encompass the essential processes, functions and interactions among organisms and their environment. It recognizes that humans, withtheir cultural diversity, are an integral component of ecosystems. 7. The ecosystem approach requires adaptive management to deal with the complex and dynamic nature of ecosystems and the absence of complete knowledge or understanding of their functioning. Management must be adaptive in order tobe able to respond to such uncertainties and contain elements of quot;learning-by-doingquot; or research feedback. 8. Focus is on the functional relationshipsand processes within ecosystems Functional biodiversity in ecosystemsprovides many goods and services ofeconomic and social importance. 9. Rivalutare la rilevanza delluso sostenibile dellabiodiversit e del territorio insieme allenfasisulle aree protette Evidenziare il ruolo chiave della diversit(genetica, specifica, ecosistemica, di paesaggio,culturale) Evidenziare limportanza e lutilizzazione dellaagrobiodiversit (agricola, zootecnica,microbiologica) 10. Colture energetiche di seconda generazione(non-food e non-feed) + tecnologie appropriate Ruolo dellagricoltura multifunzionale Collegamento funzionale e per lo sviluppo traterritorio, agricoltura, biotecnologie,artigianato, fruizione, conoscenza, cultura Ottimizzazione energetica, fonti rinnovabili(solare, biomasse, rifiuti), carbone pulito? Mobilit sostenibile Sequestro di CO2 11. Enfasi (anche) su mitigazione e adattamento Lotta alla siccit: ricerca per minori richiestedacqua Lotta alla desertificazione: concentrarsi sulterritorio nazionale e su una cooperazione inpaesi specifici (Mediterraneo, ecc.) Operare scelte geopolitiche & storico-culturali& biogeografiche per la cooperazione con paesidellaccesso, Mediterraneo, PVS Definire meglio il principio di precauzione e lasua (non)applicabilit 12. un solo SBST(T)A/CST (UNEP + WMO:IPCC) trasversale (non governativo?) riunificare le convenzioni:razionalizzazione vs. burocratizzazione? armonizzazione, coordinamento, sinergia,semplificazione, minori costi: scadenza: rinegoziazione (2012) 13. Per un dialogo sereno e tempestivo e peruna pi obiettiva capacit di intervento n catastrofismo, n negazionismo