of 11/11
GUIDE GRATTANUVOLE MILANO Euro 2,00

ddn Guide Grattanuvole Milano

  • View
    217

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Numero speciale di ddn Guide in occasione delle mostra ‘Grattanuvole. Un secolo di grattacieli a Milano’.

Text of ddn Guide Grattanuvole Milano

  • GUIDE

    GRATTANUVOLE MILANO

    Euro

    2,0

    0s)33.sSEMESTRALE4!8%0%2#5%4!33!2)3#/33!5&&)#)/#-02/3%2)/-),!./

    3PEDIZIONEINABBONAMENTOPOSTALE$,CONVIN,NARTCOMMA$#"-ILANO

    SUPPLEMENTOALNNOVEMBRE$$.$%3)'.$)&&53)/..%73

  • Bristol divano, Tribeca tavolino - design Jean-Marie Massaud. Mad Chair poltrona design Marcel Wanders.

  • Bristol divano, Tribeca tavolino - design Jean-Marie Massaud.Mad Chair poltrona design Marcel Wanders.

  • ItalcementiItalcementi Group

  • Per informazioni:www.fondazionericcardocatella.orgSegreteria organizzativa:Didot 02 58118347Visite guidate: Narciso 02 [email protected]: www.smownpublishing.com

    Politecnico di Milanoe Fondazione Riccardo Catella

    GRATTANUVOLEUn secolo di grattacieli a Milano

    Convegno20 novembre 2014Politecnico di Milano, Aula E. N. Rogersore 9.30 - 13.30

    Dibattito pubblico4 dicembre 2014Urban Center Milanoore 18.30

    Grattanuvole LEGOLabKidslaboratorio per i bambini15 novembre 2014Fondazione Riccardo CatellaIscrizione: [email protected]

    Milano, via G. De Castillia, 28Orario di apertura:luned - venerd: ore 10.00 - 18.00sabato: ore 10.00 - 13.00 / 14.00 - 17.00Ingresso libero

    Fondazione Riccardo Catella

    7 novembre - 6 dicembre 2014

    foto

    M

    arco

    Garo

    falo

    A cura di: Alessandra CoppaCoordinamento generale: Lucia TenconiVicepresidente Fondazione Riccardo Catella:Alida CatellaResponsabile progetti di architetturaFondazione Riccardo Catella:Giuseppe MarinoniCoordinamento Fondazione Riccardo Catella:Anna Ballarati e Martina PislorCoordinamento redazionale:Giulia Camozzi, Tecla CaroliMultimedia design: Franco Cesare ZanettiProgettazione interfaccia touch screen:Franco Cesare Zanetti e Guido BerardinelliImmagine coordinata: Marialuisa Pina eMarco Minetti, DidotProgetto grafico ddn Guide:Fabio Riccobono, Antonietta ScuotriAllestimento: Sabina Antonini, EN SpaceUfficio stampa: SECUfficio Stampa mostra: Manuela PetrulliPartner: ATM, Clear Channel, LEGOSegreteria organizzativa: Elisa Balzarotti

    presentano:

    Partner:MainSponsor: Media Partner: Con il contributo di:

    Promosso da: Co Promosso da: Con il patrocinio di:

    Narciso

    SMOwnPub l i s h i n g

  • La mostra Grattanuvole. Un secolo di grattacieli a Milano,promossa dal Politecnico di Milano, porta allattenzione il

    tema degli edifici alti e propone un contributo alla necessariariflessione pubblica sul tema delle nuove trasformazioni

    urbane. Guardando la forma e lorganizzazione spaziale chesi generata con la costruzione delle nuove torri si nota una

    indubbia rottura rispetto alla tradizione milanese. una rottura che merita una riflessione attenta, anche se

    non dobbiamo dimenticare che in passato molte operestraordinarie (a partire dalla Torre Velasca) avevano generatoreazioni molto forti. Il punto fondamentale la comprensionedel modo in cui le torri si collocano in un pi ampio contesto,

    diventando parti della citt. Da questo punto di vistalattenzione deve essere dunque prestata non tanto e non solo

    al singolo oggetto architettonico, ma al modo in cui ledificiosi rapporta con lo spazio aperto, alle pratiche duso plurimeche lo caratterizzano. Ogni torre si dispone a diventare cosa

    in rapporto allo spazio tra le cose, luogo abitato, attraversato,vissuto, praticato.

    The exhibition Grattanuvole. Un secolo di grattacieli a Milano, promotedby the Politecnico di Milano, draws the attention towards the topic of

    tall buildings and it offers a contribute to the necessary public reflectionon the new urban transformations. Looking at the shape and spaceorganization which generated from the construction of new towers,

    we can notice an undoubted breakage with the Milanese tradition. Itis a breakage deserving a reflection, even if we dont have to forgetthat many extraordinary works of the past (starting from the Velascatower) generated important reactions. The fundamental point is the

    comprehension of the way in which towers have to be inserted in a widercontext, becoming part of the city. From this point of view the attentionhas to be focused not only on the single architectural object, but on the

    way in which the building relates to the open space, the multiple useswhich characterize it. Each tower becomes something in relation to the

    space among things, a place to live, cross, experience.

    Gabriele PasquiDirettore DAStU - Dipartimento di Architettura e Studi Urbani

    Politecnico di Milano

    6

  • La struttura urbana di Milano dallinizio del secolo scorso a oggi rivelaparticolari capacit di adattarsi a quei cambiamenti che di volta in voltadiverse condizioni di abitabilit e istanze di innovazione sollecitano.Tali cambiamenti, dalle edificazioni avvenute in passato sui tracciati deipiani regolatori ai pi recenti interventi di sostituzione di edifici o di parti ditessuto urbano obsoleto, si configurano prevalentemente come operazionidi collage. Veri e propri inserti architettonici, pur mantenendo una propriarelativa autonomia formale, riescono al contempo a configurare nellinsieme,e per successive aggiunte, immagini parziali di citt in continuo, provvisorio,compimento. Tra questi incessanti mutamenti, gli alterni e controversi tentatividi conquista del cielo - rappresentati nella mostra Grattanuvole. Un secolo digrattacieli a Milano promossa dal Politecnico di Milano e dalla FondazioneRiccardo Catella - sono quelli che ne mettono alla prova in modo pi manifestola forma urbis. E con stimoli al cambiamento di immagine e di uso, portati dagliemergenti rituali di fruizione urbana e dai diversi modi di vivere la citt e isui spazi aperti. A tali temi la Fondazione Riccardo Catella particolarmentesensibile, tanto da contribuire a indagarne i molteplici aspetti con la suacontinua attivit culturale e di ricerca, attraverso seminari di studio, esposizionie specifici progetti di riqualificazione di spazi urbani.

    The urban structure of Milan reveals particular skills in adjusting to those changesrequired by new residential conditions and innovations. These changes are mainlyconceived as collage operations, from the past transformations to the most recentinterventions for substituting obsolete buildings or parts of urban fabric.Real architectural inserts, even if maintaining a relative formal autonomy, succeed inorganizing parts of the city in a continuous, temporary fulfillment. Among these constantchanges, the alternate and controversial tries to conquest the sky represented by theexhibition Grattanuvole. Un secolo di grattacieli a Milano promoted by the Politecnicodi Milano and the Fondazione Riccardo Catella are the ones which challenge theforma urbis. And with stimuli for the change of image and use, brought by the emergingrituals of urban fruition and by the different ways of living the city and its open spaces.Fondazione Riccardo Catella is particularly sensitive to these topics, indeed it contributesto the analysis of the several aspects of the phenomenon with its culturaland research activities, through seminars, exhibitions and specific projects of urbanplaces refurbishment.

    Giuseppe MarinoniResponsabile progetti di architetturaFondazione Riccardo Catella

    7

  • La mostra Grattanuvole. Un secolo di grattacieli a Milano alla luce dellegrandi trasformazioni in atto nella citt di Milano - che coinvolgono, inparticolare, la zona Garibaldi-Repubblica e larea dellex Fiera Campionaria -intende ripercorrere la storia dei grattacieli milanesi e le alterne fortune chequesta tipologia architettonica ha incontrato nella nostra citt con documentioriginali e opere site specific. Una storia che attraversa tutta la vicendadellarchitettura moderna a Milano e che si nutre dellimmaginario che questaha saputo suscitare: dalle mitografie futuriste di Antonio SantElia ai recentiprogetti, da Porta Nuova al Portello e CityLife.

    The exhibition Grattanuvole. Un secolo di grattacieli a Milano living the great ongoingchanges of the city of Milan in particular the Garibaldi-Repubblica area and the exExhibition Center aims to retrace the story of the Milanese skyscrapers and the alternatefortunes that this architectural shape met in our city with original documents and sitespecific works. A history crossing the whole story of modern architecture in Milan andwhich is nourished by the imaginary that it created: from futurist mythologies by AntonioSantElia to the recent projects in Porta Nuova, Portello and CityLife.

    Alessandra CoppaCuratore della mostra, DAStUPolitecnico di Milano

    Obiettivo della mostra rinnovare il dibattito sulledificio alto a Milano, apartire da un campionario di 75 architetture, selezionate per i loro caratteri

    morfologici, tipologici e strutturali. La panoramica delle opere scelte,nonostante la sua parzialit rispetto al complesso delle torri milanesi,

    utile ad approfondire le tematiche critiche del percorso espositivo. Nella suaarticolazione, inoltre, illustra la non uniformit della definizione tipologica del

    grattacielo milanese, da cui deriva luso ironico del termine grattanuvole.

    The goal of our exhibition is renovating the debate on the tall building in Milan, startingfrom a collection samples of 75 architectures, selected for their morphological, structural

    and typological characters. The panoramic view of the selected works, despite its partialitycompared to the whole system of Milanese towers, is useful to analyze the critical topics ofthe exhibition course. In its organization, it furthermore illustrates the typological definition

    of the Milanese skyscraper, from where the ironic use of cloudscraper derives.

    Lucia TenconiCoordinatore della mostra, DAStU

    Politecnico di Milano8

  • GRATTANUVOLE NUOVO SKYLINE - NEW SKYLINE

    GRATTANUVOLE STORICI - HISTORICS

    GRATTANUVOLE CONTEMPORANEI - CONTEMPORARIES

    GRATTANUVOLE LEGO

    ITINERARI GRATTANUVOLE - ITINERARIES

    Il sogno del Centro Direzionale/The dream of the Business District

    Tra Orizzontale e Verticale/Between Horizontal and Vertical

    Voci e sguardi sulla citt/Voices and views on the city

    Gli esordi/The debuts

    Case alte e uffici moderni/Tall houses and modern offices

    Quale tradizione?/What tradition?

    Costruire in verticale/Vertically constructing

    Lattacco a terra/The ground connection

    Involucro e risparmio energetico/Shell and energy saving

    Abitare in alto/High-living

    10

    16

    22

    28

    36

    42

    46

    50

    56

    62

    68

    72

    a cura di Alessandra Coppa e Lucia Tenconi

    EDIZIONIDesign Diffusion World srlRedazioni/Editorial OfficesVia Lucano 3, 20135 MilanoTel. 02/5456102 - Fax02/54121243www.designdiffusion.comwww.designdiffusion.tv

    Spedizione in abbonamentopostale - 45% - D.L. 353/2003(conv.in L.27/02/2004 n.46) art.1,comma 1, DCB MilanoSupplemento al n.207 di DDNsemestrale novembre 2014

    Reg.Tribunale Milano n./MilanCourt Reg.No.278 del 7 aprile 1990Printed in Italy)33. s

    Stampa/Printer Color ArtVia Industriale 24/2625050 Rodengo Saiano (BS)Tel. 030/6810155

    Ufficio abbonamentiNumero Verde 800/318216Tel. 02/5456102Fax 02/54121243

    ADVERTISING: DDADesign Diffusion Advertising srlVia Lucano 3, 20135 MilanoTel. 02/5456102Fax 02/54121243

    Ufficio traffico/traffic departmentDaniela [email protected]

    CONTABILIT/ACCOUNTINGNorberto [email protected]

    9