Click here to load reader

Gres Porcellanato senza macchia e senza paura · Gres Porcellanato senza macchia e senza paura 15 novembre 2016 - Giornata di Studio I trattamenti e le superfici ceramiche –Centro

  • View
    8

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Gres Porcellanato senza macchia e senza paura · Gres Porcellanato senza macchia e senza paura 15...

  • Gres Porcellanatosenza macchia e senza paura

    15 novembre 2016 - Giornata di Studio I trattamenti e le superfici ceramiche – Centro Ceramico Sassuolo

    Conferimento della protezione nella fase industriale della Finitura(Eugenio Giusti)

    Gestione del ciclo di vita con detergenti e metodi appropriati e innovativi(Sergio Stella - Lorenzo Giusti)

  • per dare

    scacco alle contestazionioriginate da criticità presenti

    sulla faccia a vista della piastrella

    bisogna

    • individuare le cause• prevenire le anomalie• eliminare gli effetti

    prima che siano percepiti dall’acquirente

    15 novembre 2016 - Giornata di Studio I trattamenti e le superfici ceramiche – Centro Ceramico Sassuolo

    22

  • SOGGETTI ATTIVI

    PRODUTTORECOMPLETAMENTO della finitura industriale al fine di proteggere la piastrella prima dell'immissione sul mercato.Informazioni puntualifornite attraverso manuali di posa e manutenzione.

    ACQUIRENTE / UTENTEUtilizza detergenti efficaci, facili, economici per la pulizia domestica ordinaria e la manutenzione straordinaria e periodica. Esegue la pulizia da pronto intervento contro le macchie accidentali.

    RIVENDITOREFornisce al Posatore e all’Utente indicazioni appropriate per la gestione del ciclo di vita del materiale.Offre detergenti efficaci e Accessori per rimuovere le anomalie (cross selling)P

    REV

    ENZI

    ON

    EEL

    IMIN

    AZI

    ON

    E

    PRODUTTORE = Origine della Prevenzione RIVENDITORE = Trasferimento della Prevenzione

    POSATOREIndividua ed elimina le anomalie con la corretta pulizia dopo la posa in opera, conoscendo le diverse categorie di fuganti presenti sul mercato.Usa detergenti, modalità e accessori adatti alla pulizia e agli interventi specialistici.

    POSATORE = Azione prima della consegna UTENTE = Azione continuativa

    15 novembre 2016 - Giornata di Studio I trattamenti e le superfici ceramiche – Centro Ceramico Sassuolo

    33

  • INDIVIDUARE LE CAUSETIPOLOGIA DEL MATERIALE E CAUSA DELLE ANOMALIE

    Gres Porcellanato Decorato(smaltato)

    Gres Porcellanato Tecnico(tutta massa - doppio caricamento)

    LAPPATOcampo pieno, in cresta,

    opaco/satinato

    NATURALESTRUTTURATO

    LEVIGATOlappato/satinato, lucido

    Colle e fuganti• Residui di posa in opera

    Reattivi chimici • Opacizzazione

    Sostanze liquide• Fuganti pigmentati e non• Macchie acquose/oleose

    Sostanze solide• Impronte• Polvere

    Colle e Fuganti CG-RG-Uretanici• Scarsa/inadeguata pulizia a fresco e a secco

    Ingrigimento da calpestio• Scarsa/inadeguata pulizia dopo posa• Pulizia ordinaria con detergenti inadatti

    Colle e fuganti• Residui di posa in opera

    Reattivi chimici (raro)• Opacizzazione

    Sostanze liquide• Fuganti pigmentati e non• Macchie acquose/oleose

    Sostanze solide (raro)• Impronte• Polvere

    La superficie greificata della piastrella a finitura NATURALE è irregolare e scabra ma non presenta pori aperti; ciò favorisce l’adesione e l’accumulo ma non la penetrazione delle particelle di sporco misto organico e minerale.

    La molatura delle piastrelle per la finitura LAPPATA e LEVIGATA apre la porosità chiusa originata nella Formatura;i l conferimento della protezione nella fase finale della Finitura industriale riduce/annulla la permanenza di sostanze

    macchianti nei pori aperti in superficie.

    15 novembre 2016 - Giornata di Studio I trattamenti e le superfici ceramiche – Centro Ceramico Sassuolo

    44

  • Vista superficiale 90x i.o. Vista superficiale 800x s.e. Vista trasversale 3000x s.e.

    DecoratoSmaltatoLappato

    INDIVIDUARE LE CAUSE MORFOLOGIA DELLA SUPERFICIE MOLATA

    Le foto mostrano la diversa forma e dimensione dei pori aperti sulla superficieAmbedue i tipi di gres necessitano dell’intervento protettivo industriale

    (CONFERIMENTO DELLA FINITURA)

    TecnicoLevigato

    15 novembre 2016 - Giornata di Studio I trattamenti e le superfici ceramiche – Centro Ceramico Sassuolo

    55

  • 15 novembre 2016 - Giornata di Studio I trattamenti e le superfici ceramiche – Centro Ceramico Sassuolo

    PREVENIRE ED ELIMINARE LE ANOMALIECOMPLETAMENTO DELLA FINITURA PER CONFERIRE LA PROTEZIONE

    90x

    dopo lappatura dopo decapaggio

    dopo prima mano dopo seconda mano

    lavaggiodecapante

    conferimentodella

    protezione

    • Il decapaggio ripulisce i pori aperti ed elimina i componenti della smaltatura attaccabili dalle sostanze acide,anche domestiche (il gloss 60° diminuisce del 20% circa)

    • I pori aperti devono essere suturati cioè riempiti con sostanze minerali ad alta e celere aggregazione(il gloss 60° viene ampiamente recuperato)

    • Questo intervento PREVENTIVO necessario sul gres Lappato, si esegue similarmente su quello Levigato 66

    suturazione con nanosilici

  • 15 novembre 2016 - Giornata di Studio I trattamenti e le superfici ceramiche – Centro Ceramico Sassuolo

    Bassa aggregazione (dopo 10 minuti dall’applicazione)

    Alta aggregazione (dopo 10 minuti dall’applicazione)

    • Le foto evidenziano differenti dimensioni e diversa aggregazione delle nanoparticelle nei formulati a base di silice colloidale: la combinazione di particelle con queste caratteristiche diverse determina la varietà dei formulati, ciò influenza la lavorabilità in processo e la prestazione ottimale e omogenea della protezione realizzata sulla piastrella

    • I protettivi GEAL sono molteplici; essi permettono la protezione attraverso attrezzature meccaniche di varia tipologia (assemblaggi vari, applicatrici ANCORA e/o BMR, etc) e su piastrelle con finitura differente (lucide, opache, bianche, nere)

    FotoTEM

    200nm 200nm

    PREVENIRE ED ELIMINARE LE ANOMALIECARATTERISTICHE DEL PRODOTTO PROTETTIVO

    77

  • PREVENIRE ED ELIMINARE LE ANOMALIESCHEMA IMPIANTO PER IL CONFERIMENTO DELLA PROTEZIONE

    • Lo schema è indicativo: deve essere modulato in funzione della protezione da conferire alla piastrella e realizza il diagramma di processo completo

    • Il decapaggio (1° Fase) è richiesto al fine di eliminare dalla superficie le sostanze sensibili all’attacco acido. La 2° Fase conferisce la protezione: richiede da 1-2 Moduli di applicazione per G. Levigato, fino a 3-4 Moduli per G. Lappato su piastrelle di vario tipo (lucide, opache, superlucide >100 gloss)

    • In ogni Modulo sono cruciali le apparecchiature di dosaggio (pompe dosatrici) e i dischetti spalmatori (pads), oltre ai vari prodotti chimici GEAL

    15 novembre 2016 - Giornata di Studio I trattamenti e le superfici ceramiche – Centro Ceramico Sassuolo

    88

  • PROGETTARE LA PROTEZIONE INDUSTRIALECOMPONENTI DEL PROCESSO

    • La complementarietà dei componenti del processo è FONDAMENTALE al fine di realizzare l’obiettivoprincipale della protezione: la PRESTAZIONE OTTIMALE DELLA PIASTRELLA/LASTRA.

    • Ci possono essere validi motivi per privilegiare un componente rispetto agli altri; ciò può comportare la variazione della PRESTAZIONE sul prodotto finito

    COMPONENTI OBIETTIVO

    15 novembre 2016 - Giornata di Studio I trattamenti e le superfici ceramiche – Centro Ceramico Sassuolo

    99

  • • GEAL offre ai produttori questo fondamentale e innovativo metodo di STUDIO PREVENTIVO. Esso consente di stimare gli investimenti fissi (spazio e attrezzature) e i costi variabili (prodotto chimici e dischetti), nonché la resa del processo e le sue prestazioni finali.

    • Questo metodo ad oggi viene già utilizzato soprattutto dalle aziende straniere!• E’ evidente il beneficio che questo offre ai produttori delle apparecchiature specifiche: consente cioè di

    far acquistare l’apparecchiatura e gli accessori idonei al Cliente e permette di costituire il TEAM di GARANZIA per quest’ultimo in funzione delle prestazioni che intende realizzare sul prodotto di vendita

    QUESTIONARIO

    anal

    isi d

    i la

    bo

    rato

    rio

    RISULTATI ANALITICI RAPPORTO INDICATIVO GENERALE (RIG)

    15 novembre 2016 - Giornata di Studio I trattamenti e le superfici ceramiche – Centro Ceramico Sassuolo

    1010

    Diagramma del processo e indicazione di possibile attrezzaggio industrialeTipologia degli accessori(prodotti chimici, dischetti) e loro incidenza di costo/mqCaratteristiche del prodotto finito (risultati analitici)

    pia

    stre

    lle

    cam

    pio

    ne

    2-3 ps/tipo molati

    PROGETTARE LA PROTEZIONE INDUSTRIALESTUDIO PREVENTIVO

    INDAGINI

    ≃ 2 settimane

    Norme ISO e interne

    Geal risultati analitici.pdfGeal risultati analitici.pdfGeal_questionario.pdf

  • START-UP test indicativo industriale in presenza di tecnici specialisti dopo l’effettuazionedel collaudo delle attrezzature meccaniche

    CONTROLLO DI PROCESSO controllo dei parametri fondamentali di prestazione, a cura dell’operatore di linea o del tecnico abilitato al controllo

    - Servizio di Assistenza Tecnica Soluzione di problematiche on-line e a seguito di cambio della tipologia del materiale da proteggere. Fornitura al Partner di aggiornamenti ed evoluzioni nel processo di protezione

    I principi attivi residuali dei protettivi GEAL non alterano la classe di compatibilità ambientale certificata dello specifico gres porcellanato

    presente sull’etichetta del prodotto chimico GEAL

    15 novembre 2016 - Giornata di Studio I trattamenti e le superfici ceramiche – Centro Ceramico Sassuolo

    1111

    PROGETTARE LA PROTEZIONE INDUSTRIALEGESTIONE DEL PROCESSO