Inersan Clinical Review

Embed Size (px)

Text of Inersan Clinical Review

  • 1. Clinical review www.inersan.it Quando natura e ricerca si uniscono per la salute del cavo oraleDottorVito Trinchieri

2. 1. Malattie del cavo orale e ruolo dellossido nitrico 1Clinical reviewDottor Vito Trinchieri Dipartimento Malattie Infettive e TropicaliUniversit degli Studi Sapienza Roma. 3. Clinical review Inersan 31. Malattie del cavo orale e ruolo dellossido nitricoL ossido nitrico (NO) stato al centro dellattenzione scientifica per molti anni a causa del suo importan- te ruolo in varie condizioni fisiologiche e patologi-che, come il mantenimento del tono vascolare, lo shocksettico, limpotenza, la sindrome da distress respiratorioacuto, il broncospasmo e la neoplasia maligna. Le ricer-che svolte sullossido nitrico sono state cos ampie ed in-novative da meritare lassegnazione di due premi Nobel alavori associati allossido nitrico e molti scienziati lo consi-derano una della pi grandi scoperte del XX secolo.Di recente, linteresse per NO da parte di ricercatori eclinici stato rivolto a cercare di capirne il ruolo in variepatologie del cavo orale e vi sono gi molti elementi asostegno di questo forte collegamento.La sintesi dellossido nitrico (NO)Lossido nitrico viene sintetizzato da enzimi denominatiNO sintasi (NOS). Vi sono tre tipi di enzimi NOS, ciascunoprodotto da geni distinti e denominato secondo lordinecronologico in cui stato scoperto. NOS1 stata la pri-ma isoforma ad essere purificata e clonata da tessutoneurale. Viene detta anche nNOS. NOS3 unisoformainizialmente trovata nelle cellule endoteliali e denomina-ta eNOS. NOS1 e NOS3 sono definite anche costitutive in 4. 4 Clinical review Inersanquanto vengono continuamente espresse nelle celluleneurali ed endoteliali. La loro attivit anche funzionedel livello di calcio intracellulare, quindi producono unlivello di NO basso e transiente in condizioni fisiologiche.La NOS2 unisoforma calcio-indipendente ed inducibile,denominata anche iNOS. A differenza di NOS1 e NOS3,linduzione di NOS2 determina una produzione continuadi NO. Oltre al lipopolisaccaride (LPS) ed allinterferon-gamma (INF-), molti altri fattori inducono la produzionedellenzima, come il fattore di necrosi tumorale- (TNF-),le interleuchine (IL-1, IL-10 e IL-12), il fattore attivante lepiastrine (PAF) e il fattore nucleare kB (NF-kB). Una voltaindotta, la NOS2 in grado di produrre pi a lungo unaquantit maggiore di NO rispetto alle altre due isoforme(NOS1 e NOS3).Parodontite/gengivite e NOLespressione di NOS2 (iNOS) si rivelata maggiore nel tes-suto con parodontite rispetto al tessuto sano1. Alcuni stu-di hanno dimostrato che la presenza di NOS2 dipendevadallestensione dellinfiammazione nel tessuto2 e che nellamaggior parte dei casi le cellule NOS2-positive nel tessutoconnettivo erano macrofagi3. Studi recenti hanno inoltredimostrato che anche lespressione di NOS2 nei fibroblastigengivali pi elevata nel parodonto infiammato che neltessuto gengivale sano. In diversi esperimenti su animali,tutti i parametri di laboratorio e microscopici dellinfiam- 5. 1. Malattie del cavo orale e ruolo dellossido nitrico 5mazione sono stati migliorati nel modello di parodontiteindotta da legature somministrando inibitori dellossidonitrico sintasi quali mercaptoetilguanidina4, 5, 6, 7 o amino-guanidina5. Si evince quindi che la modulazione delle at-tivit di NOS2 o la produzione di NO possono attenuare oprevenire la parodontite.Mucosite orale e NOLeziologia che sottende a diverse affezioni orali causantiulcere pu andare dalla disfunzione autoimmune alla tos-sicit dellagente chemioterapico: il ruolo della cascata in-fiammatoria stato ben definito come importante fattorepredisponente al processo di danno tissutale, indipenden-temente dalleziologia. Sebbene leziologia delle malattieinfiammatorie della mucosa orale non sia chiara, il ruolodellOssido Nitrico stato studiato approfonditamente invarie condizioni quali la Sindrome di Behet e la stomatiteaftosa ricorrente, dimostrando che un aumentato livello diNO nella saliva associato a tali patologie8, 9. 6. 6Clinical review Inersan2. Limportanza del controllodellinfiammazione cronica del cavoorale per la prevenzione di patologiesistemiche10, 11Le attuali strategie per la prevenzione delle malattiecardiovascolari (CVD) sono la limitazione dellas-sunzione di grassi tramite la dieta associata ad untrattamento farmacologico che abbassi i livelli sierici dicolesterolo. Tuttavia, ormai generalmente accettatoche laterosclerosi non soltanto dovuta ai troppi grassiingeriti, ma si verifica anche e maggiormente in relazionea processi infiammatori cronici. Le evidenze epidemiolo-giche indicano un rapporto significativo tra parodontitee malattie cardiovascolari. Recenti studi hanno confer-mato che la parodontite causa un aumento della produ-zione di marcatori infiammatori sierici, e che questi dimi-nuiscono non appena la parodontite viene controllata.Sebbene una causalit diretta non sia stata dimostrata,i dati attualmente disponibili suggeriscono fortementeche linfezione cronica ed il processo infiammatorio del-la parodontite possano aumentare i fenomeni infiamma-tori sistemici, provocando una attivazione dei processiinfiammatori a livello delle cellule dellendotelio, che aloro volta accelerano lo sviluppo di lesioni aterosclero-tiche. 7. 2. Limportanza del controllo dellinfiammazione cronica del cavo orale1. Malattie del cavo orale e ruolo dellossido nitrico 7 stato verificato che la severit della malattia parodonta-le correlata sia con aumentati livelli di insulino-resistenza(che spesso precursore del diabete di tipo 2) sia con ele-vati livelli di emoglobina A1c (un indicatore di scarso con-trollo glicemico nel diabete). Il controllo della parodonti-te riduce significativamente i livelli di A1c, parametro dicontrollo glicemico. Ulteriori studi hanno suggerito che lesostanze pro-infiammatorie come IL-1-, IL-6 and TNF- pro-dotte in corso di parodontite possano essere trasferite dalparodonto nel circolo sanguigno e stimolare la cellula adiventare pi insulino-resistente; ci sottolinea limportanzadel controllo della parodontite per impattare positivamen-te su malattie sistemiche come il diabete mellito.Molte evidenze indicano come il controllo dellinfiamma-zione cronica associata alla parodontite contribuisca adun migliore controllo, o addirittura alla prevenzione, di pa-tologie sistemiche. Dato limportanza della risposta immuni-taria dellospite verso laggressione batterica come even-to fondamentale nella patogenesi e nello sviluppo dellaparodontite, i clinici dovranno focalizzare maggiormentelattenzione sul controllo del sistema immunitario dellospi-te, oltre agli approcci tradizionali di rimozione dei batteriattraverso mezzi meccanici e chimici. 8. 8 Clinical review Inersan3. GengiviteL a gengivite un processo infiammatorio ad eziologia batterica limitata alla gengiva che causa la distruzio- ne reversibile dei tessuti parodontali. Il quadro clinico caratterizzato da spiccata sensibilit, sanguinamento edolore alla masticazione. Linfiammazione nasce dalla pre-senza di tasche gengivali nelle quali si raccolgono i batteriresponsabili di tale patologia. Obiettivamente apprezza-bile un cambiamento nel colore, nel contorno e nella con-sistenza del tessuto gengivale. La gengivite detta subcli-nica quando non sono presenti segni clinicamente visibili,e clinica quando tali segni sono clinicamente apprezzabili.In termini di durata, la gengivite pu essere acuta (di brevedurata) o cronica (di lunga durata). Esistono diverse tipo-logie di malattie gengivali: a) le malattie gengivali indotteda placca presentano una infiammazione della gengivacome risposta ai batteri presenti al margine gengivale;b) le malattie gengivali non indotte da placca non sonoprovocate da placca batterica e non scompaiono dopola rimozione della placca. Le cause principali possono es-sere molteplici: infezione virale o fungine, malattie derma-tologiche, reazioni allergiche, trauma meccanico ecc.Il trattamento della gengivite di solito inizia con una buo-na pulizia eseguita da uno specialista delligiene orale odal paziente stesso. Un buon protocollo di igiene orale acasa, con spazzolino e filo interdentale, considerato un 9. 3. Gengivite 1. Malattie del cavo orale e ruolo dellossido nitrico 9passo fondamentale per prevenire e trattare la gengivite.Di recente, al protocollo delle normali cure domestiche peradulti stato aggiunto lo sciacquo antisettico del cavoorale. Quasi sempre, la gengivite si pu gestire con unabuona igiene orale; tale condizione per difficilmente ot-tenibile nei bambini per i quali molto sentita lesigenza diuna procedura aggiuntiva efficace e di facile applicazio-ne che consenta di prevenirne linsorgenza.Lactobacillus brevis CD2 e gengivite pediatrica12Polimeni A et al. The Arginine-Deiminase Enzymatic Systemon Gingivitis: Preliminary Pediatric Study. Annali di Stoma-tologia (2010) LIX 1:8-13. Obiettivo dello studio: valutare in vivo lefficacia di Lac-tobacillus brevis CD2 per il trattamento della gengivite inpazienti pediatrici con gengivite marginale. Disegno dello studio: sono stati arruolati nello studio 21pazienti con diagnosi di gengivite marginale, 16 maschi e5 femmine, di et tra 5 e 12 anni. stata somministrata aipazienti gomma da masticare contenente Lactobacillusbrevis CD2 con listruzione di masticare 3 gomme al giornoper 60 giorni. I parametri clinici dei pazienti, come sensibili-t termica, sanguinamento, punteggio placca e punteg-gio di infiammazione gengivale sono stati rilevati alliniziodello studio (T0), 30 giorni dopo (T1) e dopo 60 giorni (T2). 10. 10Clinical review Inersan Risultati: al tempo T1, 18 pazienti non mostravano pi isegni di infiammazione.I punteggi di placca, sensibilit e sanguinamento a pres-sione sono tutti migliorati nella maggior parte dei pazientia fine trattamento.Fig. 1. Punteggi di gengivite, sanguinamento e sensibilit..I pazienti avevano attivit di Ossido Nitrico Sintasi (NOS) su-periore e livell