L’adolescenza e le sue criticità

Embed Size (px)

DESCRIPTION

L’adolescenza e le sue criticità. Cuore Adolescenza e Sport Pasquale Greco. Genova, 9 aprile 2011. CUORE : “ organo cavo, muscolare,quasi conico, con quattro cavità,situato nel petto,un po’ a sinistra, obliquamente, e per le cui contrazioniaviene la circolazionedel sangue……….. - PowerPoint PPT Presentation

Text of L’adolescenza e le sue criticità

  • Ladolescenza e le sue criticitCuore Adolescenza e Sport

    Pasquale Greco

    Genova, 9 aprile 2011

  • CUORE : organo cavo, muscolare,quasi conico, con quattro cavit,situato nel petto,un po a sinistra, obliquamente, e per le cui contrazioniaviene la circolazionedel sangue..Sentimento,animo,sededegli affetti e delle emozioni. .

    ADOLESCENZA: prima et dopo la fanciulleza ADOLESCENTE: che cresce

    SPORTpratica, metodica di esercizi che si fanno a scopo di irrobustire il corpo e svagare lo spirito

    Genova, 9 aprile 2011

  • Ladolescenza il periodo fondamentale della nostra vita per quello che sar il nostro futuro da adulti

    Genova, 9 aprile 2011

  • L'adolescenza fra gli 11 e i 18 anni Quando dovremmo acquisire le conoscenze, le competenze e le capacit necessarie per diventare adulti. Quando biologia, fisiologia, psicologia e societ influenzano e interagiscono . Il fare o il non fare si riveler poi in tutta la sua fondamentale importanza nel determinare o prevenire

    FUTURO DISAGIO

    Genova, 9 aprile 2011

  • Limportanza di praticare attivit sportiva nelladolescenza:GIOCO e COMPETIZIONE sono necessari per CRESCERELo sport come la scuola un supporto alla famiglia per crescere bene Stile di vita sano

    Genova, 9 aprile 2011

  • Iniziare a specializzare Potenziare le differenti abilit Programmare lallenamento=Attivit agonisticaGenova, 9 aprile 2011Attivit sportiva multidisciplinare

    Stimolare lo sviluppo delle capacit motorie Migliorare apprendimento del gesto tecnico Scoprire le attitudini individuali

  • Attivit sportiva ludico ricreativa

    Attivit sportiva non agonistica

    Attivit sportiva agonistica

    Genova, 9 aprile 2011

  • La tutela sanitaria dellattivit sportiva: riconoscere e prevenire linsorgenza di alcune malattie.

    LA LEGGE NAZIONALE Il 26 ottobre 1971 stata emanatala legge n 1099 con il titolo Tutela Sanitaria delle Attivit sportive Con D.P.R. n 4 del 14/01/1972 e n 10 del 15/01/1972, sono trasferite alle Regioni le competenze in materia sanitaria e di conseguenza anche quelle sulla tutela sanitaria agli sportivi.LA LEGGE REGIONALE La Regione Liguria il 06/09/1984 con legge regionale n 46 ha attuato il dettato statale, e, con le modifiche apportate con L/R n 38/1985 e 38/1996. Con la L/R n 38 del 1996 ha completato la L/R n 46/1984, ampliando a strutture private, riconosciute dalla Regione stessa, la possibilit di certificare sullattivit agonistica a pagamento dellinteressato, stabilendo il tetto massimo del costo della prestazione. Le visite debbono essere svolte, solo ed esclusivamente, presso le sedi delle ASL o dei Centri di Medicina dello Sport accreditati e da medici autorizzati autorizzati dalla Regione Liguria

    Genova, 9 aprile 2011

  • Genova, 9 aprile 2011

    ASL 3 Genovese

    Dipartimento Prevenzione

    S.C. Medicina dello Sport

    Amb Sori tel. 0103446430

    Amb. via Bainsizza tel. 0103446427

    Amb Fiumara tel. 0106447826

    Amb. via Bonghi tel. 0106449401

    Amb. Celesia tel. 010644 9324

    Amb Doria tel. 0103445821

    Amb Pr tel. 0106965027

  • C.O.C.I.S. (Comitato Cardiologico per lIdoneit allo Sport) (Protocolli cardiologici per il giudizio didoneit)Cardiopatie congenite Semplici 1) forme con iperafflusso polmonare per shunt dalla parte sinistra cardiaca a quella destra (Difetti interatriali, Difetti interventricolari, Perviet Dotto Arterioso di Botallo) 2) forme con ostruzione all'efflusso (stenosi aortica, stenosi polmonare, coartazione aortica) Complesse Tetralogia di Fallot Trasposizione dei grossi vasi (TGA).

    Genova, 9 aprile 2011

  • ARITMIEIpocinetiche aritmie ipocinetiche sinusali: bradicardia, blocchi seno-atriali, arresto sinusale, battiti e ritmi di scappamento atriale e giunzionale; disturbi della conduzione atrio-ventricolare: blocco atrio-ventricolare di 1, 2, 3 grado. Ipercineticheextrasistoli atriali, giunzionali, ventricolari; aritmie ad attivit elettrica sincronizzata: tachicardie sopraventricolari e ventricolari; aritmie ad attivit elettrica parzialmente desincronizzata: ritmo atriale caotico, tachicardia ventricolare tipo "torsione di punta"; aritmie ad attivit elettrica totalmente desincronizzata: fibrillazione atriale, fibrillazione ventricolareGenova, 9 aprile 2011

  • CardiomiopatiaPericarditiMiocarditiValvulopatieMalattie dellaortaMalattie del connettivoGenova, 9 aprile 2011

  • Sindrome di Wolff-Parkinson-White nasce da una incompletezza nel processo disolamento tra atri e ventricoli.In alcuni individui, infatti, persistono singoli o multipli fasci di tessuto cardiaco con capacit conduttive, che collegano elettricamente atri e ventricoli in aggiunta al nodo atrio-ventricolare. In questi casi si verifica una condizione simile a quella della doppia via nodale: uno stesso impulso elettrico pu circolare molte volte, avanti e indietro, utilizzando il nodo atrio-ventricolare e i fasci atrio-ventricolari accessori.In assenza di fasci accessori, se si verificano aritmie molto rapide nellatrio, il nodo atrio-ventricolare non conduce tutti gli impulsi ai ventricoli, proteggendo il paziente da frequenze cardiache troppo elevate e a volte pericolose per la vita; al contrario, in presenza di vie accessorie con particolari caratteristiche, questo meccanismo protettivo viene a mancare e aritmie normalmente solo fastidiose possono diventare ad alto rischio. Genova, 9 aprile 2011

  • Genova, 9 aprile 2011

    La sindrome del QT lungoLa LQTS una patologia responsabile di sincopi e morte cardiaca improvvisa, soprattutto in bambini o giovani, in assenza di anomalie strutturali del cuore. Essa caratterizzata da un prolungamento dell'intervallo QT sull'ECGrischio di aritmie ventricolari tipo torsione di punta, scatenate da situazioni di stress fisico o psicologico

    Sindrome di BrugadaNel 1992, i fratelli Brugada hanno descritto una patologia cardiaca, responsabile di tachiaritmie ventricolari e morte improvvisa, caratterizzata dalla presenza sull'ECG basale di BBD completo od incompleto e di sopraslivellamento del tratto ST nelle derivazioni precordiali destre, in assenza di ischemia miocardica. Tale patologia caratterizzata da familiarit e esordisce in genere tra il III ed il IV decennio, anche se pu esordire anche a partire dall'infanzia manifestandosi con maggior frequenza nei maschi rispetto alle femmine,

  • diagnosi:Ecocardiografia bidimensionale color dopplerTest da sforzo con ev valutazione CO2Ecg dinamico (holter)Studio elettrofisiologicoRM cardiacaTest farmacologici (flecainide/ajmalina con bolo lento /ev)

    Fare sport fa bene anche al cuore ammalatoGenova, 9 aprile 2011

  • GRAZIE PER LATTENZIONEGenova, 9 aprile 2011

    *