Click here to load reader

P.O.F. Scuola dell'Infanzia - Asilo De Dominicis

  • View
    213

  • Download
    1

Embed Size (px)

DESCRIPTION

POF - ISTITUTO SANT’ANTIDA - CASERTA Piano dell’offerta formativa (P.O.F) Scuola dell’infanzia - Asilo De Dominicis Anno Scolastico 2012/2013 Istituto Sant’Antida Soc. Coop. Sociale – Onlus Sede: 81100 Caserta - Via Sant’Antida, 27 Sito web: www.santantida.it PEC: [email protected]

Text of P.O.F. Scuola dell'Infanzia - Asilo De Dominicis

SCUOLA DELLINFANZIA DE DOMINICISISTITUTO SANTANTIDA - ONLUS

Anno scolastico 2012/2013Progetto FormativoPERCH CE?COSE?

Per documentare i percorsi formativi offerti in risposta ai bisogni

Per favorire cambiamenti

per innalzare il successo formativo Carta didentit (annuale) dellIstituzione Scolastica che realizza la propria autonomia con le risorse umane professionali, tecnologiche ed economiche interne.

COME SI ATTUA?COSA FAVORISCE?

Collaborazione e coinvolgimento delle famiglie, del personale con classi aperte, attraverso agenzie educative, laboratoriali e progettuali e con la formazione permanente. Le innovazioni: progettualit, ricerca, valutazione.

Il rapporto con istituzioni ed enti sul territorio.

La risposta ai bisogni sociali delle famiglie del territorio.

La promozione della persona nella dimensione individuale ed affettivo/relazionale.

Lintegrazione e sviluppo di una societ multietnica.

Promozione ed affermazione dei diritti delle bambine e dei bambini.

Lunitariet di tutto il processo formativo.

LIstituto

L8 febbraio 1906 Francesco De Dominicis, un generoso casertano, con testamento segreto lasciava, in accordo con la sorella Maria Giuseppa nominata usufruttuaria, il suo dovizioso patrimonio alla citt di Caserta perch venisse istituito un asilo per i bambini e le bambine appartenenti a famiglie bisognose o orfani. Nasceva lAsilo De Dominicis, che nel 2006 ha felicemente superato e celebrato i suoi cento anni di vita.

Esso veniva retto da un Consiglio di Amministrazione e affidato, a partire dal 1914, alle Suore della Comunit di Santa Giovanna Antida Thouret, le quali tuttora proseguono con fedelt e zelo nel loro impegno religioso ed educativo. Caratteristica peculiare della loro opera la piena fedelt allinsegnamento della Fondatrice, che cos aveva risposto alla legge del 17 brumaio 1791 emanata dalla Convenzione della Francia rivoluzionaria: Siccome volevano istituire delle maestre costituzionali per insegnare ai fanciulli una falsa dottrina, io aprii una scuola gratuita dove accolsi in gran numero le ragazze in una classe e i ragazzi in unaltra. Insegnai loro catechismo, la preghiera, la lettura, la scrittura, il garbo, lonest e la modestia (S.G.A.T. di T. Trochu).Fedeli a tale carisma le religiose di Santa Giovanna Antida hanno ininterrottamente condotto la loro azione formativa ispirandosi alla difesa della libert della persona contro ogni egemonia educativa e nel rispetto dei valori umani e universali. Con il passare degli anni sembrato opportuno, proprio per corrispondere alla volont del donatore, elevare let di accoglienza dei bambini in corrispondenza con quella dellobbligo scolastico, per cui lAsilo De Dominicis ha trovato naturale prosecuzione nella scuola elementare, nella prospettiva di continuare ad adeguarsi con let dellistruzione obbligatoria prevista dallattuale normativa.Per favorire lo sviluppo sociale e in particolare per corrispondere alle nuove esigenze della famiglia, lIstituto, accanto alle attivit curricolari, realizza e offre una serie di altre attivit extracurricolari, quali lasilo-nido, il servizio mensa, il Corso di Inglese Trinity College e Cambridge Esol, la ludoteca, lapprofondimento scolastico, lAccademia musicale, il coro, il teatro, leducazione religiosa cattolica e quella multiculturale nel rispetto delle etnie presenti nella scuola e sul territorio. Accoglie bambini, solventi e non, italiani e stranieri, ai quali offre in parit un ambiente educativo e ludico di qualit, ispirato ai principi della civile convivenza, a norma degli articoli 3,21,33 e 34 della Costituzione della Repubblica. Dal 1998 si avvale di personale docente e non docente in possesso del titolo specifico e organizzato dellIstituto SantAntisa Soc. Coop. Sociale.

Offerta formativaNellIstituto SantAntida la comunit educativa si impegna per formare il bambino, luomo del domani, nella libert profonda e nella carit, aprendolo nella scuola alla partecipazione operosa, alla costruzione del mondo, accendendo ed alimentando in lui i valori fondamentali della persona umana.Integrazione tra scuola e territorioI genitori sono i primi responsabili delleducazione e dellistruzione dei figli. Essi collaborano, a vari livelli, con la Comunit educante per la crescita integrale dei figli. Sostengono lopera educativa della scuola anche in qualit di componenti degli Organi Collegiali previsti dalla vigente normativa. Partecipano ai momenti assembleari per le iniziative scolastiche e i progetti delle attivit laboratoriali secondo quanto regolarmente programmato. Le famiglie degli alunni sono tenute ad essere consapevoli delle scelte della scuola cattolica. Esse entrano nel clima di dialogo, di confronto, di aiuto reciproco e di coinvolgimento nella progettazione educativa.

La scuola accoglie alla pari gli alunni delle etnie presenti sul territorio e riconosce nella loro cultura unimportante risorsa.

CURRICOLO SCUOLA DELLINFANZIAPremessa

OBIETTIVI GENERALI

DEL PROCESSO FORMATIVO

Il curricolo dellIstituto comprensivo dellaspetto nazionale, locale ed opzionale per dare sostegno allunitariet della formazione che, attraverso il Piano dellOfferta Formativa, questa scuola mette a disposizione di alunni, genitori e docenti.ASPETTO NAZIONALE

Traguardi di sviluppo delle competenze (TSC) e obiettivi di apprendimento (OA)

Finalit: MATURAZIONE DELLIDENTIT, come rafforzamento di atteggiamenti di sicurezza, stima di s, fiducia nelle proprie capacit, motivazione alla curiosit, nonch apprendimento a vivere positivamente laffettivit, ad esprimere e controllare emozioni e sentimenti, a rendersi sensibili a quelli degli altri.

CONQUISTA DELLAUTONOMIA, come sviluppo della capacit di orientarsi e compiere scelte autonome, di interagire con gli altri, di aprirsi alla scoperta, allinteriorizzazione ed al rispetto di valori, di pensare liberamente, di prendere coscienza della realt ed agire su di essa per modificarla.

SVILUPPO DELLE COMPETENZE, come sviluppo e/o consolidamento di abilit sensoriali, intellettive, motorie, linguistico/espressive e logico/critiche, oltre che di capacit culturali e cognitive.

SVILUPPO DELLA CITTADINANZA, come sviluppo del senso civico e della consapevolezza di appartenere ad un contesto sociale.

CAMPI DI ESPERIENZAIl s e laltro

RELIGIONE

TSC: Sviluppare lo spirito di pace e fratellanza tra gli uomini, seguendo lesempio di Ges.

TSC: Comprendere che il Creato va rispettato perch dono di Dio.OSA: -Osservare il mondo che viene riconosciuto dai cristiani e da tanti uomini religiosi dono di Dio Creatore.

Scoprire la persona di Ges di Nazaret come viene presentata dai Vangeli e come viene celebrata nelle feste cristiane.

Individuare i luoghi di incontro della comunit cristiana e le espressioni del comandamento evangelico dellamore testimoniato dalla Chiesa.

TSC : Sviluppare lidentit in relazione alla famiglia e alla comunit di appartenenza.

OA: Rafforzare lautonomia, la stima di s, lidentit e il senso di appartenenza.

TSC: Avere consapevolezza delle proprie esigenze e dei propri sentimenti; esprimerli in modo adeguato.

OA: Accorgersi se e in che modo: pensieri, azioni e sentimenti dei maschi e delle donne si differenziano.

OA: Registrare momenti e situazioni che suscitano paura, stupore, sgomento, diffidenza, ammirazione, disapprovazione, compiacimento, gratitudine, generosit, simpatia, amore.

OA: Interrogarsi e discutere insieme sul senso che hanno per ciascuno questi sentimenti e come sono, di solito, manifestati.

TSC: Saper rispettare le regole della vita in comune ed interagire in modo costruttivo con gli altri.

OA : Rispettare e aiutare gli altri, cercando di capire i loro bisogni attraverso le parole, le azioni, i sentimenti.

OA: Rispettare e valorizzare il mondo animato e inanimato che ci circonda.

OA: Lavorare in gruppo rispettando le regole organizzative.

OA: Valorizzare la collaborazione.

Il corpo in movimento

TSC: Essere autonomo nelle pratiche igieniche, nella gestione delle proprie cose e nellalimentazione.

OA: Curare in autonomia la propria persona, gli oggetti personali, lambiente e i materiali comuni.

TSC: Conoscere il proprio corpo e sviluppare una coordinazione statica e dinamica delle sue parti.

OA: Muoversi con destrezza nello spazio circostante

OA: Coordinare i movimenti degli arti.

OA: Muoversi spontaneamente e guidato, su fonti sonore ritmate e non, su indicazioni verbali, sulla scia di un profumo, sul percorso segnato da frecce o altri segni convenzionali.

TSC: Conoscere e raffigurare lo schema corporeo.

OA: Rappresentare in modo completo e strutturato la figura umana.

OA: Rappresentare il proprio corpo, anche in movimento.

OA: Controllare le emozioni nel rispetto dellet specifica.

Linguaggi, creativit, espressione

TSC: Saper utilizzare diverse tecniche espressive.

OA: Disegnare, dipingere, modellare.

OA: Sperimentare diverse forme di espressione artistica.

TSC:Sapersi esprimere attraverso forme di drammatizzazione, utilizzando la voce e il corpo.

OA: Utilizzare il corpo e la voce per comunicare.

OA: Utilizzare il corpo e la voce per imitare ed inventare suoni, rumori, melodie.

TSC: Saper ascoltare e produrre musiche e ritmi.

OA: Sviluppare interesse per la musica.

OA: Utilizzare il corpo e la voce per imitare.

TSC: Utilizzare la lingua italiana per esprimersi con chiarezza.

OA: Parlare, descrivere, raccontare, chiedere informazioni a compagni e adulti.

TSC: Saper ascoltare.

OA: Ascoltare comprendere e riesprimere narrazioni.

Search related