of 47 /47
Pagina 1 di 47 Eurosuole spa - Rapporto Ambientale 2005 RAPPORTO AMBIENTALE 2005

RAPPORTO AMBIENTALE 2005 - eurosuole.com Ambientale 2005.pdf · Glossario 45 . Pagina 3 di 47 Eurosuole spa - Rapporto Ambientale 2005 Perché il Rapporto Ambientale Il Rapporto Ambientale

Embed Size (px)

Text of RAPPORTO AMBIENTALE 2005 - eurosuole.com Ambientale 2005.pdf · Glossario 45 . Pagina 3 di 47...

Pagina 1 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

RAPPORTO AMBIENTALE

2005

Pagina 2 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Contenuti

1. Perch il Rapporto Ambientale 3 2. Lettera dalla Direzione Aziendale 4

3. Profilo Aziendale 6

a. Eurosuole: una storia di successi 6 b. I Prodotti 6 c. Mission Statement 11 d. Etica Responsabilit Sociale dimpresa 12

4. La Politica Ambientale 13 5. Il Sistema di Gestione Ambientale 18

6. La Performance Ambientale 20

a. Aria 21 b. Acqua 23 c. Terra 24 d. Energia 28

7. Progetti di Miglioramento 30 8. Considerazioni conclusive 44

9. Glossario 45

Pagina 3 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Perch il Rapporto Ambientale Il Rapporto Ambientale uno strumento di comunicazione verso lesterno che parte da dati

tecnici, quantitativi e qualitativi, fisici e/o monetari, per dare un quadro completo e organico

delle interrelazioni tra azienda e ambiente naturale.

Nel Rapporto sono presi in considerazione gli aspetti dellattivit produttiva che creano impatti

a livello ambientale. Gli stessi aspetti vengono quantificati evidenziando limpegno finanziario

e lo sforzo economico sostenuto dallazienda per la tutela dellambiente.

Frutto ed esplicazione di un sistema di gestione ambientale gi in atto da diversi anni, questo

documento nasce dalla spiccata sensibilit ambientale della Direzione di Eurosuole e mette in

luce laudit ecologico che precede e caratterizza ogni decisione dellimpresa, dagli investimenti

pi importanti inerenti gli impianti e le applicazioni tecniche, fino alle decisioni quotidiane di

risparmio energetico e di ottimizzazione delle risorse.

Il Rapporto inoltre evidenzia, nellottica del miglioramento continuo, limportanza della

Certificazione Ambientale che Eurosuole possiede e consente di presentare, sia verso lesterno

che verso linterno, la volont aziendale di perseguire uno sviluppo eco-sostenibile.

La tutela dellambiente stata sempre strettamente collegata in Eurosuole alla composizione

dei prodotti, che vuole essere adatta alla nobile funzione a cui le suole sono preposte: essere

indossate dalluomo e spesso essere a contatto diretto con la pelle.

Questo documento evidenzia infine come la certificazione ha, non in ultimo, la funzione di

garantire, soprattutto ai collaboratori e a chi vive vicino agli stabilimenti produttivi, la pi

completa conformit ai requisiti legislativi cogenti in materia ambientale e interagire

positivamente con tutte le normative di igiene e di sicurezza sul lavoro.

Pagina 4 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Lettera dalla Direzione Aziendale Pubblicare il primo Rapporto Ambientale di

Eurosuole per la Direzione Aziendale motivo

di grande piacere e soddisfazione. Allo stesso

tempo unopportunit per riflettere sul

rapporto sempre pi inscindibile fra azienda e

ambiente.

Chi come noi ha scelto di vivere un territorio

nella totalit dei suoi aspetti e, soprattutto, ha

scelto di farvi nascere e crescere i propri figli,

non pu che volerne esaltare e preservare le

peculiarit.

Noi che gestiamo lazienda sappiamo quanto sia

complessa la sua organizzazione, di quanta

dedizione necessiti, quanto sia importante non

trascurarne alcun aspetto.

Riteniamo il Rapporto Ambientale uno strumento innovativo, capace di valorizzare

ulteriormente le organizzazioni che costituiscono eccellenze in tema di qualit e sostenibilit.

Uno strumento di comunicazione che concretizza efficacemente il nostro desiderio di

trasparenza, che ci apre al confronto continuo con i collaboratori, con le istituzioni, i clienti e i

fornitori. a tutti loro e a tutti gli altri interessati che ci rivolgiamo con questo documento,

con la speranza di trasmettere qualit e fiducia, di rafforzare lo spirito di squadra che da

sempre caratterizza la nostra organizzazione, di ricevere suggerimenti e spunti di

miglioramento per le prossime edizioni.

Germano Ercoli Amministratore Unico

Pagina 5 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Abbiamo realizzato questo Rapporto Ambientale con la speranza che si riveli un efficace

strumento di dialogo con gli stakeholders, utile a rafforzare il rapporto fiduciario con la nostra

azienda. Si tratta di un documento ispirato a principi di trasparenza, chiarezza e correttezza,

concepito per comunicare gli obiettivi prefissati, le strategie adottate e gli obiettivi raggiunti,

nel campo della gestione ambientale.

Lattivit di impresa oggi ricondotta al soddisfacimento delle esigenze di un sempre pi

ampio numero di attori, portatori di interessi che travalicano la mera performance economica

per allargarsi alla totalit degli aspetti coinvolti nella gestione aziendale. Lincapacit dei

tradizionali strumenti contabili di offrire una rendicontazione adeguata alle crescenti esigenze

informative, ci ha spinto a realizzare questo nuovo strumento di comunicazione.

Speriamo di aver soddisfatto le aspettative di chi, come noi, vive quotidianamente lazienda

come momento lavorativo e formativo, condividendone appieno i valori pi profondi.

Rosaria Ercoli Responsabile Amministrazione e Finanza Responsabile SGA per la Direzione

Pagina 6 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Profilo Aziendale

Eurosuole: una storia di successi Eurosuole azienda produttrice di suole per calzature. Situata a Civitanova Marche, occupa

una superficie di circa 55.000 m2 di cui 20.000 m2 coperti tra impianti produttivi e uffici.

stata costituita nel 1976 e oggi ha un capitale sociale di 5 milioni di Euro, con un valore della

produzione per lanno 2005 di 34 milioni di Euro in perfetta parit con lanno precedente.

La struttura dotata di un nuovo reparto completamente dedicato alla creazione dei modelli e

allassistenza clienti per lo sviluppo di prototipi in un Centro Stile permanente.

I prodotti La produzione di Eurosuole si

articola su 4 differenti linee:

suole in poliuretano

suole in gomma

suole in gomma/poliuretano

suole in poliuretano bidensit

Lazienda ha una capacit

produttiva di oltre 100.000 paia

giornaliere sfruttata in media

all80%.

Servizio al cliente, qualit e tecnologia sono le leve fondamentali della strategia aziendale

per stabilire un vantaggio competitivo sul mercato globale.

Pagina 7 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Il Poliuretano

Il Poliuretano un polimero atossico di nuova generazione che attraverso particolari

procedimenti chimico-fisici pu essere pi o meno espanso. Questa sua attitudine consente di

ottenere suole con spiccate caratteristiche di leggerezza, flessibilit e isolamento, prodotti

particolarmente indicati per la fabbricazione di sandali, ciabatte e scarpe estive. In Eurosuole

il reparto dedicato allo stampaggio del poliuretano stato completamente automatizzato,

permettendo di raggiungere nuovi parametri di performance in termini di elasticit, velocit e

flessibilit di produzione.

Fig. 1 Il processo produttivo delle suole in poliuretano

Pagina 8 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Nellordine: foto di suola in gomma, in gomma/poliuretano, in poliuretano e in poliuretano bidensit

La Gomma

La gomma un elastomero atossico di origine naturale o sintetica. Viene utilizzata per

realizzare prodotti di alta qualit, che richiedono elevate prestazioni in termini di resistenza

allabrasione, grip e durata nel tempo. Le suole in gomma sono particolarmente indicate nella

fabbricazione di calzature per il tempo libero, nel settore dello sport e per quello

dellantinfortunistica.

Nel 2005 Eurosuole ha effettuato investimenti per 763.000 nel reparto gomma, tra cui

incluso lacquisto di 18 presse ad iniezione e di ulteriori 140.000 per i relativi sistemi

informatici per il potenziamento del reparto stampaggio.

Le suole in Gomma-Poliuretano

Formate da un battistrada in gomma e da una parte superiore in poliuretano, le suole in

GM/PU sono destinate a calzature altamente tecniche, che abbiano lesigenza di associare la

leggerezza di un materiale espanso come il poliuretano alla resistenza di un materiale di alta

qualit e dalle spiccate caratteristiche tecniche come la gomma.

Il Poliuretano Bidensit

Fiore allocchiello della produzione in poliuretano, queste suole possono essere bicolore e

uniscono ai benefici tecnici di un prodotto con maggiore grip la possibilit di soddisfare

esigenze stilistiche pi elevate.

Pagina 9 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Fig. 2 Il processo produttivo delle suole in gomma

Pagina 10 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Fig. 3 La realizzazione di un modello in legno

In Eurosuole la precisione e lefficienza dellautomazione convivono ancora con lestro e la

raffinatezza delle lavorazioni manuali. Questo consente di realizzare prodotti destinati a

differenti tipologie di clientela, tra le quali si annoverano anche i nomi pi prestigiosi della

calzatura Made in Italy.

Fig. 4 Estrazione con robot di una suola in poliuretano

Pagina 11 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Mission Statement

Etica di comportamento, azienda saggiamente amministrata, utili perseguiti per gli

investimenti futuri, per la soddisfazione di azionisti ma anche destinati ad assistenza diretta o

indiretta sul territorio, sono le parole chiave che permettono di configurare Eurosuole come

unazienda socialmente responsabile, attenta e sensibile alle problematiche del contesto della

zona.

Leva strategica del business la valorizzazione dellindividuo: il rispetto assoluto per chi ogni

giorno ha contribuito e contribuisce al successo dellazienda, italiano o straniero che sia, larte

dei rapporti chiari, dei contratti rispettati nei minimi particolari, la capacit di mantenere un

ambiente in cui lamicizia conta ancora parecchio.

Fin dallinizio la vocazione dellazienda stata prioritaria per il mercato italiano ed in

particolare per la clientela con grandi volumi produttivi; grande attenzione quindi per il

Veneto, la Toscana, la Puglia, le Marche, nella sua essenza di marchi affermati o nomi storici

della calzatura. In modo diretto o indiretto, nel tempo, un 20-25% della produzione ha

varcato i confini nazionali

I problemi quotidiani, la concorrenza nel settore e il futuro prossimo fortemente in dubbio,

sono le sfide che ci spingono ad andare avanti, ci aiutano a trovare il coraggio di ribellarci, per

rinnovare il credo nellazienda, convinti che linvestimento continuo nel fashion irresistibile del

Made in Italy, costringer i competitor vicini e lontani ad un logorante inseguimento, con la

quasi certezza che avranno avversa la sorte come il Principe di Persia in Turandot.

Pagina 12 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Etica e Responsabilit Sociale dImpresa

Lamministrazione dellazienda, situata nel contesto di una Citt e di una Provincia

relativamente piccole, fin dallinizio ha avuto una caratterizzazione sociale.

La logica del profitto, spesso associata solo ad egoismo e superbia, ha costituito invece, per

chi ha da sempre amministrato, un motivo fondante per poter tenere un occhio aperto verso

gli altri, e non rimanere rinchiusi all'interno del proprio business.

Grande soddisfazione e orgoglio per questo, e bench nel tempo le risorse generate dal

business siano sensibilmente diminuite, il senso della responsabilit sociale rimasto

inalterato, per non parlare del contributo di idee e della disponibilit di tempo destinati a chi

ha poco a che vedere con le suole.

Un grazie quindi all'AVIS, all'ANFAS, alla PARS, alla CROCE VERDE, per quanto da loro

ricevuto in valori umani, valori che ogni volta hanno rappresentato una molla, una ricarica di

energia per continuare nella gestione dell'impresa.

Un grande insegnamento da consegnare a chi in futuro continuer a perseguire il famoso

sogno di giovent che spinse lamministratore a fondare Eurosuole 30 anni fa.

Pagina 13 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

La Politica Ambientale

Tutela ambientale e Sviluppo Sostenibile

Eurosuole S.p.A. crede che lambiente sia un obiettivo

centrale non solo delle politiche economiche e sociali

ma anche delle attivit industriali : queste parole

(estratte dal documento di Politica Ambientale

Eurosuole, Fig. 5) esprimono chiaramente uno dei

principi guida fondamentali della nostra

organizzazione. La Direzione Aziendale ha sempre

dimostrato una grande attenzione alla tutela

ambientale, cercando di tradurre in comportamenti

concreti ed efficaci, quello che molto spesso rimane

solo un valore astratto.

In Eurosuole laspetto ecologico assume una dimensione totalizzante, trasversale a tutti i ruoli

e le funzioni. Non si tratta semplicemente di destinare risorse finanziarie a uno o pi progetti

ma di sviluppare una cultura aziendale radicata e diffusa, rivolta allobiettivo dello Sviluppo

Sostenibile. Non ci si accontenta di agire nel mero rispetto delle leggi ma si sempre alla

ricerca di nuovi e pi ambiziosi obiettivi, affinch la ricchezza ambientale venga non solo

preservata ma valorizzata e accresciuta. La tutela dellambiente percepita come dovere

etico, come opportunit di maggiore efficienza produttiva, come contributo alla crescita della

comunit in cui limpresa opera.

Seguendo questa filosofia, Eurosuole ha scelto di perfezionare il proprio Sistema di Gestione

Aziendale, attraverso la certificazione ISO 14001. Ladesione allo standard garantisce che i

processi produttivi incidenti sullambiente siano gestiti secondo schemi formali e collaudati,

mantenendo alto e costante il livello di sicurezza.

La politica di Eurosuole nei confronti dellambiente si sempre orientata prevalentemente

verso interventi a monte", attraverso i quali migliorare lintero sistema produttivo. La

direzione aziendale preferisce investimenti sostanziali a misure provvisorie che arginano ma

non risolvono impatti ambientali negativi. Questa politica rivolta anche ad evitare i rischi

interni allo stabilimento che possono derivare da una mancata considerazione per lambiente

Raffaella Gibellieri Responsabile Sistema Gestione Ambientale

Pagina 14 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Fig. 5 La Politica Ambientale di Eurosuole

Pagina 15 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Tutela ambientale e sicurezza sul lavoro

La Direzione ha sempre considerato le risorse umane il punto di forza dellimpresa: sicurezza

sul posto di lavoro, cura dellambiente e del clima aziendale, coinvolgimento nelle scelte

gestionali sono aspetti che caratterizzano profondamente la cultura Eurosuole.

Nella nostra azienda, lutilizzo di prodotti chimici fa si che gestione ambientale, salute e

sicurezza dei dipendenti debbano essere considerati allunisono. Siamo convinti che per

affrontare efficacemente i rischi connessi a tali aspetti, non ci si possa limitare alla mera

osservanza delle leggi ma occorra spingersi oltre, sviluppando tutte le metodiche e gli

strumenti efficaci allo scopo, promuovendo lintroduzione di tecniche e processi innovativi.

Ogni anno Eurosuole investe somme ingenti nella ricerca e sviluppo di soluzioni per la

gestione della sicurezza, la riduzione del rischio chimico e la tutela dellambiente circostante.

Tutti i progetti di miglioramento sono sviluppati tenendo in considerazione gli impatti sulla

qualit del lavoro e sul benessere dei dipendenti. Le numerose innovazioni inserite nel

processo produttivo ci hanno portato a ottimizzare lutilizzo dei prodotti chimici e a contenere i

rischi di incidenti. Grazie anche a una continua azione di formazione e sensibilizzazione del

personale, siamo riusciti a ottenere una drastica riduzione del numero di infortuni (Fig. 6). La

distribuzione di opuscoli e prontuari, gli incontri formativi, lopera costante dei responsabili di

reparto e, soprattutto, limpegno personale dei singoli dipendenti, hanno consentito il

raggiungimento di questi risultati.

Nel Maggio 2005, dieci dipendenti Eurosuole hanno frequentato un corso volontario per

lespletamento dellincarico di addetto alla squadra antincendio per rischio elevato, superando

positivamente lesame di idoneit. Nel Luglio dello stesso anno, altri quindici dipendenti hanno

effettuato volontariamente un corso di formazione per addetti al pronto soccorso aziendale.

Questi eventi ci confermano che siamo riusciti a far maturare, nel pensiero dei lavoratori, il

concetto della sicurezza come bene primario e comune a tutti.

Giorgio Ruffini - Responsabile Sicurezza Prevenzione e Protezione

Pagina 16 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Fig. 6 Gli infortuni in Eurosuole

Anno N. infortuni per causa di lavoro

N. infortuni incidenti in itinere

GG inabilit temporanea

2000 17 3 177

2001 17 1 409

2002 14 6 125

2003 12 6 142

2004 3 4 52

2005 4 2 49

Tabella infortuni

050

100150200250300350400450

2000 2001 2002 2003 2004 2005

Anno

GG

in

ab

ilit

t

em

po

ran

ea

N. infortuni per causadi lavoroN. infortuni incidenti initinere

GG inabilittemporanea

Pagina 17 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Fig. 7 Il Certificato ISO 14001 di Eurosuole aggiornato con la normativa datata 2004

Pagina 18 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Il Sistema di Gestione Ambientale

Il Sistema di Gestione Ambientale (SGA) uno strumento volontario adottabile per

formalizzare la gestione degli aspetti ambientali allinterno delle imprese. Esso si articola

secondo una logica che lega in sequenza le fasi di pianificazione, azione, verifica e correzione,

nella prospettiva del miglioramento continuo delle prestazioni. Ladozione di un SGA consente

di rafforzare la competitivit, aumentando lefficienza organizzativa, riducendo i rischi di

infrazione delle norme e migliorando limmagine pubblica.

Il SGA pu essere implementato facendo riferimento a modelli standard, tra cui, i pi diffusi,

sono quello definito dalla serie di norme ISO 14000 e lEco-Management and Audit Scheme

dellUnione Europea. Entrambi consentono di ottenere una certificazione di conformit

(attestazione di corrispondenza tra sistema realizzato e sistema descritto dalla norma di

riferimento) da parte di organismi appositamente accreditati.

Attualmente Eurosuole lunica azienda del suo settore, a disporre di un SGA certificato

secondo ISO 14001. Il riconoscimento stato ottenuto nel Luglio del 2004, premiando gli

sforzi profusi da tutta lorganizzazione, nella realizzazione di una gestione sostenibile.

Lente certificatore il tedesco TV Rheinland, scelto per la lunga esperienza che vanta nel

settore calzaturiero e in quanto annoverato tra i pi autorevoli a livello internazionale.

Pagina 19 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

La certificazione ha richiesto interventi lungo tutto il ciclo di vita del prodotto, dalla selezione

delle materie prime allo sviluppo di adeguati meccanismi per il recupero o lo smaltimento dei

rifiuti. Questo ha consentito di ottenere notevoli incrementi in termini di efficienza produttiva

e qualit dei prodotti.

Come da norma Eurosuole procede periodicamente al riesame del Sistema di Gestione

Ambientale, alla luce degli audit interni e con lobbiettivo di identificare e attuare possibili

miglioramenti. Tutto ci riflette il desiderio di un impegno continuo nei confronti

dellecosistema e il grande rispetto dei principi sociali ed etici che guidano la propria attivit.

Gestione della rete fornitori: Analisi

Attivit dei Fornitori

Ciclo di vita del prodotto e Gestione

del Sistema Ambientale (SGA)

Progettazione nel rispetto dellambiente:

Selezione Materie prime, Sviluppo prodotto e Tecnologia Produttiva

Gestione Rifiuti: Riutilizzo, Riciclaggio,

Ripristino, Smaltimento

Attivit principale: Fasi di Produzione,

Utilizzo dei prodotti da parte dei Clienti

Pagina 20 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

La Performance Ambientale

Lattenzione nei confronti dellambiente caratterizzata da una preliminare analisi degli

impatti possibili, derivanti dalle processi aziendali. Nello schema seguente, sono riassunti gli

aspetti ambientali considerati allinterno del SGA di Eurosuole, classificati in base al livello di

criticit e, quindi, di attenzione richiesta. Nelle pagine successive, si offre una presentazione

separata degli specifici aspetti.

Fig. 8 Gli aspetti ambientali nel SGA Eurosuole

GESTIONE SOSTANZE

PERICOLOSE

EMISSIONI ATMOSFERICHE

CONSUMO DI MATERIE PRIME,

PRODOTTI E RISORSE NATURALI

GESTIONE RIFIUTI

SCARICHI IDRICI IMPATTO SUL PAESAGGIO E RAPPORTI CON COMUNIT

UTILIZZO E CONTAMINAZIONE DEL SOTTOSUOLO EMISSIONI ACUSTICHE

Pagina 21 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Aria

Le emissioni in atmosfera costituiscono limpatto pi rilevante dellattivit produttiva svolta da

Eurosuole. I punti di emissione pi significativi sono quelli dei reparti poliuretano e finissaggio,

per questo viene tenuta sotto stretto controllo la quantit di vernice utilizzata e la qualit.

La volatilit dei solventi rende questo aspetto di complessa gestione, per questo Eurosuole

alla continua ricerca di metodi produttivi che portino ad una sempre maggiore diminuzione di

SOV.

Lautorizzazione alle emissioni stata rilasciata dalla provincia di Macerata con il N 208/XIV

DEL 14.05.2004 protocollo n. 36240 data 14.05.2004 doc. n.01322.

La domanda di autorizzazione era stata presentata in data 26/06/1989 ai sensi dellart. 12 del

DPR 203/1988, con ulteriore progetto di adeguamento in data 25/07/91.

Nel corso del 2005 con lentrata in vigore DM 44/2004 lazienda gestisce un piano gestione

solventi che consente un monitoraggio continuo sui consumi degli stessi (Fig. 9).

Pagina 22 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Fig.9 I consumi di materie prime nel 2005

CATEGORIA MATERIE PRIME UM QUANTIT MATERIE

PRIME

QUANTIT SOV

CONTENUTI

ADDITIVI KG 3.787 1.539

COLORANTI KG 860 69

PIGMENTI KG 12.487 5.931

RESINE KG 44.924 34.247

SOLVENTI KG 171.052 170.999

VERNICI KG 25.914 12.432

DISTACCANTI KG 50.254 41.141

VERNICE CEDUTA A TERZI KG -84.380 -74.676

TOTALE CONSUMI KG 224.898 191.682 Fig. 10 Le emissioni in atmosfera

INDICATORE 2003 2004 2005

Quantit di solvente utilizzato al paio

gr solventi/ paia suole prodotte

17,9 19,2 19,9

Quantit totale di vernice

utilizzata

Kg mp vernici 268,915 226,380 247,934

SOV su vernice utilizzata % n.r. 91,7% 86,38%

Manutenzioni straordinarie impianti abbattimento

emissioni N interventi 1 1 2

Per le sempre pi sofisticate esigenze del mercato, Eurosuole sviluppa ogni anno un numero

sempre crescente di proposte stilistiche. Durante lanno 2005 sono quindi state create suole

dalle molteplici finiture, ma nello stesso tempo la percentuale di SOV utilizzato sulla quantit

di vernice totale diminuita.

Questo a significare il sempre maggiore utilizzo di vernici ad acqua e la migliore qualit delle

stesse per il prodotto e per lambiente.

Pagina 23 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Acqua

In situazioni di normale svolgimento dellattivit produttiva, limpatto sulle acque non

significativo in quanto lazienda opera a ciclo chiuso con continuo riutilizzo delle stesse, che

quando non pi utilizzabili vengono raccolte da aziende autorizzate e smaltite come rifiuti.

Per lutilizzo di sostanze pericolose, particolare attenzione stata posta nella manipolazione

delle materie e dei prodotti in corso di lavorazione, fornendo istruzioni operative specifiche e

adeguati corsi di formazione per il personale preposto, per evitare o arginare impatti

ambientali in caso di sversamenti o di situazioni di emergenza.

Eurosuole orgogliosa di poter dire che nessun incidente da rilevare.

Per prevenire comunque eventuali sversamenti la Direzione Aziendale ha inoltre provveduto

alla riorganizzazione degli stoccaggi con efficaci sistemi di pronto intervento.

Fig. 11 Indicatori per gli scarichi reflui

INDICATORE 2003 2004 2005

Contaminazione degli scarichi acque

bianche per eventi di emergenza

N eventi di contaminazione degli

scarichi 0 0 0

Pagina 24 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Terra

Per le sostanze pericolose e i possibili sversamenti delle stesse, lintero stabilimento stato

fornito di kit di primo intervento per arginare eventuali problemi.

I rifiuti rivestono sempre pi importanza nella gestione dellambiente.

Gestire i rifiuti significa per Eurosuole non solo ridurre gli sprechi ma anche avere coscienza di

quanto una buona gestione degli stessi argini limpatto che possono avere sullambiente. Per

questo Eurosuole impegnata in una ricerca continua di soluzioni per il recupero dei rifiuti.

Ordine e pulizia sono visti in azienda come strumenti di sicurezza.

Gli stoccaggi delle materie prime

liquide sono tenuti sotto stretto

controllo e provvisti di specifici

bacini di contenimento.

Nel reparto Poliuretano ad esempio

dopo il travaso nei serbatoi (foto)

le materie prime vengono gestite

tramite una linea di automatica di

alimentazione delle macchine

rotative di produzione che ne

elimina il rischio sversamento.

Pagina 25 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Fig. 12 Indicatori sostanze pericolose e rifiuti

INDICATORE 2003 2004 2005 Interessamento del suolo per eventi di

emergenza

N eventi di emergenza sul suolo

nr 2* 2*

Presenza e uso sostanze pericolose

Kg mp pericolose 3.603.317 3.468.801 3.267.566

Produzione di rifiuti gr/paia suole prodotte 114,63 123,76 137,42

Produzione rifiuti pericolosi

gr/paia suole prodotte 19,20 20,47 19,45

Rifiuti avviati al recupero

% rifiuti avviati al recupero rispetto al

totale dei rifiuti prodotti

87,98% 87,23% 87,20%

Dal recupero della quasi totalit del rifiuti prodotti alla diminuzione della presenza di sostanze pericolose. Eurosuole ha progressivamente ridotto la quantit di sostanze pericolose

* Fig. 13 Legenda eventi interessamento suolo

Data di rilevazione

Area della NC

Tipo di Non Conformit

Descrizione della NC

02/07/2004 Gestione sostanze pericolose

Emergenza (NC ambientale)

Sversamento parziale di un fustino di vernice sulsuolo con ridotto interessamento di un tombino

di raccolta

11/11/2004 Gestione sostanze pericolose

Operativa (NC ambientale)

Sversamento di un fusto di pasta colore per PU (prodotto non pericoloso)

25/03/2005 Gestione sostanze pericolose

Emergenza (NC ambientale)

Una momentanea interruzione dell'energia elettrica ha causato la disattivazione i sistemi di controllo delle celle di carico sfasando la pompa e causando la fuori uscita di resina PU nel bacino

di contenimento

15/07/2005 Gestione sostanze pericolose

Osservazione In fase di carico di poliolo (non pericoloso) l'autista del mezzo ha notato che n. 2 fusti perdevano lungo la giunzione di saldatura

Pagina 26 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

TABELLA GESTIONE RIFIUTI

codice CER

descrizione stato fisico

Pericolo-sit

origine del rifiuto

luogo di deposito

q.t max

autoriz-zata

frequenza produzione

rifiuto

frequenza conferimento

a terzi

Destina-zione

150104 Imballaggi in

metallo solido non

polverulentonessuna

stampaggio PU

formulazione vernici

piazzale nord

stocc. Z1 R13, R4

150104 Contenitori in

metallo solido non

polverulentonessuna

stampaggio PU

formulazione vernici

piazzale lato nord corpo D

stocc. Z5

kg 6000 giornaliera raggiungimento

qt trasportabile

R13, R4

150102 Imballaggi in

plastica solido non

polverulentonessuna

da qualsiasi attivit

piazzale nord

stocc. Z1 kg 5000 giornaliera

raggiungimentoqt

trasportabile R13, R3

150106

Cartucce per stampanti laser,

inkjet, aghi (imballaggi in

plastica)

solido non polverulento

nessuna uffici centralino occasionale raggiungimento

qt significativa

R5

150101 Imballaggi in carta

e cartone solido non

polverulentonessuna

da qualsiasi attivit

container lato sud corpo C

stocc. Z3

kg 2500 giornaliera riempimento

container stoccaggio

R13, R3

150103 Imballaggi in

legno solido non

polverulentonessuna

da qualsiasi attivit

piazzale sud

stocc. Z4 kg 5000 giornaliera

raggiungimentoqt

trasportabile R13, R3

150106 Imballaggi in materiali misti

solido non polverulento

nessuna

stampaggio PU

officina manutenzioni

piazzale nord

stocc. Z1 giornaliera

raggiungimentoqt

trasportabile R13

170405 Ferro e acciaio solido non

polverulentonessuna

da qualsiasi attivit

piazzale nord

stocc. Z1 kg 5000 occasionale

riempimento container stoccaggio

R13, R4

170402 Alluminio solido non

polverulentonessuna

stampaggio PU

piazzale nord

stocc. Z1

kg 2000

occasionale occasionale R13

070299

Scarti di GM sintetica

(rifiuti non specif. altrimenti)

solido non polverulento

nessuna finissaggio stampaggio

GM

piazzale nord

stocc. Z5

kg 15000

giornaliera settimanale R3

070299 Scarti in PU

(rifiuti non specif. altrimenti)

solido non polverulento

nessuna stampaggio

PU

piazzale nord

stocc. Z1 kg 5000 occasionale occasionale R13

070299 Scarti di GM e PU (rifiuti non specif.

altrimenti)

solido non polverulento

nessuna

finissaggio stampaggio

PU stampaggio GM mescoli

container lato nord corpo C

stocc. Z1

kg 10000 R13 kg 15000 D15

giornaliera giornaliera R13

080112

Pitture in polvere e vernici di scarto (diversi dalla voce

080111*)

solido non polverulento

nessuna finissaggio piazzale

nord stocc. Z1

kg 8000 giornaliera riempimento

container stoccaggio

D9

070215 Additivo di pulizia

sporco liquido nessuna

stampaggio PU

piazzale est

stocc. Z2

kg 25000

ogni 2 mesi ogni 2 mesi R13

160214

Apparecchiature fuori uso (diversi

dalla voce 160209* e 160213*)

solido non polverulento

nessuna uffici palazzina

uffici corpo B

occasionale occasionale R13

Pagina 27 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

codice CER

descrizione stato fisico

Pericolo-sit

origine del rifiuto

luogo di deposito

q.t max

autoriz-zata

frequenza produzione

rifiuto

frequenza conferimento

a terzi

Destina-zione

070217

Olio di silicone (rif. contenenti silicone diversi

dalla voce 070216*)

liquido nessuna lavatrici

zona rifiuti

pericolosistocc. Z5

kg 3000 settimanale mensile D9

150203 Materiali filtranti solido non

polverulentonessuna lavatrici

zona rifiuti

pericolosistocc. Z5

settimanale raggiungimento

qt significativa

D9

150203 Stracci, Materiale

Assorbente solido non

polverulentonessuna

rep. finissaggio e eventuale materiale

assorbente utilizzato

zona rifiuti

pericolosistocc. Z5

settimanale raggiungimento

qt significativa

D9

130205*

Olio esausto (scarti olio

minerale per motori, ingranaggi

non clorurati)

liquido

H04,H05,H06,H07,

H08, H13, H14,

H3A, H3B

officina manutenzioni

zona rifiuti

pericolosistocc. Z5

< 500 kg

10 M3 occasionale occasionale R13

130105*

Acqua emulsionata

(emulsioni non clorurate)

liquido H14 stampaggio

GM lavaggio

serbatoio n. 1

adiacenteofficina

giornaliera mensile D9

140605*

Morchie di verniciatura

(fanghi contenentialtri solventi)

liquido H3A, H04finissaggio

formulazione vernici

giornaliera mensile D9

140603*

Rifiuto di primer (altri solventi e

miscele di solventi)

liquido H3A, H08 finissaggio giornaliera mensile D9

140605*

Morchie di distillazione(fanghi

contenenti altri solventi)

fangoso palabile

H3A distillazione giornaliera mensile D9

080117*

Residui di verniciatura e paste colori (fanghi dalla rimozione di

pitture e vernic. contenenti

solventi org. e altre sost.)

solido non polverulento

H3B, H10finissaggio stampaggio

PU giornaliera mensile D9

080409*

Adesivo di scarto (adesivi e sigillanti

di scarto, cont. solv. org. e altre

sost. peric.)

liquido H3A finissaggio giornaliera mensile D9

160601*Batterie al piombosolido non

polverulento

H04,H05,H06,

H08, H13

officina manutenzioni

occasionale occasionale R13

150110*Imballaggi pericolosi

solido non polverulento

H04,H05,H14

formulazione vernici

zona rifiuti

pericolosistocc. Z5

10 M3

occasionale occasionale D9

Pagina 28 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Energia

Consapevoli della lungimiranza di una politica rivolta al risparmio delle fonti energetiche, in

Eurosuole vengono gestiste meticolosamente le risorse utilizzate: Energia Elettrica Gas

Metano Acqua di pozzo. Per le risorse naturali viene effettuato un costante monitoraggio del

loro utilizzo insieme alla ricerca continua di riduzione dei consumi (Fig. 14).

Fig 14 I consumi di risorse

Consumi 2003 2004 2005

Energia Elettrica kWh 8.441.849 7.731.268 7.353.220

Metano m3 841.736 711.404 689.454

Acqua da acquedotto m3 5.852 3.288 3.820

Acqua da pozzo m3 37.136 34.447 25.932

Pagina 29 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Metano

0

200.000

400.000

600.000

800.000

1.000.000

2003 2004 2005

anno

MC Metano m3

Energia Elettrica kWh

6.800.0007.000.0007.200.0007.400.0007.600.0007.800.0008.000.0008.200.0008.400.0008.600.000

2003 2004 2005

anno

kW/h

Energia Elettrica kWh

Consumo di acqua

05.000

10.00015.00020.00025.00030.00035.00040.000

2003 2004 2005

anno

MC

Acqua da acquedottom3

Acqua da pozzo m3

Pagina 30 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Progetti di miglioramento

a) Progetti di Miglioramento attivati nellambito

della Certificazione Ambientale

La scelta volontaria della certificazione ambientale ha comportato, per Eurosuole, limpegno

ad apportare una serie di migliorie, atte a rendere il proprio SGA conforme alle specifiche

previste dalla ISO 14001. Questo impegno si concretizzato in una serie di Progetti di

Miglioramento (PM), alcuni dei quali sono gi stati conclusi con successo mentre altri sono

ancora in fase di attuazione (pur avendo prodotti risultati sufficienti allottenimento della

certificazione). Nelle pagine che seguono, se ne offre una sintetica panoramica.

PM 01

Obiettivi: riduzione/sostituzione e miglioramento qualitativo, dei prodotti contenenti

sostanze pericolose (cfr. PM 05.2).

Descrizione del progetto: sulla base delle normative Europee sulle sostanze

pericolose del settore calzaturiero, la Direzione Aziendale ha voluto approfondire

lanalisi dei componenti di ogni prodotto in entrata, ampliando lelenco di sostanze

pericolose da tenere sotto controllo. Questo Progetto di Miglioramento ha inciso

profondamente sui processi produttivi e organizzativi, in quanto ha riguardato tutte le

materie prime acquistate. Questo significa che ogni suola prodotta priva di qualsiasi

sostanza classificata come cancerogena, mutagena o teratogena, nella piena

consapevolezza del ruolo che le calzature rivestono quotidianamente, per la salute

della persona.

Tempi di attuazione: Gennaio 2004 - Maggio 2005 (concluso)

Risultati raggiunti: Dichiarazioni sottoscritte da tutti i fornitori

Nella tabella a seguire viene riportata la lista delle sostanze pericolose con i relativi limiti che

ogni materia prima deve rispettare.

Pagina 31 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Politica Eurosuole per il controllo e il monitoraggio delle sostanze pericolose

Prescrizioni legislative

Sostanza Abbreviazione Valore limite di soglia Metodo di analisi

Monobutyltin Dibutyltin

MBT DBT

1 ppm With carbamate

acc. to DIN 38407-13

Tributyltin TBT n.d.

(det. Limit < 0.05 ppm) With carbamate

acc. to DIN 38407-14

Antimony 2 ppm DIN EN ISO 105-e04

in acid solution Pentachlorophenole PCP 0,5 ppm extraction with KOH

Tetrachlorophenole TeCP 0,5 ppm extraction with KOH o-phenyl-phenole o-PP 100 ppm extraction with KOH

Azo-amines (in accordo con annex 1)

30 ppm polyesters: 35 LMBG 82.2-4 / EN 14362-

2:2003

Cadmium 0,1 ppm DIN EN ISO 105-e04

in acid solution Chrome VI 3 ppm acc. DIN 53314

Formaldehyde 75 ppm JapanLaw 112

Nickel prohibited pR EN 12 471 Abs.

5,3,1

Arsenic 1 ppm DIN EN ISO 105-e04

in acid solution

Chrome Total 2 ppm DIN EN ISO 105-e04

in acid solution

Lead 1 ppm DIN EN ISO 105-e04

in acid solution

Mercury 0,02 ppm DIN EN ISO 105-e04

in acid solution

Copper 50 ppm DIN EN ISO 105-e04

in acid solution

Cobalt 4 ppm DIN EN ISO 105-e04

in acid solution

Ulteriori prescrizioni adottate volontariamente da Eurosuole

Sostanza Classe Valore limite di soglia

Ritardanti di fiamma (in accordo con annex 2) not detectable

ftalati (in accordo con annex 3) 500 ppm

coloranti (in accordo con annex 4) not detectable

toluene pericoloso 1%

xylene pericoloso 1%

benzene tossico cancerogeno

-

phenol tossico 10 ppm

methylphenole tossico 0,1%

Pagina 32 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Annex 1: Lista di ammine aromatiche non consentite

Nome Numero CAS 4-aminobiphenyl 92-67-1

3,3'-dimethyl-4,4'-diaminodiphenylmethane 838-88-0

benzidine 92-87-5 p-cresidine 120-71-8 4-chlor-o-toluidine 95-69-2 4,4'-methylen-bis(2-chloraniline) 101-14-4 2-naphthylamine 91-59-8 4,4'-oxydianiline 101-80-4 o-aminoazotoluene 97-56-3 4,4'-thiodianiline 139-65-1 2-amino-4-nitrotoluene 99-55-8 o-toluidine 95-53-4 p-chloraniline 106-47-8 2,4-toluylendiamine 95-80-7 2,4-diaminoanisole 615-05-4 2,4,5-trimethylaniline 137-17-7 4,4'-diaminodiphenylmethane 101-77-9 2,4-dimethylaniline 95-68-1 3,3'-dichlorbenzidine 91-94-1 2,6-dimethylaniline 87-62-7 3,3'-dimethoxybenzidine 119-90-4 2-methoxyaniline (= o-anisidine) 90-04-0 3,3'-dimethylbenzidine 119-93-7 4-aminoazobenzole 60-09-3

Annex 2 : Lista dei ritardanti di fiamma non consentiti

Nome Abbreviazione

Tris-(azirinidyl)-phosphinoxid TEPA

Brominated or chlorinated flame retardants e.g. PBB TRIS

Pagina 33 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Annex 3: Lista degli Ftalati non consentiti

Nome Abbreviazione Numero CAS Di-Iso-nonylphthalate DINP 28553-12-0 Di-n-octylphthalate DNOP 117-84-0 Di(2-ethylhexyl)-phtalate DEHP 117-81-7 Diisodecylphthalate DIDP 26761-40-0 Butylbenzylphthalate BBP 85-68-7 Dibutylphthalate DBP 84-74-2

Annex 4: Lista dei coloranti non consentiti

Nome Abbreviazione Numero CAS C.I. (color index) disperse blue 1 DB 1 2475-45-8 64500 disperse blue 35 DB 35 12222-75-2 - disperse blue 106 DB 106 12223-01-7 - disperse blue 124 DB 124 61951-51-7 - disperse yellow 3 DG 3 2832-40-8 11855 disperse orange 3 DO 3 730-40-5 11005 disperse orange 37 / 59 / 76 * DO 37 12223-33-5 - disperse red 1 DR 1 2872-52-8 11110 disperse blue 3 DB 3 2475-46-9 61505 disperse blue 7 DB 7 3179-90-6 62500 disperse blue 26 DB 26 - 63305 disperse blue 102 DB 102 - - disperse yellow 1 DG 1 - 10345 disperse yellow 9 DG 9 6373-73-5 10375 disperse yellow 39 DG 39 - - disperse yellow 49 DG 49 - - disperse orange 1 DO 1 2581-69-3 11080 disperse red 11 DR 11 2872-48-2 62015 disperse red 17 DR 17 3179-89-3 11210 navy blue consists of: Dinatrium-(6-(4-anisidino)- 3-sulfonato-2- (3,5-dinitro-2-oxidophenylazo) -1-naphtolato)(1-(5-chlor-2- oxidophenylazo)-2- naphtolato)chromat(1-); Trinatrium bis(6-(4-anisidino)- 3-sulfonato-2-(3,5-dinitro-2- oxidophenylazo)-1- naphtolato)chromat(1-)

navy blue Component 1: 118685-33-9 C39H23ClCrN7O12S.2 Na Component 2: C46H30CrN10O20S2.3 Na

Index-Nr.:

611-070-00-2

EG-Nr.:

405-665-4

* disperse orange 59 and disperse orange 76 are synonyme names for disperse orange 36

Pagina 34 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

PM 02

Obiettivi: Riduzione delle tipologie di rifiuti prodotti e aumento della quantit di rifiuti

avviati al recupero (scarti lavorazione del poliuretano).

Descrizione del progetto: in considerazione della significativa quantit di rifiuto di

poliuretano, si avviato un progetto di ricerca di invio ad operazioni di recupero degli

stessi.

Tempi di attuazione: da Settembre 2003 (in corso)

Risultati raggiunti: con liscrizione al portale di scambio informazioni tra produttori e

utilizzatori di rifiuti (Borsarifiuti.com) si sono ottenuti diversi contatti con ditte

interessate alla ricerca di utilizzo del rifiuto. Sono state effettuate delle prove

maggiormente orientate al recupero energetico, ma non ancora stato trovato un

sistema di recupero economicamente conveniente.

PM 03

Obiettivi: riduzione delle emissioni di SOV, attraverso sistemi di abbattimento o

tecnologie alternative che ne riducano lutilizzo.

Descrizione del progetto: Valutazione circa lopportunit di adottare ulteriori sistemi

di abbattimento delle emissioni con analisi delle tecnologie presenti sul mercato capaci

di abbattere SOV, considerando la struttura produttiva aziendale e sperimentazione di

vernici ad acqua o prodotti alternativi nel finissaggio delle suole per valutare lefficacia

e la possibilit di un utilizzo sistematico nella produzione industriale.

Tempi di attuazione: Gennaio 2004 Giugno 2004 (concluso)

Risultati raggiunti: grazie al positivo riscontro dei primi prodotti verniciati a base

dacqua, si concordato di proseguire il PM 03 nel progetto PM 04 sullapplicabilit

della vernice ad acqua e quindi implementare la fattibilit anche ad altre tipi di finiture,

dedicando energie alla valutazione accurata di tutte le fasi di preparazione della

superficie da verniciare.

Pagina 35 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

PM 04

Obiettivi: Riduzione delle emissioni di SOV, attraverso la crescente introduzione di

sistemi di verniciatura ad acqua

Descrizione del progetto: riduzione delle emissioni di sov con la ricerca rivolta

allintroduzione sistemi di verniciatura ad acqua.

Tempi di attuazione: da Settembre 2004 (in corso)

Risultati raggiunti: Diminuzione acquisti prodotti per verniciatura a solvente. La

percentuale varia mensilmente anche in base agli articoli in produzione e nel 2005 si

attesta con grande soddisfazione su una media annuale del 17%.

Fig. 15 Quota di suole verniciate ad acqua

Trend mensile verniciatura ad acqua

Mese %*

Gennaio 5,17

Febbraio 8,31

Marzo 6,85

Aprile 6,82

Maggio 12,98

Giugno 10,72

Luglio 43,35

Settembre 22,53

Ottobre 27,95

Novembre 14,60

Dicembre 24,29 *%: suole verniciate ad acqua sul totale

Trend mensile verniciatura ad acqua

05

101520253035404550

Genn

aio

Febb

raio

Marzo

Aprile

Magg

io

Giug

noLu

glio

Sette

mbre

Ottob

re

Nove

mbre

Dicem

bre

mesi

% % suole vernciate H2O

Pagina 36 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Il fine nobile stimola limpegno e aguzza l'ingegno

Queste due note espressioni storicofilosofiche stanno alla base dello studio e sviluppo dei

sistemi di verniciatura ad H2O applicati al finissaggio delle materie plastiche ed in questo caso

alle suole in PU.

La prima rappresenta lo stimolo di avvicinamento all'argomento dettato da restrizioni

normative sulle emissioni in atmosfera di sostanze organiche volatili, responsabili oramai

inconfutabilmente di livelli di inquinamento dell'ambiente che hanno prodotto sensibili

sbandamenti degli equilibri naturali, sia nell'aspetto metereologico sia in quello pi

direttamente sanitario.

La seconda associata alla ricerca di un valore ideale che ispira ed attiva lo sforzo

nell'affrontare una problematica onerosa sia dal punto di vista tecnicoapplicativo, sia dal

punto di vista economico, necessitando di investimenti in attrezzature tecnico-operative

supplementari, ed inoltre implicando un costo aggiuntivo per i sistemi ad acqua rispetto a

quelli tradizionali a solvente.

In terzo luogo direi che si maturato nel settore specifico della calzatura ed in particolare

nella nostra azienda, quel livello di priorit rivolto alla qualit, intesa anche come qualit della

vita delle persone che operano all'interno e altre che vivono all'esterno dei siti produttivi,

che impone la ricerca di un equilibrio tra questi e l'ambiente circostante, nella direzione di

salvaguardare al massimo l'integrit dello stesso minimizzando l'impatto deteriorativo legato

ai cicli produttivi ed alle sostanze pi o meno nocive impiegate.

L'insistenza suadente e determinata della Direzione Aziendale, sottolineando continuamente

ed avvalorando il grosso vantaggio ambientale e quindi salutare derivante dall'impiego di

vernici ad acqua, che doveva premiare il maggior sforzo ed attenzione richiesti, si tradotta

in una accettazione convinta e abbastanza spontanea del maggior onere, da parte degli

operatori alla verniciatura.

Non sono mancati naturalmente piccoli e contenuti incidenti di percorso, fortunatamente poco

significativi e superati agevolmente.

Si deciso di avviare un vero e proprio progetto per la progressiva sostituzione delle classiche

vernici a solvente con le pi ecologiche a base acqua.

Grazie all'evoluzione tecnologica-organizzativa del reparto stampaggio e lavaggio,

attualmente lutilizzo di vernici ad acqua riguarda un buon 70% della produzione verniciata,

realizzata con finiture a due o pi mani.

Si avviata dunque una produzione continuativa di finiture con impiego costante di vernici ad

acqua. Il criterio adottato per l'introduzione progressiva di tali vernici stato quello di

individuare le finiture che interessassero commesse pi copiose e ripetitive, per procedere

quindi a scalare con quelle pi esigue e saltuarie.

Pagina 37 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Da sottolineare a questo punto l'enorme impegno richiesto a livello di formulazione per

controtipare finiture gi avviate con vernici a solvente, che offrono un risultato estetico

superiore.

Dopodich ad iniziare dal 2005 si provveduto a realizzare nuove finiture con vernici ad

acqua e ad introdurle gi a livello di proposta di nuovi campioni, che una volta approvati,

automaticamente proiettavano in produzione la nuova finitura, superando la difficolt

dell'imitazione precedentemente citata.

Ultima notazione da esporre, riguarda la difficolt di ottenere in modo pi cospicuo e veloce

l'avanzamento della porzione di produzione eseguita con l'impiego di vernici ad acqua rispetto

alle classiche a solvente, legata al particolare momento che sta vivendo il mercato delle suole

ed in generale della calzatura, indirizzato verso un frazionamento sempre pi marcato delle

commesse ed un moltiplicarsi sempre pi frenetico del numero di finiture richiesto. Esaurito

anche questo obiettivo, si pu ipotizzare di affrontare una terza direzione, ancora non

menzionata, che quella dell'impiego totale di vernici ad acqua.

Per concludere doveroso sottolineare l'importanza che ha avuto, per il raggiungimento dei

risultati attuali, la forte determinazione tecnica, ma non di meno la fiducia e la collaborazione

da parte della Direzione Aziendale, ed infine l'impegno di tutte le persone che si sono trovate

a subire le non poche difficolt che l'attuazione del progetto ha richiesto e richieder per il

futuro.

Giovanni Cavalieri - Responsabile Reparto Verniciatura

Fig. 16 La verniciatura a spruzzo

Pagina 38 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

PM 05.1

Obiettivi: Introduzione di un sistema di monitoraggio dei costi sostenuti in ambito

ambientale

Descrizione del progetto: in ambito amministrativo, si provveduto ad un

aggiornamento del sistema di contabilit in modo da poter rilevare in maggior dettaglio

tutti i costi sostenuti e gli investimenti effettuati nel corso dellesercizio per il rispetto

dellambiente. I costi non includono le quote ammortamento dei macchinari e degli

impianti acquistati nei progetti di miglioramento ambientale.

Tempi di attuazione: Anno 2004 e 2005

Risultati raggiunti: Monitoraggio dei costi e degli investimenti sostenuti in campo

ambientale

Fig. 17 Tabella Costi

Fig. 18 Tabella Investimenti

INDICATORE 2004 2005 acqua 1.865 1.855

aria 36.794 36.490

sicurezza 43.646 23.219

suolo 6.413 -

Costi per categoria

generico 23.021 6.501

totale 111.739 68.065

INDICATORE 2005 generico 57.151

risorse naturali 56.500

suolo 74.325

sicurezza 25.493

Investimenti per categoria

totale 213.469

Pagina 39 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

PM 05.2

Obiettivi: Implementazione di un sistema elettronico di gestione delle schede di sicurezza dei prodotti utilizzati.

Descrizione del progetto: Il monitoraggio di tutti i prodotti in ingresso come previsto

dal PM 01 viene effettuato attraverso linserimento a sistema delle caratteristiche

principali delle materie prime acquistate fin dallentrata in magazzino del campione. La

relativa scheda di sicurezza viene catalogata in base alle principali informazioni in essa

contenute in modo che la consultazione delle stesse risulti agevole e immediata in caso

di necessit. Nel programma viene anche identificato il luogo di stoccaggio del

prodotto. Oltre ai prodotti di nuovo utilizzo, sono state caricate a sistema tutte le

schede dei prodotti gi utilizzati. Il sistema in aggiornamento continuo. Esempio di

una videata del programma implementato.

Tempi di attuazione: Anno 2005

Risultati raggiunti: Completezza e immediata disponibilit di informazioni contenute

nelle schede di sicurezza di tutti i prodotti utilizzati in Eurosuole. Ulteriori informazioni

riguardo luoghi

Fig. 19 Catalogazione di una scheda di sicurezza (vernice allacqua)

Pagina 40 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

b) Progetti di miglioramento gi attivati negli anni

precedenti la certificazione

Nel corso degli anni, la politica aziendale di Eurosuole stata sempre rivolta al miglioramento

continuo delle prestazioni ambientali. Ancor prima di intraprendere il percorso della

certificazione ambientale, lazienda si distinta nellimplementazione di processi produttivi

eco-compatibili. Di seguito si presentano gli interventi pi significativi, tralasciando la

moltitudine di accorgimenti e piccole migliorie che da sempre contraddistinguono il modo di

operare di Eurosuole.

Pagina 41 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Lintroduzione delle lavatrici ad acqua

A partire dal 1999, Eurosuole ha iniziato un lavoro di progressivo ammodernamento del

reparto lavaggio, con lobiettivo di introdurre nuove tecnologie pi rispettose dellambiente.

Gli investimenti dedicati alla ricerca hanno portato allo sviluppo di metodi di lavaggio ad

acqua delle suole e al progressivo abbandono delluso di organo-alogenati. Concretamente,

questo si tradotto nellacquisto delle prime due lavatrici ad acqua nel 2000 e delle seconde

due nel 2001 (Fig. 20).

Fig. 20 Una delle lavatrici ad acqua in funzione

Pagina 42 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Esclusione dei solventi organo-alogenati dai processi produttivi

Gli organo-alogenati sono sostanze tradizionalmente utilizzate nelle operazioni di lavaggio,

nella produzione di vernici e nella pulizia dei macchinari per lo stampaggio di suole in PU.

Data la loro potenziale pericolosit per la salute e lambiente, dalla seconda met degli anni

90, Eurosuole si impegnata a ridurne progressivamente lutilizzo. Nel 2002 lazienda ha

raggiunto lobiettivo della completa esclusione degli organo-alogenati dai propri processi

produttivi, rinunciando anche allacquisto di materie prime e semilavorati che ne

contenessero al loro interno anche minime percentuali di concentrazione. (Fig. 21).

Fig. 21 Consumi di solventi organo-alogenati o clourati

Consumi 1997 1998 1999 2000 2001 2002

Clorurometilene Kg 109.870 102.312 150.180 106.380 95.040 0

Dicloropropano Kg 19.734 8.000 0 0 0 0

Percloroetilene Kg 153.930 136.520 132.000 109.230 0 0

Abbandono solventi organo-alogenati

020.00040.00060.00080.000

100.000120.000140.000160.000180.000

1997 1998 1999 2000 2001 2002

anno

Kg

SOLVENTECLORUROMETILENE SOLVENTEDICLOROPROPANO

SOLVENTEPERCLOROETILENE

Pagina 43 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Lautomazione del Reparto Stampaggio Poliuretano

Lautomazione del reparto realizzata nel 2002 ha portato al rinnovamento dellintero processo

produttivo, con vantaggi dal punto di vista dellefficienza, della sicurezza e della compatibilit

ambientale (Fig. 22). Il parco serbatoi presente in questo reparto stato completamente

rinnovato, con lintroduzione di nuovi impianti e bacini di contenimento (Fig. 23). La

costruzione di una rete di tubazioni ha permesso il collegamento diretto delle macchine ai

serbatoi del poliuretano. Questo ha permesso di eliminare gli spostamenti manuali della

materia prima, abbattendo i rischi di emissioni e di rovesciamento.

Fig. 22 Automazione e pulizia nel Reparto Stampaggio Poliuretano

Fig. 23 Stoccaggio in sicurezza delle materie prime Poliuretano

Pagina 44 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Considerazioni conclusive

Convinti che gli strumenti di prevenzione e gli interventi a monte costino meno e siano pi

efficaci rispetto agli strumenti di correzione e agli interventi a posteriori, Eurosuole vuole

condividere con lesterno la propria politica basata su iniziative che vanno al di l delle

prescrizioni di legge.

Crediamo infatti che il rispetto delle normative gi in vigore sia solo il primo passo, a cui

facciamo seguire lattuazione di iniziative ulteriori, che anticipino la legislazione.

La Certificazione Ambientale ha visto la partecipazione di tutto il team Eurosuole, ed con il

contributo di ciascuno che si potuto intraprendere un processo di miglioramento continuo.

Un grazie a tutti coloro che hanno condiviso con noi questo percorso; un grazie particolare ai

nostri collaboratori interni ed esterni, ai fornitori, agli enti preposti al controllo e agli enti

territoriali. Un omaggio ai nostri clienti con i quali vorremo valorizzare i risultati.

Un appuntamento inoltre a tutti gli interessati che vogliano visitare il nostro stabilimento, per

una giornata Porte Aperte che organizzeremo a fine estate 2006.

Germano Ercoli

Amministratore Unico

Pagina 45 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Glossario Accountability Concetto che esprime il dover render conto, a tutti gli

stakeholders, degli obiettivi perseguiti, delle strategie adottate e dei risultati raggiunti nella gestione dellimpresa.

Ambiente Contesto generale comprendente laria, lacqua, il terreno,

le risorse naturali, la flora, la fauna, gli esseri umani e le loro interrelazioni. Lambiente il contesto con il quale ogni individuo od organizzazione si trova ad interagire.

Aspetto ambientale Elemento delle attivit, dei prodotti o dei servizi di

unorganizzazione che pu interagire con lambiente. Un aspetto ambientale significativo quello che pu avere un impatto ambientale significativo.

Audit ecologico Applicazione di criteri ambientali, a una decisione di

investimento. CSR Corporate Social Responsibility (Responsabilit Sociale

dellImpresa). Il Libro Verde della Commissione Europea Promuovere un quadro europeo per la responsabilit sociale delle imprese parla di integrazione volontaria delle preoccupazioni sociali ed ecologiche delle imprese nelle loro operazioni commerciali e nei loro rapporti con le parti interessate. La CSR implica una forma di governance allargata, per la quale limpresa diventa responsabile di tutti i suoi stakeholders.

DIR Rappresentante della Direzione per il SGA: allinterno di

unorganizzazione il soggetto incaricato dallalta Direzione che deve assicurare che lSGA sia attuato e mantenuto attivo. Deve riferire allalta Direzione sulle prestazioni ambientali del sistema (SGA).

Efficienza ecologica Concetto per il quale una pi efficiente gestione delle risorse

pu simultaneamente ridurre i costi di produzione e gli impatti ambientali negativi.

GM Gomma Grip Antiscivolo Impatto ambientale Qualunque modificazione dellambiente, negativa o positiva,

causata totalmente o parzialmente dagli aspetti ambientali di unorganizzazione.

Pagina 46 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Impresa responsabile Definizione ideata nellambito delle Nazioni Unite, indicante

il ruolo fondamentale riconosciuto allimpresa, ai fini di uno sviluppo sostenibile. Limpresa responsabile quella che opera perseguendo contemporaneamente obiettivi economici, sociali e ambientali.

Miglioramento continuo Processo ricorrente di miglioramento del Sistema di

Gestione, finalizzato a ottenere performances in linea con le politiche e gli obiettivi adottati, e comunque pi elevate.

nr Non rilevabile Obiettivo ambientale Fine ambientale complessivo, coerente con la politica

ambientale che unorganizzazione decide di perseguire. Prestazione ambientale Risultati misurabili derivanti dalla gestione degli aspetti

ambientali. Nellambito dei SGA, le prestazioni possono essere misurate rispetto alla politica ambientale, agli obiettivi ambientali e agli altri requisiti di prestazione ambientale dellorganizzazione.

PU Poliuretano Riciclaggio rifiuti Serie di attivit e processi tecnici che consentono di

rimettere in circolazione come materie prime, sostanze, materiali e componenti ricavabili dai rifiuti. Si tratta di un valorizzazione del rifiuto che da semplice costo per lambiente e la societ si tramuta in nuove risorse.

RSA Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale: allinterno

di unorganizzazione il soggetto incaricato di coordinare le attivit del Sistema di Gestione Ambientale e redigere i documenti di sistema (procedure, specifiche, moduli).

RSPP Responsabile Sicurezza, Prevenzione e Protezione:

allinterno di unorganizzazione il soggetto incaricato di coordinare linsieme delle persone, dei sistemi e dei mezzi finalizzati a tutte quelle attivit che salvaguardano la salute degli operatori dellunit produttiva.

SGA Sistema di Gestione Ambientale: strumento volontario di

gestione di tutti gli aspetti e gli impatti ambientali aziendali. Solventi Ogni sostanza capace di scioglierne un'altra per ottenere

una soluzione. Solventi clorurati Vedi solventi organo-alogenati

Pagina 47 di 47

Euro

suole

spa

- Rap

port

o A

mbie

nta

le 2

005

Solventi organo-alogenati Detti anche solventi clorurati, sono composti derivati dagli

idrocarburi alifatici o dagli idrocarburi ciclici, nei quali uno o pi atomi di idrogeno sono sostituiti da altrettanti atomi di cloro. Per le loro caratteristiche trovano largo impiego nell'industria chimica, tessile, della gomma, delle materie plastiche, degli estintori di incendio, dei liquidi refrigeranti, nelle operazioni di sgrassaggio e pulitura di metalli, pelli e tessuti.

SOV Sostanze organiche volatili, si intendono cio i solventi. Stakeholder Parte interessata interna o esterna allazienda. Soggetto che

partecipa, coinvolto o subisce le operazioni di unimpresa. Sviluppo sostenibile Con riferimento a un equilibrio sociale, ambientale ed

economico, crescita che soddisfa le necessit delle generazioni presenti, senza compromettere le esigenze e i bisogni delle generazioni future.

Trasparenza Concetto che esprime un atteggiamento di apertura

funzionale al miglior funzionamento del mercato. In ambito aziendale, indica la prassi di divulgare le informazioni riguardanti le performances economico-finanziarie, sociali e ambientali di unimpresa, lassetto proprietario e la corporate governance. E necessaria ai fini di unefficace accountability.

Triple-Bottom-Line Approccio secondo il quale la valutazione di unimpresa deve

considerare simultaneamente gli aspetti economici, sociali e ambientali. Tale scelta discende dal riconoscimento di un rinnovato ruolo dellimpresa e implica un cambiamento delle tradizionali filosofie di gestione.

Eurosuole spa - Produzione Suole in Gomma e in Poliuretano

62012 CIVITANOVA MARCHE (MC) - ITALY - Zona Industriale A - Via S. Pertini n. 8

Tel. +39 0733 800111 - Fax +39 0733 897854 www.eurosuole.com - e-mail: [email protected]

R.E.A. MC n. 78227 - Cap. Soc. 5.000.000 int. vers. - Cod. Fisc. e Partita IVA: IT 00252600432