TO BE FAMILY Progetto per lattivazione di un centro per la famiglia e per il sostegno alla genitorialit 

  • View
    213

  • Download
    1

Embed Size (px)

Text of TO BE FAMILY Progetto per lattivazione di un centro per la famiglia e per il sostegno alla...

  • Slide 1
  • TO BE FAMILY Progetto per lattivazione di un centro per la famiglia e per il sostegno alla genitorialit
  • Slide 2
  • centro ascolto Equipe itinerante incontri con i genitori mediazione culturale Dove? Nelle scuole mediazione familiare Equipe stabile ufficio famiglia spazio neutro gruppi di mutuo aiuto Dove? c/o Centro Sociale San Giovanni Battista, via Siracusa 75, Lecce CHI SIAMO E COSA FACCIAMO?
  • Slide 3
  • Ingranaggio bloccato Modalit di sostegno accoglienzaRilevazione del bisogno progettualit intervento Famiglie in difficolt Coppie problematiche Minori con disagio
  • Slide 4
  • Obiettivi: mediare nel rapporto in bilico tra la diade, cercando strategie utili al risanamento del rapporto; fornire ai genitori il supporto psico-socio-educativo, atto a soddisfare le eventuali insicurezze dovute a mancanza di strategie condivise con il coniuge nella crescita della prole; fornire ai genitori strumenti di comunicazione adatti alla realizzazione del progetto educativo; fornire ai genitori informazioni e competenze, per una loro collaborazione con altri genitori (mutuo aiuto) nel campo della prevenzione del disagio e delle dipendenze o per la soluzione del disagio in atto.
  • Slide 5
  • Definizione degli accordi di separazione Definizione delle responsabilit degli ex-coniugi Gestione del conflitto
  • Slide 6
  • Persona qualificata nella regolamentazione dei conflitti interpersonali. Cosa fa? Agevola la comunicazione tra i protagonisti aiutandoli a riconoscere il conflitto; imparziale, non parteggia; neutrale, non esprime i propri giudizi; mette in evidenza le opportunit del conflitto; avvicina le parti ad una visione pi positiva.
  • Slide 7
  • interventi Facilitazione e sostegno al dialogo Osservazione delle dinamiche relazionali Valutazione delle difficolt relazionali
  • Slide 8
  • Psicologi e pedagogisti facenti parte dellquipe stabile, affiancati alloccorrenza dalle altre figure presenti allinterno dellufficio.
  • Slide 9
  • Gruppi misti di genitori intenzionati a confrontarsi tra di loro sulle rispettive esperienze di conflitti di coppia, separazione o divorzio. Obiettivi: sostegno alle competenze genitoriali; attivazione di risorse nei momenti di crisi. Figure professionali coinvolte nei gruppi di mutuo aiuto: N2 mediatori dellquipe stabile.
  • Slide 10
  • 1 psicologo; 1 assistente sociale; 1 pedagogista educatore; 1 mediatore culturale.
  • Slide 11
  • Consulenza a favore di genitori e insegnanti desiderosi di orientarsi sulle problematiche familiari, scolastiche e relazionali. Informazione sui servizi territoriali ed eventuale necessit di contatto.
  • Slide 12
  • Sviluppo di tematiche inerenti la genitorialit, relazione con i figli, stili educativi e la crescita per: Ascoltare i bisogni dei genitori Fornire strumenti efficaci di gestione del rapporto con i figli
  • Slide 13
  • Le presenze degli alunni stranieri nelle scuole Nel 2007-2008 si sono iscritti nelle scuole italiane circa 600.000 alunni di cittadinanza straniera. Lincidenza degli alunni di cittadinanza non italiana supera il 6% nella scuola primaria e nella secondaria di secondo grado
  • Slide 14
  • La scuola pu giocare un ruolo fondamentale nella facilitazione del processo dintegrazione del minore immigrato nel contesto sociale La scuola il luogo dove i bambini devono andare per esercitare un diritto. La scuola deve costruire un approccio educativo capace di favorire una dialettica costruttiva fra identit e alterit, allontanando il pi possibile la concezione delle diversit come inferiorit, pericolo sociale, sintesi del negativo.
  • Slide 15
  • E una figura che agisce nella direzione di favorire (mediare) gli scambi fra culture combinando le informazioni sulla diversit in entrata (straniero) con quelle sulla diversit presente (societ italiana)