Click here to load reader

Travelling Interline - Giugno 2009

  • View
    228

  • Download
    6

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Travelling Interline - Giugno 2009

Text of Travelling Interline - Giugno 2009

  • Loperazione di prenotare un pas-seggero un processo che faparte integrante della catena diproduzione del prodotto aereo com-merciale. Qualsiasi aerolinea, sia essa dipiccole o grandi dimensioni, sia essa lowcost o un vettore tradizionale, non puprescindere da questo passaggio. Potr

    sembrare incredibile quanto vi illustre-remo, eppure nei tempi in cui non esi-steva il computer questo compito es-senziale veniva gestito in casa dalleaerolinee, mentre invece da quando

    In questo numero, anzich scrivere ilmio solito editoriale, ho preferitopubblicare una lettera inviata dal-lAvv. Giovanni Cattivera a Luca Man-chi, titolare di Karisma Travelnet. Il te-sto della missiva riguarda una Senten-za di Corte di Cassazione emessa su unproblema che, purtroppo, affligge ilmondo del turismo e che riguarda il fa-migerato danno da vacanza rovinata.Danno del quale i clienti stanno abu-sando in maniera spudorata, aiutatianche da Avvocati che si prestano ad ini-ziare cause che, labbiamo gi detto al-tre volte, qualcuno dovr alla fine pa-gare e non sempre il T.O. o lADV.Poich non ci risulta che questa senten-za sia stata divulgata da qualche Asso-ciazione di categoria o che gli ADV e iT.O. ne siano al corrente, ringraziamosia Luca Manchi, che ci ha dato questaimportante notizia e si interessato an-

    Liliana ComandContinua a pag. 2

    Esiste ancora il danno da

    vacanzarovinata?

    Si svolto il 4 giugno, ad Ascoli Pi-ceno, il 3Summit del Turismonelle Regioni. La terza edizionedel convegno stata dedicata, que-stanno, al tema La tripla crisi del turi-smo in Italia: come uscirne, soluzioni e for-mule. LAIPMT, Associazione ItalianaProfessionisti e Manager del Turismo,ha organizzato liniziativa con la part-

    nership scientifica di TSM, TrentinoSchool of Management, il sostegno del-la Fondazione Cassa di Risparmio diAscoli Piceno, e il patrocino del Sotto-segretariato di Stato per le Politiche delTurismo. Il Summit un importantemomento dincontro per gli operatoriprofessionali del turismo, manager pri-vati e pubblici e per i rappresentantidelle istituzioni locali preposti allo svi-luppo delle politiche nel settore. Ledizione 2009 si focalizzata su tre te-mi portanti: la crisi globale che investetutti i mercati del mondo, la crisi del pro-dotto turistico specialmente in Italia, ele strategie di promozione e commer-cializzazione che vivono un momento

    Spiagge animate, festose e lidi so-litari, dove crogiolarsi in pace, 133chilometri di costa, lungo i qualisi alternano arenili di sabbia dorata efresche pinete, scogliere, promontori ecalette di ciottoli . Un litorale cos, pu-lito e baciato dal sole, porta dingresso

    LAbruzzo pronto ad ospitareUna gran parte del territorionon stata nemmeno sfioratadal sisma ma le notizie diffusedai media sono state anchefuorvianti.

    Antonella Pino dAstoreContinua a pag. 14

    ANNO XVII - N. 06 GIUGNO 2009 - MENSILE DI TURISMO E CULTURA - Via Nazionale, 204 - 00184 Roma, Tel. 06/4871721 - Fax 06/4871618 - Aut. Trib. Roma 469/92 - 31/7/92 - Tariffa R.O.C.-Poste Italiane S.p.A.- Sped. in Abb.Postale - D.L. 353/2003 (conv. In.L.27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1, DCB Roma - prezzo a copia 3,25 - filiale di Roma

    Oriana SchembariContinua a pag. 10

    Antonio BordoniContinua a pag. 12

    Dopo aver tagliato su tutti i fronti possibili e immaginabili, le compagnie aeree si ritrovanoa dover pagare un fornitore esterno per il servi-zio prenotazioni dei propri voli.

    a pag. 7

    Air Canada in evoluzione

    On line

    Viaggi e Offerte Interlinewww.interlinegroup.it

    a pag. 9

    Gli Stati Uniti di Eden Viaggi

    a pag. 4

    SPECIALEUSA e Canada

    La tripla crisidel turismo in Italia

    il tema del Terzo Summit del Turismo nelle Regioni

    www. travellinginterline.it

    EDITORIALE Il pazzo mondo delleprenotazioniaeree

    Il pazzo mondo delleprenotazioniaeree

  • Oggetto: Sentenza Corte di Cassazione SezioniUnite Civili n. 26972/08.

    Ritengo opportuno segnalare limportante decisione inoggetto che riveste particolare interesse anche per glioperatori del settore turistico in relazione al c.d. dannoda vacanza rovinata.

    Com noto tale figura di danno il risultato di diverseteorie interpretative, (recepite appieno dalla giurispru-denza, specialmente dei Giudici di Pace), che, avendocome base comune la necessit di tutelare il benessere olo svago delluomo moderno - ritenuto vittima del quo-tidiano eccesso di stress provocato dai frenetici ritmi di la-voro generati dalla richiesta di massima produttivit edalla necessit di garantirsi un soddisfacente tenore di vi-ta - hanno individuato delle categorie normative alle qua-li ricondurre la legittimit della tutela risarcitoria di even-tuali pregiudizi che questo particolare interesse al relaxpotesse subire.

    C chi ha affermato la natura patrimoniale di tale voce didanno, interpretando il benessere quale una delle prestazionioggetto del contratto di viaggio e, dunque, il venir meno ditale requisito quale un inadempimento dellorganizzatore odella agenzia venditore dei servizi turistici. Tale opinione nonha incontrato il favore della giurisprudenza che ha escluso lasussistenza di una obbligazione del venditore o dellorganiz-zatore a far divertire il viaggiatore ed ha ribadito che il dan-no patrimoniale connotato da una effettiva diminuzione eco-nomica del soggetto leso.

    Miglior fortuna ha avuto la tesi della natura non patrimonia-le del danno da vacanza rovinata, divisa tra coloro che han-no sostenuto lappartenenza di tale pregiudizio alla sottoca-tegoria del danno morale (e cio quel tipo di pregiudizio in-dividuato nel sofferenza soggettiva transeunte) altri che han-no preferito includerlo nella diversa sottocategoria del dan-no esistenziale (e cio quel tipo di pregiudizio attinente allasfera del fare non reddituale del soggetto).

    Tanto per comprenderci il danno non patrimoniale, la cuirisarcibilit consentita nel nostro ordinamento dallart. 2059codice civile, comprende tutte quelle ipotesi in cui viene ingioco una lesione di interessi inerenti la persona non rilevan-ti economicamente. In altre parole quando tale pregiudizio simanifesta non si apprezza alcuna diminuzione patrimonialen a titolo di danno emergente n di lucro cessante.Al tempo della emanazione del codice civile lunica figura didanno non patrimoniale (che come recita lart. 2059 deve esse-re risarcito solo nei casi previsti dalla legge) era quella individua-ta dallart. 185 del codice penale del 1930 (danno discendenteda reato, pecunia doloris, risarcimento della sofferenza provo-cata dal turbamento danimo della vittima del reato).La successiva giurisprudenza, sino alle note sentenze gemel-le della Suprema Corte 8827 e 8828 del 2003, si affinata in-dividuando la sussistenza di tale voce di danno ogniqualvol-ta si assista alla lesione di interessi inerenti la persona non con-notati da rilevanza economica, anche al di fuori dellipotesi direato ma comunque tale da compromettere valori costituzio-nalmente o normativamente garantiti.

    Sulla base di tali principi aveva gi visto la luce la figura delc.d. danno biologico che identifica la lesione alla integritpsichica o fisica della persona ovvero il diritto alla salute;cos sono anche tutelate: la privazione della libert persona-le cagionata dallerrore nell esercizio di funzioni giudizia-rie; la violazione della privacy; ladozione di atti discrimi-natori per motivi razziali, etnici o religiosi; il mancato ri-spetto del termine di durata ragionevole del processo; i di-ritti inviolabili della famiglia; la reputazione, limmagine,il nome e cos via.

    Da notare che in questi casi il danno non patrimoniale tute-lato dallart. 2059 c.c. in riferimento ad ipotesi normativamenteo costituzionalmente garantite. E non potrebbe essere il con-trario dal momento che, come gi detto, il risarcimento di ta-le voce di danno connotato da tipicit (...solo nei casi previstidalla legge).

    Orbene operata tale necessaria seppur breve premessa vi dadire che la Suprema Corte a Sezioni Unite nella sentenza inoggetto ha espressamente escluso nel nostro ordinamento lapossibilit di individuare le sottocategorie di danno nonpatrimoniale denominate danno esistenziale e dannomorale.A pag. 26 del provvedimento si legge: Al danno esistenziale erastato dato ampio spazio dai giudici di pace, in relazione alle pi fan-tasiose, ed a volte risibili, prospettazioni di pregiudizi suscettivi dialterare il modo di esistere della persona: la rottura del tacco di unascarpa da sposa, lerrato taglio di capelli, lattesa stressante in ae-roporto.... ed ancora a pag. 27: Dopo che le sentenze n. 8827 en. 8828 /2003 hanno fissato il principio, condiviso da queste Sezio-ni Unite, secondo cui, in virt di una lettura costituzionalmenteorientata dellart. 2059 c.c., unica norma disciplinante il risarcimentodel danno non patrimoniale, la tutela risarcitoria di questo danno data, oltre che nei casi determinati dalla legge, solo nel caso di le-sione di specifici diritti inviolabili della persona, e cio in presenzadi una ingiustizia costituzionalmente qualificata, DI DAN-NO ESISTENZIALE COME AUTONOMA CATEGORIA DIDANNO NON E PIU DATO DISCORRERE.Da questo punto in poi la Suprema Corte continua nel ripete-re sempre il medesimo concetto ben riassunto a pagina 30: SENON SI RISCONTRA LESIONE DI DIRITTI COSTITUZIO-NALMENTE INVIOLABILI DELLA PERSONA NON E DATATUTELA RISARCITORIA.

    Conviene ora soffermarsi a riflettere se il trascorrere una va-canza o effettuare un viaggio di piacere che dir si voglia pos-sa qualificarsi come un diritto costituzionalmente inviolabiledella persona.

    Nella nostra carta Costituzionale assume rilievo il diritto allasalute (art. 32) che, evidente, non pu essere identificato conun diritto alla vacanza o diritto al relax. Il viaggio orga-nizzato non pu essere paragonato ad una cura per una pa-tologia da stress e dunque lorganizzatore ed il venditore nonpossono essere ritenuti responsabili anche dei pretesi disagiper la mancata fruizione di un periodo di riposo se per qual-siasi motivo il viaggio non pu essere effettuato o se duran-te il periodo di vacanza qualsiasi evento turba in qualche mo-do il corretto svolgimento della stessa.Sul punto la Corte Suprema stata molto chiara laddove, nelprovvedimento che ci occupa, a pag. 34 si dice: Palesementenon meritevoli della tutela risarcitoria, invocata a titolo di dan-no esistenziale, sono i pregiudizi consistenti in disagi, fastidi, di-sappunti, ansie, ed in ogni altro tipo di insoddisfazione concernentegli aspetti pi disparati della vita quotidiana che ciascuno conducenel contesto sociale, ai quali ha prestato invece tutela la giustizia diprossimit. Non vale, per dirli risarcibili, invocare diritti del tuttoimmaginari, come il diritto alla qualit della vita, allo stato di be-nessere , alla serenit: in definitiva il diritto ad essere felici.Al di fuori dei casi determinati dalla legge ordinaria, solo la lesionedi un diritto inviolabile della persona concretamente individuato fonte di responsabilit risarcitoria non patrimoniale.N, come qualcuno ha detto, si pu dilatare a dismisura lart.2 della Costituzione sino ad interpretare la vacanza come unodegli ambiti in cui lindividuo ha diritto di svolgere la propriapersonalit.

    In ultima analisi la vacanza non pu qualificarsi come un di-ritto inviolabile della persona e sar assai difficile per i giudi-ci del merito, dopo tale sentenza, motivare la sussistenza deldanno da vacanza rovinata e liquidarne lentit risarcitoria.

    Da ultimo la sentenza in oggetto fuga ogni dubbio inter-

    che di diffonderla, sia lAvv. GiovanniCattivera, autore della lettera di seguitoriportata, che non solo si dimostratomolto attento alle problematiche del set-tore, ma ci sta permettendo di aprire gliocchi su uno spauracchio che ha fi-no ad oggi - quasi sempre penalizzatola categoria degli ADV e dei T.O.

    Liliana Comand Liliana Comand

    Esiste ancora il danno

    da vacanzarovinata?

    Segue da pag. 1

    2 T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L

    SOMMARIO

    EDITORIALE PAG. 1, 2

    IL PAZZO MONDODELLE PRENOTAZIONI AEREE 1, 12, 13, 14

    LABRUZZO PRONTO AD OSPITARE 1, 14

    LA TRIPLA CRISI DEL TURISMO 1, 10

    ESISTE ANCORA IL DANNODA VACANZA ROVINATA? 2, 10

    SPECIALE USA E CANADA 4

    MASTER CONSULTINO 6

    AIR CANADA 7

    GIVER VIAGGI E CROCIERE, VIAGGI PI 8

    EDEN VIAGGI 9

    USABOUND 10

    LA BOEMIA 14

    EDITORIALE

    Editore e Direttore ResponsabileLiliana Comand

    [email protected]

    hanno collaborato:

    Antonio Bordoni, Cecilia Emiliozzi, Pino Magnani,

    Antonella Pino dAstore,Oriana Schembari, Angelo Sessa

    Corrispondenti regionali:

    Lombardia: Eleonora Boggio, Giuseppe Curti, Alberto Lentini,

    L. Francesca RebonatoLiguria: Virgilio Zanolla

    Puglia: Domenico MatarreseTriveneto: Davide Pavanello

    Responsabile Relazioni Esterne

    Marco [email protected]

    Editrice

    Interline International ClubVia Nazionale, 204 - 00184 RomaTel. 06/4871721 - Fax 06/4871618

    E-mail: [email protected]

    Progetto grafico e impaginazione

    Format Roma s.r.l.Stampa

    STAMPA & SERVICE - Roma

    Spedizione in abb. postaleGruppo 45% - Roma

    Questo periodico associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

    [email protected]

    Lette

    re al

    Dire

    ttore

    Continua a pag. 10

  • 4 T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L

    Di Antonella Pino dAstore

    Appunti di viaggio dagli Stati Uni-ti dAmerica: un paese che con lasua cultura spesso contraddittoriaha influenzato popoli di tutto il mondo perlintero XX secolo, la terra dove tutto portato alleccesso, un miscuglio di razzee variet di modi di vivere, tanto vicini etanto lontani nello stesso tempo. Una car-tolina dal Canada: non facile resistere alrichiamo della selvaggia frontiera setten-trionale, delle antiche foreste e delle sedu-centi baie, del mosaico di popoli che hannocreato una nazione decisamente diversa daquella degli Stati Uniti. Usa e Canada: coa-st to coast, lungo itinerari inediti e citt co-smopolite, dove milioni di turisti ogni an-no decidono di avventurarsi nella terra deipionieri, per assaporare di persona leb-brezza del sogno americano.

    A bordo del Malahat TrainSiamo in Canada: avventuroso, romanticoe affascinante, il Malahat Train gestitodalla Via Rail e il suo percorso unottimaalternativa allautomobile per scoprire idintorni di Vancouver. Il piccolo treno adue vagoni parte ogni mattina dalla sta-zione di Victoria, vicino al Johnson StreetBridge, un ponte color blu cobalto che sem-bra confondersi con lacqua e il cielo. Poi ilconvoglio sinoltra negli spazi sterminatidella British Columbia, attraverso valla-te, piccoli villaggi e ponti che sembranousciti dal plastico di un trenino elettrico.La cosa migliore dedicare al percorso unpaio di giorni, pernottando in una delle lo-calit che sincontrano lungo il cammino:Chemainus ha una vena artistica, Park-sville e Nanaimo si affacciano sul mare.Tornando a Vancouver, impossibile resi-stere al richiamo delle bellezze che circon-dano la citt, tra montagne innevate e se-ducenti isole della baia. la citt pi bel-la del Canada, con un clima mite e una mo-vimentata atmosfera di stile californiano.Il centro di Vancouver un intricato mo-saico dattrazioni, dal rinomato fascino vit-toriano dellantica zona di Gastown alle

    distese di Stanley Park, uno dei pi beiparchi cittadini del mondo. Poi ci sono lefamose spiagge e le onde dove fare surf co-me Wreck Beach e molti sentieri per cam-minare, luoghi dove praticare rafting e oa-si per picnic. Whistler, meta perfetta anchenei mesi estivi, il posto giusto per stac-care la spina. L immenso Whistler Moun-tain Bike Park offre pi di 1200 metri didislivello, tutti da affrontare seguendo isentieri che si arrampicano sulle sue pen-dici, a volte vere e proprie rampe verticali.I 40 chilometri di sentieri alpini del com-prensorio di Whistler sono un invito a noz-ze per gli appassionati di escursionismo.

    A pesca di salmoni tra aquile e orsi grizzly C un territorio dove le aquile e gli orsigrizzly condividono con luomo la stessapreda: i salmoni. Unarea con un altissi-mo valore naturalistico, antropologico eambientale: nella zona ovest della Briti-sh Columbia, tra Prince Rupert sulla co-sta, Terrace nella bassa valle dello Skee-na River e la valle del Nass River, chia-mata Nisgha Valley, allinterno. il cuo-re di una zona protetta del Parco delGreat Bear Rainforest, il Parco delGrande Orso, la zona di foresta pluvialetemperata giudicata sia dal WWF sia dal-lONU come la pi bella e meglio conser-vata al mondo. Larea di questo parcogrande come la Svizzera due volte ilParco di Yellowstone. Al suo internovivono in buona salute un gran numerodi splendide creature, molte delle quali ca-ratteristiche solo di questa zona, come ilmagnifico orso Spirit Bear o KermodeBear. A Prince Rupert si va alla scoper-ta delle prime popolazioni native che han-no abitato da sempre queste terre e le suericchissime coste. Grazie alle testimo-nianze dei figli degli antichi Capi Hai-da, sar possibile ricostruire i costumi del-le popolazioni native che hanno segnatoin modo cos determinante la storia del-lintera costa del Pacifico.

    Lo spirito dei cowboyUna volta lasciati i cowboy urbani di Cal-gary, la strada si dirige verso le Monta-gne Rocciose e la natura selvaggia delParco Nazionale di Banff, dove possi-bile ammirare la maestosit del Lago Loui-se. Il viaggio alla scoperta dei parchi na-zionali canadesi prosegue lungo la pano-ramica Icefield Parkway, con una visitaa Jasper. Qui il visitatore accolto dallacalorosa ospitalit e dallirresistibile spiri-to dei cowboy nei lodge e nei ranch del Ca-nada occidentale. Lovest selvaggio del Ca-nada continua con le praterie di Manito-ba che ha per capitale Winnipeg. La citt ricca di siti storici e musei: il Museo del-lUomo e della Natura offre una serie diproiezioni, suoni e odori che ripropongonola vita degli indiani delle praterie e quelladi Winnipeg degli anni venti. Lo spirito deicowboy si respira anche a Edmonton, ilcapoluogo dellAlberta, la provincia di pra-terie pi ad ovest del paese. La citt cir-condata da un bellissimo scenario boscosoin riva al fiume, con parchi che seguono ilserpeggiare del Fiume Saskatchewan. Lagemma a sud del fiume Old Strathco-na, zona residenziale di splendidi edificiantichi del 1891, intervallati da caff, li-brerie e musicisti di strada.

    New York: alla scopertadelluniverso statunitenseDalla fine dellOttocento, una bella si-gnora accoglie i suoi ospiti con un sorri-so. la Statua della Libert, simbolo del-la citt di New York. Sullomonima baia siaffaccia una metropoli cosmopolita e mul-tirazziale, dove i grattacieli dellindustriae della finanza si contrappongono alle casein mattoni dei quartieri etnici e delle capi-tali di musica e spettacolo. Dopo i tragicifatti dellundici settembre ed il crollo delleTwin Towers, lEmpire State Buildingcon i suoi 102 piani a dominare la skylinedella citt e dal suo osservatorio si gode unostraordinario panorama. Chi arriva nellaGrande Mela si lascer travolgere dalla

    vivacit di Time Square e del RockfellerCenter. Il polmone verde della citt ilCentral Park che i newyorkesi frequenta-no per il jogging, le passeggiate e le tanteesibizioni di musica dal vivo, mentre il cuo-re sportivo di New York batte sia negli sta-di del baseball e del football che nellattrez-zatissimo Madison Square Garden, sededei principali eventi della stagione. Loffer-ta culturale della citt notevole sia dalpunto di vista espositivo, con il Moma e ilGuggenheim Museum, che per le produ-zioni musicali e teatrali, la cui capitale Brodway. Meritano una visita anche lepittoresche Little Italy e Chinatown.

    Il Sentiero della Liberte la Culla del BluesBoston la capitale dello stato del Mas-sachussets ed tra le citt pi antiche delpaese, mentre Chicago adagiata sulle ri-ve del Lago Michigan ed per grandezzala terza citt americana. Le due citt del-lest con la loro notevole vivacit cultura-le sono interpreti delle tendenze artistichee musicali pi avanzate. Boston la cittstorica per eccellenza, tradizionale emble-ma dellindipendenza: racconta la propriaepopea dei sedici luoghi storici del Sen-tiero della Libert, collegati tra loro conuna striscia rossa sullasfalto. Le univer-sit pi prestigiose come Harvard spiega-no la vitalit di Boston. Chi visita Chica-go si trova di fronte una citt costante-mente avanti e proiettata nel futuro; a se-gnare il profilo della metropoli dei grandilaghi sono le opere darchitetti prestigiosie il grattacielo della Sears Tower che offreuna spettacolare panoramica della citt.Chicago by night indimenticabile: diffi-cile poter scegliere tra i teatri ed i tanti lo-cali di questa citt nota come la Culla delBlues. Ma ancora pi a sud, New Or-leans, Nashville e Memphis vivono al rit-mo della musica per la gioia delle orecchiedei patiti dei vari generi. Nella suggestivaNew Orleans, in Lousiana, si ascolta jazzad ogni angolo del Quartiere francese,suonato anche da orchestrine improvvisa-te. La musica accompagna le due citt delTennessee: Nashville la patria del gene-re country, Memphis ha dato i natali almitico Elvis the pelvis.

    SPECIALE

    Citt vivaci, natura in libert, avventure nel mitico Far West

    USA e CanadaUSA e Canada

    Continua a pag. 6

  • Con i Navajo per rivivere il Far WestChi cerca il vero Far West dovr anno-tare nel proprio diario di viaggio la Mo-nument Valley. Oltre ad essere stata il setper molti famosi film del genere western,questa valle, al confine tra Arizona eUtah, regala incredibili panorami con for-mazioni rocciose dalle forma stranissime.La zona una Riserva Navajo e pu es-sere visitata con escursioni in compagniadegli stessi indiani. Il Parco Nazionale diMesa Verde situato nel Colorado ed un museo a cielo aperto, regno incontra-stato della trib degli Indiani Anasazi;le principali attrazioni sono le case deipellerossa scavate a ridosso della mon-tagna. Laffascinante e misteriosa vita deinativi dAmerica si scopre non solo nelleabitazioni ma anche in un Museo allin-terno del Parco. Ma anche la natura ame-ricana un universo fantastico di flora efauna tutto da scoprire: il mitico far westospita i pi bei parchi nazionali. Yello-stowe il parco pi famoso e si estendeper novemila chilometri nel cuore delleMontagne Rocciose, tra gli stati diWyoming, Montana e Idaho. Lo spet-tacolo della natura offre lattivit di 200geyser, un canyon lungo quasi 40 chilo-metri, una cascata alta il doppio delle Nia-gara Falls, orsi bruni e grizzly in libert.I fenomeni atmosferici hanno modellato icuriosi profili di Bryce Canyon e ArchesPark, nello stato dello Utah: castelli e gu-glie di roccia immersi in un anfiteatro incalcare rosa. Chi desidera entrare nel fan-tastico mondo dei parchi, non pu fare ameno della Golden Eagle Pass, il modopi conveniente per visitare il patrimonioamericano. Il ticket costa 50 dollari e con-sente lingresso in auto in tutti i parchi perun anno intero.

    La tintarella a stelle e strisceAnche se non laspetto principale, gli Sta-ti Uniti sono in grado di offrire destina-zioni sul mare per vacanze allinsegna delrelax e del divertimento. Dalle coste ca-liforniane alle spiagge della Florida, le pos-sibilit di tintarella e divertimento sonotante, ma il sogno pi grande si traduce nelviaggio verso le isole Hawaii. Tutto co-mincia a Honolulu, con una profumatis-sima corona di fiori a collo. Lisola che ospi-ta lunico scalo internazionale Oahu, conlimponente panorama del vulcano spentoe la magia della famosa spiaggia diWaikiki; per chi ama la storia interes-sante lescursione a Pearl Harbour, luo-go dellattacco giapponese che avvi lim-mane conflitto della seconda guerra mon-diale. Anche lisola verde di Maui, moltoamata dai surfisti per le baie ventose, si apreai visitatori con le belle distese di sabbiabianca e con lo spettacolo di un craterespento. Le due isole meno frequentate so-no caratterizzate da una vegetazione rigo-gliosa: la prima, Kauai, lisola del giardi-no, e da due vulcani in attivit la seconda,Hawaii che anche la prima per grandez-za. La tintarella a stelle e strisce moltogradita anche in Florida, nella famosa e ri-cercata Miami Beach e, nellomonima

    baia, le isole Key Bi-scarne. Pi a nord cisono Fort Lauderlade ePalm Beach, dedicata agliamanti del golf, e la spiaggia dei surfistiDaytona Beach.

    Los Angeles, San Franciscoe la valle del vinoGuardano il Pacifico e accolgono i turisticon lentusiasmo californiano: L.A. e Fri-sco sono mete irrinunciabili di un viaggionegli Stati Uniti. San Francisco la cittdelle 43 colline, dove i tram vanno in sali-ta e dove ogni giorno si percorre il pontesospeso pi alto del mondo, lincredibile

    Golden Gate che colora di rosso il pano-rama e conduce ad uno dei pi alti parchicittadini al mondo. Crogiuolo di razze e co-lori, Frisco offre una vita sociale e cultu-rale animatissima. Mentre in citt si pu

    gustare il pesce cucinato anche nelle ban-carelle di strada, basta fare pochi chi-

    lometri per assaggiare le bottigliedella Valle del Vino, prodottenella famosa Napa Valley. Lascritta Hollywood brilla sullecolline che circondano Los Ange-les, e nellanimata metropoli, abi-

    tata da razze e culture differenti, isegni delle stelle del cinema sono sui

    marciapiedi e negli studios pi famo-si, Universal e Paramount. Lesclusiva

    Beverly Hills regala le vetrine impossibi-li di Rodeo Drive, la strada pi costosadel mondo, mentre le spiagge di SantaMonica e Malibu sono accessibili a tuttie consigliate ai surfisti in cerca di belle on-de. Anche il litorale di San Diego, che ar-riva fino al confine messicano, ricercatodagli sportivi della tavola. Disneyland il regno dei bambini ma anche un para-diso di scoperte per gli adulti: chi non hamai sognato di entrare nel magico mondodi Minnie e Topolino, o intraprendere unviaggio nel futuro?

    6 T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L

    SPECIALE USA E CANADA

    Master Consulting unagen-zia di pubbliche relazioni,marketing e comunicazioneche offre servizi alle societ sia pub-bliche che private, con un particolarefocus su alcuni settori tra i quali quel-lo dei viaggi e delturismo, nelquale mette afrutto dal 1996lesperienza deisoci accumula-ta in decenni diattivit nellin-dustria turistica.In questo setto-re, Master Con-sulting da annipromuove alcu-ni prodotti statu-nitensi nel mercatoitaliano e spagnolo:le citt di Phila-delphia e San Fran-cisco (rappresen-tando i loro Con-vention and VisitorsBureau), lo Statodella Pennsylva-nia, la societ fer-roviaria Amtrak e dal prossimo luglioanche lUfficio del Turismo della Ca-lifornia. Destinazioni e servizi che, nonostantei tanti contraccolpi internazionali alsettore (non ultimo lattuale crisi eco-nomica globale), hanno continuato acrescere nel 2008 e nei primi mesi del2009. Risultati favoriti da una serie difattori spiega Massimo Loquenzi,Managing Director della societ ro-mana Tra questi il dollaro debole, so-prattutto rispetto alleuro, lampia offertadi voli aerei a prezzi competitivi e, infinema non ultimo, il cosiddetto Effetto Oba-ma. Un sondaggio infatti ha gi dimo-strato come nel mondo il cambio di presi-dente degli Stati Uniti ha diminuito il sen-

    timento antiamericano, risvegliando sim-patie e voglia di viaggiare e conoscere que-sto Paese, capace di grandi slanci ideali ecambiamenti epocali.Anche Congresso americano si ac-corto dellimportanza del turismo per

    leconomia delPaese passando alSenato il TravelPromotion Actche stanzia 300milioni di dollari(ai quali se ne ag-giungono altret-tanti dai privati)per la promozio-ne degli Usa nelmondo.

    Anche nel ilmarcato ita-liano i nostriprodotti stan-no ottenendocrescite signi-ficative con-tinua Massi-mo Loquenzi soprattuttoper quei pro-dotti considera-ti secondari,

    come la citt di Philadelphia, rispetto allegrandi destinazioni, come ad esempio NewYork, Los Angeles, Miami e San Franci-sco. Per la citt della Pennsylvania il ri-torno delle nostre attivit di 44 a 1. Cioper ogni dollaro investito ne rientra-no 44. Un esempio che ci stato chiestocome modello anche per destinazioni se-condarie in Italia. Per queste ragioni conclude Loquenzi siamo molto soddisfatti del fatto che ilmercato italiani e quello spagnolo stianoscoprendo questa nuova destinazione, cuo-re dellEast Coast e ricca di attrazioni pertutti i gusti e i budget.

    Angelo Sessa

    Segue da pag. 4

    Master Consulting: lAmericache attrae, nonostante

    la crisi economica mondiale

  • Da qualunque citt italiana, adesempio Roma, Milano, Vene-zia, Torino, Bologna, Verona oFirenze, Air Canada mette a disposi-zione eccellenti coincidenze attraversoi propri centri di collegamento a Mo-naco di Baviera, Francoforte, Parigi,Londra, Zurigo, da dove decollano co-modi voli non-stop verso le maggioricitt canadesi: Halifax, Montreal, To-ronto, Ottawa, Calgary e Vancouver.Una volta in Canada, soprattutto daicentri nevralgici di Montreal e Toronto possibile raggiungere qualsiasi desti-nazione canadese e tutte le maggioricitt statunitensi, come New York, Wa-shington, Los Angeles, San Francisco,Seattle, Chicago e molte altre. InoltreAir Canada raggiunge, con voli daimaggiori scali canadesi, le principaliisole caraibiche, quali Bahamas, Gia-maica, Barbados, Bermuda, solo per ci-tarne alcune. Il Messico, collegato concomodi voli per Citt del Messico eCancun. Per usufruire di un ecceziona-le rapporto qualit/prez-zo, Air Canada suggeriscedi volare nella classe Eco-nomy: tariffe convenienti,ampio spazio per disten-dere le gambe e prover-biale ospitalit canadese.Chi scegliere di viaggiarenella classe Executive Fir-st Suite, godr della nuo-va poltrona-letto e di uneccellente servizio, sia aterra sia in volo. Una volta a bordo, ilviaggiatore potr rilassarsi con un pro-gramma dintrattenimento personaliz-zato e ampio spazio a disposizione, gu-stando cibi e vini tra i pi raffinati. Que-sto il bigliettino da visita di una com-pagnia aerea canadese che ha sede aMontreal nel Qubec e che dimostra

    continua attivit devoluzione, rinno-vamento e miglioramento. A PatriceBuret, Coutry Manager Italy per AirCanada e a Giancarlo Landolfi, Re-sponsabile Commerciale Italia per AirCanada, Travelling Interline ha chie-sto:1) bilancio dei mesi precedenti2) flusso passeggeri dallItalia3) previsioni per i mesi estivi4) iniziative e strategie

    per contrastare la crisi5) destinazioni pi richieste6) offerte e novitPatrice Buret, Country Manager Italy:La nostra priorit trovare forme creati-

    ve che ci permettano di gene-rare revenue. Il calo di do-manda del traffico ad alto-ren-dimento significa approntarenuove strategie e nuove op-portunit relative a network,tariffe e prodotti. Anche se cimuoviamo in un contesto ditariffe tendenti al ribasso, sia-mo sempre attenti a non con-cedere Market-Share alla com-petizione, mettendo in campo

    un valore aggiunto che ci permetta di con-tinuarne il consolidamento. Lobiettivo alungo termine la trasformazione di AirCanada per essere certi di creare e metterea disposizione dei prodotti che siano gra-diti alla nostra clientela, insieme ad un li-vello di servizio che ce ne assicuri la lorofedelt. Leconomia globale inevitabilmen-

    te torner a regime ed Air Canada ha mol-ti punti di forza per approfittarne : a) Un potente brand b) Una flotta completamente rinnovata e

    modernizzata , una delle pi giovani inNord America

    c) 3 hubs posizionati in maniera eccellen-te: Toronto, Montreal e Vancouver

    d) Una solida partnership internazionalecon gli altri membri di Star Alliance.Queste caratteristiche ci aiuteranno nel-limmediato e ci guideranno verso unsuccesso a lungo termine .

    Giancarlo Landolfi, ResponsabileCommerciale Italia: Mai come que-stanno, Air Canada ha puntato sul mer-cato italiano e siamo lieti di registrare unaserie di successi che sono frutto di una po-litica commerciale che tieneconto delle varie realt di unmercato cos vasto e variega-to. Cominciando quindi dal-lofferta operativa , questaestate avremo 2 voli non-stopgiornalieri da Roma per To-ronto e Montreal, cui si ag-giunger 3 volte a settimanaun terzo volo non stop su To-ronto. I nostri boeing 767presentano una BusinessClass che chiamiamo Executive First ( chiviaggia capisce meglio il perch ..) con pol-trone-letto ed uno spazio assolutamenteprivato e dotato delle ultimissime soluzio-ni tecnologiche di entertainment e di mendi alta classe.

    Anche volare in Eco-nomy non pi vola-re modesto, anzi:ogni poltrona dota-ta di schermo perso-nale a cristalli liquidi etouch-control, con a di-sposizione oltre 300 ore difilm, video games e musica.Continuiamo a porre particolare attenzioneallofferta tariffaria, proponendo al mercatoun ventaglio di possibilit dove viene mag-giormante premiato il cliente che acquista ilbiglietto con un certo anticipo. Nel campodella distribuzione del prodotto, abbiamostretto forti patrnerships in ambito businesscon i pi importanti players del settore. Maanche il Tour Operating svolge un ruolo im-portante, confermando la quasi indispensa-bilit del network Air Canada quand si trat-ta di turismo in Nord America. Infatti ri-scontriamo un maggiore interesse per un Ca-nada sempre pi avventuroso e per regioniquali Yukon e Saskatoon, ma naturalmentela parte da leone spetta sempre alQuebec,lOntario ed al West dei ParchiNazionali e delle Montagne Rocciose.

    Anche nel settore MICE ve-diamo un risveglio di interessegrazie anche ad una rinnovatapolitica gruppi, e le Olimpiadidel prossimo inverno a Van-couver ci stando occupando at-traverso varie attivit promo-zionali. La maggiore offerta diposti dallItalia ha messo un psotto pressione la nostra forzavendite ma i risultatti ci stan-no dando ragione vedendo i

    load-factor di Maggio e Giugno vicini al 90%mentre per Luglio e Agosto gli italiani pos-sono ancora sperare di trovare qualche postoa tariffe assolutamente non proibitive.

    Antonella Pino dAstore

    SPECIALE USA E CANADA

    T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L 7

    Air Canada in continua evoluzione e rinnovamento

    Giancarlo Landolfi

    Patrice Buret

  • Un paese che ne racchiude tantialtri, una porzione del conti-nente americano che si estendein una meravigliosa vastit dallAtlan-tico al Pacifico: immense pianure, mon-tagne interminabili, ghiacciai, grandi la-ghi, fiumi e citt, che racchiudono tuttoil fascino della modernit insieme, spes-so, ad una inconfondibile atmosfera eu-ropea. Il Canada tutto questo e moltoaltro e la Giver Viaggi e Crociere, stori-ca azienda italianaleader del turismo inparticolare in Scandi-navia, ha da tempofatto del paese delcontinente americanouna destinazioneprincipe del propriocatalogo. Le partenze di grup-po con accompagna-tori di lingua italianaprevedono almenosette diversi iti-nerari. Vediamo-ne due in parti-colare. Le gran-di citt dellEstOntario unpercorso classicoche permette di vi-sitare il Qubec,provincia francofo-na del Canada, conla sua metropoliunica dal saporefrancese, Montral; da qui si parte perla riserva faunistica dei Laurenziani, do-ve, dopo una sosta a Lac Beauport, perassistere alle antiche tecniche del tagliodel legno, sar interessante scoprire unpo di storia naturalistica e delle popo-lazioni native; al tramonto, la passeg-giata proseguir alla ricerca degli orsi.

    Il viaggio continua sul grande fiume,il San Lorenzo, per osservare le baleneche qui si ritrovano nei mesi estivi; in-

    fine le ultime metesono Qubec City,lunica citt fortifica-ta americana a norddel Messico, Ottawa,la capitale federale, eToronto, citt indi-menticabile e dallaquale possibile visi-tare le celebri cascatedel Niagara. Questoitinerario dura in tut-to 10 giorni e da lu-glio a settembre il co-sto a persona circadi 2300 euro.

    Per visitare anche la costa pacifi-ca si consiglia per Tutto il Ca-nada, che prevede, oltre al per-corso appena descritto, la possi-bilit di proseguire anche allascoperta del west. Per giun-gere alla costa pacifica, si attra-versano le province di Albertae British Columbia e i famosi

    parchi di Banff e Jasper, questultimo, ilpi celebre itinerario naturalistico delCanada. Giunti sulla costa del Pacifico,una traversata panoramica in ferry boatporter sullisola di Vancouver. La visi-ta alla capitale Victoria, dallinconfon-dibile fascino inglese, sar una espe-rienza sorprendente. Il viaggio terminaa Vancouver, metropoli a misura duo-

    mo. La durata complessiva del viaggio di 16 giorni, ai quali possibile ag-giungere dei pernottamenti supple-mentari nella zona. Il costo del viaggio,sempre nei mesi estivi, di 3500 eurocircaMa le offerte di Giver Viaggi non si li-mitano alle tradizionali proposte; ad es-se si aggiungono le combinazioni pi di-verse per permettere di conoscere vera-mente a fondo il paese e soddisfare lacuriosit di chi vuole muoversi in pienalibert. possibile effettuare estensionia New York, ma anche delle combina-

    zioni di Fly&Drive per le maggiori cittdel paese, Vancouver, Montral, Toron-to e Calgary. Suggestive le proposte diviaggi in treno per visitare le vaste zonead ovest, oppure il pernottamento in fa-ri e ranch, o a Churchill, nella baia diHudson, per vedere gli orsi polari. Nelcatalogo di Giver non poteva mancarela destinazione dellAlaska, per visitare,ad esempio il Katmai National Park, an-tica zona vulcanica, oppure il GlacierBay National Park, situato nella zonasud-est dellAlaska, che comprende tredifferenti zone climatiche, da quella ma-rina a quella artica, e ben sette differen-ti ecosistemi. Un viaggio, quello in Ca-nada che molti sognano di fare almenouna volta nella vita. Per realizzare que-sto sogno, Giver Viaggi mette a disposi-zione anni di esperienza e comprovataprofessionalit.

    Oriana Schembari

    8 T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L

    Dal 1985, Viaggi Pi offre un ser-vizio basato sullefficienza e sul-lesperienza. Il titolare, Fau-sto Meneghetti, forte di oltre35 anni nel settore del turi-smo e pioniere dellorga-nizzazione dei viaggi digruppo, vanta unap-profondita consapevolez-za delle problematiche diagenzia e, insieme al suostaff, intende proporre unaforma di tour operating fon-data su mete importanti, come ilCanada e lIndocina, sulla semplicit del-le operazioni di booking e sulla chia-rezza dei prezzi.

    Una riga, un prezzo. facile, no? Viaggi Pi propone alle agenzie di viag-gio una forma di tour operating van-taggioso nei tempi e nelle modalit. Ilcatalogo, costantemente aggiornato econsultabile in ogni momento, sar di-sponibile solamente on line, sul sito webwww.viaggipiu.eu . I prodotti sarannoaccompagnati dal loro prezzo finito, egli agenti non dovranno spendere tem-po a verificare eventuali tasse di iscri-zione, assicurazioni o altre componenti.I voli, esclusivamente di linea, saranno,invece, quotati su richiesta, in base allenecessit del cliente e alle disponibilitreali. Ricordate: una riga, un prezzo! Fa-cile, no?

    Canada: itinerari a misura di sognoIl Canada accontenta ogni tipo di viag-giatore: dallamante della natura sel-vaggia, al patito degli sport invernali,dal cosmopolita urbano a caccia di nuo-ve esperienze artistiche, allappassio-nato di arte e storia. Per accontentare

    ogni gusto, il nostro catalogo statopensato per essere vario quanto il Ca-

    nada! Sono stati predisposti 2 iti-nerari di gruppo in pullman a

    date prestabilite, uno neglistati orientali, dal lago On-tario al Golfo di San Lo-renzo, laltro nellarea oc-cidentale, dalle MontagneRocciose al Pacifico, en-

    trambi accompagnati daguida locale parlante italia-

    no. A questi si aggiungono 10itinerari fly&drive di diversa du-

    rata, personalizzabili sia nellitinerario,che nella tipologia alberghiera. Le agen-zie di viaggio potranno scaricare diret-tamente e stampare su propria carta in-testata questi programmi dallarea a lo-ro dedicata sul nostro sito webwww.viaggipiu.eu. Le agenzie di viag-gio che trattano gruppi precostituiti po-tranno trovare, nellarea riservata, unascelta di programmi dedicati ai gruppi,gli itinerari con relativi prezzi sono di-sponibili per una rapida proposta alcliente. (Ricordate? Una riga, un prez-zo!), Tutti i programmi sono persona-lizzabili e baster aggiungere il volo elaccompagnatore se richiesto. In pochiclick potrete consegnare il programmae il preventivo al cliente, risparmiandotempo e denaro! I partner del T.O. sonoAIR CANDA per il volato e AVIS AU-TONOLEGGIO per le vetture.

    Per prenotare? Anche prenotare i prodotti Viaggi Pi facile. sufficiente inviare una e-mail al-lindirizzo [email protected] oppu-re telefonare allo 0442.31.400, interno 3,per ricevere assistenza, e quotazioni, perpersonalizzare gli itinerari e offrire aipropri clienti un servizio di qualit in-dimenticabile.

    Viaggi Pisemplicit ed esperienza

    SPECIALE USA E CANADA

    Canada, la terra del nord,raccontatada Giver Viaggi

    RICORDATIdi rinnovare

    labbonamento per il 2009

    c/c postale n89133003

  • Il T.O. propone uncatalogo che con-tiene anche leHawaii, i Caraibi e laPolinesia, queste ultimecome estensioni, insie-me alle crociere. Per gliStati Uniti Eden offreuna vasta gamma di op-portunit, a cominciaredalle grandi citt. Ovviamente NewYork, stravagante e frenetica la gran-de mela offre a tutti i visitatori unat-mosfera indimenticabile. Poi Wa-shington, la Capitale Federale, chepropone in ogni angolo la storia diquesto Paese. Sempre sulla East Coast,ecco Boston, un pezzo di vecchia Euro-pa nel nuovo continente. Miami vive alritmo incessante della musica latina che,dal tramonto fino allalba, anima i tan-ti ristoranti e bar do South Beach. An-cora in Florida, Orlando lessenza del-lallegria, della spensieratezza e deltempo che non passa mai. Las Vegas,dove gli americani hanno sfidato la na-tura creando unoasi sfavillante di lucie di colori nella tranquillit silenziosadel deserto. Ecco poi la West Coast con.San Francisco e Los Angeles, lindi-scussa capitale del cinema, che offrelopportunit di fare shopping sulla fa-mosa Rodeo Drive e di passeggiare suimarciapiedi di Hollywood. Per ogni de-stinazione, Eden propone un pacchet-to completo, con le migliori soluzioniabitative, dagli alberghi agli apparta-menti, visite ed esperienze di tutte leattrattive delle citt ed escursioni nei

    luoghi pi suggestivi del-le rispettive regioni. E poivivere la citt che non dorme mai coni suoi musei, i musical, i concerti, le ce-ne nei quartieri caratteristici e i localijazz. Poi compiamo un ideale coast tocoast e ci trasferiamo a San Francisco,la Citt romantica, la citt degli arti-sti e dei musicisti, il simbolo della mu-sica hippy degli anni 60 e 70, della co-siddetta West Coast. Poi Las Vegas, lacitiamo non soltanto per gli amanti delgioco e dei casin, ma per la possibilitdi partire dalla citt per sorvolare e vi-sitare il Grand Canyon e la MonumentValley. E allora cominciamo ad illustrarele offerte di Eden al di fuori delle cittper rifugiarsi nella quiete suggestivadella natura, a cominciare dai grandi efamosissimi parchi nazionali: DeathValley, Yosemite, Yellowstone, Sequoiae Kings Canyon, e tanti altri. Per sco-prire il fascino della vita da cow boy

    Eden offre unavasta gammadi soggiorninei ranch del-lArizona, delColorado, delMontana, delTexas e del

    Wyoming. Infine, pacchetti per iviaggi in auto on the road, e quelliper i solitari o per i viaggiatori in grup-po. Del prodotto Stati Uniti di EdenViaggi abbiamo parlato con Silvia Bru-netti, responsabile del settore NordAmerica.Come si mostrato il mercato italianorispetto alla vostra offerta nel 2008 eall'inizio 2009?Il prodotto Stati Uniti cresciuto rispet-to allanno scorso in ordine di numero dipasseggeri. Ovviamente le tariffe aeree mol-to basse e la flessione di quelle alberghierefanno s che in proporzione i fatturati nonseguano lo stesso trend. Comunque pernoi positivo. C stata una flessione nellevendite in seguito allallerta influenza sui-na che sta tuttora mettendo il prodotto unpo sotto pressione. Le tariffe scontatissimesia di volato che alberghiere fanno s co-munque che questo non si sia completa-

    mente fermato, ma abbia soltanto subitoun rallentamento. Quale destinazione o prodotto an-dato meglio? I prodotti di punta ri-mangono New York, tutto lanno, e gli iti-nerari fly&drive, per il periodo giugno/set-tembre. Quali sono i vostri punti di forza?lassistenza italiana in loco fornita dal cor-

    rispondente, di persona a New York e telefo-nica se il cliente si trova in qualsiasi altra lo-calit degli USA. Altre offerte che hanno ot-tenuto un grande successo sono i tre pac-chetti individuali: New York a portata dimano, America a portata di mano e Ame-rica e Caraibi a portata di mano, studiati peril cliente che, pur desiderando un viaggio in-dividuale, ha difficolt con la lingua ingleseo vuole semplicemente usufruire di un pac-chetto completo con escursioni, trasferimenti,pasti, per poter sfruttare al meglio i giornidi vacanza. Novit in cantiere o appe-na presentate? La novit Appartamentia New York (centrali a Manhattan) con pos-sibilit di prenotare monolocale, bilocale oduplex, con occupazione anche di 6 persone,che consente alle famiglie e ai gruppi di ami-ci una tariffa estremamente concorrenzia-lei. Prospettive per l'estate e il resto del2009? Siamo intenzionati ad usufruire ditutte le offerte possibili da parte dei fornito-ri per continuare a proporre pacchetti com-petitivi e abbracciare comunque una fetta dimercato sempre pi ampia, raggiungendoanche quei clienti che in passato non avreb-bero pensato ad un viaggio negli Stati Uni-ti per motivi di budget e che ora possono va-lutare questa possibilit.

    Angelo Sessa

    SPECIALE USA E CANADA

    T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L 9

    Gli Stati Uniti di Eden Viaggi: proposte per ogni esigenza

  • Da pi di ventanni USABOUNDopera con successo sul Nord Ame-rica e Canada, con uffici operativia New York e San Francisco, ed un ufficioprenotazioni a Verona. Nelcorso di questi anni ha or-ganizzato oltre 200.000viaggi di turismo negliStati Uniti e Canada, e va-rie migliaia di viaggi di in-centivazione per le pi pre-stigiose aziende italiane. Lagamma dei servizi propo-sti vastissima e com-prende le mte pi signifi-cative degli States (Ca-lifornia, Florida, ParchiNazionali, numerosi iti-nerari fly&drive) oltre adunofferta completa suNew York, dove Usa-bound presenta fra laltroil suo fiore allocchiello,East River by Central Park Suites, nuovis-simi appartamenti situati nel cuore dellaManhattan pi viva, dinamica e america-na, eleganti, confortevoli e di vari tagli (ca-pienza da due a cinque persone). Personaledi madrelingua italiana in tutti gli uffici ga-rantisce la massima assistenza ai clienti, conuna particolare attenzione ai gusti ed esi-genze tipiche del viaggiatore italiano. Unadelle pi importanti specializzazioni di Usa-bound riguarda programmi e viaggi di ag-giornamento professionale che spaziano daquelli per architetti, designers ed esperti delsettore costruzioni ed arredo fino ai profes-

    sionisti del commercio, dellimmagine, del-la musica e di altri campi. Lultima novit rappresentata da Atikamek Adventure,che Usabound propone in esclusiva: una

    gamma di itinerari negliStati Uniti in grado di sod-disfare tutte le esigenze conlobiettivo di concretare ilviaggio dei sogni di molti,permettendo loro di vivereunesperienza unica edindimenticabile; si potrpartire per uno dei viaggi digruppo, accompagnati dauna esperta guida con unveicolo di assistenza du-rante tutto il percorso, op-pure optare per un viaggioindividuale per il quale in-sieme a tutte le prenota-zioni necessarie sar forni-to un dettagliato road-bookche oltre allitinerario pre-

    ciso riporta preziosi consigli pratici. Per que-sto tipo di viaggio, con i programmi propo-sti sul nuovo catalogo, Usabound in gra-do di organizzare qualunque itinerario in ba-se alle indicazioni del cliente e alla sua di-sponibilit di tempo. Lultimissima chicca:in occasione della festivit del 4 luglio (In-dependence Day) Usabound propone unviaggio a New York ed uno a San Franci-sco, dal 2 al 5 luglio, volo incluso, con variplus che offriranno maggior comfort ed unapi approfondita conoscenza di entrambe lecitt. E per saperne di pi: www.usa-bound.com 045/8303002 .

    10 T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L

    SPECIALE USA E CANADA

    Usabound, loperatore a tutto campo per gli States

    pretativo anche riguardo la le-gittimit della tesi che pre-tende di vagliare la rilevanza co-stituzionale con riferimento altipo di pregiudizio, cio al dan-no-conseguenza,e non al dirittoleso ed altres della tesi se-condo la quale il danno esi-stenziale non si identifica con lalesione di un bene costituzional-mente protetto, ma pu scaturiredalla lesione di qualsiasi bene giu-ridicamente rilevante.

    Entrambe, per la Suprema Corte, sonoinsostenibili, dunque nessuno spazio peril nostro danno da vacanza rovinataattraverso tali porte: nessuno potr piconsiderarlo come mero pregiudiziosofferto consistente nellalterazione delc.d. fare areddituale senza avere ri-guardo alla lesione di un qualche inte-resse costituzionalmente garantito; ncome nascente dalla lesione di un qual-siasi bene giuridicamente rilevante (an-che non costituzionalmente garantito).

    Ulteriore barriera preclusiva nei con-fronti del danno da vacanza rovinata rappresentata poi dalla gravit del-loffesa ritenuta dalla Suprema Corte:.. requisito ulteriore per lammissione al ri-sarcimento dei danni non patrimoniali allapersona conseguenti alla lesione di diritti co-stituzionali inviolabili.Troppe volte abbiamo letto di viaggia-tori infastiditi dalla presenza di volatilinella sala di pranzo di ristoranti com-presi in lussureggianti giardini caraibi-

    ci (dove tra laltro gli uccelli sono specieprotette) ovvero dalla presenza di ge-ghi in bungalows over-water a Bora Bora. Altri si sono lamentati dellassen-za di musica europea nei locali di SantoDomingo o della eccessiva presenza dizanzare o del pienone nella piscina del-lalbergo il giorno di ferragosto. Dice laSuprema Corte: la lesione deve eccedereuna certa soglia di offensivit, rendendo ilpregiudizio tanto serio da essere meritevoledi tutela in un sistema che impone un gra-do minimo di tolleranza (...) il risarcimentodel danno non patrimoniale dovuto solo nelcaso in cui sia superato il livello di tollera-bilit ed il pregiudizio non sia futile.

    In genere il tratto che contraddistingueil viaggiatore la intolleranza verso qual-siasi minimo disagio.

    Da ultimo la Suprema Corte ha chiaritonella sentenza in esame che: il dannonon patrimoniale, anche quando sia deter-minato dalla lesione di diritti inviolabili del-la persona, costituisce danno conseguenzache deve essere allegato e provato. Nessun ulteriore spazio dunque a li-quidazioni del danno da vacanza ro-vinata, quandanche ancora esistente,che ritengano il medesimo come dan-no eventoo danno in re ipsa. An-che in caso di ricorso alla prova pre-suntiva: il danneggiato dovr tuttaviaallegare tutti gli elementi che, nelle con-crete fattispecie, siano idonei a fornire laserie concatenata di fatti noti che consen-tano di risalire al fatto ignoto.

    Avv. Giovanni Cattivera

    Segue da pag. 2

    di forte cambiamen-to con la radicale trasformazione delcliente-turista, sempre pi consapevolee autonomo nelle scelte e nelle proce-dure. Lanalisi dei dati forniti al summitnon confortante. I flussi turistici a li-vello globale sono radicalmente scema-ti dal 2007 in poi: dopo una crescita me-dia nei 4 anni precedenti del 4,4%, negliultimi due anni si attestata al solo 1,7%.Nei primi due mesi del 2009 gli arrivi in-ternazionali nel mondo sono diminuitidel 7,7%, mentre per lintero 2009 si pre-vede una variazione in negativo, tra lozero e il -2%.In Italia nel 2008 si registrata una di-minuzione degli arrivi e delle presenzetotali stimata tra il 2% e il 3% rispetto al2007. Nel 2008 gli arrivi sono stati pari acirca 93,5 milioni e le presenze pari a 365-370 milioni. Per il 2009, il TCI prevedeche sia gli arrivi sia le presenze registre-ranno dei decrementi ulteriori, tra l1,5%e il 2,5% rispetto al 2008. Anche il traffi-co aereo mondiale nei primi 3 mesi del2009 ha subito un significativo arresto:- 9,7% dei passeggeri internazionali; -7,3% dei passeggeri domestici; - 8,4%complessivo. LItalia conferma i dati ge-nerali: nei primi 4 mesi dellanno i pas-seggeri degli aeroporti italiani sono di-minuiti del 9,3% rispetto allo stesso pe-riodo dellanno precedente. I paesi daiquali arrivano i maggiori flussi turisticisono sempre i pi sviluppati dei vari

    continenti: Germania, Stati Uniti, RegnoUnito, Francia, Cina, Italia, Giappone,Canada, Russia e Corea del Sud. E, vi-sto che le previsioni della crescita PIL inquesti stessi stati non buona, si preve-de che anche il mercato turistico subirun ulteriore contrazione dei consumi.Cos, anche loccupazione nel settore ri-sente negativamente del momento, e inItalia, nei primi 2 mesi del 2009, i tassidi occupazione degli alberghi sono di-minuiti del 15,5%. Il Summit del Turismo nelle Regioni hadiscusso delle possibili strategie per farfronte alla crisi, proponendosi in primoluogo come momento di dialogo tra iprincipali operatori e amministratoripubblici del settore. Il Summit, affer-ma Josep Ejarque, Presidente AIPMT -in questo senso, rappresenta la sede idealeper individuare strategie che i professionistipotranno in seguito applicare nei propri spe-cifici ambiti di lavoro, prendendo spunto daimportanti progetti sia nazionali sia inter-nazionali .LItalia si porta dietro problemi ben pilontani e profondi di quelli legati alla cri-si economica che ha investito oggi tutti ipaesi industrializzati. Solo una riflessio-ne seria che parta dal rilancio dei siste-mi turistici locali, come emerso dallim-postazione della discussione, pu por-tare a soluzioni in grado di reggere nonsolo le attuali condizioni negative, masoprattutto di edificare un nuovo mododi fare turismo.

    Oriana Schembari

    Lette

    re al

    Dire

    ttore

    Oggetto: Sentenza Corte di Cassazione Sezioni Unite Civili n. 26972/08.

    La tripla crisidel turismo in Italia

    Segue da pag. 1

  • 12 T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L

    apparso il PC e relativi servizi telemati-ci, le aerolinee hanno perso il controllodi questo essenziale compito cedendo-lo a societ esterne. Chi non ricorda ilgran trambusto che vi fu allorch ap-parvero sul mercato i sistemi di preno-tazioni computerizzati?Fu uno dei primi casi in cui lopinionepubblica venne informata circa il nuovocrimine da combattere denominato abu-so di posizione dominante e fu uno dei pri-missimi argomenti per i quali scesero incampo i regolatori che si affrettarono adettare le loro direttive. Obiettivo di-chiarato il timore che il sistema di pre-notazione di una aerolinea, una volta in-stallato presso tutti gli agenti, avrebbespudoratamente favorito laerolinea pro-prietaria e danneggiato gli altri vettoriche pure operavano sulla stessa rotta.In Europa in particolare fu varato il Re-golamento 2299/89 il quale stabil un co-dice di condotta per i CRS (ComputerReservation System) installati nel terri-torio UE. In pratica doveva venir assi-curato che: I CRS debbono trattare i vettori ope-

    ranti in modo non discriminatorio.Ci significa ad esempio applicareuna fee uguale per il servizio reso adogni vettore (purch il costo sia lostesso);

    Laerolinea ha lobbligo di fornire lastessa tariffa su ogni CRS cui essa partecipante;

    I CRS hanno lobbligo di fornire unavisione neutrale e non discrimina-toria ai loro usufruitori, come adesempio non favorire uno o diversivettori;

    Se un vettore controlla un CRS, que-stultimo riporter le medesimeinformazioni che appaiono nel CRSconcorrente.

    Nel 1989 quando il Regolamento fu va-rato, il contesto del mercato era assai dif-ferente da quello odierno. In quegli an-ni la maggior parte delle prenotazioniavveniva tramite i CRS. I consumatoridovevano affidarsi ad essi in modo to-tale, sia che i computer venissero gesti-ti dallagente di viaggio o dallaerolineadirettamente. Secondo le autorit co-munitarie i CRS cos come vennero im-messi sul mercato, offrivano lo spunto apotenziali abusi. Sono esempi di regolespaccacapello per costruire un mon-do perfetto di prenotazioni. Prima deicomputer, se il passeggero entrava nel-lufficio della TWA qui gli venivano of-ferti solo i servizi TWA, se entrava inquello Alitalia gli venivano elencati sol-tanto i servizi Alitalia: era un mondo diabusi? Assolutamente no, era semplice-mente un mondo in cui ogni compagniaaerea vendeva con propri mezzi il pro-prio prodotto e nessuno si permettevadi criticare la TWA per il fatto che nonrendesse edotto il passeggero che ma-gari cera pure laereo della Pan Ameri-can che operava sulla stessa rotta che alui interessava. Ma poi le linee aeree, pre-se dalla moda di tagliare i costi, inizia-rono a chiudere gli uffici biglietteria pre-senti nelle citt ove i loro aerei scende-vano, e contemporaneamente iniziaro-no a lanciare propri sistemi di prenota-zione che piazzavano presso le reti de-gli agenti di viaggio. Fu allora che nellamente dei regolatori si insinu un terri-bile dilemma: ma non sar che il tuo siste-ma fa vedere in prima schermata i tuoi ser-

    vizi e solo dopo mostra quelli dei concorren-ti? Sinceramente cosa ci fosse di scan-daloso sul fatto che una compagnia ae-rea, che magari aveva investito migliaiadi dollari per sviluppare un proprio si-stema di vendita, proponesse in via prio-ritaria i suoi servizi invece di quelli delconcorrente, ci riesce difficile compren-dere. Iniziava a prendere piede quel mo-do di pensare secondo cui se una com-pagnia era troppo grande metteva a re-pentaglio la sopravvivenza degli altri,turbava la concorrenza. Particolare curio-so sono stati proprio due giganti della-ria che controllavano i traffici aerei mon-diali, TWA e PAN AM, a chiudere i bat-tenti prima degli altri.Ma ora facciamo un passo indietro; pri-ma che sui banchi degli ADV compa-rissero i computer, gli agenti cosa ven-devano allutente del trasporto aereo?Ebbene, dovete sapere che tutti i mesigli agenti di viaggio ricevevano via po-sta un corposo volume di oltre un mi-gliaio di pagine denominato dapprimaABC, poi divenuto OAG, nel quale ve-nivano riportati tutti, sottolineiamo tut-ti, i servizi svolti dalle compagnie aereein qualsiasi parte del mondo. Tanto per essere precisi, mancavano i vo-li charter, quelli cosiddetti a domanda,ma per quanto riguardava le compagniedi linea che operavano voli scheduled, tut-ti gli operatori apparivano senza esclu-sione alcuna. Cos ad esempio se nelle-state del 1963, fermo restando che il pas-seggero si sarebbe potuto recare pressogli uffici della compagnia aerea, si en-

    trava in una agenzia di viaggio di Romae si chiedeva vorrei andare a Parigi, che vo-li ci sono? Lagente apriva la WorldAirways Guide, andava alla pagina inte-ressata ove trovava la seguente situa-zione (vedi tabella). Come vedete, at glance ovvero a colpodocchio, si aveva la situazione comple-ta dei voli che operavano sulla rotta ri-chiesta dal cliente, e per completa inten-diamo dire capace di mostrare tutte le ae-rolinee disponibili. Prima i voli diretti, poiquelli in coincidenza: non cera alcun vet-tore mancante. Se ora torniamo ai giorninostri, nei tempi in cui tutto dipende dalPC, troveremo una situazione disarman-te, decisamente peggiorata. Due sono imotivi di questo nostro giudizio. Il pri-mo dovuto a quella pessima trovatachiamata code sharing, il secondo al fattoche ormai il computer ha soppiantatoqualsiasi guida cartacea, qualsiasi stru-mento manuale in grado di fornire lareale situazione dei collegamenti su unadeterminata rotta. Innanzitutto il timeta-ble cartaceo, quello che il passeggero sipoteva procurare allagenzia della com-pagnia aerea non esiste pi. Agenti ecompagnie aeree dotati dei loro compu-ter si guardano bene dallo spendere i sol-di per abbonarsi a pubblicazioni che po-trebbero essere di qualche ausilio, e co-munque non si pu certo pretendere cheil passeggero faccia labbonamento alleguide manuali che vengono pubblicate aLondra per avere dettagli sui voli. dob-bligo pertanto ricorrere a Internet, ma quisar bene chiarire subito che non si tro-

    ver mai un sistema che garantisca che ivoli mostrati rappresentino realmente il100% di tutte le possibilit esistenti sulmercato. Abbiamo provato su alcuni sitifra i pi noti a chiedere i servizi Roma-Bucarest e ci venivano proposti i voli Ta-rom, Alitalia ma non quelli del vettoreBlue Air che pure opera fra le due citt.A conferma di questo nostro appunto ri-cordiamo che a maggio di questannoRyanair ha reso noto di aver firmato unaccordo di licenza con Momondo.comgrazie al quale le tariffe della compagniacompariranno su questo specifico moto-re di ricerca per viaggi. Senza girarci trop-po intorno insomma, nel mondo della-viazione civile accaduto un fatto al-quanto strano e cio che quella traspa-renza nei servizi ampiamente disponibi-le nei vecchi tempi del manuale, neigiorni della telematica lascia molto a de-siderare. I code sharing poi, mostrano vo-li che in realt non esistono, ma ai qualiogni compagni aerea firmataria dellac-cordo fornisce un proprio numero pre-ceduto dalla sigla della sua compa-gnia.Altro grande errore che ha compli-cato le cose quello di aver fatto del com-parto low cost, un mondo a parte. Lecompagnie a basso costo hanno sempredisdegnato i tradizionali metodi di ven-dita, ritenuti troppo costosi, quali GDS ecanale agenziale, preferendo puntare tut-to su propri siti istituzionali. Il risultato quello da noi sopra descritto allorch ab-biamo annotato come determinati moto-ri di ricerca escludano le informazioni suicollegamenti di non poche compagnielow cost. Insomma un vero e propriocaos, nel quale il passeggero non ha mo-do di conoscere la lista completa, lowcost e non, dei vettori che operano tradue city-pairs. in questa situazione di obiettiva diffi-colt per il passeggero, che a marzo diquestanno sullargomento prenotazioniaeree nuovamente intervenuta la Com-missione Europea definendo un nuovoCode of Conduct (http: //register.con-silium.europa.eu/pdf/en/08/st03675.en08.pdf). Il nuovo testo per non risolve iproblemi da noi esposti, ma continua adinsistere con ossessione sullaspetto del-limparzialit che i sistemi computeriz-zati debbono avere.Ci significa, annotiamo noi, che i CRSdovrebbero tornare a mostrare quellatrasparenza che vigeva ai tempi delleguide cartacee ma che oggi non c pia causa dei mutamenti che hanno inte-ressato il mondo dellaviazione com-merciale, mutamenti che avrebbe dovu-to essere stroncati sul loro nascere.In particolare colpiscono il punto 9 e ilpunto 11 del preambolo del Codice diCondotta ove viene ribadito che: Al fi-ne di proteggere l interesse del consumato-re necessario che lo schermo iniziale delCRS mostri dati imparziali, e che le infor-mazioni su tutti i vettori partecipanti sianoraggiungibili in modo ugualmente accessi-bile affinch non venga favorito alcun vet-tore rispetto ad altri.I venditori di sistemi devono assicurare chei dati siano disponibili per tutti i vettori par-tecipanti senza discriminazione alcuna e chiprovvede al trasporto non deve essere capa-ce di usare questi dati in modo tale di in-fluenzare negativamente la scelta dellagen-te di viaggio o la scelta del consumatoreUn tale modo di fare, a nostro parere sipu definire di accanimento terapeuti-co. Nei suddetti paragrafi si ribadisco-no concetti a dir poco anacronistici che

    Tabella

    Il pazzo mondo delle prenotazioni aereeSegue da pag. 1

  • T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L 13

    lasciano interdetti in quanto tendenti apretendere che il CRS sia uno strumen-to perfetto e asettico che deve fornire in-dicazioni tali da non influenzare alcuno,ne lagente ne il passeggero. Se si ve-dessero le cose con un minimo di obiet-tivit si dovrebbe prendere atto che in-vece di insistere sulla imparzialit delcontenuto, si dovrebbe puntare alla com-pletezza di quanto viene proposto. In al-tre parole le agenzie di viaggio, che or-mai sono rimaste le uniche intermedia-rie fra il passeggero e laerolinea, deb-bono venir messe in grado di avere la si-tuazione completa dei voli disponibiliindipendentemente dal fatto che usanoil sistema A, B o C rendendo obbligato-ria linserzione di tutti i servizi schedu-led, compresi quelli delle compagnie lowcost. Le aerolinee non dispongono pidi agenzie passeggeri per la vendita dipropria biglietteria e fra laltro esse nonhanno pi una propria biglietteria aereain quanto il biglietto ormai elettroni-co; avendo abdicato su questo fronte es-se si sono dovute appoggiare sui siste-mi elettronici di vendita GDS, o CRS chedir si voglia, i quali ormai non sono pisistemi delle aerolinee, ma sono prodottidi propriet di terzi che hanno un costo.Qualcuno ricorder certamente comenella fase iniziale del loro lancio i CRSerano prodotti controllati dalle aeroli-nee, ma poi esse, anche perch accusatedi posizione dominante, hanno dovutodismettere questi assets.

    964 American Airlines SABRE1968 Delta Airlines DATAS1971 United APOLLO1971 TWA PARS

    Se linizio stato lineare altrettanto nonpu dirsi per gli avvenimenti che sonoseguiti, caratterizzati da vendite, fusio-ni e accorpamenti. Fra gli ultimi ricor-diamo che nel dicembre 2006 Travelport,che controllava Galileo, acquistava e in-globava Worldspan, mentre nelle sin-gole aerolinee il trasbordo allordinedel giorno con Klm che ad esempio passata da Galileo a Amadeus a segui-to dellunione con Air France. C' qualche problema a far dialogare i si-stemi informatici delle due compagnie, av-vertiva a febbraio di questanno lammi-nistratore delegato di Alitalia, Rocco Sa-belli parlando dei problemi incontratinellunione fra Alitalia e AirOne. At-tualmente sono tre i sistemi che in prati-ca la fanno da padrona: Amadeus, Tra-velport e Sabre ma quel che preme sot-tolineare che prima della deregulationle linee aeree avevano propri sistemi diprenotazione che cedevano agli agentidi viaggio. Oggi invece i GDS sono con-dotti da compagnie indipendenti ed en-trambi, vettori e agenti, devono pagareper poterli usare. Crediamo sia superfluosottolineare come questa frammentazio-ne danneggi tutti: passeggeri, agenti edaerolinee, ed davvero incredibile con-statare che dopo aver tagliato su tutti ifronti possibili e immaginabili, le com-pagnie aeree si ritrovino nellanno 2009a dover pagare un fornitore esterno perpoter gestire un servizio essenziale co-me quello delle prenotazioni dei proprivoli; quelle stesse prenotazioni che quan-do non cerano i computer venivanosvolte dagli uffici delle compagnie aereesenza dover pagare fornitori esterni.

    Evoluzione del sistemaprenotazioni delle aerolinee1) Sistemi manuali di prenotazione ge-

    stiti direttamente dalle aerolinee, conlausilio della SITA ;

    2) Si diffonde luso del PC

    3) Tentativo da parte delle aerolinee didisporre di propri sistemi compute-rizzati ;

    4) Ostacoli derivanti da: a) autorit antitrustb) impossibilit di interfacciarsi alla

    totalit della catena di produzione5) Societ private creano, o acquistano,

    sistemi di prenotazione e li rivendo-no ad agenti e aerolinee

    6) Creazione di specifici programmi ag-giuntivi, mirati ai vettori, per otti-mizzare le tariffe di vendita

    Conseguenze pratiche:Lindustria aerea mondiale non si avva-le pi di un unico sistema di prenota-

    zioni comprendente tutte le aerolinee co-me avveniva al punto 1) bens disponedi pi sistemi in concorrenza fra loro.Ma sul fronte prenotazioni, le spese del-le aerolinee non si esauriscono qui: In-ventory management, Yield management,sono termini che indicano il processo diottimizzazione delle classi messe in ven-dita e della relativa offerta del numerodi posti e delle tariffe con cui i posti ven-gono immessi in vendita. la necessitdi rispondere in termini rapidi a even-tuali cambi di strategia tariffaria del con-corrente. Ed cos che anche sul frontedi quale tariffa applicare a quel certo seg-mento di booking class laerolinea deveaffidarsi a societ esterne, e acquistare i

    loro prodotti. Superfluo precisare cheanche questo lavoro veniva nel passatosvolto in casa. Nessuno potr mai fa-re una precisa comparazione costi/be-nefici per valutare se aver chiuso gli uf-fici prenotazioni e aver passato tutta lagestione a societ esterne non solo comepersonale ma anche come materialehardware, sia stata una operazione con-veniente per le aerolinee. Forse presedalla fretta di chiudere e tagliare hannofinito per rinunciare a elementi il cui pe-so andava valutato ponderazione. Dicerto troviamo normale che un settoreche non rientri negli obiettivi istituzio-

    Continua a pag. 14

  • per il territorio pi verde dEuropa, unavacanza che mescola sapientemente ma-re e cultura, relax e natura: lAbruzzo pronto a ospitare i visitatori. LAbruzzocontinuer a stupire il turista che nel vol-gere di poche decine di chilometri passadalle spiagge assolate alle alte vette del-lAppennino. Una feritaprofonda lascia il segno,ma non si pu dimenti-care che esistono un in-tatto paesaggio dolcissi-mo, uno splendido e vi-vo entroterra fatto di na-tura, borghi, castelli, ere-mi, abbazie, incorniciatidal rassicurante profilodentellato dei monti. quanto ha ricor-dato Agostino Ballone, Presidente Fia-vet Abruzzo e Molise: Alle nostre localitsulla costa sono state riconosciute 13 bandie-re blu. Tuttavia, dopo il terremoto, c statoun flusso di notizie non completamente ade-renti alle realt e per questo va riequilibratoil rapporto con linformazione. Si rischia dicompromettere anche il prossimo anno, laprossima stagione. Bisogna correggere il tiroe contiamo sullaiuto dei media per informa-re pi correttamente. A supporto di tutti icolleghi abruzzesi, scende in campo Fia-vet Nazionale. Cinzia Renzi, PresidenteFiavet Nazionale spiega le iniziative in-traprese: Abbiamo gi incontrato le AdVcolpite dal sisma e abbiamo attivato una seriediniziative per affrontare le problematiche re-lative alla fornitura di servizi. stato istitui-to un fondo di solidariet sul sito Fiavet fi-nalizzata alla ricostruzione delle loro attivit.Sono stati versati soldi attinti direttamentedai fondi associativi Fiavet. Sono stati con-cessi due anni discrizione gratuita ancheper i nuovi iscritti. Dopo due anni il socio pudecidere volontariamente se rimanere in Fia-vet. La solidariet sar per tutti, non solo perAdV Fiavet. Prepareremo pacchetti turisticiad hoc per i cittadini colpiti dal sisma che vo-lessero andare in vacanza. Abbiamo pensatoa iniziative rivolte ai bambini: una settimanaa Gubbio in camping o a Pesaro. Per quantoriguarda il turismo in Abruzzo bisogna ri-lanciare, evitare di diffondere messaggi fuor-

    vianti. Tutto il territorio fruibile da subito,tutta la costa, gli alberghi, gli stabilimenti so-no gi pronti, fruibilissimi. Per favorire la cor-retta comunicazione, sar inviata a tutte leAdV, anche quelle allestero, una locandinasul prodotto Abruzzo. Colgo loccasione perrivolgere un appello a Mauro Di Dalmazio,Assessore Sviluppo del Turismo e PoliticheCulturali, affinch organizzi press tour, edu-

    cational con la stampa na-zionale ed estera per dimo-strare che tutto il territorio fruibile. Purtroppo questastagione ormai persa, macercheremo di recuperare peril prossimo anno. Lim-magine proiettata daimedia ha prodotto unmessaggio generalista

    che si tradotto allestero con unimma-gine non veritiera della situazione del ter-ritorio abruzzese. Conferma Mauro DiDalmazio: Una parte del territorio non stata nemmeno sfiorato dal sisma. Abbiamoaspettato a correggere il tiro per evitare che lenostre informazioni si potessero sovrapporrealle altre pi drammatiche. Le nostre inizia-tive e interventi si articolano su tre livelli. Co-minceremo con una campagna di comuni-cazione legata ai grandi eventi del G8 e deiGiochi del Mediterraneo. In tali occasioni sidovr sfruttare il marchio Abruzzo sotto ilprofilo turistico. Organizzeremo vari pre-even-ti che prevedono la proiezione di filmati e do-cumenti sul prodotto abruzzese. Allinternodegli eventi stessi, curare le promozioni, leinformazioni.Devo dire che c stata parecchiasensibilit nei confronti dellAbruzzo e noidovremo essere bravi a proseguire con la pro-mozione del territorio, con iniziative a livellonazionale e internazionale. LAbruzzo unaregione straordinaria, con una variet dof-ferta che determina il valore. Promuovere-mo gli educational sia attraverso lEnit siaattraverso la Regione Abruzzo: lo sforzo sartotale, sar massimo. LAbruzzo una terrabellissima che ha subito una ferita, ma ha vo-glia di rimarginare, vuole essere pronta a ospi-tare il visitatore. Pu sembrare in controten-denza, ma adesso pi che mai, il nostro mes-saggio allinsegna dellottimismo.

    Antonella Pino dAstore

    14 T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L

    nali venga ceduto in outsorcing (si pensiad esempio al compito delle pulizie del-le carrozze ferroviarie, da parte di Fer-

    rovie Italia) ma quando il settore in esa-me rientra specificatamente nelle attivitprimarie, nutriamo dubbi sulla oppor-tunit che lo stesso venga ceduto ad en-tit esterne. Mentre scrivevamo queste

    note ci venivano alla mente gli avverti-menti che i molti contrari alla deregula-tion aveva lanciato prima che la stessafosse varata negli Usa. Secondo costoroil settore dellindustria aerea commer-ciale aveva delle peculiarit che non lorendevano adatto a farne una arena dicompetizione. Una di queste peculiaritera costituita dalla cornice di regolamentiinternazionali che assicuravano la in-terfacciabilit dei singoli prodotti offer-ti, caduta la quale sarebbero venuti me-no molti delle facilitazioni che assicura-vano il fluido scorrimento del sistemastesso. UNFETTERED COMPETITIONJUST DOESN'T WORK VERY WELL INCERTAIN INDUSTRIES, AS AMPLYDEMONSTRATED BY OUR AIRLINEEXPERIENCE AND BY THE ADVER-SE OUTCOMES ASSOCIATED WITHVARIOUS STATE EFFORTS TO DERE-GULATE ELECTRICITY RATES. IN MYVIEW, IT IS TIME TO ACKNOWLED-GE THAT AIRLINES LOOK AND AREMORE LIKE UTILITIES THAN ORDI-NARY BUSINESSES.

    la concorrenza sfrenata non funzionabene per tutte le industrie, come am-piamente dimostrato dalla nostra espe-rienza di aerolinee e dagli sviluppi ne-gativi che sono seguiti al tentativo fattoin vari Stati di deregolamentare il setto-re dellenergia elettrica. Secondo la miaopinione il momento di prendere attoche le aerolinee assomigliamo semprepi a una impresa di servizio pubblicopiuttosto che a una normale impresadaffari. (Bob Crandall, ex CEO di Ame-rican Airlines, Giugno 2008)

    Ultime notizie.Nel maggio 2009 lAlta Corte di Am-burgo accogliendo le tesi di Ryanair havietato al sito Vtours di rivendere vo-li della Ryanair a prezzi maggiori diquelli praticati dalla compagnia aerea.La sentenza confermava quella resa inprecedenza dalla Corte Regionale diAmburgo. Ryanair combatte da tempo isiti rivenditori di biglietti a prezzi maggio-rati, mentre da qualche tempo permette lac-cesso ai suoi dati su prezzi e orari di puracomparazione. Ai quali chiede una donazio-ne annuale di 100 euro in beneficenza (De-daloNews, 29-5-2009)

    Antonio Bordoni

    Il pazzo mondo delle prenotazioni aereeSegue da pag. 13

    Segue da pag. 1

    LAbruzzo pronto ad ospitare

    I l 6 maggio scorso, in occasione della fe-sta nazionale, stata presentata loffer-ta turistica della Boemia del Sud pressolambasciata della Repubblica Ceca a Roma,dallambasciatore Vladimir Zavazal e dalpresidente della Regione della Boemia meri-dionale Jir Zimola. Questa regione si pro-pone ai turisti stranieri con i suoi tesori, ilsuo fascino, le sue attrattive e le sue tante pe-culiarit: le bellezze naturali , i monumentistorici, i gioielli architettonici, i centri bal-neari e termali, le diverse attivit culturali esportive. Vediamo allora i singoli aspetti acominciare dalla natura intatta ((la regione normalmente denominata il polmone del-la Repubblica Ceca), caratterizzata da sta-gni, fiumi navigabili, valli profonde. Una ca-ratteristica del paesaggio della Boemia delSud dato dalla ricchezza dacqua, fiumi,tortuosi ruscelli, ampi bacini artificiali for-mati da dighe e specchi dacqua i laghetti estagni di tutte le dimensioni, ne furono co-struiti oltre settemila. Contribuiscono a crea-re una naturalistica atmosfera romantica.Non di minore interesse la struttura urba-nistica ricca di monumenti storici, citt e vil-laggi dellarchitettura popolare, entrati or-mai nel patrimonio dellUnesco, come Ho-lasovice e Cesky Krumlov, quest'ultimo

    famoso anche per il teatroall'aperto dalla platea girevo-le, che lo scorso anno ha ospitato 55 mila spet-tatori, mentre i castelli e i ruderi di epocheantiche arricchiscono i paesaggi di campa-gna insieme a piccole chiese e santuari, dovei visitatori percepiscono la ricca tradizionereligiosa che si riflette in importanti chiese,cappelle e altre costruzioni religiose e nellostile barocco che adorna la regione. I mona-steri, infatti, hanno avuto un ruolo impor-tante nello sviluppo dellinsediamento uma-no e molti di essi sono classificati come gem-me artistiche, ad esempio Vyssi Brod, ZlatKoruna o Klaster u Nov Bystrice. La Boe-mia del Sud, inoltre, offre una vasta rasse-gna di eventi culturali, sportivi e sociali. Traquesti la Festa della Rosa a cinque petalie il Sentiero dOro. La regione ormai di-ventata unimportante zona turistica, cono-sciuta anche dai turisti stranieri grazie allasua offerta di divertimenti, alla possibilit dialloggi confortevoli, alle attivit termali e al-le pratiche sportive. La visita della Boemiadel Sud anche una opportunit unica di gu-stare non solo la famosa birra (ad esempionella birrieria della Budejovicky Budvar), maanche la tipica cucina ceca.

    Angelo Sessa

    La Boemia, preziosa come i suoi cristalli

  • lInterline International Club solo in Via Nazionale, 204 - 00184 Roma

    Tel 06/4871721 Fax 06/4871618E-mail: [email protected] [email protected]

    Invitiamo i nostri lettori a consultare il nostro sito

    www.interlinegroup.itaggiornato quotidianamente

    con le ultime offerte di viaggi

    CAMPAGNA ABBONAMENTI 2009Per ricevere la rivista di cultura e turismo Travelling Interline necessario presentare una lettera di appartenenza dellaziendapresso la quale si lavora, nella quale andr specificata la mansione svolta. La lettera dovr essere firmata da un responsabiledellazienda. La quota annuale rimarr di 39 anche per il 2009 (valida fino al 31/12/2009) e d diritto ad essere iscrittial nostro club e a partecipare alle attivit sociali.

    Facsimile scheda di iscrizione da spedire assieme alla lettera di appartenenza e alla quota annuale a Interline International Club, Via Nazionale, 204 - 00184 Roma. Preferibilmente, compilate un bollettino di

    c/c postale n 89133003 intestato a Interline International Club ricordandovi di inviarci tutti i vostri dati.

    Gli enti: ADV, compagnie aeree, ecc. possono richiedere la fattura.

    Cognome.......................................... Nome.............................................. Nato........................................................................ il ...............................

    Codice Fiscale ................. Domicilio Privato ................................................................................................................................................................

    C.A.P................................................... Citt..............................................Tel ..............................................................................................................

    societ di appartenenza e indirizzo..............................................................................................................................................................................

    Tel .........................................................Fax..............................................E-mail ........................................................................................................

    Firma ..............................................................

    GARANZIA DI RISERVATEZZA

    Interline International Club garantisce la massima riservatezza dei dati forniti dai soci. Le informazioni custodite nel nostro archivio elettronico verranno utilizzate al solo scopo di inviare comunicazioni

    di servizio. In conformit alla legge 675/96 sulla tutela dei dati personali.

    A causa dellelevato numero di offerte di viaggio e dei continui cambiamenti di prezzo non ci stato possibile inserlenella rivista. Vi preghiamo di consultare il nostro sito www.interlinegroup.it aggiornato quotidianamente con viaggiin Italia, allestero, crociere, tour, vacanze benessere, ecc o chiamare la segreteria IIC Tel 064871721