Piano Nazionale Scuola Digitale (Area lingue straniere)

  • View
    200

  • Download
    1

Embed Size (px)

Text of Piano Nazionale Scuola Digitale (Area lingue straniere)

  • Corso Avanzato PNSD 2015

    Didattica con le TIC Libri digitali

    Area lingue straniere1 incontro

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it TWITTER @sandra_troia (https://twitter.com/sandra_troia)FACEBOOKhttps://www.facebook.com/sandratroiaLINKEDIN http://www.linkedin.com/pub/sandra-troia/60/365/951 www.cittadinanzadigitale.eu

    Polo Formativo Regionale per la Puglia Piano Nazionale Scuola Digitale(DDG MIUR prot. n.3573 del 20/12013)

  • Attivit e tempi Presentazione del corso. 10 min

    Presentazione corsisti e socializzazione esperienze. 20 min

    Svolgimento test on line (ingresso). 30 min

    Capovolgere la didattica con luso delle TIC (flipped classroom). 30 min

    Integrare gli strumenti. 30 min

    Edmodo: una piattaforma social di elearning . 60 min

    eXeleraning per la creazione di learning object. 60 min

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Il corso

    n. 2 incontri (8 ore)

    la piattaforma http://www.itdeleddalecce.gov.it/poloformativoregionale/moodle/

    http://digitalcitizenship.eu

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Temi

    Lavorare con i dispositivi destinati alla fruizione collettiva di contenuti in situazioni di didattica frontale e collaborativa

    Lingue straniere e TIC; interazioni con l'estero Libri digitali e contenuti integrativi

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Il corsoCompetenze in uscita (risultati attesi)

    Al termine del percorso didattico il soggetto in grado di:

    Progettare e realizzare unesperienza di apprendimento secondo il modello flipped classroom impiegando dispositivi destinati alla fruizione collettiva di contenuti in situazioni di didattica frontale e collaborativa (Google Drive, Edmodo, eXeleraning, Liber.io, Blendspace).

    Creare learning object destinati alla fruizione on line e off line (Google Drive, Edmodo, eXeleraning, Liber.io, Blendspace).

    Progettare e coordinare ledizione collaborativa di libri digitali e contenuti integrativi (Google Drive, Edmodo, eXeleraning, Liber.io, Blendspace).

    Reperire e condividere in rete risorse didattiche (area lingue straniere). Individuare possibilit di interazione con lestero finalizzate allaggiornamento professionale e

    allarricchimento dellofferta formativa.

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Test

    TEST INGRESSO

    Il test, in questa fase, strumentale ad una prima definizione del livello di conoscenze dei corsisti dei temi oggetto del corso.

    Tempo a disposizione 30 minuti.

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Risorse in rete

    Grazie alla crescente disponibilit di device che consentono, senza limiti di luogo e tempo, laccesso alla rete internet e di risorse didattiche aperte, oggi i soggetti in formazione nella scuola possono facilmente ricercare e acquisire conoscenze da fonti diverse rispetto agli insegnanti e alle istituzioni.

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Risorse in reteL'apprendimento non pi limitato a specifici orari scolastici o metodi didattici e pu essere personalizzato.

    Gli insegnanti possono agevolmente condividere e creare contenuti con colleghi e discenti di Paesi diversi.

    Pu essere consultata una gamma molto pi ampia di risorse didattiche.Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, a Consiglio, al Comitato Economico e Sociale europeo e al comitato delle Regioni. Aprire l'istruzione: tecniche innovative di insegnamento e di apprendimento per tutti grazie alle nuove tecnologie e alle risorse didattiche aperte (COM 2013/0654 final).

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Risorse in reteLingue straniere e TIC; interazioni con l'estero

    http://www.etwinning.net/it/pub/index.htmhttp://www.schooleducationgateway.euhttp://openeducationeuropa.euhttps://www.edmodo.com

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Passato e Presente

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

    #Londra

  • Flipped classroom

    Forma di apprendimento che ribalta il sistema di apprendimento tradizionale .

    Nasce dallesigenza di rendere il tempo-scuola pi produttivo e funzionale alle esigenze di un mondo della comunicazione radicalmente mutato.Fonte https://it.wikipedia.org/wiki/Insegnamento_capovolto (10/04/2015)

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Flipped classroomSfrutta appieno tutte le potenzialit dei materiali culturali online.

    Consente di applicare, senza ristrettezze temporali, una didattica laboratoriale socializzante e personalizzata.Fonte https://it.wikipedia.org/wiki/Insegnamento_capovolto (10/04/2015)

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Flipped classroom

    Lo studente a casa, in autonomia, apprende attraverso video e podcast, o leggendo i testi proposti dagli insegnanti o condivisi da altri docenti.

    In classe l'allievo applica quanto appreso per risolvere problemi e svolgere esercizi pratici proposti dal docente.Fonte https://it.wikipedia.org/wiki/Insegnamento_capovolto (10/04/2015)

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Flipped classroom

    Quali i vantaggi?

    Quali gli elementi di criticit?

    Da dove partire?

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Flipped classroom1. Ascoltare i bisogni

    2. Definire gli obiettivi

    3. Progettare lesperienza dapprendimento

    4. Scegliere gli strumenti

    5. Costruire lambiente di apprendimento

    6. Interpretare i risultati

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Strumenti

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

    Google Drive

    Edmodo

    eXeleraning

    Blendspace

    Liber.io

  • Google Drive

    un servizio, in ambiente cloud computing, di web storage e sincronizzazione online e permette il file hosting, file sharing e editing collaborativo di documenti.https://it.wikipedia.org/wiki/Google_Drive (01/03/2015)

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Google Drive

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Google Drive

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Task - Google Drive

    - Creazione documento in Google Drive

    - Redazione testo: introduzione, argomento

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

    Dalla formazione alla classeCome proporre unesperienza di scrittura collaborativa?

  • Learning Object

    Un learning object (sinteticamente noto come LO dal relativo acronimo) una unit di istruzione per l'e-learning, riutilizzabile.Fonte https://it.wikipedia.org/wiki/Learning_object (10/014/2015)

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

  • Learning Object

    I learning object costituiscono particolari tipi di risorse di apprendimento autoconsistenti, dotate di modularit, reperibilit, riusabilit e interoperabilit, che ne consentono la possibilit di impiego in contesti diversi.

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

    Fonte https://it.wikipedia.org/wiki/Learning_object (10/014/2015)

  • Learning Object

    Per garantire che i LO siano aggregati e riutilizzati necessario standardizzare la loro descrizione ovvero definire il cosiddetto set di metadati.

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

    Fonte https://it.wikipedia.org/wiki/Learning_object (10/014/2015)

  • Learning Object

    I metadati (metadata) possono intendersi come quei dati che non si riferiscono direttamente ai contenuti concreti di un LO ma che li classificano.

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

    Fonte https://it.wikipedia.org/wiki/Learning_object (10/014/2015)

  • Learning Object

    I metadati sono utili ai fruitori non solo per acquisire informazioni sui LO, ma soprattutto per reperirli negli appositi repository di LO.

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

    Fonte https://it.wikipedia.org/wiki/Learning_object (10/014/2015)

  • Learning Object

    Altri metadati necessari per la produzione di un LO riguardano le indicazioni che fanno s che il LO possa essere utilizzato da diverse piattaforme (LMS), sia cio interoperabile.

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

    Fonte https://it.wikipedia.org/wiki/Learning_object (10/014/2015)

  • Learning Object

    Lo standard che si occupa di garantire questa funzionalit SCORM (Sharable Content Object Reference Model).

    Prof.ssa Sandra Troiasandra.troia@istruzione.it www.cittadinanzadigitale.eu

    Fonte https://it.wikipedia.org/wiki/Learning_object (10/014/2015)

  • Learning Object

    SCORM definisce linsieme delle procedure che aggrega i contenuti dei LO e il modo di elaborare questi contenuti sulla piattaforma: i dati sul corso, i metadati, linterazione studente-piattaforma, i test e le valutazioni sono gestite da un file.xml che garantisc