Made in Italy - M&A

  • View
    573

  • Download
    2

Embed Size (px)

DESCRIPTION

 

Text of Made in Italy - M&A

  • Prof. Maurizio Dallocchio Milano, 18 marzo 2014 Made in Italy e M&A Difendere litalianit o aggredire lestero? CReSV Universit Bocconi

Leconomia italiana Caratteristiche e differenze delle operazioni di M&A globali Scenario attuale dellM&A in Italia Operazioni cross-border, Foreign Direct Investment e Private Equity Lalto di gamma Conclusioni 2 CReSV Universit Bocconi2 Agenda 3 Atteggiamento imprenditori Successioni come fattore disgregante Scarsa disponibilit a utilizzare equity e forte indebitamento Significativa specializzazione in settori maturi con bassi tassi di crescita Timore di perdita del controllo Mercati dei capitali modesti Storica diffusione del credito bancario e commerciale a breve termine Luoghi comuni sullItalia CAUSE Economie di scala e di apprendimento Ricerca e innovazione Internazionalizzazione Rischio Trasferibilit modelli PERDITE IN TERMINI DI: LIMITATE DIMENSIONI Leconomia italiana: perch debole? La crescita un tema nodale CReSV Universit Bocconi 72% 28% Imprese Occupazione Valore aggiunto Italia EU-27 Italia EU-27 Italia EU-27 Numero % % Numero % % Numero % % Micro 3.731.348 94,6% 91,8% 7.292.281 46,9% 29,7% 219 32,6% 21,0% Piccole 189.294 4,8% 6,9% 3.351.855 21,6% 20,7% 155 23,0% 18,9% Medie 20.151 0,5% 1,1% 1.935.295 12,5% 17,0% 108 16,1% 18,0% Tot. 3.940.793 99,9% 99,8% 12.579.431 80,9% 67,4% 482 71,7% 57,9% Tot.Comprese Grandi 3.943.889 100,0% 100,0% 15.540.459 100,0% 100,0% 672 100,0% 100,0% PIL Italia Fonte: Commissione Europea (2009) 0 4 8 12 16 Media Ue27 Numero medio di addetti nei Paesi UE (2009) Fonte: Elaborazioni su dati Eurostat (2012) Leconomia italiana: perch debole? La dimensione aziendale 4 SME Large Corp. CReSV Universit Bocconi 5 0-9 10-19 20-49 50-249 250 e oltre Totale 8,1% 14,9% 23,8% 33,0% 38,0% 29,1% Incidenza del fatturato esportato sul fatturato totale dellindustria manifatturiera per classi di addetti (2009) Fonte: Istat (2009) Leconomia italiana: perch debole? Le esportazioni CReSV Universit Bocconi 6 Fonte: Internazionalizzazione delle PMI, UE (2009) Leconomia italiana: perch debole? Linternazionalizzazione CReSV Universit Bocconi 7 Leconomia italiana: perch debole? Linternazionalizzazione CReSV Universit Bocconi Fonte: Internazionalizzazione delle PMI, UE (2009) 0.00% 1.00% 2.00% 3.00% 4.00% 5.00% 8 Fonte: Elaborazioni CReSV su dati Eurostat (2013) Leconomia italiana: perch debole? Gli investimenti Investimenti in R&S in %PIL (2011) CReSV Universit Bocconi Leconomia italiana Caratteristiche e differenze delle operazioni di M&A globali Scenario attuale dellM&A in Italia Operazioni cross-border, Foreign Direct Investment e Private Equity Lalto di gamma Conclusioni 9 CReSV Universit Bocconi9 Agenda 10 Caratteristiche e differenze delle operazioni di M&A globali M&A? Si. Tassi dinteresse ai minimi storici Prezzo delle azioni ai minimi storici Elevata disponibilit di cash M&A? No,grazie. Focus sul rafforzamento della struttura dimpresa Share Buy-Back Riduzione del debito Timore nellaffrontare nuovi mercati/prodotti Sia in Europa che negli Stati Uniti... CReSV Universit Bocconi Europa Pagamento principalmente legato alla parte fissa (solo il 14% delle transazioni include clausole di earn out) Maggiore protezione per i seller (la clausola di Material Adverse Change presente in solo il 16% delle transazioni) Multipli di valutazione ridotti Stati Uniti Elevata parte variabile nel prezzo finale (38% delle transazioni include clausole di earn out) Maggiore protezione per i buyer ( la clausola di Material Adverse Change presente in oltre il 93% delle transazioni) Multipli pi elevati (P/E medio: 22.5x) 11 ...ma con alcune differenze CReSV Universit Bocconi Caratteristiche e differenze delle operazioni di M&A globali 12 Crescita degli investimenti diretti dei Fondi Sovrani: il loro peso nel volume globale delle transazioni cresciuto nel periodo 2000-2013 in maniera esponenziale, occupando posizioni rilevanti in settori chiave delleconomia. Yes , the global picture is pretty bleak, but for sovereigns that are cash rich, they will certainly assess opportunities and this could prove to be an opportune time to deploy some of that capital Omar Mehanna Head of HSBCs regional advisory business Forte potenziale di crescita $5 trilioni di asset controllati Tasso di crescita (2001-2011): 10% annuo Dal 2007 al 2011: oltre $100 billion di investimenti CReSV Universit Bocconi Caratteristiche e differenze delle operazioni di M&A globali Leconomia italiana Caratteristiche e differenze delle operazioni di M&A globali Scenario attuale dellM&A in Italia Operazioni cross-border, Foreign Direct Investment e Private Equity Lalto di gamma Conclusioni 13 CReSV Universit Bocconi13 Agenda 14 CReSV Universit Bocconi Scenario attuale dellM&A in Italia Fonte: Osservatorio M&A Bocconi, Zephyr (Bureau Van Dijk) La situazione economica, sia domestica che legata al contesto internazionale, rafforza limportanza dei temi della crescita dimensionale e della riorganizzazione del sistema produttivo per rinforzare la struttura del tessuto imprenditoriale. 15 CReSV Universit Bocconi Scenario attuale dellM&A in Italia Fonte: Osservatorio M&A Bocconi, Zephyr (Bureau Van Dijk) 16 CReSV Universit Bocconi Scenario attuale dellM&A in Italia Fonte: Osservatorio M&A Bocconi, Zephyr (Bureau Van Dijk) 17 CReSV Universit Bocconi Scenario attuale dellM&A in Italia Fonte: CReSV su dati Istat e Zephyr (Bureau Van Dijk) 0.01% 0.06% 0.29% 0.18% 0.06% 0.04% 0.09% 0.66% 0.10% 0.06% 0.05% 0.00% 0.10% 0.20% 0.30% 0.40% 0.50% 0.60% 0.70% 2012 2013 Settori prevalenti - % PIL 18 CReSV Universit Bocconi Scenario attuale dellM&A in Italia Fonte: CReSV, Zephyr (Bureau Van Dijk) * Solo due operazioni; valori influenzati dalloperazione Cardif Assicurazioni Cardif Vita Dimensione media aziende acquirenti e target: distinzione settoriale 70,171 24,095 45,631 14,371 250,333 16,791 2,487 1,484,351 6,421,264 9,968 175,023 180,312 437,693 1,415,842 8,438,133 1,503,874 138,002 118,044 51,389,301 875,143 2,183,888 453,678 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Food & Bev Chimica Meccanica Utilities Edilizia Commercio Trasporti Banche Assicurazioni* Altri Servizi Altro Media Asset totali Target (Mln euro) Media Asset totali acquiror (Mln euro) 19 CReSV Universit Bocconi Scenario attuale dellM&A in Italia Fonte: Osservatorio M&A Bocconi, Bloomberg Leconomia italiana Caratteristiche e differenze delle operazioni di M&A globali Scenario attuale dellM&A in Italia Operazioni cross-border, Foreign Direct Investment e Private Equity Lalto di gamma Conclusioni 20 CReSV Universit Bocconi20 Agenda 21 CReSV Universit Bocconi Operazioni cross-border Fonte: JP Morgan (2012) Secondo una ricerca EIU (2013) a rilanciare il mercato M&A saranno le operazioni cross- border. Le maggiori prospettive di crescita infatti, secondo larga parte degli intervistati (78%), riguardano i mercati internazionali, con particolare attenzione a quelli emergenti. Le imprese italiane devono crescere allestero per competere nello scenario globale. Peraltro la ridotta dimensione che caratterizza le nostre aziende uno dei principali motivi di sofferenza rispetto ai competitoreuropei. 22 CReSV Universit Bocconi Fonte: Osservatorio M&A Bocconi, Zephyr (Bureau Van Dijk) Operazioni cross-border Nonostante lM&A domestica evidenzi un calo consistente tanto in volumi quanto in controvalori le operazioni cross-border hanno registrato un trend tuttaltro che negativo. Gli outflow hanno fatto registrare controvalori vicini ai 6 Mld di euro, con un aumento considerevole rispetto al 2012. 23 CReSV Universit Bocconi Fonte: Osservatorio M&A Bocconi, Zephyr (Bureau Van Dijk) Operazioni cross-border Sul fronte cross-border inflow gli investitori dei Paesi sviluppati e di quelli emergenti hanno indirizzato i propri investimenti in Italia soprattutto verso realt di eccellenza nei settori pi competitivi e strategici dellindustria e del commercio italiano, come il settore della componentistica industriale, quello automobilistico e quello della moda. Nel corso degli ultimi anni, accanto ai Paesi tradizionalmente interessati alle imprese italiane (Francia, USA, Germania, Regno Unito), hanno consolidato il loro interesse Paesi come India, Cina, Giappone, Corea, Qatar, Turchia, Tailandia. 24 CReSV Universit Bocconi Operazioni cross-border 2009 2010 2011 2012 2013 Descrizione # deal Mln # deal Mln # deal Mln # deal Mln # deal Mln Italia su Italia 15 9.987 16 2.213 19 10.986 15 2.081 17 5.696 Italia su estero 73 8.568 62 8.571 60 15.972 62 5.832 103 9.109 Totale 88 18.555 78 10.784 79 26.958 77 7.913 120 14.805 Mercato italiano M&A 2009 - 2013 25 CReSV Universit Bocconi Operazioni cross-border Geografia M&A: Italia su estero 2013 26 CReSV Universit Bocconi Fonte: Osservatorio M&A Bocconi Operazioni cross-border 27 CReSV Universit Bocconi Fonte: Osservatorio M&A Bocconi, dati OECD Foreign Direct Investment Un fattore determinante per la sopravvivenza delle aziende italiane da rinvenire in una radicata presenza internazionale. In tal senso numerose aziende domestiche, grazie alle loro eccellenze in termini di tecnologia e prodotto, sono ancora in grado di competere nello scenario internazionale. Il mezzo prescelto dai nostri imprenditori per attuare strategie di internazionalizzazione e crescita, consapevoli che per garantire crescita si rendono necessari investimenti, spesso stato quello degli Investimenti Diretti Esteri. 28 CReSV Universit Bocconi Fonte: Osservatorio M&A Bocconi, dati OECD Foreign Direct Investment 29 CReSV Universit Bocconi Fonte: Osservatorio M&A Bocconi su dati AIFI e PWC Private Equity 30 CReSV Universit Bocconi Fonte: Osservatorio M&A Bocconi su dati AIFI