Smart grid 4 novembre

Embed Size (px)

DESCRIPTION

 

Text of Smart grid 4 novembre

  • 1. Come gestire la qualit del servizio elettrico? Il telecontrollo della rete di distribuzione di media tensione della societ multiservizi STET Spa di Pergine Valsugana (TN) Giuseppe Menin [email_address] www.copadata.it
  • 2. Il contesto
    • 6 comuni gestiti dalla societ STET di Pergine Valsugana (TN)
    • 35.000 abitanti circa
    • 6 reti di distribuzione MT
    • 3 cabine primarie 60KV
    • 200 cabine secondarie 20KV
  • 3. Lintervento
    • Aggiornamento della rete di telecontrollo:
      • interfacciamento agli apparati di protezione e controllo esistenti
      • Aggiornamento della modalit di interconnessione tra centro e siti periferici
      • Aggiornamento del sistema SCADA di telecontrollo
      • Implementazione della funzionalit di gestione della qualit del servizio elettrico secondo la direttiva 333/07 dellAutorit per lEnergia Elettrica
  • 4. Larchitettura Nr. 7 Sub-RTU connessi su linee DSL dedicate VPN IPSEC LAN SCADA SERVER SCADA STAND-BY Nr. 17 Sub-RTU connessi su rete UMTS Nr. 1 Sub-RTU connesso su rete pubblica ADSL SQL DB CLIENT remoto GIS Centro di Telecontrollo IEC 61131-3 IEC 61131-3 IEC 61131-3
  • 5. Connettivit
    • Realizzazione di VPN basata sullo standard IPSEC
    • Comunicazione tra centro e Sub-RTU utilizzando il protocollo standard IEC60870-5-104
      • Sincronizzazione oraria
      • Invio su eccezione del cambio di stato
      • Invio su eccezione e periodico di misure
      • Invio del time-stamp con risoluzione msec.
      • Bufferizzazione su SUB-RTU di eventi e misure in caso di sconnessione
      • Comandi verso organi di manovra
    • Connessione a SAP per informazioni anagrafico utenti
    • Connessione a sistema GIS per localizzazione geografica
  • 6.
  • 7. Funzionalit
    • Conduzione della rete
    • Gestione pronto intervento
    • Analisi storica dellassetto di rete
    • Gestione della qualit del servizio
  • 8. Modalit Online
    • Visualizzazione topologica stato cabine
    • Visualizzazione misure e andamenti
    • Visualizzazione allarmi/eventi
    • Comando degli organi
    • Gestione dei turni per il pronto intervento
  • 9. Dettaglio cabina primaria
  • 10. Modalit Offline
    • Utilizzo delle stesse pagine topologiche collegando dati storici archiviati su SQL DB
    • Analisi postuma dellassetto di rete durante levoluzione di un guasto.
    SQL RTU OFFLINE ONLINE SCADA
  • 11. OFFLINE - Assetto di rete. In giallo le cabine fuori servizio. Situazione allistante T1
  • 12. OFFLINE - Assetto di rete. In giallo le cabine fuori servizio. Situazione allistante T2
  • 13. Gestione interruzioni
    • Interazione con loperatore:
    • Accorpamento delle interruzioni secondo i criteri dellAutorit dellEnergia
    • Inserimento causa e origine dellinterruzione
    • Altre informazioni (preavviso, sospensione di emergenza)
  • 14. Generazione report
    • Report realizzato in automatico dal sistema.
    • Include:
      • Data/ora di inizio fine interruzione
      • Assetto di rete durante linterruzione
      • Causali inserite dalloperatore
      • Eventuale lista allarmi dal sistema di telecontrollo
  • 15. Dietro le quinte
    • Alcune particolarit della piattaforma SCADA
  • 16. Una piattaforma di sviluppo integrata
    • Funzionalit SCADA / DMS
    • Configurazione della connettivit verso il campo: IEC60870, IEC61850, DNP3 ed altri 300 driver di comunicazione
    • Funzionalit Process Gateway per linterconnessione verso altri sistemi (IEC60870, OPC UA, SQL, DNP3, SAP)
    • Implementazione di soft-RTU complete di logica IEC61131-3 e connettivit IEC60870-5-104, IEC61850
    • Ambiente di sviluppo Microsoft VISTA integrato che include c#, vb.NET
  • 17. Rappresentazione topologica della rete
    • Colorazione automatica delle linee attraverso la sola progettazione grafica.
    • Disponibili elementi con funzione specifica: Interruttori, sezionatori, trasformatori, utilizzi,
    • Funzionalit di zoom e panning
    • Decluttering automatico degli elementi in pagina
    • Possibilit di puntamento a zone di pagina attraverso etichette predefinite (es: nome della cabina)
  • 18. Localizzazione dei guasti
    • Acquisizione delle informazioni provenienti da protezioni distanziometriche, di massima corrente,
    • Riconoscimento e rappresentazione grafica dellarea interessata dal guasto.
    • Riconoscimento di:
      • Guasto verso terra
      • Guasto tra fasi
  • 19. Guasto verso terra: esempio 1) Situazione iniziale
  • 20. Guasto verso terra: esempio 2) In giallo larea interessata dal guasto
  • 21. Guasto verso terra: esempio 3) Viene isolata larea aprendo i sezionatori e alimentando da UW West
  • 22. Guasto verso terra: esempio 4) Guasto ripristinato
  • 23. Comandare in sicurezza gli attuatori
    • Interblocco dellattuatore in uso sulle altre postazioni SCADA.
    • Utilizzo diretto della funzionalit seleziona prima di operare (SBO) tipica di IEC60870-5-104, IEC61850 e DNP3
    • Interblocco della manovra sulla base dello stato topologico di rete.
    • Controllo timeout su operazioni di apertura/chiusura.
    • Cambio modalit di gestione: Es. montante fuori servizio, dispositivo guasto, dispositivo in manutenzione,
    • Log completo su Cronologic Event List
  • 24. Gestione pronto intervento
    • Comunicazione automatica al personale reperibile attraverso:
      • Messaggi SMS
      • Messaggio vocale
      • E-mail
    • Messaggio con indicazione precisa del guasto.
    • Richiesta la conferma di avvenuta ricezione del messaggio
    • Possibilit di ripristino allarme o di esecuzione di funzioni sul sistema
    • Gestione dei turni di reperibilit
    • Log completo su Cronoligic Event List
    Voice messages SMS e-Mail
  • 25. Interfaccia .NET
    • Realizzazione di estensioni applicative utilizzando:
    • Ambiente di sviluppo Microsoft Visual Studio Tools for Applications (VISTA)
    • Linguaggi object oriented (Microsoft c#, vb.NET)
    • Le funzionalit offerte da .NET Framework
    • Le funzionalit offerte dalle API della piattaforma SCADA
  • 26. RTU utilizzando piattaforme HW standard IEC 61131-3 Engine IEC 61850 server + GOOSE IEC 60870-5-104 slave/master MODBUS RTU,TCP Custom HW I/O driver Fieldbus: Modbus, Profinet, CAN, ... Custom software
  • 27. In sintesi
    • Adozione di tecnologie di comunicazione standard (IPSEC, IEC60870-5-104, DSL, UMTS).
    • Un unico sistema centrale per:
      • Conduzione rete
      • Pronto intervento
      • Analisi storica evoluzione guasto
      • Reportistica sulla qualit del servizio conforme ai dettami della norma 333/07
    • Apparati s