Applied Metabolics

  • View
    90

  • Download
    56

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Science and bodybuiding

Transcript

  • APPLIED

    1

    M E TA B O L I C S

    Editore internazionale IRONMAN PublishingEditore e direttore responsabileper ledizione italiana: Sandro CiccarelliRedazione: Via Fiorentina 7250063 Figline V.no (FI) Tel. 055/959530 Fax 055/9156982e-mail: olympian@ats.ithttp: www.olympian.itImpaginazione:Olympians Snc Traduzione curata da: English Time , Rossella PrunetiAbbonamenti: 6 numeri/12 mesi: Lit. 85.000Applied Metabolics un supplemento di Olympians News, ed disponibile solo per abbonamento. Vol.3/n13Supplemento al n44, anno X, novembre/dicembre 2000, di Olympians NewsAut.Trib.FI n3982 del 5/7/90 e successive modifiche. 2000 IRONMAN Publishing, all rights Res. Per lItalia 2000by Olympians News Foto Michael Neveux & Nova Development.Tutti i diritti riservati.Fotolito e stampa: Tipolitografia OGA, Figline V.noPrinted in Italy

    1 3Rendiamo utile la scienza

    novembre/dicembre 2000 Newsletter bimestrale, curata da Jerry Brainum, nota autorit nel campo della nutrizionesportiva e del bodybuilding, ed i redattori delle riviste IRONMAN e OLYMPIANS NEWS.

    I n questo numero di Applied Metabolics, andremo ad esaminare gli studi pi interessanti presentati al convegno del 1999 dellAmerican College ofS p o rts Medicine (Collegio Americano diMedicina dello Sport), tenutosi aSeattle (USA), dal 2 al 5Giugno. Come gi sottolin-eato in questa sede, in occasione del medesimoincontro di scienziati dellanno precedente,questi studi rappresentanouna specie di avanguardia delle tendenze nel campo dellaricerca, relativamente allesercizio fisico, alla nutrizione, al fitness e alla salute.

  • LA CAFFEINA E LALLENAMENTO AD ALTA INTENSIT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2

    LHMB: FUNZIONA VERAMENTE? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3

    IL PIRUVATO MIGLIORA LA PERFORMANCE DI ALLENAMENTO? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3

    IL SALBUTA M O L O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4

    GLI STEROIDI FUNZIONANO VERAMENTE? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4

    ANZIANI E ALLENAMENTO CON I PESI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5

    P E R D I TA DI GRASSO NELLE DONNE DI MEZZA ET . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5

    C I S TANCHE SALSA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6

    GLI OBESI POSSONO BRUCIARE GRASSI COME I MAGRI? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6

    GRAZIE PER LA MEMORIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .7

    GLI AUMENTI DI MISURA MUSCOLARE NELLE DONNE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .7

    URR PER IL RIBOSIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .8

    ORMONI DELLO STRESS DURANTE LALLENAMENTO CON I PESI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9

    PER QUESTANNO, NIENTE LAMBORGHINI, B I L L! . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9

    ORMONI ANABOLICI E ALLENAMENTO ECCENTRICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 1

    LA DISIDRATAZIONE CI RENDE PI DEBOLI? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 1

    LUTILIZZO CALORICO POST-ESERCIZIO NELLE DONNE DOPO LALLENAMENTO CON I PESI . .1 2

    EFFETTI DELLALLENAMENTO A LUNGO TERMINE SUL TASSO META B O L I C O . . . . . . . . . . .1 2

    BRUCIARE I GRASSI: 2 SESSIONI AL GIORNO MEGLIO DI 1? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 3

    LAEROBICA PU LIMITARE GLI INCREMENTI NEL BB? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 3

    QUANTO DEVE DURARE LA PAUSA FRA LE SERIE? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 4

    CLENBUTEROLO, ESERCIZIO FISICO E GRASSO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 4

    GLI ORMONI E L A L L E N A M E N T O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 5

    LIVELLI DI CORTISOLO E TESTOSTERONE NELLALLENAMENTO DI DURATA . . . . . . . . . .1 5

    CORTISOLO E INTENSIT DI ALLENAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 5

    IGF-1 E ALLENAMENTO: LEGATO AL SESSO? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 6

    IL GH E LALLENAMENTO NELLE DONNE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 7

    QUALE TIPO DI CONTRAZIONI PROMUOVE IL RILASCIO DI HGH? . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 7

    LA TERAPIA MAGNETICA ALLEVIA IL DOLORE MUSCOLARE? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 8

    T E M P E R ATURA CORPOREA E ALLENAMENTO AL CALDO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 9

    IL GLICEROLO AIUTA LALLENAMENTO IN AMBIENTI CALDI? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1 9

    APPORTO DI CARBOIDRATI NELLA PERFORMANCE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 0

    INDICE GLICEMICO E OSSIDAZIONE LIPIDICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 0

    C R E ATINA: SPECIFICI EFFETTI NELLE FIBRE MUSCOLARI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 1

    LA CORDYCEPS SINENSIS: UN AIUTO ERGOGENO? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 1

    TESTOSTERONE E IGF-1: PARTER ANABOLICI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 2

    NORADRENALINA E VITAMINA C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 2

    FLUSSO SANGUIGNO E SINTESI PROTEICA MUSCOLARE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 3

    LA TERMOGENESI PU AIUTARE LA RIDUZIONE LIPIDICA? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 3

    LE DIETE IPOGLUCIDICHE SONO IL MODO MIGLIORE PER ESSERE MAGRI E MUSCOLOSI? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 4

    - INSULINA ELEVATA E DIMAGRIMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 6

    - LA LOGICA DELL I P O G L U C I D I C O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 7

    L - T I R O S I N A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 8

    - IL METABOLISMO DELLA TIROSINA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 8

    - LA TIROSINA COME INTEGRATOREE ALIMENTA R E . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2 9

    - LA TIROSINA COME AIUTO POTENZIALE PER LA PERDITA DI PESO E GRASSO . . . .30

    - EFFETTI COLLAT E R A L I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3 0

    2

    S o m m a r i o

    Il valore di questi nuovi studi non solo nel dare informazioni aggiornate, ma anche antici -pare ci che sar tra breve pubblicato in molte riviste professionali. Dovete comunque fareattenzione, perch si basano su soggetti animali, come topi o cavie. Spesso ci sono relazionicon luomo, ma il metro definitivo per determinarne la validit dovr essere sempre il riscon -tro su soggetti umani. Sebbene la maggioranza degli studi confermi successivamente ciche stato provato sugli animali, non sempre questo avviene. Una volta ancora, similmentea quanto fatto lanno scorso, sar mia cura offrire ulteriori commenti su molte di questericerche, includendo anche il loro valore pragmatico, se mai ce ne dovesse essere uno.

    Jerry Brainum

    La caffeina e lallenamento ad alta intensitLingestione di caffeina in grado di migliorare lesecuzione di un allenamento adalta intensit? La risposta a questa domanda ha rappresentato lobiettivo di ungruppo di ricercatori dellUniversit di Saskatchewan, nel Canada occidentale. Lo stu-dio aveva come soggetti 17 atleti a livello universitario e, pi precisamente, 9 uominie 8 donne con unet media di 22 anni. Gli atleti eseguirono 3 sprint intermittenti (nonconsecutivi) ad elevata intensit su un tapis roulant, per una durata di 30 secondi cia-scuno. Ciascun sprint aveva una pendenza del 20% e una velocit di 12 km ca. orari.Ogni singola prestazione era seguita da due minuti di camminata e, infine, da unosprint finale, portato fino al limite estremo. Il tempo necessario per arrivare allesau-rimento variava da 20 a 90 secondi.

    Si trattava di uno studio randomizzato a doppio cieco, nel corso del quale alcunisoggetti assumevano delle capsule di caffeina ed altri di semplice placebo (lattosio).La caffeina veniva assunta in dosaggi da 6 mg per chilogrammo di peso corporeo, ar-rotondati ai 100 mg pi prossimi, pi o meno la stessa quantit di una tazza di caff. Sitrattava quindi di una quantit inferiore al livello minimo dopante stabilito dalle or-ganizzazioni atletiche internazionali.

    I risultati evidenziarono come i soggetti che assumevano caffeina mostrassero unaumento medio di 2 secondi, ovvero del 4%, del tempo fino allesaurimento nel corso dellosprint finale. Pi specificatamente, 6 dei 9 uomini e 5 delle 8 donne corsero pi a lungo nel corso di questo test sullacaffeina. Lingestione abituale di caffeina non sembr influenzare i risultati. Gli autori dello studio sottolinearono cheSebbene non significativo sotto il profilo statistico, un miglioramento del 4% in termini di performance potrebbe of-frire ad un atleta dlite quel vantaggio in pi per diventare un campione.

  • 3LHMB: funziona veramente?Precedenti ricerche, svol