Certificazione Practitioner di Programmazione Neuro ... â€usare il cervello per cambiare, indicando

  • View
    217

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Certificazione Practitioner di Programmazione Neuro ... â€usare il cervello per cambiare,...

Certificazione Practitioner di

Programmazione Neuro Linguistica

Dispensa n1

PNL Polis s.r.l. Email info@pnlpolis.it - sito web www.pnlpolis.it

Copyright 2017 Pnl Polis s.r.l. Bologna www.pnlpolis.it 2

PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNICAZIONE

1. Ogni comportamento comunicazione: non si pu non comunicare

(primo assioma della comunicazione).

a) Ogni comportamento una trasformazione di processi neurologici interni e

reca informazioni su questi processi.

b) I micro comportamenti (movimenti oculari, cambiamenti del colore della pelle,

modificazione del respiro, ecc.) danno informazioni importanti sulla persona

2. In ogni comunicazione ci sono due aspetti : laspetto numerico

(linguaggio verbale) e laspetto analogico (linguaggio non verbale e

paraverbale)

a) Per paraverbale si intende il timbro, le intonazioni della voce e i relativi

significati

b) Si chiama non verbale la componente che riguarda la fisiologia di una

persona

3. Il significato della comunicazione la risposta che si riceve.

a) La comunicazione pu essere vista come un sistema di feedback allinterno di

un sistema cibernetico.

b) La risposta ricevuta il feedback che influenza la comunicazione successiva

4. La mappa non il territorio

a) La mappa di ogni individuo formata dalle sue rappresentazioni sensoriali

personali

b) La mappa di un individuo struttura, condiziona la sua esperienza nel mondo.

Copyright 2017 Pnl Polis s.r.l. Bologna www.pnlpolis.it 3

I PRESUPPOSTI DELLA PNL

1 Qualsiasi cosa accade in una parte di un sistema cibernetico (qual

lessere umano), influenzer tutte le altre parti del sistema.

2 Ogni comportamento comunicazione.

3 Ogni comportamento ( linguaggio, movimento degli occhi,

variazione del tipo di respirazione, cambiamento del colorito della

pelle) una trasformazione dei processi neurali interni e

pertanto esso fornisce informazioni su questi processi.

4 Ogni comportamento , o stato, adattivo tenendo conto del

contesto in cui esso appreso.

5 La mappa non il territorio.

6 La PNL lo studio della struttura dellesperienza soggettiva.

7 Le rappresentazioni sensoriali sono le basi del linguaggio

dellesperienza soggettiva.

8 Leccellenza limitata soltanto dalla nostra percezione di ci che

possibile. La PNL estende i limiti di ci che possibile.

9 Non esiste comunicazione corretta o sbagliata. La comunicazione

definita dal risultato che essa ottiene. E necessario quindi

imparare a leggere il risultato e di conseguenza variare il proprio

comportamento.

10 Il buon comunicatore responsabile al 100% dei risultati che

ottiene ( o che non ottiene ).

11 La dote maggiore di un individuo o di una organizzazione la

flessibilit, cio la capacit di variare il proprio comportamento

per ottenere il risultato voluto.

12 Qualunque processo schematizzabile e riproducibile.

13 Si possono determinare quali sono le strategie di successo ( cio i

processi di pensiero che portano ad un comportamento ) e/o le

ragioni di insuccesso di una strategia.

14 Se c una sola persona al mondo che sa fare una certa cosa si pu

impararne la strategia e insegnarla a tutte le altre persone.

Copyright 2017 Pnl Polis s.r.l. Bologna www.pnlpolis.it 4

CHE COSE LA PROGRAMMAZIONE NEUROLINGUISTICA ?

PROGRAMMAZIONE

Ogni persona ha i suoi propri "programmi" di funzionamento

che sono riconoscibili ed elaborabili

NEURO

Tali "programmi" sono i prodotti di particolari modalit

di funzionamento "neurologico".

LINGUISTICA

i "programmi" sono riconoscibili perch rappresentati ed espressi nei "linguaggi"

(verbale, para verbale, non verbale) con cui ogni persona si esprime.

Possiamo definire la PNL come un modello per lo studio della

struttura dell esperienza soggettiva, utile per una comunicazione

efficace, per una guida nel processo di cambiamento personale in

direzione di maggiori possibilit di scelta.

Copyright 2017 Pnl Polis s.r.l. Bologna www.pnlpolis.it 5

STORIA DELLA PNL

Questo modello nacque all'inizio degli anni '70 dalla collaborazione di Richard

Bandler, matematico e John Grinder, docente di linguistica, che iniziarono a

studiare il modo di lavorare di alcuni terapeuti eccezionalmente efficaci dal punto

di vista comunicativo e dei risultati terapeutici.

Il procedimento adottato da Bandler e Grinder fu quello che loro stessi definirono

di "modellamento": attraverso un'attenta osservazione di terapeuti eccellenti

quali F.Perls, V. Satir, M. Erickson, misero in evidenza i loro modelli di

linguaggio verbale e non-verbale riconoscendo alla loro base dei processi comuni

e simili.

Gradualmente arrivarono a porsi alcune fondamentali domande le cui risposte

divennero i paradigmi di tutto il loro modello :

- i processi mentali possono essere ricondotti ad alcune operazioni fondamentali

messe in sequenza in vista di un certo risultato ?

- se si, possibile ricostruire questi "programmi" e addirittura trasferirli da una

persona all'altra, da una situazione all'altra ?

- e ancora : possibile intervenire nel "cuore" di questi "programmi" per poterli

modificare a vantaggio delle persone?

A tutte queste domande Bandler e Grinder hanno dato una risposta affermativa e

la PNL diventata un modello esplicito (cio insegnabile) ed efficace

dell'esperienza e della comunicazione umana.

Ci che hanno fatto aver messo a disposizione un punto di vista sistemico su

come riprodurre ogni forma di eccellenza umana.

Partendo da un presupposto fondamentale, e cio che:

tutti siamo dotati dello stesso sistema neurologico,

per cui

se qualcuno in grado di fare qualcosa in questo mondo,

chiunque altro pu farlo,

a patto di far funzionare il proprio sistema

esattamente allo stesso modo.

Copyright 2017 Pnl Polis s.r.l. Bologna www.pnlpolis.it 6

Quindi: individuare la struttura di un comportamento, individuarne i modelli

soggiacenti, renderla accessibile e riproducibile.

Utilizzando i suoi principi possibile descrivere qualsiasi comportamento in

modo sintetico e al tempo stesso dettagliato e ci permette di indurre

rapidamente trasformazioni profonde e durevoli sia nel singolo individuo che

nella interazione tra due individui o insieme di individui.

La PNL offre strumenti specifici per lo sviluppo di particolari abilit nel campo

delle comunicazioni e dei rapporti interpersonali, come la capacit di lettura

delle situazioni per quanto effettivamente succede e non per soggettive

interpretazioni o la capacit di accedere e di far accedere in maniera facile e

veloce alle risorse individuali e del gruppo, potenziandone capacit creative,

fantasia e intuizione.

E consente di andare ben oltre: le tecniche di PNL insegnano ad utilizzare le

nostre energie per risolvere quei problemi che crediamo fuori dalla nostra

portata; parafrasando uno dei suoi ideatori possiamo dire che insegna ad

usare il cervello per cambiare, indicando i percorsi attraverso i quali possibile

accedere allo scrigno delle proprie e altrui potenzialit fisiche, intellettuali ed

emotive.

Mano a mano che un individuo sviluppa le sue potenzialit e le sue abilit si

accorger che le cose che ha sempre fatto nel comunicare incominciano a

cambiare e/o a migliorare e noter anche che sta mettendo in atto quelle

differenze di comportamento che fanno la differenza, sperimentando quello che

il pi importante presupposto della PNL:

l'unico modo di cambiare il proprio mondo

quello di cambiare s stessi, l'unico strumento che abbiamo per influire sulla realt

la capacit di modificarci per modificarla a nostro vantaggio

Copyright 2017 Pnl Polis s.r.l. Bologna www.pnlpolis.it 7

PRINCIPI FONDAMENTALI

"MAPPE DI REALTA'

Noi non siamo direttamente a contatto con la realt che ci circonda: essa e'

trasformata dalla nostra attivit cerebrale data la limitatezza delle nostre funzioni

percettive.

Entriamo in contatto col mondo esterno attraverso i sensi e attraverso l

elaborazione mentale di queste stimolazioni costruiamo il nostro universo interno

e i nostri vissuti, attraverso i quali ci orientiamo nella nostra esistenza.

Una persona riceve diecimila impressioni sensoriali al secondo.

Avviene necessariamente un processo di selezione per evitare che i centri pi

elevati del cervello vengano sommersi da informazioni irrilevanti.

Ma la decisione di cosa sia rilevante e cosa irrilevante varia da individuo a

individuo e sembra determinata da criteri che sono fuori dalla consapevolezza

individuale: essa dipende da suo background culturale e affettivo.

Non esiste quindi una sola realt e in linea di massima gratuito supporre che

laltro colga nello stesso istante le stesse informazioni e le elabori nello stesso

modo