Smau Bologna 2012 Claudio Gagliardini

  • View
    370

  • Download
    3

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Il WEB ai tempi dei Social Media: comunicare e fare marketing online sfruttando al meglio i canali e le opportunit della rete

Transcript

  • 1. Web & Marketing online aitempi dei Social MediaComunicare e fare marketing online sfruttando al meglio i canali e le opportunit della reteClaudio Gagliardini - Studio Boraso.com

2. claudio.gagliardini@boraso.com TWITTER: @Cla_GagliardiniSul web come e con chi?A chi vi rivolgete se pensate mettete a budget uninvestimento sul WEB per la vostra azienda? A una Web Agency, per realizzare un nuovo sito? A una SEM Agency per investire su Google Adwords? A un SEO Guru, per migliorare il vostro sito sui motori? A un Social Media Strategist per creare azioni estrategie sui social media?Forse alcuni di voi non sanno neppure cosa significhino lenostre sigle: SEO, SEM, SMM.Dont Panic, dont Panic OKAY, PANIC!2 3. claudio.gagliardini@boraso.com TWITTER: @Cla_GagliardiniIl WEB ai tempi dei Social MediaIl titolo parafrasa un romanzo di Gabriel Garcia Marquez,Lamore ai tempi del colera. Il protagonista vive in attesa che il suo unico e grandeamore torni da lui, dopo aver sposato un altro. Alla fine ci riesce, in vecchiaia. Nel finale, anche sevecchio, lui dice per tutta la vita. Il web assomiglia aquella folle rincorsa, eterna e con poche speranze. Ogni imprenditore, follemente innamorato delproprio business e rincorre il successo per tutta la vita. Ilweb solo una delle piste su cui si corre, ma stadiventando la pi importante!The 24 Hours of Le Mans is the worlds oldest sports car race in endurance racing, held annually since 1923. 3 4. claudio.gagliardini@boraso.comTWITTER: @Cla_GagliardiniUna gara di durata da vincereIl web una gara di durata, lunga massacrante e senzafine, perch dopo ogni gara vinta ce ne sono altre edopo ogni campionato altri ancora. Per vincere serve talento, preparazione, costanza e unagrande squadra, oltre che un po di fortuna. Se vi affidate solamente alla fortuna la sconfitta assicurata. La fortuna non si fa comprare, ma aiuta chiinveste nel modo giusto. Per vincere ci vuole un ottimo team, in cui tutte leprofessionalit del web siano coperte a dovere eciascuno sappia quello che deve fare. NESSUNO SPAZIO ALLIMPROVVISAZIONE ! 4 5. claudio.gagliardini@boraso.comTWITTER: @Cla_GagliardiniUna grande squadra da assemblareSiete in grado di formare da soli una squadra vincenteper affrontare la gara pi importante della vostracarriera di imprenditori? Cos davvero importante fare? Pensiamo a un teamche voglia affrontare un campionato automobilistico:basta la macchina, per vincere? La macchina il sito web e da sola non basta! Serve la macchina, il pilota, i progettisti, gli ingegneri, imeccanici e molte altre figure professionali, applicazionie accessori di ogni genere.OCCORRONO PROFESSIONALITA ED ESPERIENZA ! 5 6. claudio.gagliardini@boraso.com TWITTER: @Cla_GagliardiniCosa serve per vincere la sfida del WEB?SERVE TUTTO !Se qualcuno vi dice fai questo pezzo e vedrai i risultati stabarando, perch non basta fare qualcosa, sul web. La parola dordine per il successo in rete UBIQUITA,occorre essere ovunque e nel modo giusto. Il sito web non un punto darrivo e molto spesso non nemmeno quello di partenza. Allinizio c lazienda, i suoi prodotti, il suo target, le suestrategie. Il web una complessa architettura dicanali e di mezzi per raggiungere il successo.6 7. claudio.gagliardini@boraso.comTWITTER: @Cla_GagliardiniUn TUTTO ben progettato, ben sviluppato e gestito Cosa serve per comunicare e fare marketing sul web? Il punto di partenza lazienda: non tutte le aziende sono uguali, bisogna definire gli obiettivi, il target e il budget a medio e lungo termine. Non si va sul web comprando un sito internet o aprendo uno o pi canali social. A monte c la strategia, il sito web solo uno strumento, poi tutto il resto. La sola ricetta valida un mix di strumenti, azioni ed investimenti ben pianificato e meticolosamente attuato. Massima integrazione con i canali social. 7 8. claudio.gagliardini@boraso.com TWITTER: @Cla_GagliardiniMa cos oggi il WEB?Il web un mondo complesso come quello reale, con ladifferenza che in rete scompaiono le distanze e tuttoavviene in tempo reale e con pochissimi filtri. Il web ha molte facce e non accessibile solamente dadesktop, su PC. I Tablet e gli Smartphone stannoinventando un nuovo web, fatto di App, di giochi e dimigliaia di canali. Serve competenza e applicazione. La rivoluzione mobile ha riscritto le regole del web eridato opportunit alle attivit a carattere locale e allepiccole imprese. Brand e utenti sono in un contesto di comunicazioneorizzontale TRA PARI. Every fan counts, every comment counts.8 9. claudio.gagliardini@boraso.comTWITTER: @Cla_GagliardiniUbiquit: come? E dove?Comunicare sul web significa essere raggiungibili dagliutenti nel maggior numero di modi possibili. Cos com sempre stato, anche oggi occorre cercare iclienti laddove essi sono e non soltanto nel corsoprincipale della citt. Ma dove sono i clienti? Probabilmente NON sul vostrosito internet, purtroppo, dove dovrete cercare di portarli. I clienti sono ovunque, nella rete. Sui social network, suimotori di ricerca a cercare qualcosa, su milioni di sitiweb, a leggere o spedire mail, ad ascoltare musica oguardare video, a giocare onlineFARSI TROVARE SIGNIFICA ESSERE OVUNQUE! 9 10. claudio.gagliardini@boraso.com TWITTER: @Cla_GagliardiniUbiquit: con quali strumenti?Partiamo dal sito, come dovrebbe essere peravere il massimo delle opportunit? Oggi un sito pu essere declinato in molte formediverse, da quella mobile alle App per i Tablet e gliSmartphone, sempre pi diffusi e utilizzati. Bisogna fare pi siti? Basta creare delle App periPhone e Android? Meglio un sito mobile?Ovviamente dipende, da caso a caso. Quando diciamo che per far bene sul webbisogna fare TUTTO, non ci riferiamo aparametri quantitativi, bens qualitativi estrategici; il classico q.b. delle ricette di cucina.10 11. claudio.gagliardini@boraso.com TWITTER: @Cla_GagliardiniQualit, una sfida che parte da lontanoDi qualit come parametro e obiettivo di riferimento sene parla da pi di 30 anni. Nel web a che punto siamo? Il WEB conta oltre 555 milioni di siti (dicembre 2011)in crescita vertiginosa (quasi +6% al mese). Quante chances hanno di farcela? Se sono fatti benepossono puntare al successo nella propria nicchia, maspesso sono fatti malissimo! Torniamo alla domanda iniziale, a chi affidate larealizzazione del vostro sito e dei vostri software eapplicazioni? La qualit non ammette deroghe.SCEGLIETE CON CURA I VOSTRI REFERENTI !11 12. claudio.gagliardini@boraso.com TWITTER: @Cla_GagliardiniCosa significa oggi essere sul WEB per una PMI? Servono professionalit solide in molti settori e ambiti, che lavorino in team e seguano una strategia. Grafici, web designer, web developer, seo specialist, web content & copywriter, esperti di accessibilit e usabilit, tester, oltre a un project manager che li coordini. Poi c da fare un buon marketing, con esperti SEM (Search Engine Marketing) e SMM (Social Media Marketing), sempre pi SEO oriented. Un team di professionisti che difficilmente sono presenti allinterno di unazienda, ma che dovranno interfacciarsi con risorse interne, collaborarci e formarle.12 13. claudio.gagliardini@boraso.comTWITTER: @Cla_GagliardiniBETA forever, con tante sfide da affrontare!Il sito, le App, i software non sono mai un punto diarrivo, ma punti di partenza e strumenti di lavoro. Una strategia di comunicazione sul web uncantiere sempre aperto e il lavoro del team non finiscemai, tanto meno alla pubblicazione di un sito. I mattoni che si posano in rete, giorno dopo giorno,costruiscono un palazzo solido e di lunga durata. Per comunicare in rete servono enormi investimenti?Non necessariamente, ma occorre capire che si tratta diun progetto a lungo termine. un investimento, occorre budget , tempo e fiducia! 13 14. claudio.gagliardini@boraso.com TWITTER: @Cla_GagliardiniWEB, assolutamente s, perchSe avete ancora dei dubbi sul perch investire sulweb, ecco alcuni numeri, in crescita. 70% della popolazione connessa a internet (da36 milioni nel 2010 a 39 nel 2011, +7,8%). Sul webogni giorno 13 milioni di utenti per almeno 1 ora. 93% degli utenti internet sui Social Network. +43% la crescita dellE-Commerce nel 2011. 25 milioni i dispositivi mobili connessi al web,+52% rispetto al 2010, +224% ricerche da mobile,+23% acquisti da mobile, in forte crescita.FONTE: AUDIWEB NIELSEN14 15. claudio.gagliardini@boraso.com TWITTER: @Cla_GagliardiniLevoluzione dei Social Media FONTE: http://blog.tagliaerbe.com 1999-2004: le piattaforme blog. Blogger, 1999 e gli altri, sono social di tipolong-form. Si inizia a scrivere contenuti ma ci sono due tipi di utenti: chi producecontenuti ,99%. Alcuni commentano. 2004-2007: arriva la statusfera. Facebook nel 2004 e Twitter nel 2006trasformano i social media, dai blog di tipo long-form a quelli short-form,aggiungendo foto e aggiornamenti di stato. 2007-2010: interazione tramite pulsanti. Si parte dal re-tweet di Twitter, poiTumblr nel 2007 lancia il concetto di re-blog. Il Like di Facebook diventa unostandard e lo share conferma la vera tendenza dei social: condividere contenuticreati da terzi. Nel 2009 Foursquare consente di condividere la propria posizione. Dal 2010: nasce la social curation. Pinterest stato tra i primi siti a introdurre ilconcetto di push-button (tramite bookmarklet e re-pinning) per creare unastruttura di contenuti curati, chiamati board. Poi c Scoop e similari.15 16. claudio.gagliardini@boraso.comTWITTER: @Cla_GagliardiniSocial Media, qualche numero 800 MM+ utenti attivi / mese 20MM+ blog800MM+ utenti attivi mese 15MM+ utenti 230MM+ utenti iscritti 15MM+ utenti 135MM+ utenti iscritti 6MM+ utenti 115MM+ sottoscrittori2MM+ utenti 62MM+ utenti iscritti1.5MM+ utenti 51MM+ utenti 500K+ utentiFONTE: www.estebancontreras.comOfficial and Estimated statistics. Facebook, YouTube, Zynga, Twitter, LinkedIn, Groupon, Flickr, Tumblr, Instagram, Foursquare, Pinterest, scvngr, Path,Google+ SlashGear, TechCrunch / Comscore, FastCompany, Oink: TechCrunch, GetGlue, Foods