Click here to load reader

Maturità Spirituale

  • View
    248

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

La ragione della debolezza di molte chiese ai nostri giorni non è forse il fatto che alcuni non sono mai progrediti oltre i principi iniziali della fede?

Text of Maturità Spirituale

  • J. O

    swal

    d Sa

    nder

    s

    ISBN 978 88 89698 23 5

    ADI MediaADI Media

    Servizio Pubblicazioni delle Assemblee di Dio in Italia

    MA

    TUR

    ITSp

    irituale

    Lo scrittore dellepistola agli Ebrei incoraggia i lettori aprotendersi verso la meta della maturit spirituale: Per-ci, lasciando linsegnamento elementare intorno a Cri-sto, esorta, tendiamo a quello perfetto (6:1). Laposto-lo Paolo, daltra parte, attribuisce i problemi della chiesadi Corinto allimmaturit dei suoi membri. Era costrettoa scrivere loro come a bambini in Cristo e non come auomini e donne spiritualmente maturi (cfr. I Corinzi 3:1).La ragione della debolezza spirituale di molte chiese ainostri giorni non forse dovuta al fatto che alcuni cre-denti non sono mai progrediti oltre i primi elementi ba-silari della fede? La serie di studi, riflessioni e pensieriche compongono questo volume vogliono essere unmodesto contributo per colmare questa lacuna. I singo-li studi sono raggruppati intorno ad ogni Persona dellaTrinit, perch ognuna contribuisce allopera di santifi-cazione del credente. Gli studi raccolti e ordinati in forma ridotta in questo li-bro, con la speranza che aiutino molti credenti nel cam-mino verso la maturit spirituale, sono stati presentatiin Conferenze Bibliche che lautore ha svolto in diversenazioni del mondo.

    MaturitSpirituale_Copertina_Impaginato 02/05/12 15:21 Pagina 1

  • Titolo originale:On to Maturity1962, John Oswald SandersMarshall Morgan & Scott1-5 Portpool LaneHolborn, E.C.I. - Londra (G.B.)

    Edizione italiana:Maturit Spirituale ADI-Media s.r.l.Via della Formica, 23 - 00155 RomaTel. 06 2251825 - 2284970Fax 06 2251432Email: [email protected]: www.adi-media.it

    Servizio Pubblicazioni delleChiese Cristiane EvangelicheAssemblee di Dio in Italia

    Dicembre 2007 - Tutti i Diritti Riservati

    Traduzione: F. M. T. - A cura dellEditore

    Tutte le citazioni bibliche, a meno che non sia indicato diversamente, sono tratte dalla Bibbia Versione Nuova Riveduta (1996),Societ Biblica di Ginevra - Svizzera

    Stampa: Typokolor - Roma

    Si ringraziano tutti quelli che hanno contribuito alla pubblicazione di questo libro.

    ISBN 978 88 89698 23 5

    MaturitaSpirituale_Impaginato_Impaginato 02/05/12 15:22 Pagina 4

  • ADI Media

    J. Oswald Sanders

    MaturitaSpirituale_Impaginato_Impaginato 02/05/12 15:22 Pagina 3

  • Indice

    Introduzione................................................................................pag. 5

    PRIMA PARTE

    1 - LA SOVRANA PROVVIDENZA DI DIOTutte le cose cooperano al bene ................................... 9

    2 - LA PROSTRANTE VISIONE DI DIOTi prego, fammi vedere la tua gloria........................... 19

    3 - LA RISOLUTA PERSEVERANZA DI DIOLIddio di Giacobbe........................................................ 29

    4 - LA SAGGIA DISCIPLINA DI DIOLagricoltore ara sempre per seminare? .................... 41

    5 - LA MANIFESTAZIONE DELLA POTENZA DI DIOLa mia potenza si dimostra perfetta nella debolezza 51

    6 - LAVVERSIONE MORALE DI DIOSei cose odia lEterno gli occhi alteri ...................... 59

    7 - LESAURIENTE COMPENSAZIONE DI DIOEcco, io vedo quattro uomini e laspetto del quarto come quello dun figlio degli dei ................................ 73

    SECONDA PARTE

    1 - LA VISIONE SUPREMA DI CRISTOVidi uno somigliante ad un figliuol duomo ........ 85

    2 - LIDONEIT TRASCENDENTE DI CRISTOTu sei degno perch sei stato immolato ................ 95

    MaturitaSpirituale_Impaginato_Impaginato 02/05/12 15:23 Pagina 207

  • 3 - IL COMPLETAMENTO DELLOPERA DI CRISTOVivendo egli sempre per intercedere per loro ......... 109

    4 - IL CARATTERE IDEALE SECONDO CRISTOBeati i poveri in ispirito.................................................. 119

    5 - LE CONDIZIONI PER ESSERE DISCEPOLIDI CRISTO - Non pu essere mio discepolo ............ 129

    6 - UNA LETTERA PERSONALE DA PARTE DICRISTO - Allangelo della chiesa di Efeso scrivi .... 137

    7 - REGNARE NELLA VITA PER MEZZO DI CRISTORegneranno nella vita per mezzo di quelluno che Ges Cristo .............................................................. 145

    TERZA PARTE

    1 - LO SPIRITO SANTO IL SOFFIO DI DIOSi fece dal cielo un suono come di vento impetuoso che soffia ............................................................................ 157

    2 - LA POTENZA TRASFORMATRICE DELLOSPIRITO SANTO - Siamo trasformatisecondo lazione del Signore, che lo Spirito ............................. 165

    3 - IL FUOCO PURIFICATORE DELLO SPIRITOSANTO - Allora piomb il fuoco del Signore .......... 175

    4 - LAZIONE POTENTE DELLO SPIRITO SANTONon per potenza, n per forza, ma per lo Spirito Mio ..................................................................... 187

    5 - LA PASSIONE MISSIONARIA DELLO SPIRITOSANTO - Lo Spirito Santo disse: Mettetemi a parteBarnaba e Saulo ............................................................... 195

    Epilogo.......................................................................................pag. 205

    MaturitaSpirituale_Impaginato_Impaginato 02/05/12 15:23 Pagina 208

  • Introduzione

    Lo scrittore dellepistola agli Ebrei incoraggia i lettori a proten-dersi verso la meta della maturit spirituale: Perci, lasciandolinsegnamento elementare intorno a Cristo, esorta, tendia-mo a quello perfetto (6:1). Lapostolo Paolo, daltra parte, at-tribuisce i problemi della chiesa di Corinto allimmaturit deisuoi membri. Era costretto a scrivere loro come a bambini inCristo e non come a uomini e donne spiritualmente maturi(cfr. I Corinzi 3:1). La ragione della debolezza spirituale dimolte chiese ai nostri giorni non forse dovuta al fatto che al-cuni credenti non sono mai progrediti oltre i primi elementibasilari della fede? La serie di studi, riflessioni e pensieri checompongono questo volume vogliono essere un modesto con-tributo per colmare questa lacuna. I singoli studi sono rag-gruppati intorno ad ogni Persona della Trinit, perch ognunacontribuisce allopera di santificazione del credente.

    Gli studi raccolti e ordinati in forma ridotta in questo li-bro, con la speranza che aiutino molti credenti nel camminoverso la maturit spirituale, sono stati presentati in Confe-renze Bibliche che lautore ha svolto in diverse nazioni delmondo. Lo stile perci risulta essere piano e discorsivo e que-sto spiega talvolta la mancanza duniformit nei punti espo-sti e nello svolgimento del tema che di volta in volta vienetrattato. In ogni caso, chi pubblica questo libro certo dellavalidit spirituale e delladerenza biblica dei suoi contenuti,che saranno certamente di incoraggiamento per quanti desi-derano consacrarsi maggiormente al Signore e crescere allaltezza della statura perfetta di Cristo (Efesini 4:13).

    LEditore

    5

    MaturitaSpirituale_Impaginato_Impaginato 02/05/12 15:22 Pagina 5

  • 1La sovranaprovvidenza di Dio

    Or sappiamo che tutte le cose cooperano al bene di quelli che amano Dio, i quali sono chiamati

    secondo il suo disegno(Romani 8:28)

    Lettura biblica: Romani 8:26-30

    Questa frase, interpretata bene nel suo contesto, pu recareconforto e gioia illimitati al credente afflitto. LapostoloPaolo era profondamente convinto di ci: Or sappiamo chetutte le cose cooperano al bene. Non aveva dubbi; eracerto della provvidenza divina. Credeva che Dio fa in mo-do che tutto concorra per il meglio (1). Le lamentele nonavrebbero avuto senso, perch ogni evento della vita erapianificato o permesso dal Signore. I credenti potevano

    9

    (1) James Scholefield. Nato a Henley-on-Thames, Inghilterra, il 15 novembre 1789.Svolge i suoi studi al Christs Hospital ed al Trinity College di Cambridge di cui di-viene professore di lingua greca. Insegnante eccellente, di scuola classica, ricor-dato per diverse opere di stampo filologico e per alcune note testuali sul NuovoTestamento. Svolge il suo ministerio a Cambridge dal 1823 al 1853, fino a quan-do, il 4 aprile, nella cittadina di Hastings, raggiunge il Signore in gloria. N.d.E.

    MaturitaSpirituale_Impaginato_Impaginato 02/05/12 15:22 Pagina 9

  • quindi attuare il suo consiglio per progredire verso la ma-turit: In ogni cosa rendete grazie, perch questa la vo-lont di Dio in Cristo Ges verso di voi (I Tessalonicesi5:18). Il pianto poteva mutarsi in canto. Appropriarsi diquesta verit, aveva permesso a lui e a Sila di cantare inni aDio sul far della mezzanotte (cfr. Atti 16) quando i loroprogetti sembravano falliti ed erano rinchiusi in una pri-gione con la schiena sanguinante. Gli importava poco tro-varsi in cattive condizioni fisiche, perch sapeva di amareDio e dessere stato chiamato secondo il Suo disegno. Ognicosa, anche le avversit, avrebbero certamente concorsoper il meglio. Dobbiamo chiederci: condividiamo la stessacertezza?

    Lapostolo Paolo si esprime, nei suoi testi ispirati, in ter-mini tanto sbalorditivi che impossibile restare indifferen-ti. Parole meno categoriche sarebbero pi facili da accetta-re. Di fronte a sofferenze devastanti, sostenere che tuttocoopera per il bene suona dubbio e scollegato dalla realt. davvero cos? Dobbiamo accogliere con scetticismo que-sta dichiarazione o possiamo abbracciarla con gioioso rea-lismo? Interpretato nel suo contesto, nessun altro versettodella Scrittura pu infondere tanta serenit e stabilit inmezzo alle tragedie e le delusioni della vita.

    Laffermazione che tutte le cose cooperano al bene,non va isolata dalle due condizioni necessarie: Di quelliche amano Dio e i quali sono chiamati secondo il suo di-segno. Queste due clausole ne precisano lopportuna ap-plicazione. In altre parole, tutte le cose cooperano al benesecondo alcuni precisi requisiti. Due presupposti sono ne-cessa