Anatomia Cervicale

  • View
    94

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Descrizione Anatomica

Transcript

  • !!IL RACHIDE CERVICALE

    !Dal punto di vista della semeiotica non particolarmente complesso; in realt sono pi le patologie neurogene collegate alle patologie del rachide cervicale che saranno di nostro interesse. Il rachide cervicale una curva secondaria insieme con la curva del rachide lombare mentre, sono considerate primarie le curve cifotiche del dorso e losso sacro. !Le caratteristiche che contraddistinguono le vertebre cervicali dalle altre sono sostanzialmente due:

    1. Minor funzione di sostegno: essendo il primo tratto superiore devono sorreggere essenzialmente il capo;

    2. Maggior funzione di mobilit, rispetto agli altri segmenti del rachide. !

    Notiamo cos, che ci sono delle vertebre che rispetto alle altre sono s u f f i c i e n t e m e n t e a p p i a t t i t e , quadrangolari ed alcune, nelle porzioni laterali, sono provviste di tubercoli non solo dedicati ai collegamenti articolari ma anche tubercoli che danno attacco ai muscoli che dovranno essere, in questo caso, non solo muscoli di tonicit ma anche di mobilit. !Facendo riferimento ad una visione posteriore notiamo che, soprattutto da C3 a C6, le Apofisi Spinose sono BIFIDE, ovvero, il processo spinoso presenta due protuberanze. !Nella visione laterale possibile vedere dei Processi Spinosi abbastanza corposi ed embricati fra di loro dal leg. Nucale ma, soprattutto, notiamo che il processo spinoso dellultima vertebra cervicale, C7, molto pi accentuato ed un punto di riferimento importante che andremo a valutare quando faremo la semeiotica. !Si parla generalmente di Rachide Cervicale Superiore e Rachide Cervicale Inferiore, due parti che sono anatomicamente, fisiologicamente e quindi, funzionalmente distinte.

    ! 1

  • !!RACHIDE CERVICALE SUPERIORE costituito da 2 vertebre:

    1. La prima ATLANTE, che in realt non una vertebra vera e propria nel senso che non caratterizzata come le altre vertebre da un corpo e un arco posteriore ma, una sorta di menisco che funge da mediatore tra il cranio e la seconda vertebra del tratto cervicale. Atlante in diretto rapporto con loccipite senza strutture discali intermedie; il primo disco intervertebrale interposto tra C2 e C3;

    2. La seconda vertebra EPISTROFEO; !

    !! !!

    Vista anteriormente (C2) mostra che al posto del corpo ha una struttura massiccia in cui spicca un processo detto PROCESSO ODONTOIDEO, in una visione laterale maggiormente visibile larticolazione tra questa superficie articolare e la FOVEA DENTIS (C1). RACHIDE CERVICALE INFERIORE va dal piatto inferiore di Epistrofeo a quello

    superiore della prima vertebra dorsale. Possiede due tipi di movimento:

    Flesso-estensione ! 2

  • Movimento misto di Inclinazione laterale-rotazione !UNA VERTEBRA CERVICALE TIPO:

    !Corpo Vertebrale anteriormente ! un parallelepipedo allungato prevalentemente in senso trasversale; il piatto vertebrale presenza due salienze appiattite che sono le Apofisi Unciformi, le cui faccette guardano in alto e in dentro e si incastrano con le corrispondenti faccette del piatto inferiore della vertebra superiore. Sul bordo anteriore della faccia superiore c una parte smussa, al contrario, sulla faccia inferiore c una protuberanza che si chiama becco. Nel suo insieme il piatto superiore concavo trasversalmente e leggermente convesso antero-posteriormente. Si articola col piatto inferiore della vertebra sovrastante attraverso linterposizione di un disco intervertebrale che a livello cervicale ha unaltezza di circa di 3mm, pi spesso anteriormente e ha un rapporto disco/somatico di 2/5, rapporto che indica un grado di mobilit elevato. Il nucleo spostato in avanti e lanulus, ovviamente, maggiore posteriormente. Arco Vertebrale posteriormente ! rispetto al corpo, il canale vertebrale ha una dimensione abbastanza ampia; paragonando il corpo e il canale vertebrale di una vertebra cervicale con quelli di una vertebra lombare notiamo che lo spazio lasciato al canale vertebrale molto pi ampio nelle vertebre cervicali. Questo perch un danno discale a livello cervicale di gran lunga pi grave rispetto ad un danno ad un altro livello. In effetti, nelle persone in cui per conformazione morfologica c un canale vertebrale ristretto oppure in cui, per processi degenerativi avanzati, a causa di traumi ripetuti si formano delle barre disco-artrosiche importanti che chiudono il canale vertebrale, si verifica una delle complicanze peggiore che si possono avere a questo livello che la mielopatia cronica spondilo genetica, patologia che mette spesso in crisi anche i neurochirurghi, per la delicatezza della struttura stessa. !La presenza di ernie discali in questo tratto, difficilmente determinano delle compressioni midollari o delle radici. Tornando allARCO POSTERIORE in figura, vediamo le Apofisi Articolari, quelle superiori orientate in alto e in dietro; quelle inferiori sono orientate in basso e in avanti. Le apofisi

    ! 3

  • articolari sono collegate al corpo vertebrale grazie ai peduncoli che sono, a loro volta, il punto di origine delle Apofisi Trasverse. A livello cervicale le apofisi trasverse sono particolari sia per quanto riguarda la loro forma che il loro orientamento: sono incavate a doccia nella loro parte superiore, sono leggermente oblique verso il basso e lestremit postero interne della doccia sono a livello del forame di comunicazione, forame dai quali escono i nervi spinali. Mentre, il fondo della doccia perforato da un forame, il forame trasversario, che da passaggio:

    Arteria Vertebrale Plesso Simpatico alcune Vene Vertebrali

    Allestremit del processo trasverso troviamo due tubercoli, il tubercolo anteriore e il tubercolo posteriore, su cui si inseriscono i muscoli scaleni; da C3a C6 ci sono le articolazioni uncovertebrali che sono le articolazioni con i processi unciformi. I nervi cervicali escono dai forami di coniugazione, percorrono la doccia delle apofisi trasverse, incrociano larteria vertebrale per poi uscire fra i due tubercoli della apofisi trasversa. !Le lamine vertebrali, il loro piano obliquo in basso e in fuori; si riuniscono sulla linea mediana a formare lapofisi spinosa che bifida e presenta due tubercoli alla estremit. La vertebra C7 detta anche vertebra prominente perch il suo processo spinoso chiaramente visibile e palpabile come una prominenza ossea. Se due sono le apofisi spinose prominenti, quella della 7 cervicale di solito linferiore; se sono 3 quella di mezzo. !!!!!!!!COME SI PRESENTA UNA VERTEBRA TIPO?

    ! 4

  • !

    Possiamo notare la complessit della vertebra cervicale: il processo spinoso bifido; i due tubercoli dei processi trasversi; il foro trasversario; il passaggio del forame di coniugazione; i processi articolari; questo ci d lidea dellassemblaggio delle strutture in un spazio

    veramente contenuto, e ci da anche lidea del perch ci possano essere delle sintomatologie di tipo brachialgico per delle disfunzioni del rachide cervicale. !

    Nella 7 vertebra ci sono molti cambiamenti dal processo spinoso ai processi articolari. Torniamo alle prime due vertebre. Nellimmagine di fianco rappresentata la faccia inferiore delloccipite; i condili occipitali sono i mezzi di articolazione con la prima vertebra cervicale; Nelle immagini inserite a pag.2, sono rappresentate C1 e C2, quindi vediamo larco posteriore dellatlante con il tubercolo posteriore; arco anteriore dellatlante con il suo tubercolo anteriore; forame vertebrale, siamo pi o meno nel passaggio fra il tronco cerebrale e midollo spinale e non devono esserci delle modalit di contenzione rigida, perch possono diventare pericolose; forame trasversario; faccette articolari superiori che spesso, sepimentate da una piccola cresta. !Nella visione inferiore di C1 vediamo una faccetta articolare che non era presente nella faccia superiore, la cosi detta FOVEA DENTIS, che andr ad articolarsi con la faccetta corrispondente della parte anteriore del dente dellEpistrofeo (C2).

    ! 5

  • In una visione laterale di C1-C2 sarebbe visibile larticolazione tra il dente dellepistrofeo e la corrispettiva articolazione con C1. Questa articolazione un ARTRODIA, (le due superfici articolari sono pianeggianti e consentono solo movimenti di scivolamento dei due capi articolari), infatti le due articolazione hanno un rivestimento cartilagineo. Sullapice del dente dellepistrofeo c una fossetta per il leg. dellapice del dente.

    Anche posteriormente al dente c una faccetta, la faccetta art ico lare posteriore, che ovviamente non si articola con nessuna vertebra perch larco anteriore dellatlante passa davanti al dente dellepistrofeo; ed infatti, questa la faccetta articolare per un complesso legamentoso che i l legamento cruciforme del dente dellepistrofeo che, manterr incollato il dente di C2 allarco anteriore di C1

    permettendo i movimenti di rotazione. E importante tener presente che anteriormente c di fatto unarticolazione con interposizione di cartilagini (fovea dentis e dente dellepistrofeo) mentre, posteriormente c la superficie articolare con un complesso legamentoso che vedremo in seguito). !!LEGAMENTI Cominciamo a vedere pi nello specifico le membrane. Vediamo losso occipitale, la parte basilare, i processi e le capsule articolari; la membrana atlantoccipitale anteriore, abbiamo detto che la prima vertebra cervicale un menisco e tale menisco collegato alloccipite tramite le articolazioni presenti tra i condili delloccipite e la parte corrispondente dell atlante ma, anche tramite la membrana atlantoccipitale anteriore, al d a vant i de l l a q ua l e s i t r o va i l leg.longitudinale anteriore che si porta in basso a ricoprire i dischi e le vertebre. !

    ! 6

  • Nella visione posteriore di dx, visibile la membrana atlantoccipitale posteriore. Quindi sia nella parte anteriore che nella parte posterior