Click here to load reader

Interviste ad alcuni energy manager di ... - FIRE · PDF file Rapporto sugli energy manager in Italia Evoluzione del ruolo e statistiche ANNO 2018 Interviste ad alcuni energy manager

  • View
    2

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Interviste ad alcuni energy manager di ... - FIRE · PDF file Rapporto sugli energy manager in...

  • Rapporto sugli energy manager in Italia Evoluzione del ruolo e statistiche

    ●●

    ANNO 2018

    ●●●

    Interviste ad alcuni energy manager di organizzazioni certificate ISO 50001

    Investimenti, sistemi di misura&monitoraggio, EnPI ed energy team.

    COMITATO ELETTROTECNICO

    ITALIANO

    COMITATO TERMOTECNICO

    ITALIANO

    FEDERAZIONE ITALIANA PER L’USO RAZIONALE DELL’ENERGIA

  • www.fire-italia.org 2 di 33

    Il presente rapporto è frutto di una collaborazione tra la Federazione Italiana per l’uso Razionale

    dell’Energia (FIRE), il Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI) ed il Comitato Termotecnico Italiano

    (CTI).

    La distribuzione del presente documento nella sua interezza è consentita purché effettuata a titolo

    gratuito. Singole parti, grafici e tabelle possono essere riprodotte citando chiaramente ed

    esaustivamente la fonte.

    Hanno collaborato alla stesura del presente Rapporto: Livio De Chicchis, Dario Di Santo e Francesco

    Mori per la FIRE; Franco Bua per il CEI e Antonio Panvini per il CTI.

    Data di pubblicazione: giugno 2018.

  • www.fire-italia.org 3 di 33

    INDICE

    Glossario e definizioni ...................................................................................................................................................... 4

    Obiettivi e struttura dell’indagine ................................................................................................................................ 6

    Introduzione ......................................................................................................................................................................... 7

    I risultati delle interviste ................................................................................................................................................. 9

    Misure adottate ............................................................................................................................................................. 9

    Sistemi di misura e monitoraggio ......................................................................................................................... 13

    Indicatori di prestazione energetica .................................................................................................................... 19

    Energy team .................................................................................................................................................................. 21

    Sistemi di gestione e obbligo di diagnosi per grandi imprese ........................................................................ 25

    L’esperienza e le proposte della multiutility .................................................................................................... 25

    Considerazioni sulla proposta ................................................................................................................................ 27

    Conclusioni ........................................................................................................................................................................ 28

    Aspetti positivi ............................................................................................................................................................. 28

    Aspetti migliorabili ..................................................................................................................................................... 29

    Ringraziamenti ....................................................................................................................................................................... 30

    Link utili ............................................................................................................................................................................... 32

    Indice figure ....................................................................................................................................................................... 33

  • www.fire-italia.org 4 di 33

    GLOSSARIO E DEFINIZIONI

    ACCREDIA: ente unico nazionale di accreditamento designato dal Governo italiano, in applicazione

    del Regolamento europeo 765/2008, ad attestare ad attestare la competenza, l’indipendenza e

    l’imparzialità degli organismi di certificazione, ispezione e verifica, e dei laboratori di prova e

    taratura.

    D.Lgs. 102/2014: recepimento italiano della direttiva europea 2012/27/UE sull’efficienza

    energetica. Il decreto definisce obblighi e strumenti per favorire la diffusione dell’efficienza

    energetica. In particolare introduce gli schemi di certificazione per gli esperti in gestione

    dell’energia (EGE) e le ESCO e promuove la certificazione secondo la norma ISO 50001.

    EGE (Esperto in Gestione dell’Energia): si tratta di una figura i cui requisiti sono definiti dalla norma

    UNI CEI 11339, per la quale è possibile avvalersi di certificazione terza da parte di organismi di

    certificazione accreditati. L’EGE raccoglie le competenze dell’energy manager e degli esperti attivi

    come professionisti o dipendenti di ESCO e società di servizi energetici. La certificazione viene

    rilasciata sulla base di un’esperienza minima sul campo e del superamento di un esame.

    Energy manager: è la figura fondamentale per tenere sotto controllo i consumi e i costi energetici

    nelle aziende e negli enti. Può essere interno all’azienda (soluzione preferibile per realtà medio-

    grandi, per le quali si suggerisce un inquadramento di tipo dirigenziale, in modo da assicurare un

    confronto con l’alta dirigenza e i decisori), o esterno (consulente). La nomina dell’energy manager

    è obbligatoria per i soggetti con consumi annui superiori ai 10.000 tep per l’industria e ai 1.000 tep

    per gli altri settori in base all’art. 19 della legge 9 gennaio 1991 n. 10. La nomina va inviata alla FIRE

    dal legale rappresentante dell’organizzazione e va presentata entro il 30 aprile di ogni anno con

    riferimento ai consumi in fonti primarie relativi all’anno precedente.

    EPC (Energy Performance Contract): contratto a prestazioni garantite, il cui canone è collegato

    all’effettivo livello di efficienza energetica conseguito. La definizione completa è riportata nel

    D.Lgs. 102/2014.

    HVAC: sistema di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell’aria.

    IPMVP: Protocollo Internazionale di Misura e Verifica delle Prestazioni. Si tratta di una raccolta

    delle migliori pratiche oggi disponibili per verificare i risultati di progetti di efficienza energetica,

  • www.fire-italia.org 5 di 33

    efficienza idrica e fonti rinnovabili in qualsiasi campo, dagli edifici civili ai siti industriali. Per

    maggiori informazioni: www.fire-italia.org/ipmvp.

    UNI CEI EN ISO 50001:2011 (ISO 50001): standard internazionale che definisce i requisiti per i Sistemi

    di Gestione dell’Energia. La norma è attualmente in fase di revisione e si prevede la pubblicazione

    della nuova versione entro l’estate 2018.

    UNI ISO 17741:2016 : General technical rules for measurement, calculation and verification of

    energy savings of projects.

    UNI ISO 17747 : Energy savings — Determination of energy savings in organizations.

    UNI ISO 50015: 2015: Sistemi di gestione dell'energia - Misura e verifica della prestazione

    energetica delle organizzazioni - Principi generali e linee guida.

    Organismo di certificazione (OdC): certifica la conformità dei sistemi di gestione, dei prodotti o del

    personale rispetto a specifiche norme di riferimento. Per garantire l'omogeneità di comportamento

    e per la credibilità della certificazione, gli organismi di certificazione devono operare secondo le

    indicazioni di specifiche norme: per i sistemi di gestione, ad esempio, si fa riferimento alla ISO

    17021.

    SGE (Sistema di Gestione dell’Energia): sistema di gestione definito dalla norma ISO 50001 e basato

    sul ciclo di Deming Plan-Do-Check-Act, analogo al sistema di gestione ambientale (norma ISO

    14001) e di qualità (norma ISO 9001), ma focalizzato sull’energia. È consigliato in tutte le realtà

    medio-grandi in virtù dei benefici superiori che consente di ottenere grazie alla definizione di

    politiche aziendali con obiettivi specifici, all’impegno dei vertici dell’organizzazione, al

    coinvolgimento di tutti i livelli del personale, alla definizione di un piano di azione dettagliato e alle

    azioni di monitoraggio puntuale dei consumi e di sensibilizzazione del personale.

  • www.fire-italia.org 6 di 33

    OBIETTIVI E STRUTTURA DELL’INDAGINE

    L’obiettivo di questa indagine, follow-up di un primo studio realizzato nel 2016, è quello di

    approfondire alcuni temi di crescente interesse sia nell’ambito dei sistemi di gestione dell’energia

    (SGE), e quindi della ISO 50001, sia più in generale nel settore dell’efficienza energetica.

    La prima indagine condotta da FIRE, CEI e CTI nel 20161, basata su un questionario inviato a 81

    operatori (organizzazioni certificate, organismi di certificazione, consulenti), evidenz