La Bacheca del Sesto Milium (2005/06, n.04)

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Bollettino del Rotary Club "Sesto Milium - Centenario" (Gennaio 2006)

Text of La Bacheca del Sesto Milium (2005/06, n.04)

  • 1

    Bollettino n.4 del Rotary Club Sesto Milium Centenario Distretto 2040

    Marted 10 Gennaio 2006 Anno Rotariano 2005/2006

    Il costo di un Buongiorno

    Il Natale e il contorno delle cerimonie che caratterizzano questa importante festivit sono ormai purtroppo un ricordo.

    Quanti auguri ci siamo scambiati! Buon Natale il pi sfruttato ma anche Buon

    Anno e il pi banale Buone Feste si sono sprecati. I biglietti di auguri sono un poco in calo ma rimangono ancora validi: oggi si

    usano di pi le e-mail o gli sms che costano meno fatica sono pi immediati e non

    corrono il rischio di ritardi per sciopero o di smarrimenti anche se sono innegabilmente pi freddi ed impersonali.

    E poi regali per tutti: per i bambini in particolare, come giusto che sia. Ma chi non si ricordato dei propri clienti, dei parenti e pi in generale degli amici

    ,dovrebbe essere affidato alle cure del famoso medico tedesco Dott. Alzheimer od in

    alternativa legato ad un palo della luce e fustigato pubblicamente!

    Scherzo naturalmente ma tutta questa manfrina mi ha fatto pensare alla difficolt che durante lanno alcune persone, spesso le stesse cos espansive a Natale,

    dimostrano nel salutare con un Buongiorno coloro che incontrano. Sembra che

    il prezzo di questa parola sia per loro insostenibile, o che non dispongano la quantit di fiato necessaria a pronunciarla: una parola di dieci, dicasi dieci,

    lettere!

    Lo stesso accade anche dove il Buongiorno sostituito dal pi disinvolto e simpatico Ciao una parola conosciuta ed in uso in quasi tutti i paesi che ho

    avuto la fortuna di visitare.Una parola questa di solo cinque lettere!

    Qualcuno dice che si tratta di mancanza di educazione, altri che in costoro prevale la timidezza, altri ancora che invece trattasi di eccesso di superbia. Qualcuno

    filosofeggia sulla vita moderna che tutto inaridisce e cos via.

    Certo che quando due conoscenti, incrociandosi, fingono di non vedersi tentando di

    evitarsi si assiste ad una piece teatrale che definire comica limitativo.Eccoli percorrere lo stesso tratto di strada

    Primo pensiero a distanza di venti metri: Ho una via di fuga che mi permetta di evitarlo? No. Allora fingo di guardare altrove. Speriamo che lui faccia lo stesso. In caso contrario abbasso la testa e se proprio non basta sussurro a denti stretti ed a

    bocca semi chiusa giorno, anzi meglio salve, pi generico e meno

    impegnativo. Chiss che non riesca a sentirmi. Secondo pensiero ormai a contatto che maleducato non ha nemmeno accennato ad un saluto. Se sperava che lo salutassi io .

    La Bacheca del

    Sesto Milium

    Lamicizia stata la roccia sulla quale stato costruito il Rotary, la tolleranza ci che lo tiene unito

    Paul P. Harris

    PRESIDENTE

    Alberto Ceppi

    mail: albceppi@tin.it

    tel uff. 0362 74267

    Cell.: 3395436854

    VICE PRESIDENTE

    Emanuele Borgonovo

    mail:

    emanuele.borgonovo@uni-

    bocconi.it

    tel uff. : 0362 860010

    Cell.: 3338484678

    SEGRETARIO

    Emilia Borghi

    mail:emilia.borghi@fastwe

    bnet.it

    tel. uff. : 02 2363970

    Cell.: 335244829

    PREFETTO

    G. G. Riario Sforza

    mail:griariosforza@fastwe

    bnet.it

    tel. uff.: 02 58307402

    Cell.: 3482310326

    REDAZIONE

    Sergio Airaghi

    mail:sergio.airaghi@fastwe

    bnet.it

    tel. uff. : 02 22477679

    Cell. : 3356214516

    Sito:

    www.rotarysestomilium.it

    e-mail:

    sergio.airaghi@fastwebnet.

    it

  • 2Pensandoci bene perci ho pensato ad un augurio diverso dai soliti:

    che il 2006 per tutti noi rimbombi di squillanti Buongiorno, di radiosi sorrisi e di gioiosi luccichii di occhi. Ah, quasi dimenticavo, Buongiorno, Ciao etc. hanno un altro pregio: sono completamente gratuiti e quindi soddisfano in pieno le esigenze anche dei pi

    venali tra i venali.

    Sergio Airaghi

    Dott. Gian Galeazzo Riario Sforza

    Coniugato con due figli ha conseguito la

    laurea in Medicina e chirurgia alla Universit

    degli Studi di Milano specializzandosi in

    Medicina interna, in Allergologia, in

    immunologia e nelle Malattie dellapparato

    respiratorio sempre presso la stessa

    Universit.Ricopre incarichi importanti

    allOspedale Buzzi di Milano come

    Responsabile in Laboratorio dellAttivit

    Respiratoria e presso la Divisione di medicina

    generale di quella di reparto e pronto

    Soccorso nella diagnosi e cura delle malattie Respiratorie.

    Presso gli Istituti Clinici di Perfezionamento di Milano responsabile del settore

    malattie Respiratorie e della pneumologia riabilitativa.

    E ideatore e promotore della iniziativa Tram Bianco : un tram bianco, che

    questanno sar affiancato da una tenda bianca, attrezzato e messo a disposizione

    dalla ATM si fermer nelle piazze. Sul tram medici, tecnici della Pneumologia

    Riabilitativa daranno informazioni ed eseguiranno spirometrie gratuite. La giornata

    Nazionale del Respiro che ha avuto sempre un grande successo giunta ormai alla

    terza edizione

    E giornalista pubblicista iscritto allordine dei Giornalisti di Milano e collabora con

    diverse agenzie di giornalismo scientifico Italiane scrivendo articoli su temi di

    Medicina per periodici divulgativi e di area medica.

    E autore di oltre 50 pubblicazioni scientifiche su giornali nazionali ed

    internazionali.

    E Prefetto del Rotary Club Sesto Milium Centenario di Sesto san Giovanni per

    lanno Rotariano 2005/2006

    Il caminetto si tenuto presso il teatro della Parrocchia milanese di S.

    Francesco al Fopponino; i soci hanno assistito a due atti unici di A. Cechov uno

    dei quali interpretato con magistrale verve dallamico Gildo Borghi per loccasione calatosi nei panni di un bizzarro trentacinquenne ( a chi ha il fisico tutto

    permesso! ) in cerca di moglie.

    Lincontro ha consentito ai presenti di avvicinarsi al teatro russo e ad Anton Cechov che nato nel 1860 dopo varie vicissitudini si laure nel 1884 in medicina a

    Mosca. Durante la frequenza dei corsi di tirocinio inizi a scrivere brevi racconti

    che impressionarono favorevolmente il direttore di un periodico Aleksej Suvorin, che gli offr una collaborazione; da quel momento si dedic alla letteratura,

    scrivendo racconti, semplici e chiari, e straordinari per lhumor, rendendo visibile

    il dolore e linquietudine presenti nella societ del suo tempo.

    Cechov successivamente si dedic anche al teatro scrivendo opere che ne hanno

    fatto uno dei pi grandi autori di tutti i tempi. Scrisse inizialmente delle vaudeville, che trovano spunto nella vita quotidiana, senza eroi, ove i personaggi

    dialogano con scambi banali, tratti dai sentimenti personali, capaci per di

    delinearne magistralmente il carattere in quanto trattasi di elementi tutti connessi in un ordine che la vita stessa. Cechov muore di tubercolosi a 44 anni, nel luglio

    1904.

    Guarda chi c

    Caminetto del 3 Dicembre

    Laureato in Medicina

    e Chirurgia

    E ideatore della

    iniziativa Tram

    Bianco

    E Prefetto del R.C.

    Sesto Milium

    Centenario di Sesto

    san Giovanni

    Occasione per

    avvicinarsi al Teatro

    Russo ed a Anton

    Cechov

  • 3Latto unico Una domanda di matrimonio ambientato nella realt della campagna della Russia

    ottocentesca.

    Un giovane signorotto chiede ad un ricco possidente la mano della figlia. Il dialogo serrato che si svolge tra i

    due giovani, anzich percorrere strade sentimentali, si

    incanala su reciproche ripicche: la propriet terriera e le capacit venatorie dei rispettivi cani.Trattasi di due

    argomenti che, futili al pari di altri che lesperienza

    quotidiana ci offre, testimoniano da un lato linserimento dellevento nella realt di allora,

    dallaltro luniversalit del metodo. Il carattere dei

    personaggi assai diverso; il giovane, evidentemente ricco, di carattere instabile e ipocondriaco, accusa

    malattie varie che dimentica tuttavia quando deve affermare il suo diritto di

    propriet o le abilit del suo cane; la ragazza dimostra immaturit e poco senso della realt in quanto, dopo aver riconosciuto le ragioni del giovane in merito alla

    propriet, dimentica del significato della proposta di

    matrimonio, non lesina aggressivit per dimostrare le doti del suo cane.Lo stress, si direbbe oggi, al quale

    viene sottoposto il giovane gli provoca uno svenimento che la carta risolutiva della vicenda in quanto la sua

    resurrezione riporta serenit in tutti e apre le porte

    alla nozze. Sullo sfondo ci sono i genitori della ragazza che, pur dimostrando la gioia per levento,

    per lattaccamento alle cose (terra e cane) non

    lesinano battute pungenti al promesso sposo. Alla fine tuttavia emerge chiaramente la loro soddisfazione di

    aver piazzato la figlia.

    Nel secondo atto unico Lorso una giovane vedova, nonostante avesse promesso a se stessa di chiudersi in casa per il lutto fino al termine della vita, costretta a

    ricevere un signorotto, creditore del marito. Costui, con modi cortesi ma bruschi, pretende limmediato pagamento del debito ma la vedova non pu pagare, sia

    perch ne ignorava lesistenza, sia perch il fattore assente.

    Pretese del creditore e ragioni della vedova danno luogo a un dialogo serratissimo, con reciproci sfoghi che dipingono due caratteri e due persone che hanno avuto

    vite diverse.La cameriera, con suppliche e preci servili, cerca di difendere