Click here to load reader

Frisbee News 70

  • View
    2.564

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

News dal mondo delle biciclette elettriche Frisbee e Dinghi!- L'avventura continua! Tour in Marocco per due- Nuovi modelli in vetrina

Text of Frisbee News 70

IL CONCILIATORE NUOVO SPORTIVO

Edit. ANDARE

Euro 1,00 - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L.I. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1 DR Bolzano Tassa Percue - Contiene I.P .

MENSILE DI ATTUALIT, CRITICA, CULTURA E POLITICA SPORTIVA

www.frisbee.eu - [email protected]

s w e n

anno X - Nr. 70 nuova serie - Nr. 01 MARZO/APRILE 2013

Lavventura continuaNUOVI MODELLI IN VETRINA

QUEI PESSIMI LUOGHI COMUNI

TC Mobility

via Copernico, 10 39100 Bolzano Tel. +39 0471 935212 Fax + 39 0471 914845 www.frisbee.eu [email protected]

RAID IN MAROCCO PER DUE

2

Primo Piano

3LUOGHI COMUNI E LEGGENDE METROPOLITANE

E-BIKE, LA DIGNIT DI UN VEICOLOavvolgono questo mezzo sostanzialmente sconosciuto. Tra questi parametri si utilizzano per valutare la funzionalit della eBike il diametro delle ruote, la presenza di un cambio di velocit, il telaio di alluminio, la leggerezza, laspetto, che non deve tradire la presenza di aggregati attestanti la presenza sulla bicicletta di aiuti non dovuti alle capacit muscolari del ciclista. Spesso non si vuole riconoscere una propria identit, alla bicicletta elettrica. Luoghi comuni: Fin che posso io pedalo! la compero per mia moglie, un bel regalo per mia madre, ma, assomiglia a un motorino. Vanno troppo forte sulle piste ciclabili. Concettualmente si tende a vedere come concorrenza sleale la bici elettrica rispetto alla mitica bicicletta, (che notoriamente tutti possiedono e molto spesso custodiscono in cantina dalla prima comunione). Come tutte le cose nuove, anche la bicicletta elettrica dovr trovare una sua dignit, e dovr prendere una sua collocazione chiara sul mercato. A differenza di altre aziende TcMobility ha sempre pensato a una serie di veicoli che siano assolutamente utili nella quotidianit, e sviluppa costantemente soluzioni e migliorie per andare incontro alle esigenze di mobilit individuale.Recenti ricerche che hanno interessato diverse citt europee hanno dimostrato che circa il 50% degli spostamenti motorizzati in citt, copre una distanza compresa tra 3 e 5 km e che il 30% addirittura inferiore ai 2 km. Ci significa che parecchi automobilisti e motociclisti per i loro spostamenti potrebbero usare la bici, che risulta di gran lunga vincente in termini di tempo ed economicit sulle corte distanze.

uando si parla di biciclette a pedalata assistita, si associa spesso limmagine di una bicicletta comune unita a un motore, una batteria e un po di cavi elettrici. Erroneamente si pensa che pi i componenti della bicicletta muscolare sono di alto livello, e pi il veicolo elettrico derivante dallunione con un motore elettrico sar migliore. Si tende a valutare il veicolo elettrico a pedalata assistita in base a parametri che spesso sono addirittura controproducenti e nascono solo da molti preconcetti che ancora

Q

Il CONCILIATORE NUOVO

Noi non rappresentiamo gli interessi di costruttori di biciclette, che vivono come una complicazione questa nuova moda di andare in elettrico, e pur non capendo ancora a cosa serva complicarsi la vita, accettano di buon grado secondo il motto il cliente ha sempre ragione. Nel mondo della bicicletta, la potenza e la lobby dei componentisti non vuole perdere il primato, e investe ingenti

somme di capitali per creare un veicolo elettrico a immagine e somiglianza di quello che gi loro costruiscono, sacrificando la funzionalit a favore del profitto. Il risultato di questa massiccia campagna mediatica vicina al mondo delle biciclette, sta di fatto disturbando la crescita di prodotti che con il continuo dialogo con gli utilizzatori, e milioni di Km percorsi, stanno tracciando un nuovo tipo di mobilit.

anno X nr. 70 nuova serie Nr. 01 MARZO/APRILE 2013 Editrice: Societ Cooperativa Giornalistica a.r.l. ANDARE Zona Artigianale Nord, 7 - 39040 Ora (Bolzano) Direzione, redazione, amministrazione, pubblicit Zona Artigianale Nord, 7 - 39040 Ora (Bolzano) Telefono 0471.802121 Fax0471.802031 Il Conciliatore Nuovo SPORTIVO Iscrizione al Tribunale di Bolzano numero 04 del 2004 Iscrizione al ROC: 13847 Spedizione in abbonamento postale/45 (modalit pubblicate in copertina) Direttore responsabile DANIELE MAGAGNIN [email protected] LINEA DIRETTA REDAZIONE [email protected] Telefono 392.8195810 Fax 0471.802031

4

LAVVENTURALIMPRESA CON LE FUNZIONALI FRISBEE ENDURANCE

RAID IN MAROCCO

PER DUEni 1450 km con 15.000 m di dislivello, attraverso percorsi impervi dellAlto Atlante e sentieri sterrati e sabbiosi del deserto del Sahara, alla scoperta di luoghi e vie sconosciute. Paesaggi mozzafiato, ma anche incontri che hanno lasciato il segno. Unavventura sicuramente speciale in un angolo del pianeta, dove la natura ancora vera ed la risorsa principale di molte persone. Piste e villaggi sono rimasti immutati e gli abitanti di quei luoghi vivono ancora un quotidiano fatto di poco e scandito da gesta per noi ormai perduti. I due protagonisti, Maurizio Doro, 49enne esperto bikeresploratore-estremo e Umberto Marchese, cicloturista 71enne, hanno voluto dimostrare che tutto possibile, provando a sensibilizzare maggiormente le persone allutilizzo della bicicletta; anche chi non si sente fisicamente preparato ad affrontare avventure estreme, ma sente un forte desiderio di contatto con la natura, pu realizzare un sogno e vivere splendide emozioni. Le duebici elettrichea controllo elettronico utilizzate per questo raid, sono le Frisbee Endurance, mezzi unici nel loro genere, realizzati con componentistica ultraleggera, baricentri e assetti ben studiati per resistere ai vari stress che una simile impresa comporta, alimentate da un impianto di batterie sviluppato appositamente per garantire fino a 300km di autonomia. Maurizio Doro e Umberto Marchese si sono conosciuti per caso e si sono subito piaciuti. Stessa filosofia, stesso modo di concepire lavventura, stessa passione per

Il raid in Marocco di Maurizio Doro e Umberto Marchese, in sella ad innovative e-bikes FrisbeeEndurance stato molto impegnativo. I due hanno percorso in 13 giorni 1450 km con 15.000 m di dislivello, attraverso percorsi impervi dellAlto Atlante e sentieri sterrati e sabbiosi del deserto del Sahara, alla scoperta di luoghi e vie sconosciute

Il noto esploratore estremo Maurizio Doro e il mitico cicloturista Umberto Marchese assieme in unavventura di quasi millecinquecento chilometri attraverso percorsi impervi dellAlto Atlante e sentieri sterrati e sabbiosi del deserto del Sahara, alla scoperta di luoghi e vie sconosciute, in sella ad innovative biciclette elettroniche Frisbee con 300 km di autonomia navventura, unesperienza entusiasmante, sicuramente U inusuale, indubbiamente affascistata affascinate e ha avuto uno splendido epilogo, sintetizzato in un favoloso documentario. Il raid in Marocco di Maurizio Doro e Umberto Marchese, in sella ad innovative e-bikesFrisbee stato avvincente. I due ciclisti, hanno percorso in 13 gior-

nante. Quella compiuta da Maurizio Doro e Umberto Marchese la si pu anche indicare come unimpresa audace, un tantino rischiosa, estrema che comunque

SPLENDIDE IMMAGINI DA LUOGHI CARICHI DI FASCINO

LAVVENTURALITINERARIOUn affascinante itinerario che ha visto Maurizio e Umberto cimentarsi su un percorso ad anello dallAlto Atlante fino in Marocco; strade roventi e piene di insidie tra sentieri poco battuti a 3.000 metri di altezza con paesaggi mozzafiato sulle montagne allorizzonte. Hanno attraversato limponente e antico massiccio vulcanico del Sarhro, abitato solo da alcune popolazioni di nomadi berberi che si dedicano ancora oggi alla pastorizia di capre, asini e cammelli; hanno poi attraversato laltopiano del Timassinine dove, anche qui, sono venuti a contatto con gruppi di trogloditi, nuclei famigliari di povera gente che vivono ancora oggi con bambini e anziani in caverne scavate nella roccia. Nel loro girovagare, Maurizio e Umberto, non potevano farsi mancare lincontro col deserto e cos spingendosi verso sud hanno ripercorso lantica pista chiamata La Via del Sale ritornando poi sullAlto Atlante in prossimit del punto di partenza e arrivo della loro spedizione. la MTB. Hanno preparano insieme un raid impegnativo, senza precedenti nel mondo delle ebikes, che li ha portati in Marocco, in sella ad un mezzo assolutamente innovativo: la Frisbee Endurance. Il progetto, lidea e la filosofia di questa mitica avventura si basata su un concetto che Maurizio Doro ha espresso in modo molto semplice: Vivere un contatto stretto e profondo con la natura viaggiando ed esplorando con entusiasmo senza dare alcun vantaggio alla pigrizia e allet. Per tutti possibile. Professione: avventuriero. Tecnicamente esploratore. Da ventanni Maurizio Doro fa della sua vita un eterno viaggio in giro per il mondo. La risalita nella giungla amazzonica del fiume Mana, lattraversamento in mountainbike della catena dellHimalaya, quattro passi oltre i 5000 metri, e poi il Pakistan, la Cina e lAlaska. Fino ad arrivare al Marocco, ultima meta intrapresa in compagnia del settantenne ex imprenditore di Ora Umberto Marchese. Entrambi in sella a due biciclette elettriche a pedalata assistita progettate da Maurizio de Concini, amministratore della TCMobility, societ leader nella produzione e-bike. Nello zaino un gps, un telefono cellulare direttamente ricaricabile tramite le batterie della bicicletta, una cartina con il percorso da seguire, tenda, sacco a pelo, copertone di scorta e pompetta gonfiabile. Ma soprattutto tanto coraggio. Abbiamo attraversato le piste nel deserto del Sahara, terreni pietrosi, fiumi. Punti in cui dovevamo per forza rassegnarci a spingere la bici. Umberto Marchese raggiante di unesperienza unica alla sua tenera et. Promette di non fermarsi qui. Lui che si avvicinato alla e-bike per recuperare da un intervento al ginocchio, ora pare