Principi 3

Embed Size (px)

DESCRIPTION

.

Text of Principi 3

  • Non si pu insegnare una lingua, si

    possono solo creare le condizioni

    affinch lapprendimento avvenga

    Meglio chiari dubbi che confuse

    certezze

    Un buon insegnante non colui che

    applica un buon metodo,m ma colui

    che riflette sul suo operato

  • La glottodidattica

    Teorico-pratica

    Interdisciplinare

  • teorico pratica perch:

    GLOTTODIDATTA

    analizza il problema e

    lo descrive

    Cerca un modo per

    risolverlo

    Lo applica

    Verifica i risultati

    MEDICO

    Valuta la patologia e

    fa una diagnosi

    Ipotizza la terapia pi

    adatta

    la prescrive

    verifica i risultati

  • interdisciplinare perch

    Scienze del linguaggio

    Scienze delleducazione

    psicologia

    Antropologia

    Scienze della comunicazione

    Informatica

  • Sulla base delle diverse

    implicazioni si elabora

    UN APPROCCIO

    UNO O PI METODI

    LE ATTIVIT DIDATTICHE

    fondamentale la coerenza!

  • Cambia il mondo > cambia la

    didattica delle lingue Produzione,

    distribuzione, scambi

    Uso della L2 Tipo di apprendimento

    linguistico

    Nazionale Lettere/fax

    (scambi dati)

    Grammaticale

    traduttivo

    Internazionale Incontri

    (relazionarsi)

    Audio-orale

    Multinazionale Soggiorni

    (creare intese)

    Comunicativo

    Competenza

    interculturale

    Transnazionale Contatti reticolari

    (adattarsi di continuo)

    Comunicativo,

    umanistico affettivo,

    comp.za etnografica

  • APPROCCIO NEOCOMPORTAMENTISTA

    Stimolo risposta

    Mente vuota (tabula rasa)

    Soggetto passivo

    Con la ripetizione si crea unabitudine

    linguistica

    Scatola nera

  • IN GLOTTODIDATTICA METODI DI

    MATRICE STRUTTURALISTA

    anni 50/60

    Metodo audio-orale comparativo

    Neocomportamentismo (Skinner)

    Linguistica tassonomica (Bloomfield)

    Metodi basati sulla ripetizione

    Competenze richieste:

    Sapere la lingua

    Saper fare lingua

  • APPROCCIO COGNITIVISTA

    INPUT PROCESSI OUTPUT

    MENTALI

    Mente attiva

    Strategie individuali di apprendimento

    Percezione

    Memoria

    Attenzione

  • IN GLOTTODIDATTICA APPROCCIO

    COMUNICATIVO ANNI 70

    Teoria innatista (Chomsky)

    Cognitivismo (IA)

    Apporto della sociolinguistica (Hymes)

    Competenze richieste:

    Saper fare con la lingua. Non basta conoscere la lingua e

    saperne manipolare le sue strutture. Bisogna saper usare la

    lingua in contesto per raggiungere scopi ed obiettivi,

    bisogna saper comunicare le proprie idee ed il proprio

    pensiero. Nascono esigenze interculturali

  • le funzioni linguistiche

    personale

    interpersonale

    referenziale

    regolativo-strumentale

    poetico-immaginativa

    metalinguistica

  • FUNZIONI ATTI GENERI

    PERSONALE Presentarsi, esprimere

    il proprio stato fisico, e

    psichico, i gusti

    Intervista, lettera, mail,

    diario

    INTERPERSONALE Salutare, congedarsi,

    offrire, accettare,

    rifiutare, ecc.

    Vari tipi di interazione

    REGOLATIVO

    STRUMENTALE

    Dare o ricevere ordini

    o istruzioni

    Avviso, legge, ricetta,

    consiglio

    REFERENZIALE Chiedere e dare

    informazioni, spiegare,

    descrivere

    Descrizione, cronaca,

    relazione

    POETICO-

    IMMAGINATIVA

    Capire e produrre

    2scarti2, mondi

    immaginari

    Narrazione, poesia,

    canzone, film,

    pubblicit

    METALINGUISTICA Definire una parola

    della grammatica, della

    comunicazione

    Definire, perifrasi,

    spiegazione

    grammaticale

  • GLI ATTI LINGUISTICI

    le funzioni linguistiche contengono tutte le unit

    minime di comunicazione ossia gli

    ATTI LINGUISTICI

    es tutti gli atti linguistici che indicano salutarsi,

    accomiatarsi ecc. appartengono alla funzione

    interpersonale

    tutte le ricette, le leggi, gli ordini ecc.

    appartengono alla funzione regolativo strmentale

  • E LE EMOZIONI?

    MOTIVAZIONE

    EMOZIONE

    PROCESSI COGNITIVI

  • ESPERIENZA COSCIENTE IMMEDIATA

    (MEMORIA DI LAVORO)

    ECCITAZIONE EMOTIVA DIPENDENTE

    DALLAMIGDALA (ATTUALE) MEMORIA

    ESPLICITA DIPENDENTE

    DALLIPPOCAMPO (EMOZIONI PASSATE)

  • Sistema amigdala

    Sistema ippocampo

    Situazione emotiva

    Memoria emotiva implicita

    Memoria esplicita di situazioni emotive

  • Lamigdala in relazione a:

    CORTECCIA

    PREFRONTALE

    MdL; ATTENZIONE

    CORTECCIA

    SENSORIALE

    PERCEZIONE E

    IMMAGAZZINAEMNTO

    A BREVE TEERMINE

    IPPOCAMPO

    MEMORIA ESPLICITA

    A LUNGO TERMINE

  • La teoria della bimodalit e della

    direzionalit

  • Funzioni degli emisferi

  • DUNQUE

    SX

    LINGUAGGIO

    MEMORIA VERBALE

    SIGNIFICATO

    DENOTATO

    PENSIERO

    CONVERGENTE

    ASTRAZIONE

    ANALISI

    DX

    COMPETENZA

    METAFORICA

    PERCEZIONE VISIVA

    MEMORIA VISIVA

    ATTIVIT INTUITIVE

    PENSIERO DIVERGENTE

    CONCRETIZZAZIONE

    SINTESI

  • EMISFERI E LINGUAGGIO

    EMISFERO SX

    FONOLOGIA

    MORFOLOGIA

    SINTASSI

    RELAZIONI FORMALI

    TRA LE PARTI DI UNA FRASE

    SIGNIFICATO LETTERALE

    VARIAZIONI STILISTICHE

    EMISFERO DX

    STRUTTURA PROSODICA

    INTENTO ESPRESSIVO DI

    UNA FRASE

    SIGNIFICATO METAFORICO

    UMORISMO VERBALE

  • Per danesi

    La lingua bimodale

    Dunque coinvolge entrambi gli emisferi

    Ma essa anche direzionale e procede da

    destra verso sinistra

  • Le 5 ipotesi di Krashen

    Acquisizione/apprendimento

    Input + 1

    Ordine naturale

    Monitor

    Filtro affettivo

  • Emisferi e linguaggio

    Sinistro

    Fonetica

    Morfologia

    Sintassi

    Significato denotato

    Destro

    Tratti sovrasegmentali

    Significati traslati

    Metafora, idioms

    Significato connotato

  • Il modello olodinamico

    Livello strategico

    Livello tattico

    Io

  • UNIT DI ACQUISIZIONE

    GLOBALIT

    ANALISI

    SINTESI

  • QUINDI

    DIALOGHI

    TESTI LETTEARI

    INSERTI PUBBLICITARI

    CANZONI

    VIDEO

    ARTICOLI DI GIORNALE

    FUMETTI

    QUALUNQUE TESTO

    VA PROPOSTO SECONDO NATURA

  • UD

    MOTIVAZIONE

    GLOBALIT

    ANALISI

    SINTESI

    RIFLESSIONE

    VALUTAZIONE

  • INSEGNARE LA

    GRAMMATICA

    RIFLESSIONE

    SULLA LINGUA

    CHI INSEGNANTE ALLIEVO

    QUANDO INIZIO FINE

    COME DEDUZIONE INDUZIONE

    PERCH APPLICAZIONE SCOPERTA

    COSA PRODOTTO PROCESSO