Click here to load reader

vita di San Marcellino Champagnat fondatore dei Fratelli Maristi

  • View
    299

  • Download
    1

Embed Size (px)

Text of vita di San Marcellino Champagnat fondatore dei Fratelli Maristi

  • SAN MARCELLINO CHAMPAGNAT Fondatore dei Fratelli Maristi 1789-1840

    *

  • 1789 ANNI DI RIVOLUZIONE

    Nel 1789, la Francia fu scossa dalla Rivoluzione. In quel stesso anno nacque un bambino che avrebbe iniziato un altro tipo di rivoluzione. Era il figlio di Jean Baptiste Champagnat, un contadino che viveva in un piccolo villaggio nel sud della Francia e di Marie Chirat. Era il nono dei loro dieci bambini.

    *

  • IL BATTESIMO

    Il giorno dopo la sua nascita, fu portato nella piccola chiesa della parrocchia di Marlhes, a un paio di miglia da casa loro e l battezzato coi nomi di Giuseppe Benedetto Marcellino. L'ultimo nome era quello col quale sarebbe stato conosciuto nella sua vita.

    *

  • VITA SEMPLICE A CASA

    Grande influenza sulla sua vita ebbe sua zia, Louise, una suora che era stata costretta a lasciare il suo convento quando era stato completamente bruciato dai rivoluzionari, ed era andata a vivere con la famiglia di Champagnat.

    *

  • IL PADRE DI MARCELLINO

    Suo padre era favorevole agli ideali della Rivoluzione ma non al modo in cui furono messi in pratica. Divenne Comandante della Guardia Nazionale locale e us la sua posizione per salvare molti preti dalla cattura e dalla morte.

    *

  • COSA FAR DA GRANDE ?

    Come i suoi fratelli e sorelle, Marcellino crebbe custodendo il gregge di suo padre ed aiutando nella fattoria. Le abilit che impar in questo periodo lo avrebbero aiutato in seguito nella sua vita.

    *

  • PRIMO GIORNO DI SCUOLA

    Suo padre l'aveva mandato a scuola, ma linsegnante era un uomo dal carattere molto cattivo che picchiava i bambini con un minimo pretesto. Marcellino rifiut di tornare a scuola, e in seguito, stabil regole severe per i suoi Fratelli sulle punizioni.

    *

  • LA CHIAMATA

    Allet di 16 anni, un prete venne a cercare ragazzi che abbracciassero il sacerdozio, e Marcellino decise di seguire la sua chiamata. La sua istruzione non era stata delle migliori, ma port a termine i suoi studi, anche se con grande difficolt. Lavor duramente e ci riusc.

    *

  • VIA DA CASA

    Finalmente raggiunse il livello necessario per lingresso al Seminario Minore, vendette i suoi agnelli per aiutare per le spese dei vestiti nuovi, e lasci la casa. Sebbene allora non lo sapesse, suo padre e sua madre sarebbero morti prima che lui divenisse prete. .

    *

  • LALLEGRA BRIGATA

    Marcellino ed alcuni amici si erano dati il nome di Allegra Banda, e si mettevano sempre nei guai. Ma la morte del suo migliore amico e successivamente di sua madre, lo rese pi serio, e cominci a lavorare con grande diligenza.

    *

  • ANNI DI STUDIO

    Nel tempo divenne precettore della scuola, ed ebbe una sua stanza. Ne approfitt per lavorare ai suoi studi durante la notte, e riusc a raggiungere il livello richiesto.

    *

  • ORDINAZIONE

    Finalmente giunse il grande giorno, e fu ordinato prete il 2 luglio 1816. Il giorno dopo, con altri sette nuovi preti e quattro diaconi and alla chiesa di Nostra Signora di Fourvires, dove promisero di lavorare per fondare la Societ di Maria.

    *

  • CURATO A LAVALLA

    Venne nominato curato di una piccola citt di montagna chiamata Lavalla, dove presto fu amato da tutti. Il parroco era vecchio e malato, e la maggior parte del lavoro ricadde su Marcellino. Disse pi tarde "Ogni strada qui stata bagnata dal mio sudore!"

    *

  • LESPERIENZA CON IL GIOVANE MONTAGNE

    Egli insisteva sempre sulla necessit di Fratelli per leducazione dei bambini. Un giorno fu chiamato presso un ragazzo, Jean Baptiste Montagne, moribondo e scopr che non aveva mai sentito parlare di Dio! Prese la decisione: avrebbe fondato un gruppo di Fratelli per lavorare nelle scuole di campagna

    *

  • I PRIMI COMPAGNI

    Parl con Jean Marie Granjon che era andato con lui dal giovane Montagne e gli chiese se voleva essere Fratello. Il giovane fu d'accordo, e a lui se ne aggiunse un altro, Jean Baptiste Audras. Cos il 2 gennaio 1817, iniziarono i Fratelli Maristi!

    *

  • I CHIODI

    Le Scuole erano chiuse per molto tempo in estate e cos, per tenere i suoi giovani occupati e per aiutare nelle spese della casa, Marcellino insegn loro a fare i chiodi che vendettero agli artigiani locali.

    *

  • NOTRE DAME DE LHERMITAGE

    Nel 1824, i membri divennero troppo numerosi per la casa di Lavalla, e Marcellino compr unaltra propriet gi nella valle, dove costru Notre Dame de l'Hermitage che ancora utilizzata, e dove lui seppellito.

    *

  • PREGHIERA NELLA NEVE

    Un giorno era stato chiamato da un ammalato con uno dei suoi Fratelli, e furono colti da una tempesta di neve. Le cose peggiorarono, e Marcellino chiese a Nostra Signora di aiutarli. Poco dopo videro una luce proveniente da una casa sulla strada, ed andarono in quella direzione. Erano salvi!

    *

  • CON I SUOI FRATELLI

    Marcellino allora aveva circa 50 Fratelli, e lArcivescovo gli diede il permesso di lasciare il suo lavoro nella parrocchia per stare coi suoi Fratelli. Ora poteva visitare tutte le scuole dove insegnavano, formarli ed incoraggiarli nel loro lavoro.

    *

  • SCUOLE

    I Fratelli ricevevano richieste di insegnare in numerose piccole citt e villaggi della zona, e cerc di rispondere a tutte. Insisteva che ci dovevano essere sempre almeno tre Fratelli in una scuola, e spese la maggior parte del tempo girando per le scuole per verificare che tutto andava bene.

    *

  • SALVE REGINA

    Nel 1830 in Francia ci fu unaltra Rivoluzione. Alcuni dei Fratelli volevano andare a nascondersi, ma Marcellino disse ai Fratelli che Nostra Signora li avrebbe protetti e, per chiedere il suo aiuto, introdusse la pratica di iniziare e concludere la giornata con il Salve Regina, una pratica che continua ancora oggi.

    *

  • MALATTIA E MORTE

    La salute di Marcellino ora stava cedendo sotto il peso del suo lavoro, e nel 1840 disse ai Fratelli di eleggere un nuovo Superiore. Il 3 maggio disse la sua ultima Messa, ed un mese dopo, il 6 giugno, mentre i Fratelli stavano cantando il Salve Regina nella loro Preghiera Mattutina, spir.

    *

  • CANONIZZAZIONE

    La vita di Marcellino era conclusa, ma non il suo lavoro, ed i suoi Fratelli si diffusero in tutto il mondo.Il 29 maggio 1955, Pio XII lo beatific, e finalmente il 19 aprile 1999, Giovanni Paolo II lo proclam:San Marcellino Champagnat, Fondatore dei Fratelli Maristi

    *

  • FRATELLI MARISTI

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

    *

Search related