Click here to load reader

Travelling Interline - Aprile 2009

  • View
    231

  • Download
    7

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Travelling Interline - Aprile 2009

Text of Travelling Interline - Aprile 2009

  • Laereo non mai stato un mez-zo di trasporto confortevole. Iristretti spazi dei sedili e dellacabina, gli ingorghi di traffico per giun-gere negli aeroporti, i tempi sempre pilunghi di accettazione e di controllo si-curezza, i ritardi cronici causati sia dafattori meteo come da obiettivi so-vraffollamenti, la possibilit concretadi non vedere giungere il proprio ba-

    gaglio, hanno fatto del trasporto aereouno dei mezzi decisamente meno co-modi. E non crediamo sia affatto un ca-so che laddove il treno ha offerto velo-cit e qualit, la preferenza dei pas-seggeri progressivamente andata aquesta alternativa. La situazione gene-

    LincomingOrmai non si pu pi parlare di previ-sioni dei flussi turistici internazionaliverso lItalia, ma soltanto di dati certiche evidenziano il grosso calo degli ar-rivi nel nostro paese. E se fino a un paiodanni fa, Roma non era stata toccatada questo dato negativo, purtroppo,anche la capitale ha dovuto riscontra-re un minore interesse per le sue bel-lezze da parte degli stranieri. Nessunpaese messo bene economicamente,persino la Germania - che costituiva unmercato molto importante per noi hauneconomia indebolita e incerta e cisi riflette anche negli arrivi in Italia. Inquesto scenario privo per il momen-to di aspettative di una prossima ri-presa il nostro settore incoming ri-scontra una notevole diminuzione di

    Liliana ComandContinua a pag. 2

    Le grosse incertezzedel sistema

    turistico italiano

    LAmministrazione del Turismodi Pechino aveva previsto cheil turismo na-zionale, cos come ilsettore ricettivo inter-nazionale, sarebbe fio-rito dopo le Olimpia-di. Il boom turisticopost-Olimpiadi giunto prima del pre-visto. Le sedi olimpi-che e il fascino del pa-trimonio storico diPechino rendono lacapitale una citt de-gna di essere visitata, ancor pi a se-guito di tutta una serie di migliora-menti e lavori di rinnovo che sono sta-ti realizzati nella fase preparatoria al-lOlimpiadi. Leffetto post-olimpico

    stato molto evidente anche nelle cittospiti secondarie, tra cui Qingdao,

    Tianjin e Shenyang enelle aree circostanti laCitt Proibita. statomesso in evidenza il for-te potenziale attrattivodei tour di citt, in cam-pagna, nella natura del-le aree orientali e occi-dentali del paese. Qualiinnovazioni e quali in-terventi di restyling so-no stati necessari perfronteggiare questo rin-

    novato interesse per la Cina? Qual ilrapporto con il flusso turistico italia-

    Marted 31 marzo, presso la Sa-la Stampa di Palazzo di Mon-tecitorio, lOsservatorio Par-lamentare per il Turismo ha presenta-to la proposta di legge costituzionalecon lobiettivo di riportare la materiadel turismo inuna visione dipolitiche nazio-nali. La riformadel titolo V della

    Una regia nazionaleper le politiche

    del Turismo

    Continua a pag. 14

    ANNO XVII - N. 4 APRILE 2009 - MENSILE DI TURISMO E CULTURA - Via Nazionale, 204 - 00184 Roma, Tel. 06/4871721 - Fax 06/4871618 - Aut. Trib. Roma 469/92 - 31/7/92 - Tariffa R.O.C.-Poste Italiane S.p.A.- Sped. in Abb.Postale - D.L. 353/2003 (conv. In.L.27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1, DCB Roma - prezzo a copia 3,25 - filiale di Roma

    Antonella Pino dAstoreContinua a pag. 8

    Antonio BordoniContinua a pag. 10

    Iniziano a trapelare dubbi sullopportunit di ritenere normale lalto stato

    di allerta costantemente attuato negli scali

    a pag. 2

    Etihad Airways in continuo sviluppo

    On line

    Viaggi e Offerte Interlinewww.interlinegroup.it

    a pag. 12

    Lazio: Alta Tuscia

    a pag. 4

    SpecialeVillaggi

    Cina effetto OlimpicoLEnte del Turismo Cinese punta anche a far conoscere zone meno note ai turisti italiani

    www. travellinginterline.it

    EDITORIALE

    Roberto Corbella

    Xiong Shanhua

    Allerta aeroporti:il gioco vale la candela?

    Allerta aeroporti:il gioco vale la candela?

  • turisti. Lestate vicina e ci si preparaa raccogliere i frutti di un lavoro basa-to anche sullampia offerta balneare ita-liana, ma, per ora i segnali non sono af-fatto incoraggianti n per ci che ri-guarda il mercato estero n quello in-terno. Non va dimenticato che lItaliadeve confrontarsi con altre destinazio-ni, soprattutto balneari, molto pi com-petitive delle nostre. E questo un han-dicap che il Bel Paese paga a causa del-le tariffe pi alte e spesso non bilan-ciate per il rapporto qualit-prezzo. La stessa Pasqua e tutti i Ponti prima-verili, che erano un traino e un bancodi prova per la stagione estiva, si sonodimostrati deludenti.

    Il congressuale Il settore dei congressi costituisce unavoce molto importante per il turismoincoming. Abbiamo tante societ chesi occupano solo di questo campo. Po-lifunzionalit, efficienza, tecnologia eprofessionalit sono le caratteristichesalienti dellofferta convegnistica, e tut-to questo a mio avviso lo possiamooffrire con sicurezza. Il problema chespesso non abbiamo strutture in gradodi accogliere un numero elevato di per-sone e non abbiamo infrastrutture de-gne di questo nome.Anche questo settore, che ha cono-sciuto periodi di grande lavoro, regi-stra una diminuzione di eventi.

    Loutgoing Anche per questo importante settore, il caso di parlare apertamente di rea-le disagio da parte degli operatori e de-gli ADV. La situazione economica ci ri-manda quotidianamente un futuro in-certo che continua a raffreddare la pro-pensione per le vacanze allestero de-gli italiani. Le partenze fanno registra-re non una crescita zero che equivar-rebbe ad una stabilit di movimenti inuscita - ma una vera e propria contra-zione che rende difficile la sopravvi-

    venza di tante piccole e grandi azien-de nostrane. Non ho mai creduto aitrionfalismi di certi operatori che sban-dierano aumenti di passeggeri tra-sportati e a numeri di fatturati elevatio aumentati da un anno allaltro - inmaniera esagerata, soprattutto quan-do la situazione generale negativa.La realt che molti voli charter sonostati annullati, riducendo lofferta, e no-nostante ci, i posti acquistati sono ri-sultati ancora troppi perch non ceraabbastanza mercato. La stessa cosa accaduta a Pasqua quando alcuni T.O. noti per la programmazione di volispeciali per la Festivit per la primavolta hanno effettuato la loro pro-grammazione solo con voli di linea, po-chi ma sicuri.

    ConclusioniPer lincoming, dato che i turisti stan-no cambiando, c bisogno che lItalia

    esca dalla logica della rendita di po-sizione, reagendo con una politica in-telligente, creativa e di comunicazione.C la necessit di individuare quali sia-no le attrattive del nostro paese per poifavorirne la conoscenza e, quindi, lafruizione. Beni culturali s, ma non so-lo. C la possibilit e lopportunit -di diversificare le nostre offerte turisti-che basate sui grandi mutamenti av-venuti in questi ultimi anni. C stata una grande evoluzione com-portamentale con lavvento di nuoveesigenze.Cultura ma anche benessere; attivitsportive ma anche mostre ed eventi;natura ma anche divertimento, oppu-re tutte le cose combinate insieme. I turisti sono sempre pi alla ricerca diuna vacanza allinsegna di tanti fatto-ri che possono diversificare il loro sog-giorno rendendolo completo. Tuttoquesto, chiaramente, se vogliamo unturismo di massa, a prezzi contenuti,altrimenti tutte queste componenti lepossono trovare nei Paesi nostri prin-cipali competitori, che non sono pochi.Mari, monti, laghi, cultura, sport, re-lax, benessere, enogastronomia, or-mai un dato di fatto che ci si debbaorientare su una pluralit di esigenzeda soddisfare. Chiaramente, le nostre offerte non sipossono vendere da sole e, quindi, csempre bisogno dellaiuto delle istitu-zioni e degli enti, impegnati a vario ti-tolo nel turismo. Per loutgoing, invece, la vedo pi ne-ra. Fino a quando non ci sar una schia-rita sul futuro delle aziende e sulloc-cupazione, la gente star attenta a nonspendere i soldi che possono servire atamponare cose pi importanti e di pri-ma necessit rispetto ai viaggi.A proposito, a dar retta a quelle azien-de che vendono solo on-line i voli + glihotel, a Pasqua c stato un aumentodelle prenotazioni rispetto al 2008. Voiche siete tutti i giorni dentro le agen-zie, potete crederci?

    Liliana Comand

    Liliana Comand

    Le grosse incertezzedel sistema

    turistico italiano

    Segue da pag. 1

    2 T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L

    SOMMARIO

    EDITORIALE PAG. 1, 2

    ALLERTA AEROPORTI 1, 10

    UNA REGIA NAZIONALE 1, 14

    CINA EFFETTO OLIMPICO 1, 8

    ETIHAD AIRWAYS 2

    SPECIALE VILLAGGI 4

    OTA VIAGGI 6

    FUTURA VACANZE,

    MALAYSIA AIRLINES 8

    MALTA 8

    TUTTO IL LAZIO PAESE 11

    TRASPORTO AEREO 10

    INTERLINERS IN UZBEKISTAN 11

    LAZIO: ALTA TUSCIA 12-14

    EDITORIALE

    Editore e Direttore ResponsabileLiliana Comand

    [email protected]

    hanno collaborato:

    Antonio Bordoni, Cecilia Emiliozzi, Pino Magnani,

    Antonella Pino dAstore,Oriana Schembari, Angelo Sessa

    Corrispondenti regionali:

    Lombardia: Eleonora Boggio, Giuseppe Curti, Alberto Lentini,

    L. Francesca RebonatoLiguria: Virgilio Zanolla

    Puglia: Domenico MatarreseTriveneto: Davide Pavanello

    Responsabile Relazioni Esterne

    Marco [email protected]

    Editrice

    Interline International ClubVia Nazionale, 204 - 00184 RomaTel. 06/4871721 - Fax 06/4871618

    E-mail: [email protected]

    Progetto grafico e impaginazione

    Format Roma s.r.l.Stampa

    STAMPA & SERVICE - Roma

    Spedizione in abb. postaleGruppo 45% - Roma

    Questo periodico associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

    [email protected]

    Etihad Airways la compagnia ae-rea nazionale degli Emirati Ara-bi Uniti con base nella capitaleAbu Dhabi, ha da poco inaugurato unanuova rotta da Abu Dhabi con desti-nazione Melbourne. Grazie a questo re-cente operativo, raggiungere lAustra-lia anche dal nostro paese sar ancorapi semplice e veloce. Il nuovo volo,operato dallAirbus A340-600 in gradodi trasportare 286 passeggeri, 12 in pri-ma classe, 32 in business e 244 in eco-nomy; decolla tutti i giorni da Abu Dha-bi alle 22.35 e atterra a Melbourne alle19.15 del giorno successivo. Abbiamosviluppato significativamente i nostri col-legamenti verso lAustralia in soli due an-ni, attraverso il lancio di nuove rotte e lau-mento della nostra presenza su questo mer-cato in forte crescita dichiara James Ho-gan, Chief Executive di Etihad Airways.I nostri voli su Sydney e Brisbane sono di-ventati incredibilmente popolari e lAu-stralia una destinazione chiave per i viag-giatori sia leisure che business.Il primo aeromobile della CompagniaAerea degli Emirati Arabi Uniti ad at-terrare nella seconda citt pi grandedel continente Australiano stato lAir-bus A340-600 firmato Formula 1, con

    tanto di logo ufficiale della F1 e la ban-diera a scacchi sullalettone, per cele-brare il Grand Prix allAlbert Park diMelbourne. Come cittadino di Mel-bourne sono personalmente fiero dellinve-stimento fatto da Etihad nella comunit diMelbourne", aggiunge James Hogan.Durante le scorse settimane, abbiamo vi-sto lEtihad Stadium, in grado di accoglie-re 50 mila visitatori, ospitare i maggiorieventi sportivi della citt e il team della Fer-rari Formula1 sponsorizzato da Etihadcompetere al Gran Premio di Melbourne.Con questo collegamento giornaliero,che coincide anche con la terza desti-nazione in Australia, dopo Sydney eBrisbane, su cui opera Etihad, sale a 51il numero totale delle destinazioni ser-vite dalla compagnia di bandiera di

    Abu Dhabi. Sono, invece, 22 gli ope-rativi settimanali che decollano da AbuDhabi con destinazione Australia: 12voli per Sydney, 3 per Brisbane e 7 perMelbourne. Altra buona notizia sul

    fronte Australia stato lan-nuncio di codeshare conQantas, che vedr Etihad po-sizionare il proprio codiceEY su alcuni dei voli do-mestici operati da Qantas inAustralia e anche sul colle-gamento su Auckland inNuova Zelanda. Altra newsimportante laumento deivoli da Milano Malpensa

    ad Abu Dhabi. Da fine marzo, infatti lacompagnia aerea vola dal capoluogolombardo ogni luned, marted, ve-nerd, sabato e domenica, con un in-cremento di ben due unit in pi ri-spetto al passato.

    Alberto Lentini

    c/c postale n89133003

    Etihad Airways: una compagnia in continuo sviluppo

  • 4 T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L

    Di Antonella Pino dAstore

    Come si delinea lofferta dei villaggituristici? Nel ciclo di vita del pro-dotto, siamo ancora in fase di svi-luppo o siamo ormai alla maturit? Qualiinnovazioni hanno apportato allofferta glioperatori del sistema affinch il prodottonon perda smalto, ma prosegua nella suafase di crescita? I villaggi turistici rappre-sentano oggi il 30% dellofferta dei T.O.italiani e hanno visto aumentare la loroquota di mercato in modo costante neglianni. Riscuotono lapprezzamento di unafascia sempre pi grande di pubblico gra-zie anche allevoluzione che il prodotto haavuto negli ultimi anni. Oggi le strutturesono pi curate e i servizi sempre pi ric-chi e diversi; animazione presente ma di-screta, facilit di socializzazione e all in-clusive, possibilit di fare escursioni e ot-time localizzazioni. Ma il successo del Vil-laggio Turistico dovuto soprattutto allasegmentazione sui bisogni dei diversi tar-get di clientela. Dietro un clima disteso eprivo di problemi che regna nel Villaggioc unorganizzazione funzionante, intel-ligente, attenta, pronta ad accogliere unacomunit che possa esercitare il proprio di-ritto alla pigrizia. Luomo stanco e osses-sionato dalla vita cittadina, dal cemento,dal lavoro, chiede prima di tutto giornatedozio e la distensione pi completa. Poi ladomanda e lofferta diventano sempre pivariegate: attivit sportive e ricreative,escursioni alla scoperta e conoscenza delterritorio che ospita il villaggio, benessere,miniclub. Essendo costituito da unampiagamma di servizi e disponendo di comfortcome appartamenti e alloggi in struttureprefabbricate come bungalow, cottage e re-sidence in muratura, il Villaggio permetteunofferta diversificata dal punto di vistadelle spese variabili, come quelle per lo sva-go, gli acquisti e gli spostamenti. un pun-

    to di forza importante considerando il mo-mento in cui versa la propensione alla spe-sa e leconomia in generale, perch pur ac-cogliendo una domanda di massa, si tendea lasciare ai consumatori la possibilit discelta tra le opzioni offerte. Questa unapanoramica della vasta programmazionedi alcuni dei pi rappresentativi T.O. ita-liani specializzati in villaggistica.

    Club Med pioniere dellaformula tutto compresoDa pi di cinquanta anni Club Med ga-rantisce la sicurezza di un T.O. esperto eorganizzato, con pi di 80 villaggi situatinei luoghi pi belli del mondo, con anima-tori che rappresentano un centinaio di na-zionalit e pi di trenta lingue parlate, af-fermando cos la dimensione multicultu-rale. Un modo unico di vivere la vacanza,con cinque stili diversi di Villaggio: Vi-vere il sensazionale, Provare un podi tutto, Scoprire nuove culture,Scoprire e vivere lo sport, Rigene-rarsi. Inventore del Mini Club, oggi Club

    Med offre 46 Villaggi in cui i genitori pos-sono affidare i pi piccoli allassistenza dispecifiche strutture a essi dedicate, da quat-tro mesi fino a 18 anni. Nel MediterraneoClub Med offre sole, mare e sport con ri-duzioni fino a 250 euro a persona. Il Vil-laggio anche benessere, momento di quie-te assoluta, solo per se stessi. Bellezza, di-stensione, fitness: il meglio di s Club Medlo offre nei Wellness Centre, nelle saune enegli hammam. Bellezza o serenit? Vita-lit o viaggio interiore? Nel Centro Be-nessere Passione e nel Centro Benesse-re Evasione, lospite accolto in uno spa-zio immerso nella natura, dallarredamen-to ispirato allarte di vivere zen. In questeoasi di dolcezza si procede alliniziazione atrattamenti benefici quali massaggi etnici,innovativi o pi tradizionali. Una riconci-liazione con il proprio corpo che permetteallo spirito di vagabondare liberamente.

    Alpitour: mare, sole e relax tutto italianoTra le numerose proposte di vacanza in Ita-

    lia e allestero, in strutture ideali per cop-pie, single e famiglie con bambini, Alpi-tour World Hotels & Resort offre anchela possibilit di soggiornare in pi di unosplendido villaggio turistico situato in Ca-labria. Gli ospiti di ogni villaggio avran-no la possibilit di vivere un soggiorno bal-neare dotato di ogni comfort, allinsegnadel benessere, della buona tavola e del di-vertimento. Grazie ad uno staff distrutto-ri e animatori qualificati, il villaggio turi-stico offre la possibilit di godere appienodel mare della Calabria e di usufruire di di-verse strutture sportive, anche attraversolorganizzazione di tornei e di corsi collet-tivi di tennis, calcetto, volley, tiro con lar-co e giochi in spiaggia. Per gli amanti de-gli sport acquatici, dello snorkelling, del di-ving o della vela, ma anche per chi vuolededicarsi al relax pi assoluto e ai bagni disole, la natura della Calabria e i servizi delvillaggio turistico proposto da AlpitourWorld Hotel & Resorts garantiscono unagamma di opzioni completa, in grado disoddisfare ogni esigenza, compresa quelladegli ospiti pi piccoli. Si deve solo sceglieretra massaggi e trattamenti estetici, cock-tail a bordo piscina e serate di ballo e caba-ret, ma anche proposte di escursioni allascoperta della Calabria, dei monti della Si-la, dei Bronzi di Riace conservati nel Mu-seo Nazionale di Reggio Calabria, fino al-le lontane Isole Eolie.

    Eden Village nel mondoImmergersi nelle acque del Mar Rosso, inunacqua limpida e in un mondo tutto dascoprire, un mondo sottomarino in cui unameravigliosa parete formata rocce e coral-li popolata da migliaia di crostacei e di pe-sci. Questa la cornice in cui si posizionauna delle tante proposte Eden VillageGold e Special, presenti in tutte le metepi attraenti del mondo. Le posizioni pri-vilegiate dei villaggi, gli ambienti acco-glienti, il trattamento all inclusive, le atti-vit di animazione, la ristorazione italianae il miniclub con personale specializzato,sono alcune delle caratteristiche che ga-

    SPECIALE

    I Villaggi Turistici: alchimia di comunit felici

    VillaggiVillaggi

  • rantiscono unalta qualit di servizi e lamassima comodit che si pu chiedere aduna vacanza davvero speciale. Anche la Si-cilia unisola tutta da scoprire, basta ap-profittare dellofferta all inclusive Eden Vil-lage, con una qualit di servizio che ha benpochi paragoni in tutto il mondo. Il pac-chetto regala un viaggio tra mare, storia,cultura e arte: dalla Valle dei Templi diAgrigento alle splendide isole Lipari edEolie. I percorsi benessere offerti dai vil-laggi, inoltre, daranno la possibilit di al-legerire lo stress abbracciando i sensi conolii profumati e musiche rilassanti. E a pro-posito di sensi: il gusto sar appagato siadai piatti tradizionali della cucina medi-terranea, sia dai piatti delle serate tipichee a tema.

    Settemari Le BlondPer i vacanzieri pi giovani, alla ricerca didivertimento assoluto, Settemari ha crea-to Le Blond, una selezione di villaggi aloro dedicati con caratteristiche particola-ri. Pi divertimento: molte attivit per co-noscere e vivere al massimo tutte le attra-zioni del territorio che ospita il villaggio.Pi libert: vivere giorno e notte al massi-mo, per tutto il periodo della vacanza. Piamicizia: unesperienza unica e indimen-ticabile da vivere con i compagni di viag-gio e gli animatori. I Villaggi Le Blondsi trovano a Ibiza, Costa Brava, Palmadi Maiorca, Mikonos, Creta, Rodi,Sharm el Sheik, Riccione. Per tutte le eted esigenze, Settemari Club ha creato unaserie di villaggi internazionali che sorgo-no sulle pi belle spiagge dEgitto, Tuni-sia, Spagna, e si distinguono per la qua-lit dei servizi. Ma il luogo di fuga idealedalla frenesia della vita quotidiana senzadubbio il SettemariClub Floriana DreamLagoon a Marsa Alam, emozionante,suggestivo, elegante, distensivo. Il club ri-corda un caratteristico Villaggio Nubia-

    no con tutti i comfort di un ottimo 4 stel-le. La vasta laguna che si estende di fronteallhotel assume una moltitudine di sfu-mature colorate che vanno dal turchesesplendente allindaco intenso, offrendo aquestangolo di paradiso sul Mar Rossounatmosfera quasi maldiviana.

    Valtur: film sotto le stelleNella meravigliosa terra, patria di potentidivinit, culla di artisti e filosofi, sul latonord della provincia di Argolide, sorge ilnuovissimo Village Resort Hydra Bea-ch, nellarea del Peloponneso, tra ricchiulivi e splendida vegetazione. Per rilassar-si completamente al caldo sole della Gre-cia e immergersi nelle sue acque limpide,non resta che raggiungere lattrezzataspiaggia. Il nuovo Village Resort si collo-ca come fiore allocchiello del segmento Fa-mily, dove lintera famiglia pu godere diservizi e attivit altamente qualificati e de-dicati esclusivamente a loro. Gli ospiti del-lo Young Club, i ragazzi dagli 11 ai 13 an-ni, vivranno giornate intense: scuola di dj,scuola hip hop, notte in campeggio a guar-dare film sotto le stelle, nutella party, escur-sioni al luna park e acqua park, gite in bar-ca. Il Village Resort, tanto amato dalle fa-miglie, si aggiunge ai villaggi di Capo Riz-

    zuto, Nicotera e Simeripresenti in Calabria, Ostu-ni e Pizzomunno in Puglia,Baia di Conte e Village Resort ColonnaBeach in Sardegna, Marilleva in Trenti-no, e allestero in Turchia e Tunisia. Chidesidera una vacanza in assoluto relax ecomfort si rivolge ai Villaggi Classic diPollina e al Village Resort di Favignanain Sicilia, al Village Resort di Santo Ste-fano in Sardegna e infine il Villaggio Si-nai Grand Resort di Sharm el Sheik. IVillaggi Energy di Agadir in Marocco edi El Kebir in Tunisia sono una certezzaper tutti i giovani alla ricerca di una va-canza allinsegna dellassoluto divertimentoe di forti emozioni, dove poter vivere le gior-nate a ritmo di musica, ballare sulla spiag-gia fino a notte inoltrata, condividere con

    gli amici momenti magici da non dimenti-care. Ancora destinazioni indimenticabilie atmosfere magiche nei Villaggi Paradi-se alle Maldive e a Mauritius.

    Atmosphera nei Villaggi Veraclub

    Soddisfare ogni esigenza e intendere ilVillaggio in maniera pi suggestiva

    e personale: ecco i Villaggi Vera-club, esclusivi e splendidamenteposizionati, con una struttura ar-chitettonica perfettamente inse-rita nel contesto ambientale. So-

    no tante le attenzioni dedicate al-lospite: cene a tema con servizio a

    tavolo, serate a tema, programmi digiochi e sport. Dal Kenya a Zanzibar, da

    Mauritius al Madagascar, dal Messicoalla Sardegna: seducenti caratteristiche cheuniscono lincantevole bellezza dei luoghi atutta lesperienza Veratour. Le giornate neiVillaggi Veraclub iniziano sempre con unsorriso: professionisti del coinvolgimentorenderanno ogni ospite il vero protagonistadella vacanza. In compagnia degli istrutto-ri possibile cimentarsi in tante disciplinesportive come windsurf, beach volley, bea-ch soccer, spinning, tennis, canoa, immer-sioni. Le dimensioni spesso contenute delvillaggio e la clientela esclusivamente ita-liana permetteranno allospite di rilassarsie di godere una vacanza che sin dal primogiorno si riveler unica del suo genere.

    6 T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L

    SPECIALE VILLAGGI

    Da Sciacca in Si-cilia a Porto Ce-sareo in Puglia,da Rossano Calabro inCalabria e dalla Basili-cata a Santa Teresa diGallura in Sardegna, gliSpeciali Ota Viaggisono pronti ad accoglie-re gli ospiti nelle pi bel-le destinazioni di vacan-za in Italia, 16 strutture che coniuganoqualit e convenienza. Per tutte le pre-notazioni sui prodotti con marchioSpeciali Ota Viaggi, in caso di an-nullamento fino a 30 giorni dalla datadi partenza non applicata alcuna pe-nale. Da sempre il fiore allocchiello delT.O. la Sardegna ed per questo chesullisola previsto un servizio dassi-stenza sempre disponibile per infor-mazioni ed aiuti di ogni genere. Mari-na Resort, Torre Moresca, Calagono-ne Beach, Calafiorita, Marmorata,Gioca in Birdi, Corte Rosada: al clien-te assicurata una vacanza allinsegnadel relax e della tranquillit, la possi-bilit di affittare barche per divertentiescursioni e per esplorare la meravi-gliosa costa sarda. Ota Viaggi ha atti-vato accordi con le compagnie di na-vigazione Tirrenia, Sardinia Ferries eMoby; tutte le destinazioni possono es-sere raggiunte anche con voli Air One,Meridiana, Alitalia. Prenotando lestrutture alberghiere Speciale Ota Viag-gi della Sardegna, il viaggio in nave gratis con i pacchetti da 7/10/11/14notti e auto al seguito. Tutta la programmazione Ota Viaggi,oltre ad assicurare vacanze di qualit,offre molte soluzioni convenienti comebambini gratis e sconti per prenotazio-ni anticipate. In una politica di rilanciodel mare del sud Italia, Ota Viaggi sbar-

    ca ad Ischia,lisola del benes-sere e delle curetermali. Un pul-lman GT arriva

    a Napoli e da qui limbarco perIschia/Casamicciola; sullisola, con iltrasferimento verso lhotel prescelto, ini-zia la vacanza che prevede, tra laltro,cure termali ed escursioni prenotabilitramite assistenza Ota Viaggi. Sono sta-ti predisposti anche voli di linea e tra-sferimenti da Torino, Milano e Verona,con partenza domenica mattina; i pac-chetti dovranno essere acquistati in ab-binamento ad un soggiorno hotel di mi-nimo sette notti. Nel cuore mondano diIschia, tra ampi giardini e oasi verdi, tracielo e mare, Ota Viaggi ha selezionatostrutture come Felix Terme, CristalloPalace Terme, Zaro, President Terme,Gran Paradiso. Nel men di Ota Viag-gi, oltre al catalogo Montagna estiva,attrae laccattivante proposta di Villag-gio Club Ermioni in Grecia, diretta-mente sul mare, lungo la costa est delPeloponneso, a nove chilometri da Por-to Heli. Per chi preferisce approfittaredel dolce clima primaverile, Ota Viaggiorganizza visite ed escursioni delle per-le di Croazia. Con una quota di 350 eu-ro, partendo da Roma in pullman GT,si raggiunge Rabac, sulla costa orienta-le dellIstria: da qui, per cinque giorni,si andr alla scoperta di tesori come leisole Brioni, Pola, la citt medioevale diLabin, Parenzo e Abbazia.

    Antonella Pino dAstore

    16 strutture in Italia che offrono qualit e convenienza

    Gli Speciali di Ota Viaggi

  • tempo di sfogliare il catalogo perle prossime vacanze estive e Fu-tura Vacanze, puntuale allap-puntamento, presenta Mare Italia,465 pagine con 208 localit balneari e48 strutture proposte. Futura Vacanze FV Special quando offre strutturein rinomate localit turistiche con di-vertimento, relax e comfort, garantiteda un ottimo rapporto qualit/prezzo.Nelle pi belle localit in Sardegna, Ca-labria e Puglia, le proposte Special so-no classificate in Prestige, Family,Sprint, Zeroe Easy. Futura Vacanze consiglia FV Super,strutture che si caratterizzano per qua-lit di servizi, posizione e per il livelloqualit/prezzo. si-curamente super ilnuovo Nyce Club LaVela Hotel e Residen-ce a sei km da Tropea,sul tratto pi bello del-la costa calabra. Il ca-talogo delle vacanzepi belle si sfoglia an-che virtualmente coscome propone FuturaVacanze attraverso lanavigazione sul suo si-to www.futuravacan-ze.it. I viaggiatori potranno visitare lasezione dedicata alle offerte speciali pertrovare le migliori proposte aggiorna-te e per consultare i FV Web, solu-zioni di vacanza disponibili solo onli-ne. Indipendentemente dalla scelta sulcartaceo o virtuale, i clienti potrannorisparmiare fino al 25% senza limita-

    zione di data con la formula Nice Pri-ce. Anche per la stagione estiva 2009Futura Vacanze propone laNave Gra-tisper pachetti 2 adulti+ 1 auto con desti-nazione Sardegna eSicilia: il passaggionave completa-mente gratuito perpartenze di martedper la Sardegna o conuna minima parteci-pazione alle spese perle partenze di sabato.I pacchetti per la Sar-degna offrono soluzioni per 7 notti maanche per 10/11 notti, con partenze di

    marted o sabato, intutte le strutture FVSpecial e in molte FVSuper. Futura Vacan-za non dimentica maitrattamenti speciali peri suoi clienti pi giova-ni: uno o due bambinifino a 12 anni viaggia-no sempre gratis. An-che nelle proposte ae-reo+transfer le tariffesono sicuramente com-petitive per molte

    strutture FV Special. Un esempio: peril resort Corte del Salento Club Villa-ge in Puglia, si passa dai 190 euro apersona agli 89 euro a testa se si pre-nota con buon anticipo, mentre i bam-bini fino a 12 anni pagano una quotavolo+transfer che parte da 49 euro. Eper la totale serenit dei viaggiatori, FV

    conferma per il 2009 alcuni interessantivantaggi: con Tasso Zero la vacanzasi paga in 6 rate senza interessi, conFutura 100% si pu contare sulla co-pertura assicurativa totale gratuita, conVacanze Serene possibile annulla-re il viaggio fino a 21 giorni prima del-la partenza senza costi aggiuntivi. Levacanze FV continuano con le propo-ste e i relativi cataloghi Monti, Sa-lute & Bellezza, Agriturismo. In-teressanti le proposte dello star benesecondo Futura Vacanze: un week-endo una settimana nelle migliori SPA, nel-le strutture benessere light in cam-pagnia o nei centri minori, dove tra-scorrere il tempo libero allinsegna delremise en forme. Il T.O. non trascura irapporti di collaborazione con le AdV:ha infatti introdotto un nuovo regimeprovvigionale basato sul numero tota-le delle pratiche confermate dalle AdVcon partenza nel periodo 2007/2008.Per questo sono state create quattro ca-tegorie commerciali: Basic, Plus, Part-

    ner e Top. Spiega Angela Saran, Diret-tore Generale Futura Vacanze: La ri-partizione, pur prevedendo anche per leagenzie di viaggio posizionate nella fasciapi bassa (Basic) un importante regimecommissionale differenziato per strutturaricettiva, risulta particolarmente vantag-giosa per coloro che ci hanno scelto come in-terlocutore privilegiato. Questa innovazione nasce dalla necessitdi una politica commerciale premiante peri migliori venditori, ma permette anche acoloro che hanno da poco scoperto i nostrivantaggi di crescere rapidamente, passan-do da una categoria allaltra in funzionedel numero pratiche prenotate, accedendocos ai regimi commissionali pi elevati. Quindi unagenzia che parte dalla catego-ria Basic pu passare alla categoria Plus,Partner o Top gi nel corso di questannocommerciale. Continuiamo a mantenere ladifferenziazione di commissione in base al-la struttura venduta e nel confidenziale perle AdV viene riportato per ogni albergo/re-sidence e per ognuna delle 4 categorie com-merciali, la percentuale prevista che puarrivare fino al 16%.

    Antonella Pino dAstore

    SPECIALE VILLAGGI

    T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L 7

    Futura Vacanze Special e Super

    Angela Saran

  • no? Quale potere dattrazione esercitala Citt Proibita sullimmaginario delturista italiano? A queste e altre do-mande ha risposto Mr XiongShanhua, Direttore dellUfficio Turi-smo della Cina in Italia.Qual stato landamento degli arrivituristici italiani nel corso dellultimastagione e che posizione occupano nelflusso outgoing complessivo? Qualeprospettiva di crescita vi aspettate?Nel 2007 il totale degli arrivi stato di

    220.000, +10.2% rispetto al 2006. Nel2008, fino a novembre, il totale degli arri-vi stato di 180.000; con dicembre la cifrasale a 215.00. Riguardo ai dati di dicembrevorrei sottolineare che solitamente per lastagione invernale si registrano circa25.000 /30.000 arrivi. I dati sopra elenca-ti includono sia i viaggi leisure sia i viag-gi business. Se si suddividono i dati del2007 e del 2008 tra viaggiatori business eleisure si nota che il leisure nel 2008 ha su-bito una forte contrazione dovuta agli even-ti Olimpiadi e Terremoto, avvenuti duran-te la stagione pi importante per i viaggiin Cina, cio il periodo che va da Maggioad Agosto. La posizione dellItalia rispettoal mercato Europeo si attesta alla 4posi-zione, dopo UK, Germania e Francia.Quali sono le formule di soggiorno

    preferite e quanti giorni sono solititrascorrere in Cina gli Italiani?Il pacchetto pi venduto dagli operatori

    di 7 notti 9 giorni che include le visite del-le citt di Pechino-XiAn-Shanghai. Du-rante lestate il pi venduto Pechino-XiAn-Guilin-Hangzhou-Suzhou-Shan-ghai, 15gg totali. Gli operatori offrono so-luzioni differenti, inclusa la visita di HongKong ed estensioni mare.Quali sono le aree di maggiore inte-resse e quelle di nuova scoperta? Suquali regioni o temi intendete spin-gere maggiormente?LEnte nazionale del turismo cinese, vuo-le rafforzare la comunicazione sul pacchettobase, per renderlo sempre pi conosciuto eapprezzato. Il nostro obiettivo di far co-noscere zone come Yunnan (sud della Ci-na), unarea interessantissima da vari pun-ti vista, culturale, storico, paesaggistico eottimi servizi. Nella zona si concentra lapi alta densit di minoranze etniche: 28

    gruppi diffe-renti con diversi usi e costumi. Le citt dimaggiore interesse sono Dali, Lijiang e Xi-shuanbanna, zona richiestissima dal pub-blico europeo. Per il mercato italiano mol-to interessante il tour La via della Seta,perch stata per millenni lunico contat-to tra oriente e occidente (la via della setapartiva da XiAn e terminava a Roma). Li-sola tropicale di Hainan con le splendidespiagge di Sanya e servizi lussuosissimi,meta preferita dai viaggiatori Russi, Inglesie Americani. Sono molto richieste le cro-ciere su lussuose navi, per visitare posti in-cantevoli come le Tre Gole.Che tipi di campagne promozionalisono state elaborate?Assicuriamo la presenza su Trade maga-zine e consumers. Abbiamo previsto presstour per giornalisti in alcune localit del-la Cina poco conosciute e a giugno linviodi troupe televisive nazionali per filmare laVia della Seta. Le iniziative per le AdV pre-vedono roadshow nelle principali citt ita-liane, in collaborazione con i migliori touroperator sulla destinazione. stato attiva-to un corso di formazione online in coope-razione con Chinasia Tour Operator. E an-cora viaggi promozionali per agenti di viag-gio in Cina, in collaborazione con i mag-giori tour operator.Di che genere di servizi e infrastrut-ture si recentemente dotata la Cina,al fine di supportare lo sviluppo turi-stico? Cos cambiato nello scenario

    delle compagnie aeree attive sulla de-stinazione? In Cina vengono inaugurati nuovi cantie-ri ogni giorno. Pechino dotata di nuove li-nee metropolitane ultimate in occasione dei

    giochi olimpici. Il treno Maglev, ilpi veloce al mondo, collega laero-porto internazionale di Shanghai Pu-dong con il centro citt, 35 km co-perti in sette minuti. in fase di co-struzione il treno super veloce che col-legher Pechino a Shanghai in po-chissime ore. Il ponte tra Hong Konge Macao sar inaugurato a breve. Ilponte Ninbo, dallomonima citt in-dustriale altamente industrializzatadove hanno sede moltissime industrieitaliane, collega Shanghai in trenta mi-

    nuti. Tutte le compagnie aeree hanno i volisulla Cina; Air China lunica in Italia adavere un volo diretto Roma-Pechino e Mi-lano Shanghai giornaliero.Sono stati inaugurati nuovi hotel?Quali sono quelli pi originali?In occasione delle Olimpiadi e non solo,

    sono stati inaugurati decine di nuovi hoteldelle pi grandi catene internazionali: Mar-riot, Hilton Hyatt, Radisson, Swiss. Sonotra i pi lussuosi al mondo.Che cosa cambiato nel mercato turi-stico cinese durante questi ultimi anni? I servizi negli ultimi anni sono miglioratitantissimo. Hotel e infrastrutture daltissi-mo livello hanno raggiunto gli standardasiatici. La comunicazione resa sempre pisemplice con scritte e speaker in inglese nel-le maggiori citt. Ci sono sempre pi guidespecializzate parlanti in italiano, in ogni zo-na della Cina. Tengo a precisare un elementofondamentale per i viaggi in Cina: la sicu-rezza della destinazione, in assoluto il pae-se pi sicuro per i viaggiatori stranieri.Quali sono gli operatori italiani concui la Cina lavora maggiormente? Sene sono aggiunti di nuovi?Molti T.O. ci chiedono di poter iniziarea inserire la Cina nella loro programma-zione, ovviamente per la prossima stagio-ne. Al momento i principali operatori so-no i soliti.

    Antonella Pino dAstore

    Nel terribile 2008, che ha vistotante compagnie aeree segnareun profondo rosso sui propribilanci, Malaysia Airlines riuscita a

    chiudere con un utile di circa 50mi-lioni di euro. Un risultato non

    disprezzabile consideran-do la difficile congiuntu-ra internazionale. Nel2009, la compagnia ma-lese cercher di mante-

    nere le posizioni di mer-cato in previsione delle-

    spansione prevista entro il2010, con trenta nuove destinazio-

    ni. Anche se fare programmi in questomomento difficile ed pi realisticopensare che ogni programma subiruno slittamento di uno o due anni al-meno. Anche cos, Malaysia Airlines si confermata la pi vasta flotta del Sudest asiatico: 40.000 passeggeri traspor-tati ogni giorno e oltre 100 destinazio-ni, 32 domestiche 86 internazionali. PerlItalia, la compagnia opera attualmen-te da Roma a Kuala Lumpur con volidiretti quattro volte a settimana: mar-ted, venerd, sabato e domenica. Gli ae-romobili correntemente impiegati perloperativo sono i nuovissimi Boeing777-200, completamente rinnovati perassicurare il massimo comfort ai pas-seggeri nelle due classi di servizio (Bu-siness ed Economica). La capacit degliaeromobili di 33 posti in classe Busi-ness e 243 in classe Economica e sonotutti equipaggiati con tecnologie di nuo-va generazione. A partire da fine mar-zo in vigore lorario estivo, con par-tenza da Roma alle 13:45 locali e arrivoalle 07:45 locali della mattina dopo aKuala Lumpur. Dai dati diffusi dallEntedel Turismo della Malesia sono stati38.945 gli italiani arrivati nel Paese nel2008 (+ 23,3% rispetto al 2007). I mesi

    che nel corso dellanno hanno registra-to un aumento record sono stati: luglio(3.058 visitatori, con un incremento del44,8%), ottobre (3.116 visitatori, +45,5%),ma soprattutto agosto (7.346 visitatori,+ 53,4%).Ma Kuala Lumpur un hubanche per poi continuare il viaggio ver-so altre destinazioni. Notevole infattiil network delle destinazioni MalaysiaAirlines, che assicura da Kuala LumpurInternational Airport (KLIA) dei colle-gamenti giornalieri verso le maggioridestinazioni di Sudest asiatico, EstremoOriente (Malesia, Indonesia, Tailandia,Filippine, Myanmar, Vietnam, Cambo-gia, Cina, Giappone) e Australia/Nuo-va Zelanda. Il recente accordo con ilvettore australiano Virgin Blue, assicu-ra inoltre una capillare presenza in tut-te le maggiori mete turistiche del conti-nente down under, che possono esse-re raggiunte da Sydney, Brisbane, Mel-bourne, Adelaide o Perth in combina-zione con le tratte aeree intercontinen-tali volate con Malaysia Airlines. Anchele tariffe proposte sono interessanti, gra-zie alla revisione del Fuel Surcharge del15 Febbraio scorso. Unitamente al nuo-vo piano, Malaysia Airlines si proponeal mercato con un assetto completa-mente nuovo, con lo scopo di rafforza-re e implementare la propria posizioneallinterno dello stesso durante il 2009.

    8 T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L

    Segue da pag. 1

    Malaysia Airlines implementa la propria posizione nel mercato

    Adagiata nel cuo-re del Mediter-raneo, Malta la destinazione perfettaper chi in cerca di unameta dove il mare, lacultura, il relax e il con-tatto con la natura fac-ciano la differenza. Infatti, a renderlacosi esclusiva e ad attrarre sempre pituristi sono proprio le prodigiose bel-lezze naturali e la sua storia millena-ria. Per capire che aria si respira in que-sto periodo di crisi, lo abbiamo chiestoa Simon Kamsky, Responsabile Piani-ficazione Strategica e Marketing per ilSud Europa di Malta, che ci ha rispo-sto:Nonostante la crisi, siamo riusciti amantenere la nostra situazione e addirit-tura abbiamo registrato un incremento. Nel2008, gli arrivi di italiani a Malta sono au-mentati perfino del 32 per cento rispettoallanno precedente. Da gennaio a novem-bre 2008, sono stati pari a 134.249 e, sep-pur non siano ancora pervenuti i dati re-lativi al solo mese di dicembre, ci si aspet-ta, in base alle stime del NSO (NationalStatistics Office), che tocchino i 5.000 tu-risti italiani, come nel dicembre 2007. Stia-mo osservando i segni della crisi economi-ca, tuttavia la nostra vicinanza con lIta-lia ci permette di stabilizzare le cifre gra-

    zie ad altre tipologiedi viaggiatori, che intempi migliori (nondi crisi) avrebberopreferito destinazio-ni a medio o lungoraggioC una strategia

    in atto per aumentare gli arrivi?La nostra strategia principale quella diaumentare la capacit aerea attraverso ilcorso di tutto il 2009.Qual la situazione attuale?Gennaio 2009 si chiuso con un aumen-to del 2 per cento rispetto a gennaio delloscorso anno.Novit in arrivo? Certo. Nuovi voli sono gi operativi daBari e Trapani, altri invece arriveranno nelcorso dei mesi. LAir Malta voler, infatti,da Verona a partire da giugno. Inoltre, au-menteremo le nostre spese in pubblicit,con 2 campagne televisive pianificate pro-prio per il 2009.Guardando i numeri il 2009 non sarcerto lanno del rilancio Infatti, visti i risultati ottenuti finora,credo che per noi non si possa parlare dirilancio, ma di mantenimento e, possibil-mente, di aumento delle performance so-pra citate.

    Alberto Lentini

    Malta, cos vicina, cos diversa

    Selvadurai Sinniah e Cinzia Fabbris

    Cina effetto Olimpico

  • 10 T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L

    rale poi decisamente deteriorata do-po gli avvenimenti del 9/11, quandoogni passeggero che sale a bordo devemostrare quello che porta in tasca, nelsuo bagaglio, nella suola delle scarpe,eccetera, il tutto attraverso estenuanticontrolli. I serpentoni che si incontra-no ai terminal di Heathrow sono dive-nuti il simbolo mondiale del disagiodei viaggiatori del mezzo aereo. Tuttoci, dal momento che in ballo la si-curezza stato accettato come qual-cosa di inevitabile e non discutibile madi certo una prima conclusione la sipu senzaltro fin qui trarre, e cio chese i terroristi volevano instaurare la po-litica del terrore e della paura, hannoraggiunto in pieno il loro obiettivo.Attorno al problema nata una fiorenteindustria di accessori. Cos ad esempiose dovete fare un viaggio in aereo e vo-lete portare con voi liquidi, siano essicosmetici, medicinali o semplici be-vande dovete acquistare gli appositicontenitori previsti dai regolamenti.Recentemente si appreso di un casogiudiziario avviato da un passeggeroil quale si era visto rifiutare laccesso abordo delle sue racchette da tennis. Ilpasseggero insisteva per portarle in ca-bina dal momento che da nessuna par-te allaeroporto era scritto che le rac-chette erano considerate oggetti peri-colosi e come tali non trasportabili. Afronte delle sue insistenze era stato fat-to imbarcare insieme ad esse, ma unavolta a bordo gli agenti della sicurez-za lo hanno fatto ridiscendere. Il casofinisce alla Corte di Giustizia Europeadove il viaggiatore ottiene una senten-za favorevole in quanto la Commis-sione UE che aveva emesso il regola-mento sugli oggetti vietati a bordo de-gli aerei, aveva omesso di pubblicare,e quindi ufficializzare, il testo sullaGazzetta Ufficiale. Morale della favo-la: il passeggero deve essere reso edot-to in anticipo di ci che lui pu o nonpu portare a bordo. La sicurezza aeroportuale, quel com-plesso di operazioni che vengono svol-te negli scali al momento dellimbarco,ha subto nel tempo una evoluzioneche si adattata alla tipologia del cri-mine stesso.Levoluzione storica delle cause del-latto ostile contro laeromobile pu es-sere cos riassunta: Bomba a bordo a scopo assicurati-vo, per incasso polizza; Bomba a bordo a scopo politico; Dirottamento del velivolo sempreper finalit politiche; Atto kamikazeCome si vede lescalation segue un per-corso molto preciso. Nelle prime duemodalit lattentatore evitava di im-barcarsi a bordo del velivolo che pren-deva di mira; nella terza tipologia po-teva avvenire che il dirottatore venis-se ucciso e comunque chi metteva inatto il piano sapeva che si correvanodei rischi, nel quarto ed ultimo tipo diatto ostile, il dirottatore deciso a im-molarsi insieme a tutto il carico uma-no a bordo del velivolo. Una vera esca-lation che non poteva non condurre aduna revisione completa delle procedu-re di sicurezza.

    Un po di storiaNellimmediato dopoguerra, quando

    il mezzo aereo stava diffondendosiquale mezzo di trasporto di massa, vifu chi ne approfitt per trarne illecitivantaggi, anche a costo di seminare lamorte fra innocenti passeggeri.Erano i tempi in cui, approfittando de-gli ingenui regolamenti sulla riscos-sione delle polizze assicurative, si met-teva un ordigno allinterno di una va-ligia, questa veniva messa a bordo sen-za che il reale proprietario si imbar-casse e il gioco era fatto. Poi vi furonogli attentati di matrice politica.

    Gli attentati di una voltaErano le 7.13 di domenica mattina 23giugno 1985 quando larea smista-mento bagagli dellaeroporto di Nari-ta a Tokyo fu squassata da una lace-rante esplosione. Due operai moriro-no, quattro furono i feriti. In realt lavaligia ove era contenuto lesplosivo,in quel momento secondo lo scheduledella compagnia avrebbe dovuto tro-varsi a bordo del volo Air India 301 checollegava la capitale nipponica conBangkok e quindi lIndia. Esattamentea unora dallesplosione di Tokyo, ilBoeing 747 dellAir India in volo daMontreal a Londra precipitava nellO-ceano Atlantico, in prossimit delle co-ste irlandesi, con il suo carico umanodi 329 vite. Anche in questo caso la cau-sa dellincidente fu unesplosione a bor-do. Se si eccettuano gli eventi del 9/11,quanto accaduto il 23 giugno 1985 sipu considerare il piano pi sangui-noso attuato nei confronti di una com-pagnia aerea in quanto rappresentan-te di una bandiera.In entrambi i casi le indagini ricon-dussero al gruppo separatista BabbarKhalsa il quale in quel periodo lavora-va per la formazione di uno stato au-tonomo da locarsi nel Punjab, deno-minato Khalistan.Ma non tutte le esplosioni a bordo so-no riconducibili a matrici politiche. Al-linizio gli attentati, come precisiamonel testo, puntavano allincasso di po-lizze assicurative.Ed infine si giunse al periodo dei di-rottamenti, soprattutto causati dalla cri-si palestinese. Una novit assoluta chesegn lavvio di una nuova fase e dinuove contro-strategie. Il nemico nonera pi lindividuo isolato che cercavadi frodare le compagnie assicurative, osconosciuti gruppi che volevano far co-noscere il loro dramma al mondo; gros-so modo fino agli anni ottanta, sar ilcaso di ricordarlo, non vi era la mareadi vettori che oggi solcano i cieli ma so-lo un vettore di bandiera per ogni Sta-to: colpire questo vettore significavamandare un segnale al governo di ap-partenenza. Nella maggior parte dei casi di dirot-tamento, gli hijackers o si arrendevanodopo estenuanti trattative o venivanouccisi dalle forze di sicurezza. In ognicaso eravamo ben distanti da ci che stato messo in atto il 9/11.Nel periodo immediatamente prece-dente agli eventi delle Twin Towers ilterrore a bordo dei velivoli aveva unsolo termine: dirottamento o hijacking;divenne famoso in questo periodo il co-dice 7500 quello che il pilota dovevadigitare sul suo computer di bordo persegnalare agli operatori radar di terralesistenza di un dirottamento a bordo(7700 il codice invece per le emer-genze). Fra laltro Squawk 7500 il

    titolo di un libro scritto da un pilota,basato su un evento realmente acca-duto. Il 9/11 ha segnato uno spartiac-que fondamentale nel campo della si-curezza del volo. Prima di quella datainfatti tutti i controlli che venivano ef-fettuati partivano dal presupposto chela bomba veniva imbarcata a bordo mache lattentatore rimanesse a terra e co-munque avesse lintenzione di scen-dere vivo dal velivolo dirottato. Tuttiricorderanno la procedura di riconci-liazione bagaglio. Ma dopo gli eventi delle Torri Gemel-le, lOrganizzazione Mondiale per lA-viazione Civile (ICAO) impose il con-trollo del 100% dei bagagli e dei pas-seggeri che si imbarcavano.Lenorme mole di lavoro, di personaleed equipaggiamento atto a svolgerequesto compito ha comportato, e tut-tora comporta, esborsi economici no-tevoli. Il tutto a carico di una industriada sempre afflitta dalla scarsit dei pro-fitti e dal clima di alta concorrenza chesi veniva accentuando a causa della de-regulation che avrebbe portato al falli-mento di nomi insospettabili. Lintro-duzione delle nuove misure di con-trollo sono state accompagnate dallapolemica su chi dovesse farsi caricodelle spese supplementari: i gestori ae-roportuali, i passeggeri, i vettori o i go-verni?Se oggi si facesse un censimento su co-me stanno le cose si troverebbe una si-tuazione molto variegata in quanto, aldi la delle varie tasse aeroportuali na-te per lo scopo e che comunque non co-prono interamente le spese, i governilocali sono intervenuti senza una gui-deline comune chi contribuendo pi,chi contribuendo di meno.Ma il problema su cui si inizia a dibat-tere quello da noi accennato nel tito-lo. Da pi parti, da pi fonti ci si inter-roga su quanto sia opportuno mante-nere cos alto il livello di allerta negliaeroporti, focalizzandosi solo e soltan-to su un aspetto. Non sono pochi coloroche criticano questa politica, avvertendocome il focalizzarsi cos pesantemente sul-lo screening dei passeggeri, lascia scopertigli aeromobili e il trasporto aereo su altrifronti ed altre aree (Eben Kaplan, Po-st 9-11 Aviation Security, settembre2006). In questo caso lautore si riferi-sce ad altri settori del campo aereo la-sciati clamorosamente scoperti, qualicargo e terminal. Ma non manca chispecificatamente si interroga sugliaspetti economici: nessuno sembra te-ner conto del costo dei ritardi delle parten-ze provocati dai rallentamenti per la sicu-rezza negli aeroporti. Nel 2002 leconomista Roger Congletoncalcola che ogni 30 minuti in pi trascor-si dai passeggeri negli aeroporti costano al-leconomia 15 miliardi allanno, quasi iltriplo dei ricavi annuali dellindustria ae-rea degli anni novanta (Loretta Napo-leoni, Economia canaglia, 2008 Il sag-giatore).I critici dellattuale sistema non man-cano di far notare come per un dipen-dente aeroportuale sarebbe estrema-mente facile portare a bordo e piazza-re un ordigno esplosivo, o lasciare unarma nascosta in un posto convenutonella cabina passeggeri. Daltra partese gli impiegati aeroportuali riesconoa trafugare i bagagli in arrivo e par-tenza, per quale motivo dubitare chequalcuno di questi non si dovrebbe far

    corrompere per piazzare a bordo un in-nocente pacchetto?Sullargomento sicurezza bisogna es-sere estremamente chiari: se poniamosu un piatto della bilancia il carico divite umane che porta un aereo, e sul-laltro il costo che si deve sostenere percontrollare chi sale a bordo, effettiva-mente la risposta non pu che propen-dere verso il primo aspetto. Ma il pun-to in discussione un altro: siamo si-curi che questo sia lunico modo, il piefficace per contrastare la minaccia? Un pilota che vola su tratte interconti-nentali mi ha raccontato che schiantarsi conunautobomba in uno dei terminal dellae-roporto di Heathrow allora di puntasa-rebbe molto pi facile e pi letale che faresplodere un aereo in aria (come sopra)In uno studio molto dettagliato JohnMueller del dipartimento di scienze po-litiche delluniversit dellOhio, mettein evidenza come gli Stati in molti ca-si tendono a contro-reagire in modoesagerato alle minaccie: another com-mon reaction to terrorism is to becomeoverly-protective and to overspend on de-fenses. Sometimes victim countries beco-me so fearful and self-protective that si-gnificant consequences, particularly eco-nomic ones, ensue. (reaction and over-reactions to terrorism, ottobre 2005) E citando espressamente gli eventi del9/11 Mueller rammenta che se lim-patto economico diretto delle perditecausate ammontato a circa 10 miliar-di di dollari, il costo economico soste-nuto nei soli Stati Uniti per mettere inatto e mantenere le misure di sicurez-za ha ecceduto di molto quella cifra.Come si vede quindi nel mondo ci siinizia a interrogare sullopportunit digravare il trasporto aereo mantenendocontrolli rigorosi, limitati per ad unosolo sar il caso di ripeterlo- aspetto:il passeggero-kamikaze. Due sono i sistemi che potrebbero so-stituire lattuale dispendioso sistemadi controlli. Le cosiddette interviste al-la israeliana, ricordando lottimo sta-to di servizio della compagnia El Alin termini di dirottamenti e sicurezza,o la presenza discreta di personaledella sicurezza a bordo del volo, pre-cisando che luna misura non escludelaltra, come entrambe non escludonola possibilit di continuare a controlla-re bagagli e passeggeri nella fase di im-barco, ricorrendo a modalit pi snel-le. Lunico caso di dirottamento riusci-to avente come oggetto un velivolo ElAl, quello avvenuto il 23 luglio 1968,quindi quale attenuante si pu citare ilfatto di essere uno dei primissimi casi,quando un Boeing 707 con 10 membridi equipaggio e 38 passeggeri in volofra Fiumicino e Tel Aviv venne dirot-tato su Algieri. Le trattative durarono40 giorni e alla fine passeggeri ed equi-paggio furono rilasciati. Per quanto riguarda specificatamentelutilizzo di guardie armate a bordo diaerei ricordiamo che in base a quantoprevisto dal trattato di Prum (27 mag-gio 2005, Austria, Belgio, Germania,Spagna, Francia, Lussemburgo, Olan-da) e il successivo regolamento comu-nitario n. 300/2008, ogni Paese pu de-cidere in modo autonomo circa luso diguardie armate a bordo degli aeromo-bili registrati nello Stato di apparte-nenza.Noi, in base alle tasse e charges che ab-biamo visto piovere sul settore in esa-

    Allerta aeroporti: il gioco vale la candela?Segue da pag. 1

  • me nel corso negli anni, avremmo unanostra teoria sul perch le misure con-tinuano a venir adottate con questemodalit. Supponiamo per un mo-mento che la minaccia anzich esserediretta allaviazione commerciale, laquale come noto stata scaricatadai governi, avesse preso di mira unmezzo di trasporto interamente con-trollato e gestito dalla mano pubblica,quale in molti paesi il settore ferro-viario. In tale ipotesi il costo delle mi-sure di sicurezza sarebbe ricaduto in-teramente sullo Stato, salvo gravare ilbiglietto ferroviario di una modesta feeche chiaramente non avrebbe affattocoperto i costi. Ebbene in un tale sce-nario credete davvero che gli Statiavrebbero mantenuto in essere per an-ni un cos dispendioso sistema di sicu-rezza, con spese a loro completo cari-co? La risposta un nostro personale

    parere- del tutto negativa. Ci che vo-gliamo dire che se oggi negli aero-porti, a quasi 10 anni di distanza dagliattentati del 9/11, ancora sono in vi-gore misure cos gravemente lesive delnormale scorrimento delle operazioniaeroportuali solo perch tutto il gra-vame economico di esse viene assorbi-to in stragrande misura da gestori ae-roportuali, da compagnie aeree e daipasseggeri. La nostra considerazione si basa sul fat-to che lindustria del trasporto aereocommerciale lunica al mondo a farsicarico delle pi assurde tasse, da quel-la sulla povert a quella sul rumore, epertanto non ci meraviglia affatto cheanche la security e tutti i costi che essacomporta abbiano trovato un fertile eduraturo terreno di attuazione.

    Antonio Bordoni

    T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L 11

    Nella foto una parte del gruppo di Interliners che ha partecipato al viaggio or-ganizzato nel mese di marzo dall'Interline International Club in collabora-zione con l'Uzbekistan Airlines.

    INTERLINERS IN UZBEKISTAN

    Perch non considerareeventi di interesse turi-stico anche tutte quellemanifestazioni, sagre, festeche i piccoli e i piccolissimipaesi del Lazio organizzanotutto lanno? Questa statalidea che ha spinto lAsses-sorato al Turismo della Re-gione Lazio ad affidare al-lAgenzia Regionale di Pro-mozione Turistica di Romae del Lazio una campagnapubblicitaria che valorizzas-se lenorme quantit di ap-puntamenti legati alla sto-ria e alla tradizione nel terri-torio laziale. C un vero eproprio patrimonio in termini di culturadietro alla miriade di manifestazioni che sisvolgono nei centri pi o meno famosi del-la nostra regione-ha detto ClaudioMancini, Assessore al Turismo-e canche un grosso potenziale turistico: spes-so tante iniziative restano a carattere loca-le soltanto perch i piccoli centri hanno ri-sorse limitate e non possono investire incomunicazione. Cercare di sfruttare il loropotere attrattivo facendole conoscere anchealle citt pi grandi ci sembra un modo disupportare il turismo, oltre che le piccoleeconomie. Effettivamente, quando siparla di sviluppo turistico del territo-rio, magari scomodando grandi con-cetti o avventurandosi in progetti ma-croscopici, si potrebbe semplicementeguardare quello che gi c, ed avviaresemplicemente una buona campagna

    di marketing. Sono infattimoltissime le iniziative chei piccoli paesi (in tutta lIta-lia, per la verit) mettono inatto, magari con pochissimifondi ma con grandi risul-tati. Potrebbero costituireun tipo di offerta estrema-mente interessante sia peril mercato italiano che perquello estero e contribuirealla conoscenza di circuitituristici poco conosciuti.La campagna cominciatalanno scorso- ha sottoli-neato Federica Alatri, Pre-sidente di Atlazio-con lo-biettivo di rendere queste ma-

    nifestazioni degli appuntamenti fissi e ri-conoscibili per chi si muove nel Lazio. Imesi di aprile e maggio sono, in partico-lare, ricchissimi di eventi legati alla fedee alla tradizione popolare, che ci restitui-scono notizie affascinanti sullidentit deiborghi laziali. La campagna prevedevideo in animazione grafica allinter-no delle stazioni della metropolitanadi Roma, 5.000 manifesti diffusi neivari paesi della regione, spazi pubbli-citari sulla stampa di settore, la pub-blicazione bimestrale di folder con uncalendario di eventi, distribuiti in ab-binamento ad alcuni importanti quo-tidiani. Il sito www.laziofeste.it inve-ce aggiornato in tempo reale e forni-sce anche indirizzi e numeri telefoni-ci utili.

    Cecilia Emiliozzi

    Tutto il Lazio paeseAl via una nuova campagna di promozione turistica dedicata ai piccoli centri del Lazio

    Claudio Mancini

    Federica Alatri

  • 12 T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L

    La Tuscia viterbese, situata nellaparte nord del Lazio, un vastoterritorio che confina con la To-scana e con lUmbria e sicuramente lesue bellezze non hanno nulla da invi-diare alle due regioni cos vicine e, percerti versi, cos simili. La Tuscia, per, a differenza degli altridue territori, che sono conosciuti e vi-sitati ogni anno da milioni di turistiprovenienti da ogni parte del mondo,ha iniziato da poco tempo a promuo-vere le sue bellezze (che sono vera-mente molteplici) e i suoi prodotti eno-gastronomici (tutti di prima qualit). Una nuova e saggia politica, questa,che si prefigge di favorire larrivo di tu-risti sia europei sia italiani. Turisti chepossono diventare unimportante ri-sorsa economica per tutti quei comuni piccoli e medi che devono sapersfruttare quanto di importante e unicopossiedono nei loro territori.E in questa splendida provincia lazia-le sono molte le vestigia e le testi-monianze di una storia mille-naria, che la rendono parti-colarmente preziosa e in-comparabile, ad iniziaredalle necropoli degli an-tichi etruschi per prose-guire con la via Franci-gena, forse la strada piimportante dellalto me-dioevo perch era percor-sa dai pellegrini che dallaFrancia si recavano a Romaa vedere il Papa seguendo iltracciato della strada consolareCassia.Roma, che assieme alla Terra Santa e aSantiago de Compostela, era meta diun pellegrinaggio religioso, ancoraoggi un traguardo da raggiungere daviandanti che ripercorrono con lo stes-so animo questa via piena di significa-ti spirituali, sostando proprio nei luo-ghi di culto che nella Tuscia sono statiimportanti tappe prima del raggiungi-mento della citt eterna. Ma la Tuscia,cosa ancora pi apprezzabile da chi hala possibilit di visitarla, conserva tra-dizioni radicate saldamente nella suapopolazione che le rievoca attraversoeventi che si effettuano in vari perio-di dellanno - nei quali si mischiano ilsacro con il profano, la superstizionecon la religione.I suoi territori, che nel passato sono ap-partenuti in modo alternato sia allo Sta-to Pontificio che a nobili casati, quali iFarnese, gli Orsini, i Monaldeschi e iBaglioni, sono ancora oggi un museo acielo aperto per i numerosi castelli, lechiese romaniche, i palazzi nobiliari,gli eremi e i conventi che dominanodallalto antichi borghi medievale, an-cora perfettamente conservati. Le bellezze delle costruzioni sono pra-ticamente complementari a quelle na-turali, paesaggistiche, archeologiche,folcloristiche e gastronomiche. LAltoLazio, per chi non lo conosce, il regnodelle antiche - e ancora misteriose - po-polazioni etrusche, dei paesaggi costi-tuiti da dolci colline, delle fertili pia-nure verdi e dei paesi arroccati sulle al-ture i cui centri urbani sono una conti-nua, piacevole scoperta.

    Recuperare il tempo perdutoLa Tuscia si sta finalmente svegliandodal lungo letargo e sta cercando di re-cuperare il tempo perduto attraversouna politica di marketing mirata che sirivolge a coloro i quali sono alla ricer-ca di percorsi al di fuori di un turismostandardizzato che possa soddisfare gli

    occhi, la menteei piaceri del-

    la buona tavola. I 26 Comuni, tutti

    compresi nellAltaTuscia viterbese, si

    propongono, quindi, siadi valorizzare lidentit dei luoghi

    e delle tradizioni richiamando nei ter-ritori quei turisti che amano i sapori le-gati ad unantica usanza, sia di offrirenuove forme di turismo alternativo quali trekking, percorsi in bicicletta, acavallo o vacanze in moto. Una diver-sificazione oggi pi che mai necessariaper conquistare differenti fasce di eted esigenze specifiche. Si potrebbe definire quasi un turismoche spazia dalla Via del Gusto ad unaipotetica Via della Storia e della Cul-tura in un percorso a ritroso nel tem-po. Ma i 26 Comuni invitano s alla sco-perta di splendide e mistiche chiese ro-maniche, di tombe etrusche, di castel-li e di borghi dal fascino unico, di vinie di cibi genuini e sicuri, ma anche a vi-sitare alcune riserve naturali protette,come quella di Monte Rufeno, situatanel territorio del comune di Acqua-pendente.Istituita nel 1983, allinterno della ri-serva possibile ammirare alberi di-ventati quasi rari come lolmo e lon-tano oppure osservare animali come lavolpe, i cinghiali, i daini, le martore, itassi e le numerose specie di uccelli(gufi, civette, assioli ecc) che in que-sti 3.000 ettari di area protetta hannotrovato il giusto habitat. La Riserva, allavanguardia rispetto adaltre, dotata di percorsi per disabili eper non vedenti e grazie ai numerosisentieri si possono effettuare interes-santi trekking guidati o piacevoli pas-seggiate a piedi, in mountain bike o acavallo..

    Il buon vino D.O.C. , lolioD.O.P, le lenticchie. notorio che il Lazio una regione do-ve la vite trova una collocazione idea-le grazie ad una clima favorevole e aterreni argillosi e vulcanici particolar-mente fertili. La Tuscia, soprattutto nella zona checosteggia il lago di Bolsena (quinto la-go italiano e pi grande lago vulcani-

    co dEuropa), una terra ricca di vi-gneti e di uliveti che producono vinifamosi come lEst Est Est, lAleatico etanti ottimi rossi, oppure di oli pregia-ti come quelli di Canino, piccolo co-mune che annovera fra i suoi prodottitipici anche gli asparagi. Ma ci sono an-che i legumi in primis le lenticchie diOnano di antica tradizione e i ceci diValentano, le patate, il grano, i salumi,la porchetta (pi speziata di quella diAriccia) oltre al buon coregone, sa-porito pesce di lago. La zona ricca ditanti prodotti tipici che offrono locca-sione per un turismo allinsegna del-lenogastronomia di alta qualit.

    I Comuni che si muovonoNel 2002 si costituita lAssociazioneStrada del Vino della Teverina, unconsorzio di cui fanno parte 7 comuni:Celleno, Graffignano, Bomarzo, Lu-briano, Bagnoregio, Castiglione in Te-verina e Civitella dAgliano, nato conlo scopo di far conoscere sia i loro pro-dotti deccellenza, ma anche i territoridi produzione locale, che possono fa-re da traino per un turismo accorto erispettoso delle tradizioni e dellam-biente. Le amministrazioni dei 26 co-muni, grazie alle sovvenzioni della Co-munit Europea e della Regione Lazio,hanno intrapreso un percorso contras-segnato dallunit dando vita al cosid-detto fare sistema, auspicabile in ognisettore in quanto tante piccole entitpossono fare una grossa entit, piricca di forza, di risorse e di idee. A tal proposito, il GAL Etruschi, Grup-po di Azione Locale, ha affidato alla so-ciet SL&A di Roma lorganizzazionedi un tour per giornalisti italiani per fartoccare loro con mano il prodotto Al-ta Tuscia. Un interessante press tourideato per far conoscere le aziende lo-cali, i prodotti tipici, le strutture dac-coglienza, le bellezze locali e la popo-lazione nella sua quotidianit.Nelle varie conferenze di presentazio-ne dei progetti promossi dai ComunidellAlta Tuscia Viterbese, i sindaci egli assessori hanno tutti evidenziato glisforzi congiunti e le aspettative di que-sti propositi, che si possono riassume-re con le parole di Paolo Equitani, Sin-daco di Bolsena

    Il nostro territorio fino ad ora stato fuo-ri dai circuiti turistici. Il nostro un luo-go lacuale e delicato e sicuramente non vo-gliamo un turismo di massa ma un turi-smo culturalmente interessato a ci che pos-siamo offrire: storia, cultura, prodotti tipi-ci e contatto con la natura. Speriamo cheil progetto riesca nei suoi intenti. Lesigenzache abbiamo sentito quella di dare svi-luppo ad un prodotto rilevante per leco-nomia locale. Il progetto ha un significatoben preciso: abbiamo un prodotto di qua-lit che pu far conoscere le caratterizza-zioni del territorio. Ci sono Regioni chehanno avuto uno sviluppo prima di noi, laToscana e lUmbria, ma anche noi abbiamostrutture di primordine che per qualit equantit possono soddisfare qualsiasi esi-genza. Il nostro un territorio molto ama-to dagli abitanti del Nord Europa, con iquali abbiamo un legame affettivo. Tede-schi, olandesi, inglesi, belgi e austriaci fre-quentano da anni queste localit, soprat-tutto i primi sono molto affezionati al no-stro lago. Dobbiamo dire che gli stranierici conoscono molto pi degli italiani e dob-biamo operare affinch anche questi ultimifrequentino i nostri Comuni. Abbiamo bi-sogno di presenze ma non di grandi numeriperch vogliamo continuare a proteggerelambiente cos come la nostra identit, cheriteniamo sia un valore aggiunto. In effetti la ricettivit, tranne a Bolse-na, che dispone di alberghi anche di ca-tegoria 4 stelle, costituita prevalente-mente da agriturismi (e sono circa il60/70% degli agriturismi presenti nelLazio) e dai Bed & Breakfast. Struttu-re che, per ci che ci stato dato di pro-vare, soddisfano appieno anche le ne-cessit dei turisti pi esigenti. Il progetto c, lentusiasmo pure, au-guriamoci che le speranze riposte inquesti programmi di riscatto turisti-co-enogastronomico abbiano il giustoriconoscimento da parte di quanti vo-gliono trascorrere brevi o lunghe va-canze allinsegna di un turismo appa-gante in ogni senso.

    Un esempio di itinerarionon completo madi assaggio

    CASTIGLIONE IN TEVERINA Castiglione in Teverina, cittadina del-la provincia di Viterbo, sorge su unacollina che si affaccia sulla valle del Te-vere, ai confini tra Lazio ed Umbria. Ilsuo territorio stato abitato da Villa-noviani ed Etruschi. Lattuale abitato sorto intorno allAnno Mille attorno aduna Rocca e nel 1351 vi furono trasfe-riti gli abitanti della distrutta Paterno.Testimonianze dell'antica presenzaetrusca (tra cui molte necropoli e le viecave) sono presenti nei dintorni delpaese (il comprensorio della Valle deiCalanchi), proposti per la realizza-zione di un Parco Protetto, mentre delperiodo medievale sono il borgo e laRocca Monaldeschi (XII sec.), da cui possibile ammirare un suggestivo pae-saggio di valli, campagne e colline. Ol-tre alle diverse chiese, degno di inte-resse lantico Crocefisso in legno(XVI secolo), principale elemento diculto per il paese su cui incentrata,ogni anno, una manifestazione per ce-lebrarne la grandezza. Leconomia agricola, basata essenzial-mente sui vigneti, testimoniata dallagrande importanza data alla festa delvino nel periodo estivo e dalla presen-za del Museo del Vino.

    CIVITA DI BAGNOREGIO La Valle dei Calanchi caratterizzatada argille sedimentarie accumulatesi

    Lazio: Alta Tuscia Un percorso fra le testimonianze degli antichi etruschi, dei pellegrini sulla via francigena, dei castelli e delle chiese medievali, alla ricerca dei buoni sapori di una volta.

  • T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L 13

    sul fondo del mare che era presente fi-no a circa 680.000 anni fa e che pro-sciugandosi in seguito al sollevamen-to del suolo, ha lasciato dietro di s unaterra caratterizzata da unintensa atti-vit vulcanica ed dominata da Civi-ta di Bagnoregio.La Valle presenta un territorio dalla fi-sionomia mutevole, in una alternanzadi paesaggi dolci ed aspri che arrivanoin crinali argillosi esposti allerosione,e Civita di Bagnoregio, senza dubbio il borgo pi rappresentativo della Val-le, esempio di meraviglia unico nel suogenere: unita alla terra ferma solo daun lungo e stretto ponte, la "Citt chemuore", ormai da tempo cos chiama-ta a causa dei lenti franamenti delle pa-reti di tufo, racchiudecase medioevali ed unapopolazione di pochis-sime famiglie. Civita ogni anno meta di nu-merosi turisti ed sta-ta diverse volte utiliz-zata come set cinema-tografico. All'internodel borgo ci sono variecase medievali, la chie-sa di San Donato, ilPalazzo Vescovile, unmulino del '500, la ca-sa natale di San Bona-ventura e la porta diSanta Maria.

    BOLSENABolsena ha un centrostorico che si snoda invicoli e stradine, ed dominato dal CastelloMonaldeschi dal qua-le possibile godere diun bel panorama sulLago e sulla citt. Lacitt conosciuta per laleggenda legata a San-ta Cristina - la santa eramiracolosamente rie-mersa dal lago dove ilpadre laveva gettata -e per il miracolo dello-stia sanguinante avvenuto nella chie-sa proprio dedicata alla santa la Basi-lica di Santa Cristina. Il Castello ospi-ta il Museo Territoriale che conservaimportanti reperti etruschi e romani. Ilcaratteristico quartiere medievale, checostituisce il primo nucleo abitato del-lattuale Bolsena, venne edificato nelVI sec. d.C. a causa delle numerose in-cursioni dei Longobardi, che costrin-sero la popolazione a ripararsi in que-sta piccola rupe. Bolsena porta inoltretestimonianze del suo passato remotograzie ai numerosi e significativi restimonumentali. Oltre a numerosi scaviarcheologici di origine etrusca, si con-serva anche limponente cinta murariaEtrusco-romano dellantica Volsinii,notevole per la sua lunghezza, infatticopre ben 4 km.

    MONTEFIASCONEMontefiascone, nel centro dellEtruria,ha un inconfondibile profilo disegna-to dal centro storico da cui si ergono lafavolosa cupola di Santa Margherita ela Rocca dei Papi. La Rocca sovrastalintero abitato ed circondata da for-tificazione romane e pre-romane, nelcorso dei secoli venne pi volte ri-strutturata e abbellita non solo da Ur-bano V ma anche dai successivi Papi,che, la scelsero come meta di villeg-giatura. A fianco della prestigiosa Roc-ca dei Papi fu edificata nel 1493 la po-derosa chiesa di Santa Margherita fa-mosa per la sua immensa cupola, fra le

    pi grandi dItalia. Tra le altre chiesedi Montefiascone meritano quella diSantAndrea riedificata nel XI secolo equella progettata da Sangallo il giova-ne a met del cinquecento, la chiesacampestre di Santa Maria.Notevole nel centro storico il palazzoComunale sormontato da un impo-nente campanile, il pozzo di UrbanoV e la casa in cui visse labate letteratoGiovan Battista Casti intorno al 1750.

    CAPODIMONTE E LE ISOLE MARTANA E BISENTINACapodimonte dominato dal Castel-lo Farnese, e da questo grazioso paesepartono battelli per lisola Bisentina,fitta di una ricca vegetazione che spa-

    zia da fitti boschi dileccio a curatissimigiardini allitaliana,ma anche monumen-ti come il PalazzoFarnese, la Chiesa diSan Giacomo, e lecappelle disposte invari punti dellisola.E situato su un pro-montorio nella partemeridionale del lagodi Bolsena, dove inet etrusca sorgevalantica Bisenzio; de-ve la sua peculiaritalla sua caratteristicaforma peninsulare,Capodimonte, hauna sola entrata, co-me si usava nel me-dioevo, in quanto circondata e abbrac-ciata per tutta larearimanente dalle ac-que dello splendidolago che la ospita for-mando cosi, una pe-nisola.

    INTORNO AL LAGODI BOLSENA.Grotte di Castro, sor-ge su una rupe tufa-

    cea dei Monti Volsini, sul lato nord oc-cidentale del lago di Bolsena. Fu fon-data nell'Alto Medioevo dagli abitantiscampati alla distruzione della vicinaCivita, alla ricerca di un luogo sicuro edifendibile. Sono presenti sul suo ter-ritorio necropoli Etrusche del VII se-colo a.C. Paese ad economia agricola,ha affiancato alle coltivazioni tradizio-nali di vite, ulivo e frumento, la pata-ta, che ha reso famoso il territorio. Le origini di Grotte di Castro risalgo-no al periodo etrusco, ne sono testi-monianza le numerose necropoli dis-seminate nel suo territorio e la molti-tudine di reperti che ancora oggi riap-paiono alla luce. San Lorenzo Nuovo: questo paese of-fre uno dei pi splendidi paesaggi sul-le sponde del lago; inoltre gode di unclima salubre, caratteristica ben nota intutta la zona. Le prime informazionipervenuteci su questo suggestivo abi-tato risalgono al 770 a.C. quando gliEtruschi popolarono questa zona, chia-mando lodierna San Lorenzo, "San Lo-renzo alle Grotte" proprio perch cir-condato da miriadi di grotte. San Lo-renzo Nuovo ebbe sempre un impor-tante rilevanza strategica dovuta al pas-saggio della Cassia ed infatti fu permolti anni un motivo di disputa fra lachiesa e i signorotti locali.A San Lorenzo Nuovo troviamo laChiesa Collegiata di San LorenzoMartire: risalente al XVII secolo ca-ratterizzata al suo esterno da una fac-

    ciata semplice e lineare sotto opera diNavone, e che, fece incastonare sul por-tone principale lo stemma di Pio IV euna lapide in cui viene ricordato la de-portazione del pontefice da parte deifrancesi, ma al suo interno che la chie-sa conserva le sue pi belle e suggesti-ve opere anche precedenti alla costru-zione della chiesa e che prima eranocustodite nellantica chiesa del lago.Gradoli, citt famosa per i suoi vigne-ti (vi si produce laleatico), ma ancheper il centro storico medioevale domi-nato dal Palazzo Farnese eretto nel XIVsec. Il palazzo ospita il Museo del Co-stume Farnesiano. La cittadina affascina i visitatori per lesue stradine e per le sue costruzioni ti-picamente medievali. Altra importan-tissima testimonianza artistica la chie-sa della Maddalena al cospetto di unafontana a fuso, venne edificata in for-me barocche con un suggestivo cam-panile per dalle forme settecentesche,che al suo sfarzoso interno custodisceuna fonte battesimale marmorea di ori-gine rinascimentale e un affresco stac-cato raffigurante la Madonna col Bam-bino. Caratteristica peculiare di questasuggestiva chiesa risiede in un am-biente adiacente alla navata centraleadibita a piccolo museo darte sacradove possibile ammirare un ciclo diaffreschi di scuola manieristica raffi-guranti la Passione del Cristo ed inol-tre 15 tavolette del XVI secolo che raf-figurano i Misteri del Rosario ed unamostra di paramenti liturgici , suppel-lettili sacre, ex voto e candelabri.

    ACQUAPENDENTESito nellalta Tuscia, ai confini con laToscana e l'Umbria, il paese ebbe unruolo determinante nella storia per lasua posizione strategica, essendo at-

    traversato dalla via Cassia, (e dal trac-ciato della via Francigena), che gli per-mise di progredire notevolmente, manello stesso tempo lo rese molto vul-nerabile. Nel 964 Oddone I vi costruun castello che poi pass agli Svevi. Ilmedioevo fu alquanto acceso e tumul-tuoso poich, con la grande donazionedi Matilde di Canossa dei suoi posse-dimenti alla Chiesa, Acquapendentevenne assoggettata alla diocesi di Or-vieto. La citt fu conquistata da Fede-rico I Barbarossa, subendo un lungoperiodo di tirannia fin quando il po-polo, con l'aiuto delle armate pontifi-cie, non si liber dal giogo nel 1166. Fuuna data memorabile che ancora oggi,nel mese di maggio, viene rievocatacon la festa dei Pugnaloni.Sconvolta, nel periodo rinascimentale,dalle guerre tra i Farnese e gli esercitidei Papi Urbano VIII e Innocenzo X,nellottocento Acquapendente conosceuna ripresa economica e culturale chesi manifesta nel settore edilizio, so-prattutto dopo lannessione al regnodItalia. La citt ospita sia importantimonumenti di origine medievale, tra iquali si possono annoverare la CriptaS. Sepolcro, il Monastero S. Chiara, laTorre Julia De Jacopo e le Chiese di S.Giovanni, S. Francesco, Santa Vitto-ria e S. Agostino, sia di origine rina-scimentale (diversi palazzi e chiese).

    TORRE ALFINA Frazione di Acquapendente, si affacciasulla valle del Paglia e rientra tra i Bor-ghi pi Belli dItalia. Durante il me-dioevo rappresentava un baluardo in-vidiabile, infatti con la sua vista con-trollava i confini di tre regioni: Lazio,Toscana e Umbria. Quando Carlo Ma-gno scese verso Roma, nell'809, arrivda queste parti e un suo fratello diede

  • inizio alla famiglia dei Monaldeschi.Camminando attraverso i vicoli delpaese si scoprono angoli caratteristici,e nella piazza principale si erge la pit-toresca Chiesa di S. Maria Assunta, epoi, muretti, antiche case costruite coni materiali colorati provenienti dalle co-late laviche del vulcano e la forte at-trazione verso il castello, dal quale iluoghi appaiano meravigliosi anchegrazie agli immensi panorami.

    ONANO situato, come gli altri piccoli borghidella zona, su una rupe tufacea, moltovicino al confine con la provincia di Sie-na. Durante il medioevo sub diversevicissitudini legate al conflitto tra Guel-fi e Ghibellini, ed alla dispute tra si-gnori locali e Stato Pontificio. Dopo ildominio degli Sforza il piccolo borgopass nuovamente sotto il controllodella Chiesa e successivamente dei Du-chi di Onano. Tra i luoghi da visitare ricordiamo laChiesa di Santa Croce, una costruzio-ne moderna, edificata nel 1956, al cuiinterno sono custodite opere d'arte ri-conducibili al Ruffini e a Claudio Fer-ri. C poi il Palazzo Madama, unamaestosa ed imponente fortezza co-struita nella met del '300, situata alcentro del paese.

    PROCENOImmersa nel verde, si trova in una po-sizione che permette di avvistare ilMonte Amiata, il Monte Rufeno, il fiu-me Paglia e la campagna toscana. Il suoborgo medievale si trova in una zonaricca di reperti etruschi e di monumentiromani, medievali e rinascimentali, atestimonianza delle presenze di anti-che civilt.Secondo la leggenda Proceno fu fon-dato da Porsenna e, fin da allora, do-vette sempre fare i conti con gli inva-sori: il passaggio della Via Cassia fa-voriva non solo gli scambi culturali maanche le prepotenze dei pi forti. Per-

    la della citt il Castello di Proceno,fortezza medievale del XII sec. sorta suuna collina a guardia e protezione del-l'antico borgo e delle vallate sottostan-ti, luoghi di confine e di cruente batta-glie, un raro esempio di fortificazio-ne medievale le cui strutture sono nelsuo stato originario. La pianta, di forma pentagonale, in-clude una torre maggiore e due tor-rette secondarie collegate tra loro dacammini di ronda e da un ponte leva-toio. Il complesso include un Fortinocollegato al castello da una parte del-la cinta muraria del borgo. Allinter-no del Castello c la sede dellAsso-ciazione Culturale Ing. Carlo Cec-chini (la famiglia Cecchini Bisoni proprietaria del castello da circa 300anni), che promuove studi di etrusco-logia e antichit italiche oltre a even-ti musicali e culturali.

    VULCIIl parco archeologico di Vulci natura,archeologia, tradizioni e cultura, ed stato istituito nell'area occupata nel-lantichit dalla grande citt etrusca. Lestrutture visibili risalgono soprattuttoal periodo romano, ma non mancanointeressanti testimonianze della fase

    etrusca, come la cinta muraria, costruitacon blocchi regolari di tufo provvistadi almeno cinque porte. ll'interno delParco sono comprese le grandi necro-poli che occupavano l'area a nord del-la citt. Nella Necropoli dell'Osteria, sipu visitare la Tomba dei Soffitti Inta-gliati, monumentale sepolcro del VIIsecolo a.C. articolato in cinque came-re. Nell'ambiente centrale si conservala raffinata decorazione ad altorilievoche riproduce le travi lignee del soffit-to di un'abitazione. Altre tombe inte-ressanti e da non perdere, la Tomba diFrancois, fra le pi famose della civiltetrusca e la Cuccumella, imponente tu-mulo funerario.

    CANINO Nell'immediato entroterra rispetto al-la costa tirrenica, nella Maremma la-ziale, a due passi da Vulci e dalla di-strutta citt di Castro. e dolci colline in-torno a Canino si spingono fino a lam-bire la Selva del Lamone e le sue cam-pagne sono molto frequentemente col-tivate a vite e olivo, oltre che famoseper la ricchezza di cacciagione e diasparagi. Il celebre olio Canino extravergine di oliva ha ricevuto la DOPnel 1996. Qui visse e fu sepolto insie-

    me alla famiglia, presso la chiesa Col-legiata di Canino, Luciano Bonapartefratello di Napoleone, principe di Ca-nino e Musignano. Inoltre Canino fu laresidenza della famiglia Farnese, e pro-prio qui nacque il 28 febbraio del 1468Alessandro Farnese, in seguito diven-tato Papa Paolo III.

    TUSCANIATuscania, tra le pi belle e suggestivecitt della Tuscia, circondata da unpaesaggio vario per le infinite pro-spettive che offre e per la densa e ric-chissima tavolozza di colori, che van-no dai caldi violacei e sanguigni dellerocce ai verdi pi vari e preziosi dellavegetazione. Questo paesaggio parte viva e spiri-tuale della nobilt di questa citt. Quifior la misteriosa Tusena, antichissimocentro etrusco; qui restano documentidi vita perenne e di arte dal VII secoloa.C. ai nostri tempi. Ipogei a camere va-stissime, tumuli e cunicoli, sono spar-si ovunque nella campagna circostan-te: un importante rinvenimento pres-so la tomba della Regina, ha portato al-la luce numerosi, interessantissimi e beisarcofagi di fase post-ellenistica dellafamiglia CURUNAS. A Tuscania ci so-no le pi importanti chiese romanichefra le quali spiccano per bellezza la Ba-silica di S. Pietro e la stupenda S. Ma-ria Maggiore, set di film che avevanobisogno di una location particolar-mente bella e suggestiva. Tuscania, do-po la fase etrusca, visse come fiorentemunicipio romano: lo dimostrano i ru-deri dell'acquedotto e delle terme. Mail volto battagliero e severo della citt,si rivela nei suoi monumenti medievaliai quali la patina del tempo ha un po-co smorzato la tinta sanguigna del tufolocale. Essi sono una testimonianza ori-ginalissima della fede religiosa, del-l'arte e della fierezza dei padri. E lAlta Tuscia non finisce qui!

    Liliana Comand

    parte seconda della Costituzione, in par-ticolare dellarticolo 117, stata sotto-scritta da 55 deputati rappresentativi diogni gruppo parlamentare. Tale propo-sta di legge largamente condivisa, po-ne laccento anche su un rinnovato pat-to tra lo Stato, le regioni, lassociazioni-smo e le imprese. In occasione della con-ferenza stampa, sono state evidenziatecriticit e concause che hanno determi-nato, per lindustria italiana del turismo,la perdita di competitivit sui mercatiglobali. Eppure il comparto del turismoconcorre oggi al prodotto interno lordocon apporto di oltre il 10%, una per-centuale che sale ulteriormente valu-tando leconomia dellindotto. Esso in-fatti coinvolge circa 270.000 imprese,dando lavoro ad oltre 2,3 milioni di per-sone, il 10% circa delloccupazione to-tale. E mentre i nostri diretti competitoreuropei si sono aperti a nuove forme ea nuovi modelli di specializzazione del-la fruizione turistica, lItalia stenta a rea-gire e a varare misure anticrisi. LOs-servatorio Parlamentare per il Turismosottolinea che la titolarit delle politichein materia di promozione e di sostegnodel turismo si frammentata tra le re-gioni, lasciando allo Stato solo marginilimitati e residuali di intervento, conti-

    nuamente esposti al contenzioso costi-tuzionale. Proposta impervia e difficile,da inserire in un contesto pi ampio haesordito lon.Pierluigi Mantini, Presi-dente Osservatorio Parlamentare per ilTurismo. La revisione del titolo V ha lo-biettivo di superare lattuale empasseistituzionale, che vede le politiche del tu-rismo affidate alla sommatoria, alla sovrap-posizione o alla concorrenza delle iniziativeadottate da ciascun territorio senza alcunefficace coordinamento nazionale e con evi-dente dispersione di competenze tra enti,parcellizzazione delle scarse risorse e molti-plicazione dei centri di spesa, che produco-no disfunsioni e confusioni, impedendo po-litiche nazionali efficienti. Si delinea dun-que una ricomposizione a livello stata-le delle funzioni di indirizzo e coordi-namento delle politiche nazionali delturismo e soprattutto lesigenza di con-centrare limpegno nazionale sul mi-glioramento dellofferta. Argomento ri-preso ed evidenziato dallon. Gabriel-la Carlucci, Vice Presidente Vicario Os-servatorio Parlamentare per il Turismo:Questa stata una nostra battaglia di tan-ti anni, sin da quando la crisi non era an-cora cos grave. Abbiamo sempre creduto nelturismo come settore trainante per lanostra economia. Tuttavia dobbiamo am-mettere che siamo carenti in alcuni aspettidella comunicazione e della promozione. Lof-

    ferta culturale deve andare dipari passo con lofferta turi-stica in generale: per questooccorre una politica naziona-le, cos come una politica di e-ticketing, un restyling di fun-zionalit per il portale del tu-rismo. Occorre incentivare lapolitica del low-cost pensandoin modo lungimirante allof-ferta per i giovani turisti che vogliono visi-tare lItalia. Siamo convinti dunque che que-sta riforma sia imprescindibile per la pro-mozione unitaria del prodotto turistico ita-liano sui mercati internazionali. Coordi-namento nazionale la parola chiave,il riferimento chiaro su quello che deveessere la politica turistica di un paese,una politica che possa evitare lo sper-pero, la frammentazione. La trasversa-lit delliniziativa suggerisce anche lim-portanza di interloquire con le ammi-nistrazioni locali. Claudio Bonetti, pre-sidente Assoturismo, ribadisce: La tra-versalit, lindotto nel turismo sono fonda-mentali, tanto quanto lo sforzo per raziona-lizzare le spese. Occorre aprire al pi prestoun tavolo di concertazione, rinnovare ilpatto tra istituzioni ed imprese. Nel settoredel turismo la situazione grave se pensia-mo che molti albergatori vogliono trasfor-mare le proprie strutture da ricettive a resi-denziali. Il turismo inoltre intersettoriale,

    c tutta una gamma diproblematicit che vanno af-frontate e gestite a livello na-zionale, continuando a valo-

    rizzare le competenze regionali. Sulla stes-sa lunghezza donda, Roberto Corbel-la, presidente Astoi, riflette sulla soffe-renza del settore turistico: Nei periodidi crisi le aziende sane ne approfittano perristrutturare, tagliare le spese. Anche lo Sta-to deve fare questo: non occorrono pi sol-di, occorrono soldi spesi bene. Siamo asso-lutamente daccordo con la proposta di leg-ge avanzata dallOsservatorio Parlamenta-re per il Turismo e cimpegneremo ad atti-vare la giusta cassa di risonanza. Il consen-so a questo provvedimento trasversale pro-prio come lo il turismo: il turista non haconfini, vuole andare ovunque, arricchire lapropria esperienza di viaggio. Tuttavia peril turismo abbiamo bisogno di norme sem-plici ed omogenee, essenziale un coor-dinamento centrale. Occorre un forte segnaledattenzione verso unindustria che altri-menti non si potr evolvere.

    Antonella Pino dAstore

    Una regia nazionale per le politiche del Turismo

    14 T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L

    Segue da pag. 1

    On. Pierluigi Mantini

  • T R A V E L L I N G I N T E R L I N E I N T E R N A T I O N A L 15

    lInterline International Club solo in Via Nazionale, 204 - 00184 Roma

    Tel 06/4871721 Fax 06/4871618E-mail: [email protected] [email protected]

    Invitiamo i nostri lettori a consultare il nostro sito

    www.interlinegroup.itaggiornato quotidianamente

    con le ultime offerte di viaggi

    CAMPAGNA ABBONAMENTI 2009Per ricevere la rivista di cultura e turismo Travelling Interline necessario presentare una lettera di appartenenza dellaziendapresso la quale si lavora, nella quale andr specificata la mansione svolta. La lettera dovr essere firmata da un responsabiledellazienda. La quota annuale rimarr di 39 anche per il 2009 (valida fino al 31/12/2009) e d diritto ad essere iscrittial nostro club e a partecipare alle attivit sociali.

    Facsimile scheda di iscrizione da spedire assieme alla lettera di appartenenza e alla quota annuale a Interline International Club, Via Nazionale, 204 - 00184 Roma. Preferibilmente, compilate un bollettino di

    c/c postale n 89133003 intestato a Interline International Club ricordandovi di inviarci tutti i vostri dati.

    Gli enti: ADV, compagnie aeree, ecc. possono richiedere la fattura.

    Cognome.......................................... Nome.............................................. Nato........................................................................ il ...............................

    Codice Fiscale ................. Domicilio Pr